Sto caricando...

Elio E Le Storie Tese
Studentessi

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Dopo aver ascoltato bene il disco e aver letto le due DeRecensioni mi appresto a scriverne una terza. Spero che la cosa potrà essermi perdonata in virtù del fatto che entrambe quelle presenti mi sembra siano incomplete.

Overture (Andante con Moto, ma senza il Mito):

"Lode agli 'Studentessi', portatori di Cultura"

Per cominciare dichiaro aprioristicamente "Studentessi" di Elio e Le Storie Tese

"miglior album del 2008 e mi spiace per qualsiasi altro album che esca eventualmente dopo: peggio per lui"

con la seguente giustificazione:

Nel 2008 fare un disco così spudoratamente prog, ma allo stesso tempo divertente, nutritivo per le menti assetate di cultura, non nostalgico né autoreferenziale ma soprattutto VENDERLO A PACCHI è di per sé una buona notizia. Anche per coloro che odiano il rock progressivo (ne conosco che sono fan di Elio ugualmente e la cosa non deve sorprendere, viste le premesse).

Per questo sostengo che Elio e le Storie Tese sono il nuovo Dipartimento Scuola Educazione (sezione Musicale), la loro opera è meritoria e dovrebbe essere indicata a modello. In questo senso vanno a braccetto con Daniele Luttazzi, il cui lavoro di educazione civica della popolazione della martoriata penisola italica sarà ricordato come una delle poche oasi di civiltà in un ventennio caratterizzato dall'imbruttimento e dal ritorno dell'analfabetismo.

 

Atto Primo (Allegro Pomposo un po' Palloso):

"Ma EELST sono davvero prog?"

Ma veniamo a un punto dolente che impegna in feroci discussioni gli eliologi e gli storietesologi fin dai remoti tempi dell'ormai lontano "Live in Borgomanero" del 1987: sono davvero gli Elii un gruppo prog? E se si: è questa cosa buona, giusta, loro dovere e fonte di salvezza?

Certamente non possiamo scordare le dichiarazioni di Elio a proposito di Zappa come prima fonte di ispirazione di EELST, lo Zappa del periodo con le Mothers of Invention, ovviamente. Ma se anche facessimo questo errore ci verrebbe in aiuto lo spettacolo che il mitico monociglione ha portato in giro questo inverno, insieme ad un ottimo ensemble di musica moderna: il parallelismo con "The Yellow Shark", capolavoro dell'ultimo Zappa il era assolutamente evidente (e il piacere d'ascolto non di molto inferiore, almeno per me).

Ma in questo album c'è molto di più di questo, a parte l'ennesima riprova della capacità tutta Eliica di masticare e digerire tutto l'ascoltabile, ci sono delle "operazioni culturali" -come diceva Elio dal vivo a Carmagnola- che non possono passare inosservate:

Plafone: l'intro sembra uscire dritta da un disco della PFM, o da "Selling England by the Pound" dei Genesis (quelli con Peter Gabriel, eh!). Ovviamente la voce della Ruggiero fuga qualsiasi dubbio residuo: la più incredibile delle voci italiane dopo quella di Demetrio Stratos.

Ignudi fra i nudisti: qui la tiro per le orecchie: avete presente "Hair" o "Jesus Christ Superstar"? Ok, ok, anche il funk e la disco anni '70 (altro indizio del DNA irriducibilmente dadaista, stile Zappa più che Area). Allo stesso modo più avanti "Single" ricorda certe parti di "Evita" degli stessi autori di JCS. Tutte e tre queste "opere rock" vanno a mio parere nel gran calderone della "nuova musica" degli anni 60/70.

Tristezza, Il congresso delle parti molli: struttura ritmica dispari, come da sempre in Elio e come d'obbligo per un buon gruppo prog negli anni '70. Sopra la struttura ritmica succede di tutto. In perfetto stile Elio. La seconda ha anche l'assolazzo stile Floyd, che non poteva mancare.

Heavy Samba: qui siamo al delirio fantastico. Per godere davvero come ricci va ascoltata dopo aver mixato insieme "Communication Breadkdown" e "Babe I'm gonna leave you" dei Led Zeppelin (la seconda per il bebo-bebo) con il mitico Chico Buarque de Hollanda.

Indiani (a caval donando): qui siamo al pezzo di bravura da maestro. Nell'introduzione c'è una moneta che gira su un tavolo, citazione secondo me tutt'altro che casuale dell'inizio di "The Boys in the Band" dei Gentle Giant, dal disco "Octopus" (e qui stiamo parlando dell'aristocrazia del prog, roba quasi al livello degli Area). Il testo è assolutamente all'altezza di tanto sfoggio di cultura ;).

Parco Sempione: ed ecco la perla. Questo è un pezzo prog di altissima qualità, fatto e finito allo stile Gentle Giant (soprattutto nella parte in lumbard sembra di nuovo uscito da Octopus, album che a sto punto mi riprometto di recensire), ma ci sono degli elementi che non si incastrano da nessuna parte. Ma soprattutto: è la hit, il singolo! Vi rendete conto? Un pezzo prog duro e puro trasformato in un pezzo da scalare le hit parade del 2008. Questa è Arte Eliica al massimo livello.

 

Atto Secondo e ultimo (Allegretto Breve e Circonsiso):

ma che che ce frega ma che ce 'mportaaaa

E dunque? Ci sono ottime ragioni per sostenere sia la tesi della progghicità che non. Possiamo cominciare dicendo una cosa, però: che EELST siano prog o meno l'effetto di questo album è certamente di "sdoganare" definitivamente il prog nella musica "leggera" italiana del 2008. E di farlo con una potenza di fuoco degna di uno sbarco in Normandia musicale o di una "discesa in campo" più recente di certo altro milanese di ben più dubbie qualità.

Per questo soltanto EELST meriterebbero un Grammy, un Oscar e due David di Donatello (che tanto ormai li danno a vitelli e orsetti), ma secondo me si guadagnano -proprio con questo album- l'ultimo tassello che gli mancava: le citazioni sono talmente tante che cessa di aver alcun senso citarle. Elio e le Storie Tese sono loro. Tutto in questo disco è fantastica farina del loro stupendo, delirante e dadaista sacco. Per riassumere tutto con uno slogan: "Studentessarne uno per educarne cento".

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su SettantaTre

Tobby
Tobby
Opera:
Recensione:
Azzo, ma niente niente hai il ciclo 365 giorni all'anno? Te rode sempre il culo...


Umberto Signifredi
Umberto Signifredi
Opera:
Recensione:
Dopo qualche album incerto Elio e soci sono tornati (quasi) al loro meglio.


Venusiano Sarcastico
Opera:
Recensione:
Ho scoperto una cosa clamorosa.
"Ignudi tra i nudisti" è in realtà tratta da"Suspicious Mind" di Elvis... ma solo se la si ascolta al contrario.
Io sono sconvolto dalla stupidità e dalla genialità degli Elii.

Qua potete ascoltare la canzone di Elvis al contrario:



E' il primo plagio al contraio!...dice persino:

"il decoder lì non va"
"sono scettico"
"mi butto dal monte"

Ma dico, come fanno a prendere una qualsiasi minchiata e trasformarla in un capolavoro? COME???


azzo
azzo
Opera:
Recensione:
Caro Tobby, pur avendo avuto qualche fidanzatina, nessuna mi ha mai detto che quando si ha il ciclo rode pure il culo (?!!). Mi pare che "rodere il culo" sia sinonimo di essre invidiosi, difetto che, tra i molteplici che ho, non mi appartiene. Indi, mi è lecito avere una decina di idosincrasie, cioè una decina di gruppi che mi fanno cagare? Elio et stanno tra questi, i motivi li ho già spiegati altre volte e non voglio tediare. Diciamo semplicemente che sono pretenziosi e sopravvalutati e questo mi autorizza a sparare ad alzo zero. Farlo con i Finley od i Negramaro mi pare superfluo.


Tobby
Tobby
Opera:
Recensione:
No a uno gli "rode il culo" quando sta incazzato...


GustavoLamazza
GustavoLamazza
Opera:
Recensione:
a me invece prode. chi me lo gratta? tobby, tu mi sembri un bel maschione. smettila con le pugnette e grattami il culo. SMACK


Blackdog
Blackdog
Opera:
Recensione:
Capitano, 'Eat the phikis' not si tocca ( 'El pube', 'Li immortacci', 'Milza' et la stupefacente 'Omosessualità' spakkano).


dboon
dboon
Opera:
Recensione:
capolavoro !
il mio pezzo preferito oltre a Parco Sempione e'
GARGAROZ


ShankaraZU
ShankaraZU
Opera:
Recensione:
Ma veramente la canzone di Elvis al contrario plagiata! sono dei grandi! ahahah!


steo
steo
Opera:
Recensione:
Per il Capitano, che scrive: "dov'e' che, secondo te Steo, gli EELST starebbero crescendo anno dopo anno?"
Io li ho sentiti la prima volta nel 1987 e vedo le seguenti differenze:
1) Elio ha imparato a cantare con una impostazione da cantante lirico. In questo album è arrivato ad un livello credibile, partendo da zero relativamente pochi anni fa
2) Faso è cresciuto in maniera spaventosa, passando da buon bassista rock a personaggio che non stonerebbe come bassista di rimpiazzo per Fariselli e compagni (Area)

P.S.: La Bindi non è una bella gnocca, ma ciononostante mi attizza assai più di Veltroni, Berlusconi, Casini, Fini, Di Pietro, D'Alema, Fassino e pure di 2 gnocche come la Prestigiacomo e la Melandri. Tié. "Laica Bindi o Veltroni, Walter... " come cantava Crozza :)


CaptainHowdy
CaptainHowdy
Opera:
Recensione:
@Black: lo tocco eccome ;-) non mi piace per nulla. @Steo: beh se parli di caratteristiche tecniche dei singoli allora posso esser d'accordo, parlavo di qualita' delle composizioni. che mi sembrano povere...


steo
steo
Opera:
Recensione:
Hai ragione Capitano, mi sono concentrato su un primo livello tecnico. Ma il punto non è solo quello.
L'altro aspetto evolutivo è quello dell'espressione come ensemble. Se pensi a Live in Borgomanero e questo disco, tanto per estremizzare il tutto e rendere la cosa più evidente, il primo era un disco di parodie, pure e semplici. Qui ci sono miriadi di citazioni, che sono un ingrediente importante, ma non centrale. Mi sembra che in questo album le citazioni diventino, forse non per la prima volta, ma qui in maniera molto evidente, MATERIALE per una operazione precisa. Sono la benzina con cui gli EELST accendono la loro macchina creativa, ma questa macchina va ben al di là della mera somma delle citazioni. Comincio a vederci uno stile piuttosto personale: uno stile barocco, delirante, ma assolutamente originale. Da qui il mio entusiasmo...


GrantNicholas
GrantNicholas
Opera:
Recensione:
Disco con le palle quadrate.


steo
steo
Opera:
Recensione:
Caro Venusiano: grazie, quando ho sentito quella roba al contrario mi sono spaccato dalle risate. Anche se devo confessare che questo tipo di cose sono quelle più "classiche" di Elio restano sempre divertenti (ricordo al proposito il significato di un certo titolo in una lingua non esattamente conosciuta in Italia e la cozza tattu piane di sbarru, giusto per fare due esempi).


helterskelter
helterskelter
Opera:
Recensione:
se parliamo di musica di eelst allora chi critica è arthur bernstein se può farlo, se invece parliamo di umorismo allora i detrattori sono aldo giovanni e giacomo, beppe grillo e woody allen. se altrimenti siamo in presenza delle solite critiche perchèiomicamiomologo, in quel caso: mavaccagarevah!


paloz
paloz Divèrs
Opera:
Recensione:
Sottoscrivo. Sei pazzo. Ma mi piaci.


MuffinMan
MuffinMan
Opera:
Recensione:
Sicuramente debitori "di stile facilitato e un pò per tutti" di Zappa, ma il confronto non regge per nulla qui siamo davanti a buoni musicisti ma con poca inventiva e qualche gag alla castellano e pippolo, il baffo era su un altro pianeta. Il miglior album del 2008? "Hot Rats" molto più avanti


steo
steo
Opera:
Recensione:
Caro Muffin... occhio che stai parlando con un devoto adepto della religione zappiana (uno zelota? :) ). E' chiaro che il Sommo non è paragonabile a niente che non sia:


J.S. Bach, W.A. Mozart, Bela Bartók, Frank Zappa (Frank Zappa è Dio)


La citazione era semplicemente per indicare la direzione in cui Elio lavora. Non è necessario essere dei geni totali della musica per ottenere cinque stelle, secondo me. Detto altrimenti: il gioco della classifica è carino, ma deve restare un gioco. Non credo che il valore della musica sia così "quantificabile", altrimenti si rischia di diventare come l'autore della prima pagina della infausta antologia di poesia con cui Robin Williams diletta i suoi studenti all'inizio de "L'attimo fuggente", che cercava di valutare in un sistema a due assi il valore di una composizione poetica. Buffo no?


masterchase
masterchase
Opera:
Recensione:
Chiunque valuti questo disco 1 rientra in 2 categorie di persone:O non ne capisce un beneamato cazzo di musica(per quanto quest'ultimo si millanti di chissà quale cultura musicale),o è troppo "infognato" di un unico genere di musica per comprendere la complessita stilistica di quest'album. In ogni caso il vostro ascolto è stato troppo superficiale. Ci sono cosi tanti artifici compositivi che non basterebbe un'enciclopedia. Per chi dice che "non sono piu come una volta" cito Rocco Tanica che dice:"chi si lamenta che i nuovi prodotti dello stesso tipo non sono piu come quelli di una volta...in realta ha nostalgia di se stesso, di com'era in quel periodo e del rapporto irripetibile che aveva con quel prodotto". Aprite le orecchie e scendete un po dal trono. Gli eelst non sono zappa,ne gli elp, ne i king crimson ne i toto,etc. Gli Eelst sono gli Eelst. E basta


gozer
gozer
Opera:
Recensione:
masterchase capo del mondo subito ;-)
il disco è totale.ad essere onesti non tutte le canzoni sono allo stesso livello, ma quelle veramente buone(heavy samba,gargaroz,suicidio a sorpresa ad esempio) risollevano egregiamente il voto generale dell'insieme.oh poi i gusti sono gusti, ognuno è liberissimo di dire che gli elii sono noiosi,sono stupidi,sono "zappa di seconda mano+comicità alla zelig" e mille altri stereotipi dettati più che altro dal fatto che non si sa realmente di cosa si sta parlando..d'altronde viviamo in un paese dove vasco rossi continua a fare sold out e dove le masse si mobilitano solo quando toccano il campionato di calcio ;-)


mj64
mj64
Opera:
Recensione:
la recensione è eccelllllllente, il disco E' SICURAMENTE IL MIGLIORE DEL 2008. Ed è un disco prog, e te lo dice uno che da mesi si nutre di Locanda delle fate, Balletto di Bronzo et similia.
Concordo anche nel giudizio su chi dà 1 agli Eelst: potranno stare sulle palle (ma secondo me è giudice dovuto a conoscenza quantomeno superficiale) ma considerarli banali no. Persino La risposta dell'Architetto (io sono fra quelli che sopprimerebbero Mangoni, almeno musicalmente) ha dei veri lampi di genio. Per non parlare delle tessiture strumentali di Il congresso delle parti molli. Unica canzoncina un po' esile, secondo me, è Single, che peraltro è un SACROSANTO tributo al grande Feiez.
GRANDISSIMI!!!


subpop
subpop
Opera:
Recensione:
mi sono pentito di avere comprato questo disco! 15 euro buttati!un'accozzaglia di stili diversi... ELIO non ci siamo! non arriva vicino nemmeno a CICCIPUT!


Oo° Terry °oO
Oo° Terry °oO
Opera:
Recensione:
Tu sei fuori di testa, bella recensione :)
Masterchase santo subito XD
E mitici Eelst, gran disco. Dai, Parco Sempione è fantastica... Guardatevi il video con il grandissimo Maccio Capatonda! XD


Kyrielison
Kyrielison
Opera:
Recensione:
Massimo rispetto.


Larrok
Larrok
Opera:
Recensione:
disco strepitoso e stracolmo di idee e citazioni, tra Cicciput e questo stanno tenendo un livello qualitativo altissimo sia musicalmente che nei testi "Amico Appalache, dove ti cacci? Voglio soltanto consegnarti un memorabilia"


ProgRock
ProgRock
Opera:
Recensione:
"Plafone" è un brano Prog stupendo, e poi il video di "Parco Sempione", Elio con la truppa di Maccio Capatonda, non si può chiedere di più.


Peppe Weapon
Peppe Weapon
Opera:
Recensione:
Cioè... ho letto tutta la rece e non mi pare di aver letto UNA PAROLA, UNA su "Suicidio a sorpresa"... solo per questo ti meriti 1 sorry. Se mi è sfuggita e mi fai annotare dove ne parli allora ti darò cinque 5 così riequilibrio il tutto :)


Zorro
Zorro
Opera:
Recensione:
Non so se è il miglior disco del 2008 a livello mondiale ma sicuramente è il miglior disco italiano del 2012 :)


Coelum
Coelum Divèrs
Opera:
Recensione:
Madonna, Plafone è qualcosa.


polpetta
polpetta
Opera:
Recensione:
<<















E comunque a me "Toro loco" mi garba di morrto, capito!!! Ovvia>>.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Studentessi è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link