Damo Suzuki
The Fire Of Heaven At The End Of Universe (Live At UFO Club)

()

Voto:

Essere degli outsider paga. Lo diceva anche Claudio Bisio a proposito di Filo Sganga, nessuno si ricorda chi cazzo sei e godi dei vantaggi dell'outsider. Di Damo Suzuki ci ricordiamo in pochi, ne sono certo. D'you remember Tago Mago dei Can? 1971 krautrock yes? Pensavo che a voi il 1971 psichedelicamente ricordasse solo Meddle dei Pink Floyd (sono stati tirati in ballo per recensioni ancor più pazzesche di questa lasciate lo faccia anch'io).

Ebbene, questo omino proveniente dal Sol Levante, dopo esser stato pescato per strada dai Can mentre molto probabilmente stava sdando con qualche performance allucinata, e aver registrato con loro 3 dischi (e una manciata di brani da un altro dischettino) di una bellezza inusitata, decide di sbattersene altamente il cazzo della musica. E dunque sparisce dai radar auricolari del mondo psichedelico. E acquisisce il vantaggio del poco famoso. Torna in punta di piedi nel mondo della musica alcuni anni dopo e da quel momento te lo puoi ritrovare ovunque. Damo Suzuki non è un cantante vero e proprio, è piuttosto un performer, una sorta di visionario delle parole (quali non si sa fondamentalmente), un improvvisatore tout court. Te lo puoi ritrovare sul palco in men che non si dica e prima di renderti conto di chi cazzo è ci metti un attimo. E' accaduto sul serio: gli Psychofagist (banda grindcoresperimentalizzatrice italica) mi hanno narrato che durante un loro concerto ad un certo punto sale questo ometto capelluto dagli occhi a mandorla sul palco con loro lasciandoli perplessi a chiedersi chi fosse, magari l'avevan già visto, ma chissà, e la tedesca che gli stava a fianco spiega al loro chitarrista che egli non è altri che Damo Suzuki dei Can. Bocca aperta e show devastante con il buon Damo a gridare come un forsennato nel microfono cosa lo sa solo lui. Dunque questo è il performer che vive in lui. La maggior parte dei dischi che fa uscire a suo nome sono lunghe lunghissime jam registrate dal vivo. Il dischetto che propongo qui non fa nessuna eccezione.

Il bello di questi esperimenti è il continuo cambio di compagni d'avventura, peculiarità che rende ogni uscita, e performance, un'esperienza differente dall'altra. il 5 marzo del 2006 Suzuki raggruppa all'UFO Club di Tokyo un pugno di psicopatici della psichedelia nipponica e decide di creare un marasma di acido tra le mura del localino. Scorrendo i nomi vi ritroverete davanti al secondo mastodonte di questa disperata/disparata squadra: Tatsuya Yoshida. Su questo siete preparati? Di certo i nippofili del sito (e pare che ultimamente siano parecchi sìsì) di certo sapranno di chi parlo. Gli altri? Probabilmente gli altri manco la stanno leggendo 'sta roba che scrivo, ma per questi tizi rendo noto che Yoshida è il percuotipelli impazzito del folle duo Ruins (e se proprio vogliamo anche degli Acid Mothers Temple). Tanta roba insomma. E tanta roba è quella che ci troviamo ad ascoltare. Le tracce sono lunghe, molto lunghe, le tracce sono acide, molto acide. E lo si capisce subito dall'incipit synthetizzato di "The Crystal Desert", che subito sfocia in slabbrate svisate noise e litanie vocali febbricitanti per poi organizzarsi in progressioni batteristiche che mostrano nervi scoperti in controtempi incolleriti, e i bellissimi riverberi volanti del violino di Yuji Katsui danno un tocco quasi mediorientale al tutto, accompagnando le parolenonparole del """"frontman"""", che più che giapponese sembra un impeccabile drogato inglese. Yoshida costruisce un groove spezzaossa sulla seguente "Moonlight Warrior", e si capisce subito che questa formazione ha due capitani, mentre Suzuki indossa vestigia beckiane/pattoniane/yamatsukaeyeiane (o forse sono loro ad aver assunto le sue a tempo debito?), e ripete a nastro frasi su frasi su frasi, tra loop vocali e urla belluine mentre il basso si invola di tanto in tanto in funkeggiate pregne di malessere. E nell'unico pezzo in cui il minutaggio viene demolito ampiamente, Another Dirty Weekend", si riescono anche a toccare vette di schizzi di punk inluridito da suoni fastidiosi e impreziosito da melodie di violino fino a rallentamenti bestiali con annesso groove micidiale salvo tornare a svisare in men che non si dica. Applausi, lo show è finito.

Da grande voglio fare anche io l'outsider. 

Questa DeRecensione di The Fire Of Heaven At The End Of Universe (Live At UFO Club) è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/damo-suzuki/the-fire-of-heaven-at-the-end-of-universe-live-at-ufo-club/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Diciotto)

imasoulman
Opera: | Recensione: |
outsider ok, ma perchè mai dovrebbero ricordarsi in pochi di Damo Suzuki? ogni vecchio babbione che si rispetti dovrebbe e pure qualche gggiovane. Sul disco, come spesso in questi casi, sto in dubbio, non vorrei si incrinasse un (perlappunto) bel ricordo
BËL (01)
BRÜ (00)

ilTrattoreRagno: eeh ti parlo da ggggiovane e siamo poooocherrimi a conoscerlo. dai un ascoltino te lo consiglio...
imasoulman: ti parlo da vecchio babbione, e siccome outsider-genio chiama outsider-genio beccati questo
YouTube video non trovato UBDdu67gtT0
imasoulman: i vecchi babbioni sono inetti con la tecnologggia YouTube video non trovato UBDdu67gtT0
ilTrattoreRagno: Mark Smith=tantarobba
macaco
Opera: | Recensione: |
Tutto molto fiKo! Tatsuya Yoshida fá veramente un sacco di collaborazioni.
BËL (00)
BRÜ (00)

ilTrattoreRagno: ed è anche un figodiddio
gate
gate Divèrs
Opera: | Recensione: |
Io ti voto, anche se tu non voti mai me...
BËL (00)
BRÜ (00)

ilTrattoreRagno: nevvero che sono un ritardato, ero sulla tua paginina dei Blut Aus Nord, commentai pure un commento (giochiniparolosi) mi piacque superpiù e non votai? cervello in culo. la verità è questa.
jdv666: ma i voti mica sono importanti ;) l importante é commentare e discutere!
seagullinthesky
Opera: | Recensione: |
Diopò se tutti gli outsider fossero come il buon Damo... Più "insider" di lui nel kraut se muore! : )
BËL (00)
BRÜ (00)

proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
Shalom. Qwesto lo cerco perchè Tagammmago è uno dei miei desert island albums:) che poi prima ti ho cliccato e ho visto che da febbraio hai scritto 83 rece. minchia, se vuoi una pausa, te la accordo io!:) Tiè intanto questo 5 privo di partigianeria e la garanzia che me lo sto cercando.
BËL (00)
BRÜ (00)

ilTrattoreRagno: il fatto che senza scrivere non so stare...racconti testi recensioni..sno malato...ahaha
proggen_ait94: Meglio questa che altre ossessioni poco ma sicuro...
proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
Comunque io sono uno di quelli che si è ascoltato i Can senza sapere il nome dei componenti, quindi riparo subito a sta mezza eresia...
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
Opera: | Recensione: |
io continuo a non saperli i nomi dei can. Credevo ( e credo ancora) che per farli contenti fosse sufficiente ascoltare monster movie e sbrodolare.
BËL (01)
BRÜ (00)

Workhorse
Opera: | Recensione: |
A me il kraut non è mai andato giù. Nel senso, non ci ho mai capito un accidente.
BËL (00)
BRÜ (00)

proggen_ait94: Bah io chiudo gli occhi e ascolto.
ilTrattoreRagno: qui niente kraut solo male.
matteodi.leonar
Opera: | Recensione: |
Ascoltati (e adorati) i dischi dei Can, non nascondo che mi sarei aspettato qualcosa in più dalla produzione posteriore del sig. Suzuki, per la quale non ho mai straveduto. Non è che io straveda per TUTTI i Giapponesi. Ma questo non lo conosco, la recensione è accattivante e desta interesse.
BËL (00)
BRÜ (00)

proggen_ait94: per me ti sei offeso perchè parto da questo e non da uno dei tuoi:P
ilTrattoreRagno: a volte col suo "Network" ha un po' pisciato fuori dal vaso in effetti. vorrei ascoltarmi l'ultimo live in Italia in compagnia di Xabier Iriondo
matteodi.leonar: Scusa Proggen, non ti ho capito; sono un po' tardo di comprendonio, a quest'ora.
proggen_ait94: niente niente era una monata...
proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
Ok.. la sensazione è la stessa di quando ho mangiato la pizza dopo che ci avevo spanto il succo d'arancia sopra.
BËL (00)
BRÜ (00)

proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
cccoddio era live a mezzago 6 giorni fa!
BËL (00)
BRÜ (00)

ilTrattoreRagno: 6 giorni fa non avevo nemmeno i soldi per il caffè...mannaggiaddio
chinaski033: Quindi qui Dio è amato e stimato? :)
ilTrattoreRagno: noi a dio ci vogliamo un bene del porchiddio
chinaski033: Io amo di più la vergine Maria, non so voi...Ecco questo probabilmente mi costerà il ban!
ilTrattoreRagno: visto che a dimostrare la propria eterosessualità si finisce sempre male?
Don_Pollo: Mezzago però è una città fantasma. Sicuramente era live al Bloom. Una volta sono andato a Mezzago a cercarlo e non l'ho trovato. Non son neanche sicuro che fossi a Mezzago.
proggen_ait94: guessed! si, manco io so dv cazzo sia, ma mi ha colpito che fosse così vicino in tempo-spazio:)
Kurtd
Opera: | Recensione: |
trattore se non esistessi bisognerebbe inventarti, con tutta la crisi!
BËL (00)
BRÜ (00)

ilTrattoreRagno: io sono pregno di crisi!!!comunque mi fai commmmmmuovere così!
Ali76
Opera: | Recensione: |
Aoh, ar negozio de moto 'sto mese damo Suzuki a prezzi da paura, er mese prossimo invece damo le Honda!
BËL (00)
BRÜ (00)

matteodi.leonar: Magari Toshiyuki Honda, grandissimo sassofonista di Fusion e Post-Bop; vivamente consigliato "Dream", del 1983, con Corea e Miroslav Vitous.
Ali76: Provvederò, anche se ora stò esplorando il fantastico mondo ECM: Kenny Wheeler, Jan Garbarek, Holland, Jarrett, Lookout Farm, Jewel in the Lotus ecc....Mamma mia che musica, che MUSICAAA!!!!
Nico63
Opera: | Recensione: |
Siamo tutti figli della crisi, magari anche mariti e padri della crisi. Che bella la linkata da Imasoulman!
BËL (00)
BRÜ (00)

TheJargonKing
Opera: | Recensione: |
Damo ... ch'è tardi.
BËL (00)
BRÜ (00)

psychopompe
psychopompe Divèrs
Opera: | Recensione: |
Urca, stavo giusto ascoltando la riedizione di Tago Mago appena acquistata. Due piccoli aneddoti: 1) Ho incontrato Damo 5 anni fa tipo quando suonò nelle Marche col suo Network (c'era anche un mio amico alla chitarra insieme a Xabier Iriondo), e la tipa teutonicissima e alta il doppio di lui è la moglie. Lui definirlo timido è eufemistico. 2) All'ufo club di Tokyo ci sono stato a vedere un patetico concerto di Mick Farren Ex Deviants, il posto è veramente microscopico, ma faceva bei concerti pissichedelici.
BËL (00)
BRÜ (00)

ilTrattoreRagno: ho visto le foto in rete dell'ufo club e pareva caruccio proprio perchè piccolino. in effetti mi è stato descritto anche dagli Psychofagist come molto timido, salvo poi urlare come un forsennato
proggen_ait94: :D di che avete parlato?:)
psychopompe: ci ho scambiato due battute due sulla serata e sul Giappone, ma era abbastanza agiatato dal fatto che gli parlassi nel mio giapponese da strada....
ilTrattoreRagno: peggio di lui mi dicono essere Buckethead, megaproblemi
proggen_ait94: madò, da clinica quello, mi sa
progg_nait94
Opera: | Recensione: |
ESTREMAMENTE evocativo! Cosa mi consigli di simile, strumentalmente? (tutto bellissimo, a parte un pò dress my girl (eccentuando la parte ""funk"")):D
BËL (00)
BRÜ (00)

ilTrattoreRagno: di simile? oh signore è difficile.....restando con Yoshida, pur non essendo per nulla la stessa roba, vai sui Ruins. oppure gli Acid Mothers Temple forse più "simili" a questo.
proggen_ait94: Si, non vocalmente, ha una voce interessante ma ogni tanto... cioè... zitti è meglio:)
jdv666
Opera: | Recensione: |
bravo, molto molto bella, hai destato il mio interesse... cmq lui é un grande e gli aneddoti che hai raccontato non fanno che aumentare la mia stima (per entrambi ;D)
BËL (00)
BRÜ (00)

ilTrattoreRagno: grande!!per questo devi prenderti un po' di tempo e pensare al fatto che Damo è bello che andato! ahah

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: