Foetus
Hide

()

Voto:

Un’opera completa.

Foetus mai era arrivato a concepire un disco così differente per suoni e trame. Se nei precedenti album come “Love” e “Flow” c’era un filo conduttore tra le canzoni che li componevano (una sorta di arpa elettronica il primo e il mix industrial jazz il secondo), non si può dire lo stesso per questo. “Hide” è sicuramente influenzato dal (molto riduttivo chiamarlo così) side project Manorexia. Con Manorexia, il nostro Foetus dirige elementi in un orchestra sinfonica di tutto rispetto e perlopiù trattasi di musica strumentale. Già dal primo brano “Cosmetics” capiamo che il Nostro gioca a carte scoperte: si alza un’aria lirica fatta di molteplici voci e poi si parte con una sorta di carica distruttiva rumorosa tenuta in tempo da una nervosa batteria; poi una qualche sorta di sintetizzatore elettronico tiene le redini, la batteria impazza, il pianoforte colpisce e gli archi sono una moltitudine di frecce conficcate nelle orecchie dell’ ascoltatore. Otto minuti e mezzo di delirio. “Paper Slippers” è già molto più calma, in crescendo sfocia nell’ assolo elettrico distorto di chitarra tanto semplice quanto efficace. Movimentazione con “Stood Up” e l’ottimo giro di basso che gli tiene la base assieme alla grancassa di batteria. Si viene addirittura a riprendere un tema di un qualche telefilm ambientato nello spazio. “Here Comes The Rain” è altalenante di violini, arpe, grancassa e di qualche sintetizzatore impazzito, “Olfields” è maestosa nelle sue atmosfere di violini e sorretta da un contrabbasso che sfiora l’ infrasonico. Sperimentazione sonora nel brano “Concrete” , campanellini, polistirolo sbriciolato, una qualche pentola percossa e una sorta di sirena completa il quadro. “The Ballad of Sisyphus T. Jones” ci porta nell’ old west, cavalcate nel deserto, trombe dei ranger impazzite, chitarre suonate direttamente dal gran canyon e colpi di frusta assegnati a dovere. “Fortitude Vittimus” è una sorta di richiamo al primo brano, mentre “You’re Trying To Break Me” si rifà ai lavori degli ultimi due dischi , voce distorta, chitarra distorta, sintetizzatori distorti, micidiale nel suo incidere, industrial pura nel finale. Chiude “O Putrid Sun” dall’atmosfera onirica e da ultime ore da fine del mondo e della decadenza del genere umano.

Conclusioni: è un peccato che i cultori di Foetus siano veramente pochi, questo “elemento” è stato ed è ancora capace di regalare vere e proprie perle al mondo della musica mischiando generi e stando completamente al di fuori di qualsiasi schema. Io fossi in voi un pensierino ce lo farei.

Voto: 9

Questa DeRecensione di Hide è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/foetus/hide/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dieci)

nes
nes
Opera: | Recensione: |
mmm il re dell'easy listening.... Quando penso a foetus mi viene in mente un piatto di spaghetti e fusibili affogato in un secchio di verice fucsia. Questo non credo di averlo sentito ma voto sulla fiducia. bella recensione.
BËL (01)
BRÜ (00)

ilTrattoreRagno
Opera: | Recensione: |
mr.Thirlwell ha il male dentro. e questo male è una gran figata. uno dei signori del disastro, dell'avanguardia e dell'industrial, è vero, lo conosco troppo pochi
BËL (02)
BRÜ (00)

jdv666
Opera: | Recensione: |
foetus dovrei proprio approfondirlo, conosco solo nail e hole che mi piacciono molto entrambi... lui é bello fuori di testa :)
BËL (00)
BRÜ (00)

solveetcoagula: Nail e Hole sono i miei preferiti. Vi aggiungerei però Thaw
Psychopathia
Psychopathia Divèrs
Opera: | Recensione: |
la sua musica mi lascia indifferente. mah? avevo anche nail ma non m'ha affascinato. la versione più cattiva del trent...
BËL (00)
BRÜ (00)

anonimo cuculo: il trent ha imparato da foetus!!!!
Psychopathia: si, certo. foetus è arrivato 10 anni prima. e infatti non capisco perchè i NIN abbiano avuto successo e lui no. mistero
anonimo cuculo: mah guarda, sarà che ad anticipare troppo i tempi la gente non sa cosa sta ascoltando e lo definisce spazzatura, poi col tempo chi ha voglia di approffondire lo rivaluta...... un po' come il disco che ho su in questo momento, Alien Soundtrack dei Chrome, nel 1977 fare di ste robe nessuno se le cagava e poi vedi oggi
Psychopathia: alien soundtrack è un gran disco! a proposito di anticipare... se ti capita ascolta orgasm dei cromagnon: ci trovi già i neubauten ed è del 1969!!!
anonimo cuculo: sarà fatto, mo' guardo se c'è qualcosa sui torent........
ilTrattoreRagno: molto semplice Psycho..non è un mistero se Reznor è uscito e Thirlwell no: Trent ha piegato elettronica e industrial ad una sua personale visione "pop" della cosa. Lui non ne ha mai fatto mistero. non voleva fare quello che facevano i suoi miti come Foetus e Coil, che di inacessibilità sono entrambe le realtà maestre, ma voleva rendere estremo, rumoroso e irritante (per questo l'han cacciato nel reparto industrial) un modo di fare musica molto più prettamente pop e ha trovato il modo di farlo in una maniera pazzesca. ecco svelato l'arcano. mentre a questi non frega proprio un cazzo di niente. questi sono maestri dell'avanguardia vera e propria.
ilTrattoreRagno: poi sta a quelli come Reznor o Patton che vivono a metà tra il mainstream e l'avanguardia tirare fuori dal cassetto i vari Thirwell e compagnia ficcandoli a fare i propri remix o remixando a loro volta pezzi delle loro creature e portarli alla gente. perchè troppe volte le persone si fermano alla superficie, o perchè magari non arrivano a scoprire queste cose. ok oggi è un discorso ridicolo con internet, però a volte capita ancora.
jdv666: per tantissimi capita ancora; quelli fissati come noi sono una netta minoranza direi, persino tra gli ascoltatori di musica un pelo piú alternativa
anonimo cuculo: quoto il trattore
solveetcoagula: C'è da dire però una cosa: che sia meno accessibile dei suoi epigoni è fuor di dubbio, ma nello stesso tempo paradossalmente ha un gusto melodico che gli altri si sognano. Il paradosso di Thirlwell è questo: la sua musica sarà estrema e rumorosa, ma nel contempo risulta il più delle volte estremamente orecchiabile.
anonimo cuculo: Psycho, non si trova niente dei Cromagnon, hai qualche link valido per caso??
Psychopathia: io ce l'ho originale... ho fatto un giro in rete ma è tutto per mediafire :(
anonimo cuculo: e sul Tubo c'è poca roba 1 o 2 brani...
little horn 2.0
Opera: | Recensione: |
disco della madonnaaaaaaaa
BËL (01)
BRÜ (00)

solveetcoagula
Opera: | Recensione: |
Bella! Stranamente Thirlwell non è considerato quanto dovrebbe su deb e tutte le volte che viene recensita una sua opera qualcuno nei commenti lo accosta ai suoi epigoni il più delle volte edulcorati e di venti spanne meno creativi. Vogliamo dire che dal 1981 non ha fatto un disco brutto?
BËL (01)
BRÜ (00)

anonimo cuculo: più che altro qua su sto sito ci si lamenta quando uno fa una recensione sui Pink Floyd (ancora? ancora?, 1000 commenti e poi quando si fa recensioni su questi elementi nessuno commenta... vai a vedere quello che hanno scritto quando hanno recensito gangam style saranno 1000 commenti... che tristezza
jdv666: eh, é una cosa di cui mi lamento sempre pure io, ma purtroppo ai piú alla fine interessano solo i soliti gruppi in croce
jdv666
Opera: | Recensione: |
cmq dai, a tale proposito ditemi appunto quali dischi, a parte i suoi due piú noti, mi consigliate...
BËL (00)
BRÜ (00)

anonimo cuculo: Nail, poi mi dicono anche Thaw ma io non l'ho mai sentito, Flow
little horn 2.0: Flow in assoluto il suo migliore dopo nail :) da evitare come la peste invece è Love,che fa cagare abbastanza
anonimo cuculo: a me Love è piaciuto
little horn 2.0: non che sia bruttissimo,ma non è nemmeno carino. Il fatto è che ad ogni ascolto trovo sempre più difetti,cosa che negli altri non trovo.
howiepee: ache e gash(già recensito)
little horn 2.0
Opera: | Recensione: |
la cosa che più detesto è il fatto che i suoi album sono introvabili. Cazzo per nail mi sono dovuto spaccare la schiena prima di trovarlo (non originale tra l'altro ma vabbè).Voi come vi attrezzate per prenderveli? avete dei siti da consigliarmi? :)
BËL (00)
BRÜ (00)

anonimo cuculo: link rotto

io questo l'ho preso qui...... altrimenti prova su Discogs
little horn 2.0: grazie per la dritta :)
howiepee: Serendipity a milano, cerca con internet. Bel negozietto, la mia ragazza ha trovato anche i throbbing gristle...tanto per citarne altri...
anonimo cuculo
Opera: | Recensione: |
regaz ho riascoltato anche Flow in sti giorni, fatelo anche voi, spacca troppo
BËL (00)
BRÜ (00)

howiepee
Opera: | Recensione: |
IO devo ringraziare Monica, l'unica donna che può sopportarmi. Questa donna, che mi accompagna persino a vedere il Boss, è fortemente dipendente dal "genere" in questione, così che quando tocca a lei gestire lo stereo posso scoprire perle come Foetus. In questo momento sono accredito da "Gash", la quantità/qualità di aggressione sonora è notevole. Blade Runner noir anni '40. Poi passerò in rassegna anche altre opere come la recensita, che trovo sintetica ed esauriente.
BËL (00)
BRÜ (00)

anonimo cuculo: questo e Flow (ma a me piace anche Love) te li consiglio

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: