Eluvium
Copia

()

Voto:

Versioni: v1 > v2 > v3

Che l’inondazione, stavolta, possa avvenire da acque differenti.

Matthew Cooper depose così l’intimismo nebbioso e i densi loop chitarristici di “Talk Amongst the Trees” e intraprese un viaggio.

Archi, corni, pianoforti e sensazioni da primo giorno del creato.

La Natura, ancora gonfia di sonno e satura di colori scintillanti, si risveglia al suono di corni primordiali che compongono in suo onore odi e ghirlande panteiste.

La rugiada del mattino riposa su esili strimpellii chitarristici che scompigliano la tenera erba dei prati.

Dolci melodie si rincorrono e si fondono in stupori improvvisi e impercettibili brividi, mentre sommessi refoli pianistici danzano con le farfalle negli sterminati spazi di un mondo ancora vergine.

Un Eden senza serpenti e un ambient senza inquietudini, sospesa in arcate turchine e in contemplazioni celesti.

E poi ancora un pianoforte che sfoglia i petali del cuore, la dolce malinconia di sapere con certezza che tutto questo non durerà.

Ma non importa, conta essere quì ed esserlo ora.

E la cadenza prende coraggio e cresce, si inarca verso il cielo, si tende e si gonfia sempre più…

…E si tronca di netto.

A terra rimane un ronzante violino che da il la ad un’altra sonata per pianoforte. I due si guardano stralunati e si scambiano impressioni senza parlare come quelle che un’ape condivide con una solitaria orchidea in riva al fiume.

Neoclassicismo ambientale pieno di meraviglia per la vita, esultante di gioia e gratitudine.

Ed ecco il pastoso vento di un organo che annuncia il tramonto; il contrasto con le ombre che si allungano dà solidità e consistenza alle cose che crepitano e infine si sciolgono nella rossa fornace che si tuffa all’orizzonte.

Arriva la sera e con lei le stelle.

Una notte d’Alba dei Tempi cullata dalle onde di archi sonnambuli. E mentre i bagliori lontani dei corni, come pire funerarie, piangono la fine del giorno, l’esplosione pirotecnica di vorticose percussioni conclude fastosamente il viaggio.

Un viaggio al termine del giorno.

Questa DeRecensione di Copia è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/eluvium/copia/recensione-cosmicjocker

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sedici)

CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «.». Vedi la vecchia versione Copia - Eluvium - Recensione di CosmicJocker Versione 1
BËL (00)
BRÜ (00)

CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «..». Vedi la vecchia versione Copia - Eluvium - Recensione di CosmicJocker Versione 2
BËL (00)
BRÜ (00)

Pinhead
Opera: | Recensione: |
E incolla.
BËL (02)
BRÜ (00)

lector: M'hai fregato la battuta! Ladro.
CosmicJocker: Ma la domanda a cui non riuscirete a rispondermi è questa: ..dove?..vi ho fregato!
musicanidi
Opera: | Recensione: |
Ne parlavo con non-mi-ricordo-chi. COPIA sarà la colonna sonora del giorno perfetto della mia vita ma, dato che la perfezione non esiste, non ascolterò mai più quest'album.
BËL (02)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Non si sa mai..magari un altro ascolto potrebbe propiziarla.. (forse ne parlasti con me in un'altra mia paginetta su Eluvium)..
ALFAMA
Opera: | Recensione: |
un lavoro che è rimasto fra i miei ascolti
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Secondo me anche "false readings on" è molto buono..tra l'altro l'avevo scoperto grazie ad un tuo ascolto..
ALFAMA: si bello, siamo sempre su livelli molto alti
nes
nes
Opera: | Recensione: |
Non lo ascolto da due vite. Pero' ricordo che mi faceva sognare parecchio.
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: È uno splendido disco..sognante, di un romanticismo calibrato al millimetro..
IlConte
Opera: | Recensione: |
Mi piace questa musica ma dopo due minuti schizzo, mi sembra di essere in analisi ahahahahahah.... zio bestia ma come sono messo?! Sei il migliore ma dopo quello... ah te l’ho già detto ahahahah!
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Ahahah! a rieccoti nobile!..È il caldo!..Non dirmi che stai soffrendo pure tu del forno che è volgarmente chiamato pianura padana?!
IlConte: Sono ad Ortisei questa settimana schivo la nostra schifezza...
CosmicJocker: Ma beato te..io la prendo in piena faccia in 'sti giorni!
Falloppio
Opera: | Recensione: |
Joker al rogo....🃏
BËL (01)
BRÜ (00)

Falloppio: Adesso dico la cagata del secolo, mi fa venire in mente Brian Eno...
CosmicJocker: Ma no Fall, lo so che mi vuoi bene! La domanda è però: quale Brian Eno?
Falloppio: Certo che sì, sono un joker anche io.
Eno di Airport...
CosmicJocker: Mmmh..Non sono molto d'accordo (sebbene quasi ogni disco ambient sia influenzato in qualche modo da Eno che è stato uno, non il solo, dei pionieri)..secondo me Copia è molto più influenzato da alcune sonate di compositori classici..
lector
Opera: | Recensione: |
A me, però, "un ambient senza inquietudini" mi suona un po' male; ma sono fisime mie.....
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: È che...fammi saggiare un po' la tua conoscenza della poesia russa: hai presente quegli straordinari pezzi di Tjutcev riguardanti il respiro, l'anima della natura? ..ecco sono la cosa che più assomiglia a questo disco..
CosmicJocker: A proposito..grazie della dritta sulla Hannigan..
lector: Tjutcev? Eccome no! (Tanto non vedi la mia faccia....)
CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
Grazie @[Almotasim]..dove sei? Torna presto...
BËL (01)
BRÜ (00)

sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
L'inondazione ha (evidentemente) inondato il DeAscolto associato alla DeRecenza.
Vedi di tornare subitaneamente dal DeViaggio e DeDisinondare il tutto entro la [imminente] mezzanotte altrimenti verrà bannato su treppiedi e senza-passare-dal-via!

BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Lo farei ban volentieri, ma la mia mamma mi dice sempre di non immergermi oltre le caviglie nell'acqua settembrina..dalla Sua sempi(n)terna saggezza mi dica: Lei cosa farebbe?
sfascia carrozze: Personalmente farebbi una bella DeRicerca del Tubbo (o sul Tubbo, che di acqua inondata è piena) e ne proporrei, postandolo lì dove v'è scritto "Aggiungi un video", un altro a piacere.
Come nelle migliori interrogazioni a squola.
CosmicJocker: Ecco..Lo feci! Si dichiara rassicurato et asciutto?
sfascia carrozze: E' qvesta la DeInondazione giusta!
Per oggi s'è salvato il poplito: ma mi stia all'erta ché quà siam bràmosi di DeScalpi eccellenti.
ALFAMA
Opera: | Recensione: |
@[CosmicJocker] tornando indietro nel tempo secondo me è molto bello " " più introverso e forse superiore a " Copia "

BËL (00)
BRÜ (00)

ALFAMA: oh lo hai citato nella recensione
CosmicJocker: Sono d'accordo, infatti ci avevo fatto una paginella..ma comunque è sempre su livelli piuttosto buoni..ripeto, anche "false readings on " è interessante e diverso..il più "religioso" dei suoi
CosmicJocker: Ecco ci siamo detti le stesse cose..ma in alcuni ambiti musicali abbiamo gusti convergenti
ALFAMA: vero, calzante la definizione "religioso"
Stanlio
Opera: | Recensione: |
non vorrei dire 'na bestemmia ma a me ricorda qualcosa di Eithne Pádraigín Ní Bhraonáin, meglio conosciuta come Enya, nell'unico disco che ascoltai molto tempo fa e cioè "Watermark"
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Zero Stan..mai ascoltato un disco di Enya dunque non ti saprei dire..magari è lo spunto per darci un orecchio
noveccentrico
Opera: | Recensione: |
Non riesco a trovarlo ambient. Ogni tanto arriva in coda dopo aver ascoltato, che so, Harold Budd. Questo album ha troppi saliescendi emotivi, a tratti è minimalista (un po’ à la Glass e ogni tanto arriva una bordata alla Einaudi). Non è male, ma
quando partono gli ascolti random, lui lo skippo (invece mi piace abbastanza Goldmund).
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Sì, in questo suo disco forse la definizione "ambient" è un po' tirata per i capelli anche se i saliscendi di cui parli ma pare gravitino attorno ad un nucleo centrale di bucolica contemplazione..sono d'accordo sulla vaga parentela con Budd (che è meno impressionista e più ri-creativo di Eluvium sul tema del respiro della natura)..mentre non conosco Goldmund..anzi, dritte?
CosmicJocker: *mi pare
noveccentrico: Di Goldmund direi Sometimes.... Tantissimo Hall Reverb (magari troppo); non è Basinski, ecco, però è una bella iniezione di melanconia
CosmicJocker: Thanks..
proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
Lui molto valido e un po' sottovalutato, però questo ambient vellutato da un po' mi fa un pelo di ansia, sto meglio se passano un po' di spifferi/dissonanze
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Tipo proggen? Stai ascoltando qualcosa di particolarmente spiffero/dissonante in 'sto periodo?
CosmicJocker: Comunque sul Tubo trovi tutto questo album ..gran disco per me..

Poi
CosmicJocker: Anche se non so se è per te sto lavoro visto il periodo in cui mi dici che sei..

Poi
CosmicJocker: E poi
proggen_ait94: wagon christ carino! mi scarico il disco, assieme a quello degli skullflower che mi manca... tnx!
proggen_ait94: i doldrums non mi hanno molto convinto, sono d'annata?
CosmicJocker: È un disco del '97..secondo me rimane un ottimo disco però sai, è possibile che io rimanga legato agli imprinting della mia giovinezza..cosa non ti ha convinto?
proggen_ait94: forse devo solo risentirlo, ascoltare studiando non è proprio il top
Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Disco bello, raffinato molto evocativo ottimo Ambient Orchestrale, dei già citati Eno Enya aggiungerei Vangelis. Recensione tanto sintetica (il giusto) quanto efficace.
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Sì ecco, forse un po' i Vangelis (chiaramente quelli meno pomposi) li ricorda..comunque mi avete messo il tarlo su Enya..ma anche tu mi diresti "watermark" di lei?
Johnny b.: Omonimo e Watermark i due che conosco, entrambi splendidi e nei brani con sonata per pianoforte che Eluvium pesca un pochino. Ti ringrazio per l'ennesima bella scoperta.
CosmicJocker: Grazie a te Johnny...

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: