Death From Above 1979
Outrage! Is Now

()

Voto:

Non mi è mai piaciuto andare al mare. E sono sempre stato uno che odia il campeggio.

Per cui figuratevi quanto dovevo essere innamorato quando, avevo appena vent'anni, dissi di sì a quella ragazzina coi capelli rossi. Lei voleva fare una settimana di campeggio al mare e io le avevo detto che andava bene, le avevo persino promesso che i miei mi avrebbero lasciato la macchina. Dovevo proprio essere innamorato. All'epoca ero in fissa con You're a Woman, I'm a Machine dei Death from Above 1979 e tutto mi sembrava più bello, più puro, più fiducioso. Va bene, non è che fossi innamorato. Anzi: quella lì guardava solo Law & Order, parlava solo di banalità del tipo "hanno detto che in maturità ci mettono un commissario esterno dello scientifico ooh aiuto", quando scriveva era di un ipotattico tanto abominevole quanto inconsapevole. Peggio di tutto: non sopportava le battute sui morti e aveva altre due mezze storie, perlopiù con uno zarro generico e un metallaro bipolare. Per cui immaginate che sederino doveva avere per imprimersi così facilmente nella mia mente di ventenne e penetrare così violentemente i miei pensieri post-adolescenziali più lussuriosi.

Qualche giorno dopo lei mi disse che non era più il caso di vederci. Il perché non l'ho mai capito, ma accettai la sua decisione. Non capii mai il perché per il semplice motivo che nemmeno negli sms si capiva un cazzo di quello che scriveva. Giuro. Comunque capii benissimo che non c'era un motivo, lei si era stufata di me e basta. Me ne feci subito una ragione e due settimane dopo ci stavo già provando con una morettina stupidina che avevo conosciuto in primavera. Passai le altre due settimane successive a schivare la lingua della sua amica cessa.

Anche per i dieci anni di silenzio tra You're a Woman, I'm a Machine (2004) e The Physical World (2014) non ci deve essere stato un vero motivo. Che poi The Physical World non era bello come il predecessore: era carino, ma senza quell'inventiva, senza quel casino che avevano reso glorioso l'ellepì d'esordio dei DfA1979 (e maestoso l'EP Heads Up). Per fortuna nel frattempo avevo trovato una fidanzata seria che mi consolava, e mi consola tuttora, ogni volta che incappo in uscite discografiche poco convincenti. In questi giorni è uscito Outrage! Is Now, terzo disco dei Death from Above. È un bel disco, l'accoppiata basso e batteria fa casino come si deve, il nostro duo tira fuori qualche bella canzone senza auto-citarsi troppo, la voglia di rimettere su il disco c'è. Statues e Holy Books pestano un sacco, Moonlight sono i Muse se i Muse fossero belli e non osceni, Freeze Me ha persino il pianoforte inutile all'inizio (ma che carini), Never Swim Alone ha una linea che mi ricorda l'underworld theme di Super Mario Bros. Certo, non è You're a Woman, I'm a Machine: quei momenti non torneranno mai. Come non tornerà mai la mia amica dal sederino di pesca. Ma la saggezza dell'età mi ha insegnato che lei non l'amavo mica, i Death from Above invece li amo davvero e li amo tuttora.

Una cosa che non ho mai capito però è questa: lo zarro e il metallaro bipolare erano molto più belli e ricchi di me, come mai allora si teneva nel suo parco-uccelli uno sfigato come me? Una parte di me ama pensare che la verità risieda nel titolo del primo album dei Death from Above. Ma più probabilmente era perché ero l'unico dei suoi boyfriends che riusciva contemporaneamente a utilizzare i congiuntivi e a non presentarsi agli appuntamenti ascoltando i Wolves in the Throne Room.

Questa DeRecensione di Outrage! Is Now è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/death-from-above-1979/outrage-is-now/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (Dodici)

algol
Opera: | Recensione: |
la ragazzina coi capelli rossi di Charlie Brown. ah, beccati un 5
BËL ( 02 )
BRÜ ( 00 )

odradek
Opera: | Recensione: |
Anche io mi piaceva "You're a Woman, I'm a Machine" che son passati 13 anni chi l'avrebbe detto, che passavano così, e che scaricavo un altro loro disco 13 anni dopo... Zippyshare.com - Death From Above 1979 - Outrage! Is Now (2017).rar

BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Galensorg
Opera: | Recensione: |
Il loro nome lo leggo da anni ma ammetto di non averli mai ascoltati. Mi hai invogliato ad ascoltare "You're A Woman, I'm A Machine" prima di tutto, poi gli altri.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Galensorg: Grazie carissimo! Ma l'avevo scaricato appena prima di scrivere il commento. :-D
Chainsaw: Ascolta prima You're a Woman, se ti piace dopo recuperi Head's Up che è pure meglio
musicanidi
Opera: | Recensione: |
Sul Deb servirebbe come il pane la femminista incazzosa che farebbe (i congiuntivi, cazzo, i congiuntivi!!!) il culo quadro a (belle) pagine come questa trasudanti bieco maschilismo retrogrado...loro mai ascoltati però #losegnocomunque
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

Chainsaw: Più che bieco maschilismo è un'ammissione di colpa, ma adesso vivrò nell'ansia di vedere femministe nel debasio
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Se si rammentano a lungo fatti propri in una recensione bisogna avere buoni motivi sociologici o risultare piuttosto divertenti. Direi che hai centrato entrambi gli obiettivi, pur a volte sembrando un pochino cinico. Un plauso. Loro li conosco poco, ma You're a Woman... era un bel pezzo. Giusto il rimando a Charlie Brown di Algol.
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

sotomayor
sotomayor Divèrs
Opera: | Recensione: |
Personalmente adoro queste storie. Io non lo so se parlerei di maschilismo in questo caso. Sicuramente c'è molto rancore. Che non è un sentimento positivo. Però - andiamo - chi non prova rancore per una ragazza che ci ha tradito, che ci ha mollato, che ci ha respinto, che non c'è manco voluta uscire con noi? Bob Dylan ha scritto una intera discografia su questo argomento. Non c'è nessuna persona più rancorosa al mondo di Bob Dylan. Eppure è allo stesso tempo il più grande scrittore di canzoni di tutti i tempi. Che cosa significa? Che per quanto sia un sentimento negativo, questo è anche carico di emozioni su dei livelli che altre manifestazioni del nostro animo non riescono ad arrivare. Anche perché il rancore può anche diventare lucido. Perché in fondo Chainsaw non è uno stronzo maschilista e chi lo conosce lo sa bene. Solo che, che cazzo, lui alla fine se ne fotteva del congiuntivo e di tutto il resto: gli piaceva il sederino di quella ragazza, ci voleva stare assieme, per lui era tutto quello che contava in quel momento. Era andato persino in un fottuto campeggio per starci assieme. Cazzo, chi di noi non ha fatto qualche cosa per una ragazza che andasse al di là delle nostre possibilità e poi magari non è andata bene. Non significa che la ragazza in questione sia una stronza, cazzate, nessuna persona degna di essere definita in qualche maniera 'umana' o 'razionale' lo pensa davvero, però ci può stare che Chainsaw ricordi quella volta e pensi semplicemente, 'Cazzo.' E io per questo mi fumerò una sigaretta in tuo onore proprio adesso fratello. Perché quello che tu hai scritto si chiama rock'n'roll e mi cospargo io il capo di cenere questa volta, invece di nes, perché non conosco l'opera che proponi, ma domani sicuramente la scaricherò e la ascolterò. Viva le donne comunque. Perché alla fine sono loro che poi ti fanno scrivere e provare tutte queste emozioni: questo non è maschilismo. Questa è passione.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Chainsaw: Ciao soto! Questa non è una pagina maschilista ma nemmeno triste o rancorosa. Semplicemente mi ero accorto che io e questa ragazza non avevamo nulla in comune sono quando avevamo smesso di vederci. E che quello che fino ad allora avevo scambiato per vero affetto era solo attrazione fisica. Insomma, un momento di crescita interiore, ecc ecc Che poi chi non è così (perlomeno) a vent'anni? (Che poi non è nemmeno una cosa brutta in sé provare solo attrazione fisica (in veneto: voja de distirarla) ma l'importante è non confondere le cose
Taurus
Opera: | Recensione: |
Sentiti nominare, mai ascoltati nemmeno questi. La recensione si difende.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Loro li ricordo bene allora ascoltavo molto Revival Post Punk dagli Interpol ( Turn on the bright lights) Rapture ( Echoes) e Liars ( album d'esordio). Bei chitarroni quasi Stoner Grunge e ritmo ballabile e pezzi che rendevano molto dal vivo. Recensione divertente e poi chi non è mai stato lasciato almeno una volta nella vita senza motivo augurandole le migliori cose.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

algol
Opera: | Recensione: |
e poi chi non ha avuto una ragazzina coi capelli rossi per cui si è persa la testa non corrisposti (che non ce l'ha data insomma). Io ad esempio sono stato appresso ad una tipa per un anno senza cavare un ragno dal buco (senza scopare).
Elena, se mi leggi ho un messaggio per te: vaffanculo stronza complessata !
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Chainsaw: Con quella di cui parlo nella recensione andò benissimo da questo punto di vista. Andò meno bene con (troppe) altre ragazze, ma non so se siano storie abbastanza divertenti od originali per scriverci su :(
algol: beh. Qua hai sapientemente unito la tua vicenda, sulla quale ogni uomo dovrebbe esser solidale, all'aspetto musicale. In maniera scanzonata, come sai fare. Insomma, il genere di cose che mi fa piacere trovare sul deb. Senza prenderti troppo sul serio come molti pseudo scrittori del cazzo che ultimamente impazzano in questi lidi.
IlConte
Opera: | Recensione: |
Penso di avertelo già detto, scrivi benissimo un piacere leggerti e qui potrebbe piacermi pure il disco
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
Ricordo una tizia che non ne volle più sapere di me dopo un mesetto di blaterare inutile..la motivazione fu:"non sei abbastanza carismatico"..avrei dovuto rispondere come Woody Allen: "e chi vorresti?! Hitler?!"..rece scritta benissimo..
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

Divodark
Opera: | Recensione: |
Mai ascoltati e attualmente nemmeno mi incuriosisce farlo ma, lasciatemelo dire, adoro queste recensioni con spaccati (rigorosamente emo) di vita giovanile passata.
Recensione da 5, per me.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: