Sto caricando...

Fontaines D.C.
A Hero's Death

()

Voto:

Nemmeno Bruce Springsteen nella sua fase redneck era più noioso dei Fontaines D.C. nella loro fase rappresentanti d’istituto. Più le riviste di settore cercano di convincermi che questi dublinesi sono i principali protagonisti del rinascimento post-punk, più mi convinco che questo rinascimento esiste solo nella testa di chi riesce a trovare elettrizzanti i dischi di band che hanno imparato a suonare il basso imitando gli Interpol, invece che qualcuno con un briciolo - il minimo essenziale, proprio - di groove.

I Fontaines D.C. sarebbero una di quelle band da perculare in malo modo, sfoderando il peggio del proprio sarcasmo, come del resto ho fatto nella recensione del loro primo disco (una porcheria di rara bruttezza). Ma voglio andare a fondo della questione, perché non è umanamente possibile trovare eccitanti dischi come questo. Non ci sto, non sono io che ho gusti diversi, siete voi che state sbagliando e avete dei gusti di merda. Sia chiaro che gli Interpol, il basso, lo sapevano suonare, e quel minimalismo dritto era il frutto di una scelta estetica e politica, militante. Era il suono di New York nel vuoto di ground zero.

Invece questi sono di Dublino, una città di birraioli inebetiti. Se sei di Dublino, e che cazzo, come puoi sperare di comunicarmi qualcosa se metti un basso mononota e una chitarra stupida che lo segue pedissequamente? E se la batteria ci sale in groppa sorniona e idiota e tu ci canti sopra con una voce nasale che fa venire lo schittone ai ratti? E lo sai che cosa me ne frega dei testi “arrabbiati”, “insoddisfatti”, “punk”? Lo stesso che frega a te di fare una musica che non sia derivativa come i miei coglioni, e quindi niente. Che cosa vuoi dirmi? Che ti manca la figa, il lavoro, la playstation, la droga? Metti giù gli strumenti e fai qualcosa di concreto, che ne so, prendi un volo e vai in Erasmus, scappa: se a vent'anni stai qui a lamentarti su questa musica che è più vecchia del nonno di tuo nonno quando già era in pensione, stai solo buttando via tempo e opportunità, senza contare lo sfracellamento di coglioni che produci in chi ti ascolta.

Questo disco è la morte della gioventù, la morte dello spirito, mi fa quasi dare ragione agli scopati che ogni tanto scrivono “la trap fa il culo al rock” per racimolare due views e un’intervista con un rapper strafatto di codeina. Tenetevi pure queste band del cazzo, questo suono cupo da cantina, queste canzoni inibite e impostate. Avete ottant’anni, e non all’anagrafe, ma nel cuore, e la cosa triste è che vi credete degli eterni “adolescenti dentro”. Ma stocazzo.

Commenti (VentiSette)

TataOgg
TataOgg
Opera:
Recensione:
ahahaha
Bo, manco a me son mai piaciuti molto a parte due-canzoni-due belline sentite da poco.
Sarà colpa degli Interpol che mi hanno annoiato al secondo ascolto?
Comunque - forse - c'è da preparare i popcorn e io sono in prima fila! ciauuuuuuu

BËL 02
BRÜ 00

algol
algol
Opera:
Recensione:
Ahhhahhahh.
Non concordo su una sola parola ma queste provocazioni mi divertono sempre.
A parte che pure gli Interpol (che apprezzo parecchio) sono derivativi. E che sarebbe bello capire cosa non lo è. E che il pezzo in cui scimmiottano (bene) i suddetti Interpol è uno soltanto, Televised Mind.
A parte i luoghi comuni sull'origine geografica, che sfociano in teorie secondo le quale gli Ufomammut ad esempio avrebbero dovuto cantare la tradizione in dialetto piemontese.
A parte i miei gusti coprologici sui quali mi hai aperto gli occhi devo dire che non mi straccio le vesti per i Fontaines, ma il disco in questione, ben migliore del primo, ha una manciata di bei pezzi.

BËL 00
BRÜ 00

algol: Magari poi illuminaci tu su quale sia un rock nuovo e non derivativo.
Sono curioso, davvero.
Dacci una dritta.
POLO: Il problema non è il derivativo, è la copia pari pari. Questi non hanno ne il groove ne la melodia ne il carisma
JOHNDOE: ufomammut tool fontane interpol

è tutta nammerda
proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
"non sono io che ho gusti diversi, siete voi che state sbagliando e avete dei gusti di merda" mìììì ma lo sai che lo pensano tutti di tutti?
La recensione è divertente ma non ho granché capito perché dovrei a questi preferire gli sbadigliosissimi Interpol, che veramente sono una cosa che più innocua non si può. Si tratta sempre di revival su revival senza novità, a fare i pignoli ci sono stati 3 revival post punk in UK in 20 anni. Cose da incubo, e noi progghettoni dobbiamo accontentarci delle briciole come al solito.

BËL 02
BRÜ 00

proggen_ait94: ascoltato qualcosa, dei cani agli strumenti ma è giusto così, mica escono tutti bravi in culo come i Magazine o i Tuxedomoon
POLO: Ma vedi, un conto è imitare i Pavement, almeno ti devi impegnare a cercare una bella melodia, questo post-punk lo trovo cupo triste e spento
proggen_ait94: perché esce da una linea bastarda che dagli Ubu attraversa la minimal synth e le lande più gelide del genere (credo a naso c'entrino un sacco i Fall ma devo ancora approfondirli), per tornare fuori con gli Sleaford Mods riammodernata. Ti DEVE far passare la voglia di vivere, è post punk. Poi sono pure hypatissimi, infatti non li avevo toccati ancora but c'est the english press for you. I Black Midi comunque son meglio.
Chainsaw: Arcamadosca, ho scritto più o meno le stesse cose sotto
Poeziadelgiorno: @proggen_ait94 ovviamente fall a manetta é il fil rouge di questa ondata (quella più martellante meno riconducibile al Experimental come citi appunto black midi, Squid, black country new road, drahla ecc ecc). Più che altro bisogna stare attenti ai wannabe tipo i LIFE. Ma esiste anche roba davvero figa così a caso diversi tra loro: Girls in Synthesis, Roxy Girls, Legss, Dreamreading, Mwstard, Polevaulter, quindi si Fontaines innocui non come interpol ed editors, ma una scena variegata verso il rumore corretto. Alla fine sapevamo tutti che Fontaines, Idles e compagnia bella avrebbe avuto seguito anche nelle classifiche e sarebbe (é stato) il male, ma bisogna riconoscere la portata inglese anche forse grazie a Brexit. Black Midi speriamo che non virino verso lo sgargiante mondo del mainstream musicale, ma quest'anno tra il singolo di 13 minuti e raccolte con all'interno praticamente audiolibri, stanno virando verso la parte che noi tutti preferiamo.
Poeziadelgiorno: Va in Mona sio nel, me desmenteghe de scrivar nel me idioma ciapà dal moment.
proggen_ait94: In realtà io sono pure felice che vendano, così magari i ragazzi di 14 anni riprendono a comprare chitarre
Flame
Flame
Opera:
Recensione:
Confesso che il pezzo sotto la copertina a me è piaciuto, il resto del disco lo ascolticchiato ma non riesco ancora a formai un'idea. Ma io sono vecchio davvero (vecchio secondo i canoni del miuzicbiz che diventi vecchio passati i 30 e anche prima) e quindi non faccio testo. Tu scrivi davvero bene. Ho paura che sia impossibile riuscire a non essere derivativi di qualcosa ormai.

BËL 00
BRÜ 00

sfascia carrozze
sfascia carrozze Divèrs
Opera:
Recensione:
Mabbaccagai!

BËL 01
BRÜ 00

CosmicJocker: Come?!? È azteco, turkmeno o tungsteno?
Stanlio: naah, nonè geograffico bensì bottanico, la parrola stessa loddicce basta togliere il ma (non per niente esiste il detto "senza se e senza ma") e resta il frutto di un arbusto (tippo il mirto per farre un esempio) omosexuale... eja
Valentyna
Valentyna
Opera:
Recensione:
Adoro i miei Dubliners. Ho già il biglietto per Milano.

Chi sono gli Interpol?

BËL 00
BRÜ 00

musicanidi: L’ultima che ha chiesto chi sono gli Interpol è stata internata dall’Interpol in un carcere bielorusso? Chiudi bene casa stanotte...sogni d’oro.
1neuro: L'Interpol e' Organizzazione internazionale della polizia criminale. Il resto e' fuffa.
Stanlio: ma no Tyna non gli dar retta a questi depistatori, l'interpol e una squadra avicola che gioca il derby contro i pulcini del milan, dai retta ad un cretino che ha studiato anni l'uovo di Colombo Cristoforo...
Marin
Marin
Opera:
Recensione:
@[Stanlio] Nu arricriamient.

BËL 01
BRÜ 00

Stanlio: ce putit scummettr chill ca vulit caro Marin
ALFAMA
ALFAMA
Opera:
Recensione:
ho sentito solo un pezzo e che ti posso dire..... Per molto il fatto di essere Irlandesi è quasi una garanzia io più che rinascimento mi sentirei di parlare di aborto bello e buono .Si fermeranno da per forza d'inerzia.
Bene la tua puntuale segnalazione

BËL 00
BRÜ 00

ALFAMA: mi è capitato di sentire tutto il disco dall'amica che a scatola chiusa quello che è Irlandese è bello dai U2 in poi .Non saprei Springsteen nella fase Redneck perchè mi ha sempre annoiato in tutte le sue fasi ma questi sono totalmente anonimi. Peccato perchè un nuovo gruppo interessante fa sempre piacere
italianissimo
italianissimo
Opera:
Recensione:
TOGLIAMO STA MERDA BRITANNICA DALLA OM!!!!

BËL 05
BRÜ 00

TataOgg: ❤️
TataOgg: Il DeClub degli audiogrezzi é qua! Olé!
Chainsaw
Chainsaw
Opera:
Recensione:
Dai insomma, vi meritate gli Editors allora. Dei cinquantasei revival post-punk degli ultimi vent'anni questi almeno ci provano ad essere zozzi, e se la tua idea del post-punk è suonare come gli Interpol (spero tu ti riferisca solo al primo peraltro) allora vabbè andiamo tutti ad ascoltarci gli Arctic Monkeys e tutti contenti.

BËL 02
BRÜ 01

Poeziadelgiorno: Esatto! Tra tutti i revival post-punk sto qua prova a prendere un sound americano e non solo il liquidume britannico.
Poeziadelgiorno: Pori veci, soni drio tirar i ultimi.
Akir9: Hai scomodato tre che han partorito robe musicalmente migliori(già ampiamente derivative di loro ) rispetto a questo sonnifero-emetico per ragazzine dark bagnate e bimbi hipster che vogliono darsi un tono alle feste dei 15 anni? Il primo e il secondo di interpol/editors sono musicalmente superiori a questa accozzaglia di pedestri citazioni del già citato condite da voce encefalogramma piatto che in confronto tom smith é Layne Staley e paul banks Cornell. Peraltro musicalmente seguono uno scheletro compositivo pressoché identico a quello impostato nei primi anni 2000 e la voce del cantante è la copia sputata, ma ancora più rigida e monocorde, di uno dei cantanti dei due gruppi post punk citati sopra Stesse strutture musicali, stesse linee di basso, stesse stratificazioni chitarristiche. Variante: un ruffiano rimando ad ovest. Per non parlare della pretenziosità stucchevole di testi che fan sembrare i white lies, pomposi a mille, degli essenziali ermetici stile Nick Drake. Gente che scomoda nomi altisonanti da letterati come Joyce per 4 canzonette patetiche agli esordi, una parodia di sé stessi che manco i pretenziosissimi Radiohead sono mai giunti a tanto. Oh occhio a non scoperchiare troppo il vaso di pandora se no poi i prossimi fenomeni finti alternativi dovremo andare a pescarveli alle Ebridi e saranno rigorosamente ispirati, in mancanza di un Joyce locale, al profumo di cacca di mucca che i soliti pr dell'entourage contribuiranno a spacciare per oro colato a suon di mazzette elargite ai vari scribacchini di recensioni che venderebbero moglie e figli per il cash. Tolto l'entourage questi tipi sarebbero in Irlanda...a pascolare vacche h 24.
ALFAMA
ALFAMA
Opera:
Recensione:
ma a qualcuno piacerà o no?

BËL 00
BRÜ 00

CosmicJocker
CosmicJocker
Opera:
Recensione:
Francamente non capisco perché vai a impelagarti sempre nello "scontro generazionale". È un vero peccato perché concordo con Flame: scrivi bene (anche se questa non è una delle tue migliori).
Non so quanti anni hai, ma io a 20 anni avevo voglia di molte cose (anche in contrasto tra loro) tra cui "un suono cupo da cantina". Cercavo di variare il mio menù (musicale e non). Ora che ne ho 40 è la stessa cosa. Magari sulle cose mi chiedo maggiormente "perché sì" piuttosto che "perché no", ma cerco di avere cura di non essere troppo rigido in nulla.
Ecco, credo che se proprio vogliamo definire "vecchiaia" direi che si abbini bene a "rigidità": un tizio in fissa con l'anfetamina è vecchio tanto quanto un altro in fissa con i francobolli.
In fondo non è un caso che quando si muore si è rigidi.

Poi lo so che la tua è una scelta, è il taglio che vuoi dare alle tue pagine. Però è un ingrediente che trovo troppo invasivo, copre troppo il sapore ed è, come dicevo, un peccato.

BËL 02
BRÜ 00

Stanlio: io nel mio piccolo ne ho 60 e sono in fissa da mo con la fi... ehm, chiedi lumi @[sergio60] che lui ne sa... e non mi sento ancora troppo vecchio per continuare ad appassionarmi alla ehm, cosa inquestione...
tenson95
tenson95
Opera:
Recensione:
Recensione che manifesta frustrazione individuale in ogni riga.
Disco semplicemente immenso, di gran lunga superiore all'esordio.

BËL 05
BRÜ 01

POLO: Non so cosa sia più sbagliato in quello che hai appena scritto
1neuro
1neuro
Opera:
Recensione:
Punk Trock dei miei stivali. Stendo un velopeloso. Amen.

BËL 00
BRÜ 00

musicanidi
musicanidi
Opera:
Recensione:
Mai ascoltati ma mi hai incuriosito...domani ci provo.

BËL 00
BRÜ 00

Stanlio
Stanlio
Opera:
Recensione:
mi piacerebbe molto vedere dei ratti con lo schittone almeno una volta nella vita

BËL 01
BRÜ 00

1neuro: Io delle Tope al Mare tutta la vita.
lector
lector
Opera:
Recensione:
MikiNigagi
MikiNigagi
Opera:
Recensione:
Non lo so, Polo, ho qualche perplessità.
"Derivativa come i miei coglioni": in che senso i tuoi coglioni possono definirsi derivativi? Li hai misurati con quelli di tuo babbo?

BËL 07
BRÜ 01

Stanlio: Era proprio quello che volevo chiedergli pure io e niente...
MikiNigagi
MikiNigagi
Opera:
Recensione:
Sono d'accordo col tirare in ballo gli Interpol. Ma il minimalismo negli interpol dove lo senti? Le linee di Dengler erano già ricchissime di per sé, e con gli intrecci a due chitarre veniva fuori una roba minimalista non meno dei Lynyrd Skynyrd.

BËL 03
BRÜ 00

MikiNigagi
MikiNigagi
Opera:
Recensione:
Detto ciò, il disco non è da una, né da quattro stelle. Tre, per sempre.

BËL 03
BRÜ 00

lector: Ciao Miki! Passa a salutare ogni tanto, lazzarone.....
MikiNigagi: Torno torno, recupero gli arretrati
lector: Bravo....
maurinok60
maurinok60 Divèrs
Opera:
Recensione:
Hai scritto la peggiore recensione della storia dell'umanita' (forse non lo sai)e lo sarebbe stata anche nei confronti di un gruppo scadente. Un vomito di insulti da hater di 4a categoria con senso estetico e capacita'di analisi da lamellibranco. Se e'una trollata divertiti pure, (contento te) se invece lo pensi veramente beh, fa molta tristezza (e il paragone con gli Interpol si commenta da solo)...ma al mondo c'e'posto per tutti.

BËL 01
BRÜ 00

POLO: tu: "hai scritto la peggiore recensione della storia"
sempre tu: umanita', e'una, c'e'

:)

Ma al di là di questo, il tuo commento è tutto sbagliato, confondi un'analisi con una trollata, e allora che te devo di'?
maurinok60: Io credo che tu debba rivedere il concetto di analisi: la tua massima complessita'analitica riguarda l'arguta osservazione del "basso mononota"(che avrebbe pure un nome e si chiama "pedale": ma e'verosimile che tu conosca il termine solo nell'accezione ciclistica)
maurinok60: Hai poi argutamente proseguito con affermazioni da premio Strega osservando che il bassista degli interpol e'migliore di quello dei Fontaines confondendo una recensione con un talent. Insomma quella che tu chiami analisi in realta'e'uno spocchioso ("io so io e voi (cui piacciono i Fontaines)non siete un cazzo")campionario di insulti di una supeficialita'imbarazzante. Senza offese per gli addetti ti vedo meglio nel settore ortofrutta che in quello di critico musicale.
maurinok60: Mi sono accorto solo ora che hai fatto le pulci agli apostrofi messi al posto degli accenti (trattasi di evidente comodità di scrittura visto che non usavo il t9). Come argomentazioni da mettere in sede di discussione ti confermi veramente arguto e indiscutibilmente il migliore. C'è bisogno di gente come te ( messi giusti stavolta, contento?)
VincVega
VincVega
Opera:
Recensione:
Al primo ascolto devo dire che non è male. Non un capolavoro ma nemmeno una merda. Vediamo se ai prossimi ascolti sale la valutazione.

BËL 00
BRÜ 00

Phil62
Phil62
Opera:
Recensione:
Banali, già sentiti, poco interessanti

BËL 01
BRÜ 00

pixies77
pixies77
Opera:
Recensione:
Una volta tutto quest'odio era per i Dream Theater ed i Metallica :(

BËL 02
BRÜ 00

sfascia carrozze: Ma havranno entrambi appeso gli instrumenti al chiodo che Lei seppia?
Sarà oramai qualche anno che se ne son perse le tracc(i)e.
#forse
Chainsaw: I giovani d'oggi hanno perso i veri valori, non odiano più le band giuste
pixies77: che io seppia i dream theater si, del resto neanche la pandemia li può fermare, la rimando al link, gioisca: Dream Theater, nuovo album 2020, intervista, video
ABCDEFG
ABCDEFG
Opera:
Recensione:
L'album l'ho ascoltato e non mi ha entusiasmato, forse sono troppo poco sofisticato. Però tu esageri, e poi l'insulto a Springsteen è roba da galera :)

BËL 00
BRÜ 00

gaston
gaston
Opera:
Recensione:
Sembrano usciti da X-Factor, ma che hanno fatto di male? :)

BËL 00
BRÜ 00

Akir9
Akir9
Opera:
Recensione:
L' emblema del vuoto di forma e sostanza.
Sagra della banalità da deja vu del deja vu ricorrente
Noia mortale, piattume, vacua pretenziosità, mancanza di idee, ispirazione.
Morte prima del tempo.
Morti vivi.
Due stelle perché sono troppo mediocri per meritarne 1 e troppo poco tutto per essere discreti.
Condivido ciò che il recensore vuole dire, avrei smussato la forma, ma in simili circostanze- nauseabondo hype da markettata $$$$ che non vede l'ora di buttarli nelle arene - è la sostanza a prevalere.

BËL 00
BRÜ 00

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera