Edika
Racconti Scellerati N°1 - Perchè Tanto Odio?

()

Voto:

Alla domanda "qual'è il fumetto più spassoso, erotico, volgare, politicamente scorretto, allucinante, grezzo, misogino, anarchico, deficiente, divertente, demenziale, emancipato e assurdo degli anni '80?". La risposta non può che essere che una: Édika, un nome, una garanzia.

Édouard Karali, in arte Édika è uno degli fumettisti francesi più spericolati che io abbia mai letto. I suoi racconti brevi (fulminanti!) di poche pagine, abbozzati con tratti decisi, direttamente a penna (senza matita!) su foglio bianco sono quanto di più "libero" e fantasioso si possa leggere nell'ambito dei "fumetto contemporaneo" e sono stati raccolti qui, in questo libro (primo di una lunga serie) quelli del periodo relativo al vecchio TOTEM - ormai defunto. Come mettere assieme la genialità di Helzapoppin, il sesso esagerato dei film di Russ Mayer, il ritmo schizofrenico del primo Almodovar e le trovate comiche dei Monty Python, il tutto reso a fumetti - oggi!

L'Universo di Edika è popolato di personaggi e situazioni che definire assurde è dire poco.

IN PRIMIS tutto ruota attorno a una famiglia impossibile: padre (sicuramente lui stesso, auto caricaturato, pigro, vizioso, depravato, taccagno, vigliacco, erotomane e chi più ne ha più ne metta), una moglie (casalinga, sessualmente insaziabile, brutta, stressata, rompipalle ecc), due figli -un maschio e una femmina (peggio dei genitori) e il cane Clarkghiebol, vera mascotte della serie che racchiude in sè i vizi peggiori dell'intera famiglia.

Con le sue storielle che partono da un semplice dettaglio insignificante di vita quotidiana (un televisore che fa le bizze, un sogno, un rumore di lavandino che gocciola, un water intasato o altro) Edika parte a razzo, senza uno straccio di sceneggiatura, raccontando tutta una serie di gags a catena, che si montano vicendevolmente fino a catapultarci in mondi lontanissimi, senza senso compiuto ma dove l'unico filo che accomuna le scene è il testo, la storia, la gags... per il resto Edika se ne fotte di bellezza, coerenza, stile, logica: l'unica padrona è la gag. E vi assicuro che si piange dalle risate!

Le sue scenette includono quasi sempre una ninfomane procace, un prete sadico, poliziotti depravati, vecchi erotomani, vecchi ricconi nani e impotenti (ehm... niente battutacce filo-governative, eh?) e situazioni paradossali al limite dell'assurdo. Lo stesso autore, ad esempio, in più di un'occasione, chiede una mano al lettore per aiutarlo a trovargli un finale "dignitoso" o riducendo le vignette alla misura di francobolli per poter portare a termine una storia, inserendo un finale improvvisato sul momento.

I racconti scellerati di Edika sono davvero una sferzata di genialità e non-sense davvero unica nel suo genere. Un "contenitore malsano" di tutte le nostre bassezze umane dove il degrado corre sempre sul filo e dove non c'è limite alla cattiveria e a tutte le peggiori brutture dei nostri comportamenti, filtrati da un tratto esilarante e da battute assurde sparate a una velocità impressionante. Una mente fervida, una fantasia travolgente e un tratto sporco e "istintuale" fanno di questo fumetto (quasi introvabile ora) un caposaldo imperdibile di comicità totalmente libera, tagliata su misura per chi ama ridere di tutto e di tutti, in barba a regole, convenzioni e buon gusto.

In tutti questi anni mi son sempre chiesto "ma che fine avrà fatto poi Edika, sara vivo o sarà nella spiaggia nudisti sul litorale di Ostia a vedersi col cannocchiale le tettone rifatte delle sue pin-ip esageratissime al grido di "PERCHE' TANTO ODIO"?! :-)

Spero di ritrovarmelo prima o poi in qualche edicola, come allegato a Sorrisi & Canzoni TV invece di tutte quelle mezze boiate di gadget che ci ammorbano (tra CD, DVD o albi a fumetti sempre uguali, ormai presentati in mille salse diverse). Un autore come Edika andrebbe riscoperto perchè ancora attualissimo... e chi lo trova (magari in qualche bancarella) non se lo lasci sfuggire. Sono arci-sicuro che di cose così se ne leggeranno sempre di meno, in futuro. Aimè.

Questa DeRecensione di Racconti Scellerati N°1 - Perchè Tanto Odio? è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/edika/racconti-scellerati-n1-perche-tanto-odio/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Diciannove)

geenoo
Opera: | Recensione: |
Bè... se sei diventato quello che sei evidentemente c'è stato un perchè ;-) P.s. aimè coll'hacca!
BËL (00)
BRÜ (00)

The Punisher
The Punisher Divèrs
Opera: | Recensione: |
Po esse geeno.... :-)) PS: "hacca" va senza "h" davanti....
BËL (00)
BRÜ (00)

giustiziere
Opera: | Recensione: |
"Spero di ritrovarmelo prima o poi in qualche edicola, come allegato a Sorrisi & Canzoni TV invece di tutte quelle mezze boiate di gadget che ci ammorbano" 5 solo per questo
BËL (00)
BRÜ (00)

korgull
Opera: | Recensione: |
Grandssimo,ma grandi anche Vuillemin Cavezzali e tutti i pazzi di totem comics,ne custodisco gelosamente piu' di 200 numeri tra uscite,monografie e extra. gran rece,grande idea
BËL (00)
BRÜ (00)

macaco
Opera: | Recensione: |
Grande Punisher. Edika, eccezionalmente fuori di testa!
BËL (00)
BRÜ (00)

geenoo
Opera: | Recensione: |
"PS: "hacca" va senza "h" davanti...."... Sticazzi... e 'ndo la metti... dietro?
BËL (00)
BRÜ (00)

The Punisher
The Punisher Divèrs
Opera: | Recensione: |
Si scrive "acca"... somarod'ungeeno!! :-)
BËL (00)
BRÜ (00)

Bubi
Opera: | Recensione: |
Non lo conosco, pensavo che il più volgare e demenziale fosse Fritz The Cat di Robert Crumb.
BËL (00)
BRÜ (00)

zackbox
Opera: | Recensione: |
Cielo Mio Marito... veramente ClarkGheibol è un gatto...
BËL (00)
BRÜ (00)

ptr
ptr
Opera: | Recensione: |
...è un cane, dai. Non ha nulla del Gatto!!
BËL (00)
BRÜ (00)

cofras
Opera: | Recensione: |
Bella rece punitore, non lo conoscevo ma rimedierò. Agli amanti del genere segnalo Dicks: Cazzoni Inc. di Garth Ennis per intenderci quello di The Preacher, una girandola di gag malsane, estreme e depravate ma molto divertenti. Una ventina d'anni dopo Edika.
BËL (00)
BRÜ (00)

pi-airot
Opera: | Recensione: |
Ma che meraviglia! Ci voleva!!! Che fine hanno fatto poi i Totem Comics? Io mi tengo stretto i tre numeri in mio possesso
BËL (00)
BRÜ (00)

The Punisher
The Punisher Divèrs
Opera: | Recensione: |
Grazie ragazz.... è doveroso rispolverare certe cose prima che vadano perdute per sempre! Hasta la Lectura Siempre! :-)))
BËL (00)
BRÜ (00)

brat12
Opera: | Recensione: |
questo proprio non lo conosco cercherò di rifarmi
BËL (00)
BRÜ (00)

vortex
Opera: | Recensione: |
Con alcuni dei miei compagni di merende la frase "perché tanto odio" (era riportata su tuttle le copertine) era diventata un intercalare abituale. E ancora adesso qualcuno la rispolvera.
BËL (00)
BRÜ (00)

kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera: | Recensione: |
Questo me lo ricordo di sfuggita. Con i francesi ho poca dimistichezza, ammetto. Merci, vado ad approfondire su google.... ps: epperfortuna che la rottenmeier sarei io :-)
BËL (00)
BRÜ (00)

alia76
Opera: | Recensione: |
"qual è" senza apostrofo. oppure lo hai scritto ma OVVIAMENTE era da intendere senza?
BËL (00)
BRÜ (00)

The Punisher
The Punisher Divèrs
Opera: | Recensione: |
Si prof, ho cannato. Quante vergate sulle dita adesso? :-(
BËL (00)
BRÜ (00)

Dniepr
Opera: | Recensione: |
ehm..in lieve ritardo, si. Dunque, con Edika ho riso da stare male. Clarkgheibòl poi un mito. Qualcuno ricorda un racconto nel quale una sedia lo vedeva passare per strada e dopo aver dimostrato interesse sessuale per lui si lanciava in contorcimenti con conclusivo orgasmo? Lo cerco da un'eternità...
BËL (01)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: