Die Apokalyptischen Reiter
Have a Nice Trip

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Questo disco rappresenta un punto di svolta nella carriera dei "Die Apokalyptischen reiter"; se infatti già nel precedente "All you need is love" il gruppo aveva incominciato ad aprire il proprio sound death-sinfonico ad alcune contaminazioni è qui che si traccia il successivo percorso della band, che li porterà a un maggior uso del tedesco per il cantato e ad una proposta musicale sempre più melodica ed ibrida.

Seppur la componente death sia stata ridotta, anche a livello vocale con un maggior uso delle clean vocals, sono sempre presenti gli elementi tipici della loro musica quali l'alternanza tra momenti più tranquilli ad altri più tirati; rimane inoltre il continuo rincorso alla tastiera che con le sue trame crea un tappeto melodico su cui si innestano i vari pezzi, ma (e qui voglio rassicurari le frangie oltranziste di metallari che rabbrividiscono a parole come tastiera e melodia, soprattutto se legate al termine death/black) essa rimane sempre funzionale e perlopiù discreta, senza sfociare nell'ampolloso e nel cattivo gusto. Non mancano pezzi più canonici, ma non per questo meno godibili, vere e proprie cavalcate fatte di riff, screaming e doppia cassa, quali l'opener o "Ride on". Ma l'ecletticità della band viene fuori in pezzi quali "Terra Nola", canzone piena di pathos e innesti epici; "Baila conmigo" cantata in spagnolo e descrivibile come un incrocio tra una ballad e un tango condito con ampie dosi di chitarra elettrica; "Du kleiner wicht", fortemente folk e dal sapore medievale; o "Fatima", dalle influenze orientaleggianti.

Non mancano anche momenti più riflessivi grazie a "Das paradies" una ballata lenta e riflessiva con un retrogusto quasi pop. Il disco si chiude infine con una cover di "Master of the winds" dei Manowar, di cui il gruppo si è sempre dichiarato fan (che volete farci, nessuno è perfetto...).

Tirando le somme si tratta di un gran bel cd, la varietà dei brani difficilmente vi farà annoiare e le canzoni sono tutte ispirate; incredibilmente il gruppo riuscirà a ripetere l'impresa anche nei successivi album, variegando sempre più il loro sound (senza perdere un'impronta di base che lo renda riconducibile alla band) senza cali qualitativi, rischio tutt'altro che astratto quando si mette molta carne al fuoco. Consigliati!

Tai nasha no karosha!

Questa DeRecensione di Have a Nice Trip è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/die-apokalyptischen-reiter/have-a-nice-trip/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Otto)

ale9t0
Opera: | Recensione: |
interessante....
BËL (00)
BRÜ (00)

sorciopeloso
Opera: | Recensione: |
un bacino per la frase sui manowar :*
BËL (00)
BRÜ (00)

casamorta
Opera: | Recensione: |
la prima volta che ascoltai quest'album tanti anni fa rimasi basito, troppo ampollosi, troppo un po' di tutto messo insieme, death, thrash, black, un pizzico di industrial... Poi vidi le loro foto con camice hawaiane su un giornale e lo shock fu completo, li catalogai come i soliti beceri tedescozzi. L'ho riascoltato a febbraio scorso (assieme all'altro "All You Need Is Love") e invece l'ho quasi rivalutato. Ma...sottolineo QUASI.
BËL (00)
BRÜ (00)

jdv666
Opera: | Recensione: |
@casamorta: si loro sono un po' cazzoni, ma a me stanno simpatici anche per quel motivo. anche perchè nel metal ci sono fin troppi gruppi (soprattutto nella scena pagan) che si prendono fin troppo sul serio. suonano per divertirsi e divertire. e poi si tratta pur sempre di intrattenimento di qualità!
BËL (00)
BRÜ (00)

JURIX
JURIX Divèrs
Opera: | Recensione: |
Bea zioken! Un dei gruppi col nome pi bel de sempre.
BËL (00)
BRÜ (00)

Donzia81
Opera: | Recensione: |
preferisco "SAMURAI"
BËL (00)
BRÜ (00)

giustiziere
Opera: | Recensione: |
il mio disco, di tango argentino, preferito di sempre. non voto perchè sarei troppo di parte.
BËL (00)
BRÜ (00)

macaco
Opera: | Recensione: |
Bella rece, semplice ed efficace.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: