Dan Fogelberg
Home Free

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Già quasi sei sono gli anni passati da quando l'ottimo Dan ha lasciato questo mondo, sconfitto da un brutto male di cui si era purtroppo accorto quando ormai era progredito ad uno stadio incurabile. Aveva cominciato nel 1972, proprio con quest'album che alla maniera di Joni Mitchell (uno dei suoi punti di riferimento) lo vede pure ritrattista di se stesso, in un'espressione malinconica che caratterizzerà, e al limite renderà un tantino stucchevole, una consistente parte della sua musica.

Fogelberg, nato in Illinois, ebbe la fortuna di avere per compagno di università ad Urbana-Champaign un certo Irving Azoff, ancor oggi uno dei manager discografici americani di maggior successo (Eagles, Van Halen, Alter Bridge...), il quale in una delle sue prime iniziative di carriera lo spedì a Nashville, mettendolo nelle mani del rampante e ancora poco costoso produttore Norbert Putnam (un ex-bassista di Elvis Presley), finanziandogli questo debutto discografico.

Figlio di una pianista e di un capo banda, Daniel sin da ragazzo maneggiava chitarre, tastiere e canto con eguale perizia. E si sente... non sembra affatto che in azione vi sia un ventunenne all'esordio: voce matura e ben controllata, tocco vellutato sulle chitarre acustiche e al pianoforte. Putnam imposta gli arrangiamenti facendoli oscillare fra il country rock e il pop d'autore, rendendo entrambi gli stili secondo l'altissimo standard tecnico degli studi di Nashville, probabilmente i migliori al mondo ancor oggi.

La grande orchestra viene coinvolta su tre degli undici brani, a dare un tocco di magniloquenza alle composizioni più romantiche, la più riuscita delle quali sta in apertura e s'intitola "To The Morning" ed ha un insolito e disdicevole legame col nostro cialtronissimo paese: gli è infatti che la squisita melodia e il delicato pianismo di questa canzone colpirono favorevolmente certa Nicoletta Strambelli, abitualmente atteggiantesi a Patty Pravo (o piuttosto il suo produttore di allora, certo Gianni Nocenzi esimio pianista del Banco del Mutuo Soccorso? Ah, saperlo...).

Fu commissionato un testo in italiano alla paroliera Franca Evangelisti, e attribuendosi con nonchalance le musiche di "Pigramente Signora", la piccoletta plagiò la canzone davanti alla vasta platea del Festival di Sanremo 1987. Da brava arrogante e contando che la sua ignoranza fosse diffusa a tutto il paese, aveva a suo modo calcolato di poterla fare franca... invece qualcuno che conosceva la canzone si indignò. E denunciò: la Patty fu diffidata, accusata e sputtanata, dovette pagare i danni a Fogelberg e fu messa alla porta dalla sua casa discografica.

Detto della canzone di apertura, altri numeri notevoli sono l'arpeggiata "Stars", la rigogliosa "Hickory Grove", la romantica "Looking For A Lady". Di atteggiamento rock ce n'è assai poco in quest'opera d'esordio, giusto la conclusiva "The River", d'altronde fin troppo strascicata oltre i sette minuti. Ci penserà il cambio di produttore, da Putnam a Joe Walsh per il secondo album "Souvenirs", ad innestare un po' di benefico fuoco elettrico in parte delle sue composizioni. Fogelberg saprà in ogni caso svariare con sapienza nel proseguo della sua lunga carriera, arrivando a incidere lavori completamente dedicati al country ("High Country Snows", 1985), decisamente pop ("River of Souls", 1993), addirittura strumentali ("Twin Sons Of Different Mothers", 1978).

Il disco in questione, di tiepido successo all'epoca della sua uscita, nel corso degli anni ha beneficiato del traino costituito dalle più fortunate opere seguenti, arrivando col tempo a vendere oltre il milione di copie. In Italia è conosciuto da quattro gatti... magari diventano otto dopo questa recensione.

Questa DeRecensione di Home Free è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/dan-fogelberg/home-free/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sette)

Bubi
Opera: | Recensione: |
Non sapevo la storia della Pravo, del resto non è certo l'unica, potrei fare una lista lunghissima di plagi da parte dei nostri cantanti... non solo i nostri ma anche gli stimatissimi Led Zeppelin hanno dovuto pagare un vitalizio per il plagio di "whole lotta love" da "You Need Love" di Willie Dixon. Dan Fogelberg è stato un onesto cantautore di pop rock, a me piace "Part of the Plan" del disco Souvenirs. Gradevole anche se non mi pare straordinario.
BËL (00)
BRÜ (00)

jdv666
Opera: | Recensione: |
il disco non credo sia niente per me, molto interessante peró la storia del plagio; chissà poi quanti sono quelli che la fanno franca... ^^
BËL (00)
BRÜ (00)

Bubi
Opera: | Recensione: |
Ad es. anche Giorgio Gaber (molto stimato dai critici) ha copiato "La ballata del Cerutti" suo primo grande successo, da "Tom Dooley" canzone tradizionale americana, portata al successo (diversi milioni di copie vendute) da "The Kingston Trio". Ma ce ne sono decine, credo che in questo senso il campione sia Zucchero.
BËL (00)
BRÜ (00)

Bubi
Opera: | Recensione: |
non capisco perchè mi ha messo di nuovo il voto alla recensione.
BËL (00)
BRÜ (00)

omahaceleb
Opera: | Recensione: |
Questo disco è davvero poca cosa e me lo ricordo missato in modo criminale.tra l'altro. Musichine senza anima che il proprietario del negozio vicino casa mia cercava di vendermi a euro 18, 90. "Per me siamo sui livelli di Tim Hardin o giù di lì" disse il Vanno Marchi in questione. Ma io non mi fido.
BËL (00)
BRÜ (00)

Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera: | Recensione: |
Per € 18,90, ti faccio sentire io un missaggio come si deve. Roba sui livelli di Tim Hard In. Pensaci. Tra l'altro sono cambiato molto dall'ultima volta ci siamo visti. Ora sono riccio e spakko.
BËL (00)
BRÜ (00)

proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
M'ero dimenticato di votare
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: