Sto caricando...

Elettrofandango
In Quanto Già Peccato

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


VERBALE DI SEQUESTRO PREVENTIVO COPIE DISCO "IN QUANTO GIA' PECCATO" DEL GRUPPO SOVVERSIVO ELETTROFANDANGO

OGGETTO: distruzione di n° 283 copie in formato compact disc, sottoposte a Sequestro giudiziario in data 11/12/2009 con verbale prot. n°2890. Conservato agli atti di questo Comando.


L'anno 2009, addì 11 del mese di dicembre, in esecuzione del decreto di sequestro nr. 2890 emesso dal giudice per le indagini preliminari della pretura circondariale di DeBaser dr. Teofilo Scagazzi, sono state sequestrate numero 283 copie del disco dal titolo "In quanto già peccato" del gruppo sovversivo veneto Elettrofandango, composto dai soggetti: Giovanni Battista, Marco Giusto, Francesco Montagner, Stefano Scattolin, e coadiuvati dai video peccaminosi del già latitante Alberto Boem. Il disco è uscito nel corso del 2009 ma la loro attività illecita risale al 2004.

Motivazioni del sequestro: in seguito alle numerose segnalazioni da parte di civili che nell'ascolto del suddetto disco riportavano escoriazioni al viso, lesioni permanenti ai timpani, caduta in stato di trance, intensi incontrollati stati orgasmici provenienti dalla zona basso ventre e puberale ed esplosione istantanea di animali domestici, sono stati effettuati controlli chimici su "In quanto già peccato" e sono state rilevate le seguenti irregolarità:
- Valore dei testi superiore alla norma;
- Assenza totale dei soliti clichè dell'indie rock italico previsti per legge dal decreto Agnelli-Godano del 1998;
- Concentrazione di valori post-punk superiore ai limiti imposti nella regolamentazione sulle sostanze socialmente tossiche;
- Non sono state rilevate tracce di moralismo;
- Si sospetta la partecipazione col vecchio capo clan Remo Remotti nella redazione dei pezzi scabrosi "confessioni di un vecchio
sporcaccione" e "confessioni di un garibaldino";
- Cambi di ritmo repentini non registrati al catasto;
- numero di decibel eccedente i limiti previsti dalla legge;
- Tracce di Jesus Lizard e Math rock con innesti illeciti di poetica tomwaitsiana;
- Mixaggio abusivo di Giulio Favero ed esaltazione del suono analogico;
- Incitamento alla violenza sonora;
- Vandalismo nei confronti dei loro strumenti musicali;
- Apologia dei vizi e degli eccessi;
- Simpatia per il metal estremo in contesto indie;
- Oltraggio alle religioni.

Nonostante i particolari precedentemente descritti si ravvisa comunque un gusto armonico fuori dalla norma, per il quale il prefetto ha espresso apprezzamenti formali.

Note del giudice Scagazzi: "E' come bersi alcool e mestruo. E' come bersi alcool e mestruo."

In attesa della delibera sulla distruzione delle copie fisiche si invitano tutti coloro che avessero già comprato "In quanto già peccato" a consegnarlo al commissariato più vicino e comunque a non inserirlo più nel lettore di compact disc.
Tutti i membri degli Elettrofandango sono interdetti dai pubblici uffici e dalla frequentazione di locali Arci fino a che le indagini non accerteranno le loro responsabilità riguardo alle irregolarità rilevate.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su QuarantaSette

MaTaCà
MaTaCà
Opera:
Recensione:
Colpito e affondato. Se hai scritto cotanta recensione per un gruppo che non la merita, ti infilo un limone nella marmitta. Se poi hai anche il tappo del serbatoio che si apre senza chiave, allora ti "addolcisco" anche il carburante.


lukin
lukin
Opera:
Recensione:
saputè mi sei piaciuto un bel po'...bella pe' te


Bisius
Bisius
Opera:
Recensione:
'mbè, io non sono mai andato via, eh ;) D'accordo sull'umorismo nero, grottesco e a volte surreale dei testi, per quel "sopra la media" avevo inteso altro. Linguisticamente sono piuttosto semplici, per quello mi era sorto il dubbio. Ribadisco però le affinità col TDO: su "Caino e ferro" fanno partire un arpeggio che assomiglia moltissimo a quello di "Maria Maddalena", "Dal furore alla cenere" mi pare assomigli addirittura agli One Dimensional Man ed anche "Mandragola" è un brano abbastanza compromettente... Pensa che addirittura Giulio (Favero), in fase di mastering del loro disco, aveva appuntato sopra il nastro delle registrazioni la dicitura "piccolo Teatro Degli Orrori", anzichè "Elettrofandango" (non è una battuta, è la verità!). Mi ritrovi d'accordo comunque col fatto che dal vivo rendono molto ma molto di più, anche per l'uso di interessanti graphic visual manipolate di volta in volta da Giovanni Battista Rizzo. Anche per questo non mi sbraccio più di tanto per il disco, live sono decisamente più coinvolgenti.


Saputello
Saputello
Opera:
Recensione:
Calma un attimo, le somiglianze ci sono per via del fatto che entrambi i gruppi hanno come riferimento gruppi come Birthday party, Jesus Lizard e Shellac, non è che certe cose le abbiano brevettate il teatro degli orrori. Per il resto come poetica nei testi son parecchio diversi, e come giustamente dicevi dentro la miscela c'è una buona dose di hard-blues, che nel teatro manca completamente. Delle etichette di Favero onestamente me ne sbatto (comunque non la sapevo sta cosa), ce le avrà appiciccate per tranquillizzarsi, visto che certe intuizioni mi sa che le hanno avute prima gli elettrofandango (visto che sono anche precedenti al teatro degli orrori come formazione). La prima volta che li ho visti live per esempio era nel 2006 e c'erano degli elementi fortemente teatrali nei loro show (addirittura una volta avevano delle specie di siparietti che inscenavano durante i concerti, impersonando dei soggetti noir fumettistici). Per quanto riguarda le graphic visuals, sono manipolate da un membro aggiunto al gruppo come ho scritto nella rece.


Stee
Stee
Opera:
Recensione:
ups Bisius mi sa che ti sbagli, c'eri anche tu al mastering? lo abbiamo fatto dal digitale e non dal nastro..il piccolo teatro degli orrori era il primo nome provvisorio del TDO...
Venite ai concerti.
Ciao.
Stefano.


Saputello
Saputello
Opera:
Recensione:
Devo chiamare Favero che vi metta tutti in riga?


Stee
Stee
Opera:
Recensione:
ups Bisius mi sa che ti sbagli, c'eri anche tu al mastering? lo abbiamo fatto dal digitale e non dal nastro..il piccolo teatro degli orrori era il primo nome provvisorio del TDO...
Venite ai concerti.
Ciao.
Stefano.


Bisius
Bisius
Opera:
Recensione:
Stefano, me l'avete detto voi quando siete passati in settembre in studio da me ;)


Erod3
Erod3
Opera:
Recensione:
Bisius, intanto grazie per il "Ragazzi Simpatici".
Qui Giovanni Battista.
Veramente ricordi male, in studio da te vi abbiamo raccontato di quando siamo andati
a prendere il remix del nostro vecchio disco, nel 2005, quando del teatro degli orrori
esisteva solo un abbozzo su una bobina. Il nome poi era "piccola Bottega degli orrori"
e non era certo scritto sulla nostra.
Ricordi male pure il fatto che sia io a fare le proiezioni, lo trovo molto difficile da fare cantando. Lo farei anche, ma Poi il nostro amico Alberto Boem si offende.

Ma io mi chiedo, è una delle prerogative della tua trasmissione invitare i gruppi per le interviste per poi travisarne i discorsi in giro per la rete a gratis?

con affetto.

p.s.: "Teatro Degli Orrori" in miniatura è proprio una banalità evitabile.


Erod3
Erod3
Opera:
Recensione:
Bisius, intanto grazie per il "Ragazzi Simpatici".
Qui Giovanni Battista.
Veramente ricordi male, in studio da te vi abbiamo raccontato di quando siamo andati
a prendere il remix del nostro vecchio disco, nel 2005, quando del teatro degli orrori
esisteva solo un abbozzo su una bobina. Il nome poi era "piccola Bottega degli orrori"
e non era certo scritto sulla nostra.
Ricordi male pure il fatto che sia io a fare le proiezioni, lo trovo molto difficile da fare cantando. Lo farei anche, ma Poi il nostro amico Alberto Boem si offende.

Ma io mi chiedo, è una delle prerogative della tua trasmissione invitare i gruppi per le interviste per poi travisarne i discorsi in giro per la rete a gratis?

con affetto.

p.s.: "Teatro Degli Orrori" in miniatura è proprio volgarità evitabile.


Bisius
Bisius
Opera:
Recensione:
Eeeeeh, che sarà mai! Manco vi avessi detto che assomigliate ad una cover band di Albano e Romina. Mi scuso per gli errori, ma vi dà così fastidio essere paragonati al Teatro Degli Orrori? Quella è una mia impressione, la sapete bene (ve l'ho detto anche in studio, mi pare, no?), non la impongo a nessuno ma me la tengo. P.S. La mia sarà anche "volgarità evitabile" (eddaje...) ma non ci si autovota il disco! ;)


Erod3
Erod3
Opera:
Recensione:
come no, è uno dei miei dischi preferiti.

e recensione assolutamente adorabile!


Saputello
Saputello
Opera:
Recensione:
Non voglio fare il Maurizio Costanzo della situazione, però... Boniii! @ Giovanni/Erode: Brutta mossa. L'indie kid italiano medio queste cose se le lega al dito, se ti rendi antipatico poi puoi fare anche il disco del millennio, ti cazzieranno lo stesso. Bisius aveva anche scritto "Ragazzi Simpatici", che nel linguaggio dell'indie kid italiano medio vuol dire "Si comportano bene, quando finiranno con una casa discografica e agenzia di booking seria e verrà fuori la copertina su Blow up o mucchio selvaggio ne parlerò bene presso la mia webzine/radio/blog/mulattiera dietro casa". Mai sottovalutare il linguaggio subliminale dell'indie kid italiano medio. Inoltre: mai esternare autostima e ambizione per i propri lavori, la notizia fa subito tutto il giro del web indipendente e vieni tacciato dall'intellighenzia indie di SNOBBISMO. Essere tacciati di snobbismo nell'ambiente indie italiano è più o meno come ricevere economicamente l'embargo da Cina, India, Stati Uniti e Giappone messi insieme.


Saputello
Saputello
Opera:
Recensione:
@ Bisius: Sei un po' pirla eh.


(I)Drive
(I)Drive
Opera:
Recensione:
Non credo che ritenere di aver fatto un bel disco, faccia di un musicista un'artista snob, o un antipatico. Semplicemente rispetta il proprio lavoro e ne trova gratifica. E credo che questo al pubblico non possa dispiacere, anzi. Chi ascolterebbe la musica che non piace nemmeno a chi la fa? Io sinceramente no. A me il disco piace, la recensione pure, e sono contento che piaccia anche a chi l'ha fatto.
Riguardo alle affermazioni di Bisius, credo che tendenzialmente siano un pò..imbarazzanti.
Se ho capito bene ha completamente travisato una vicenda che evidentemente non aveva ben capito. Solo che scrivere delle cose non vere in rete, sopratutto senza verificarle prima, citando nomi di persone, frasi, gruppi musicali, si trasforma da opinione, per quanto opinabile, in calunnia, per quanto misera.
Credo che per fare quello che la sa lunga, abbia finito per farla un pò troppo fuori dalla tazza, e ora dovrebbe prendere lo straccio e dare una bella pulita.
p.s. Grande Remo Remotti!!!


Bisius
Bisius
Opera:
Recensione:
Preciso un paio di cose. La prima è che il prossimo che mi dà dell'indie kid italiano fa una brutta fine. Promesso. Se vi dà fastidio un "ragazzi simpatici" che mi pare tutto fuorchè fraintendibile di duplice interpretazione, allora potete ingoiare tutta la vostra boria e prendervi dei cazzoni. La seconda è che io non ho, fino ad ora, insultato nessuno, quindi aggettivi come "pirla" ve li riponete in un posticino caldo sempre utile per scopi del genere. La terza è che se affermazioni per le quali mi sono già scusato devono attirare la selva di critichini neorealisti con l'indice alzato, con questi toni, in questa maniera e con questa sospetta affluenza, tanto vale non discuterne più. <<Se ho capito bene ha completamente travisato una vicenda che evidentemente non aveva ben capito. Solo che scrivere delle cose non vere in rete, sopratutto senza verificarle prima, citando nomi di persone, frasi, gruppi musicali, si trasforma da opinione, per quanto opinabile, in calunnia, per quanto misera.>> L'unica cosa su cui mi sono confuso è che ci fosse scritto "piccolo Teatro Degli Orrori" sul nastro del disco in questione. Mi sono già scusato. Cosa devo fare, prendere il cilicio e fustigarmi? Calunnia?!? Ma per te la semantica è un optional che ti vendono ogni 3x2 degli shampoo Pantene?


Saputello
Saputello
Opera:
Recensione:
Mattipare che non ti posso manco coglionare per questa insignificante ma divertente figura di merda che hai fatto? Dai su, che non è successo niente, sei su debaser, e un vaffanculoate non si nega a nessuno. In alternativa ti consiglio www.cattoliciromani.com/forum/index .php, vedrai che ti troverai bene, simpatico babbeo. Ah, specifico se non si fosse capito dal messaggio scherzoso che avevo scritto che secondo me gli elettrofandango hanno sbagliato ad intervenire nella discussione per intraprendere questa disputa, credo che gli succederà ben di peggio in futuro, bisogna mantenere distacco in questi casi! Altrimenti poi sembra pure che gli ho fatto la recensione su commissione, cosa che invece non è assolutamente vera.


Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
@Bisius: sei un indie kid italiano!!


blechtrommel
blechtrommel Divèrs
Opera:
Recensione:
Fottuto Indie Kid Italiano..


Appestato mantrico
Appestato mantrico
Opera:
Recensione:
Da quello che ho visto giovedì sera, il pubblico di indie kids italiani che va a vedere il teatro degli orrori è proprio cacca intellettualoide, eh. Cioè, se la prendono con gli ubriachi perchè ballano. E ti dicono anche di non cantare perchè non sentono bene. Ma oh. Che andassero a vedere i Lightning Bolt. Sti qui li ascolterò, sembra interessante tutto ciò.


TRELKOVSKY
TRELKOVSKY
Opera:
Recensione:
Dì la verità.. ti picchiava la mamma o il papà quando eri bambino?


odradek
odradek
Opera:
Recensione:
Mica avevo visto che era tua questa recensione. Letto il nome del gruppo ero passato oltre. Sembra ti siano piaciuti... e dire che non pare proprio musica popolare panamense. Adesso gugglo e assaggio.


Purpulan
Purpulan
Opera:
Recensione:
Interdetti dalla frequentazione di tutti i club ARCI??!!! Ehm, nessun intento caustico nei confronti della band (anche perché, pur provenendo da zone limitrofe alle mie, ammetto di non essermici mai imbattuto), ma, dalle newsletter ricevute nel corso degli ultimi 2 anni con New Age club quale mittente, mi par di rimembrare una presenza non parca del loro nome... Ecco, col fatto che, da almeno 2 anni, la lista dei concerti organizzati e/o ospitati dal suddetto circolo ARCI non m'è mai parsa particolarmente allettante (eufemismo, e qui l'intento è, invero, caustico), si finisce col lasciar passare inosservate anche quelle (poche) proposte che, magari, un minimo d'attenzione la meriterebbero... Carta Canta!


reverse
reverse
Opera:
Recensione:
la rece è da 5 secco, il disco mi 0pare interessante, ma basta con sto teatrorrori cristus


Saputello
Saputello
Opera:
Recensione:
@ Purpulan: La programmazione del new age fa mediamente cagare, ormai lo dicono tutti. Ci sarà una serata decente ogni 20 che ne fanno. @ Reverse: Io speravo che non si finisse ancora una volta a parlare di loro, ho incrociato le dita e pregato in sanscrito vedico per scongiurare l'evento.


JimMorrison
JimMorrison Divèrs
Opera:
Recensione:
@Bisius: secondo me sei un Indie Kid italiano, eh...


Saputello
Saputello
Opera:
Recensione:
Bisius, sei spacciato, anche due pezzi grossi del forum come Jim e Bartle lo pensano, finirai a dirigere il traffico.


Appestato mantrico
Appestato mantrico
Opera:
Recensione:
Mi sorge un dubbio. Che Blechtrommel sia un indie kid italiano? Ha pure il frangettone!


MaTaCà
MaTaCà
Opera:
Recensione:
Non è ciò che amo ascoltare ma indubbiamente son validi. Verrà la morte e avrà i tuoi occhi ottima. Stee quando passerete in Terra Sarda? Magari faccio un salto...


Stanlio
Stanlio
Opera:
Recensione:
Non li acconoscevo ma ciò non vuol significar nulla e niente... magari ci butto un orecchiata, belli anche i commenti!


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di In Quanto Già Peccato è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link