Gianni Maroccolo
ALONE ZERO - NOTTURNO ITALIANO

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


[DPX RA/ZE] A Draft Of June.

.ADITUS) Notturno Italiano è stato un programma storico della radiofonia nazionale della sezione esteri della RAI, utilizzava le onde medie notturne raggiungendo una parte importante dell'Europa. L'esordio nel Luglio del 1952 (Notturno d'Italia fino al 1968), la chiusura il 31 Dicembre 2011. Le sigle d'apertura di rilievo sono state Bonne Nuite Chérie e il Valzer di Giuseppe Verdi. La messa in onda andava da mezzanotte alle sei del mattino all'incirca, spesso durante la sua storia ha avuto anche collocazioni orarie diverse all'interno del palinsesto notturno.
Messaggio informativo, Inno Nazionale, Giornale della Mezzanotte (ora italiana), musica d'intervallo, poi le stazioni dedicate si scollegavano dalla stazione madre e cominciavano la programmazione. Seguivano ricollegamenti orari con la rete in modulazione di frequenza di Radio 1 per gli appuntamenti col Giornale Radio, per i notiziari in lingua straniera e per il Bollettino del Mare. A parte questo il suo cartellone prevedeva principalmente musica di altri tempi introdotta da una dizione impeccabile che era quasi impossibile ascoltare altrove, un format inimitabile.
Terminava trasmettendo un breve messaggio di chiusura e il Segnale Orario.
La Direzione era di Piero Galletti. Un programma a suo modo di culto, la cui emissione era destinata prevalentemente a lavoratori notturni, alla nicchia di appassionati di musica classica, a nottambuli e ad un pubblico colto.
La proposta musicale degli inizi era registrata su nastro per magnetofono di lunga durata collegato ad un apparato elettromeccanico deputato alla commutazione delle bobine. La RAI aveva in dotazione uno dei più grandi impianti per onde corte del tempo, per le onde medie sfruttava 1200 Kilowatt di potenza per il trasmettitore di Roma II e produceva uno dei migliori servizi radio per l'estero del Continente.
Bassa Frequenza ~ Alta Frequenza. Gamma d'onda per Radioamatori.
Il Notturno Italiano veniva trasmesso anche sul 4° Canale della Filodiffusione.
Milano, Torino, Roma, Napoli. Tempi della SIP prima dei Modem della TELECOM.

La Filodiffusione funziona ancora, è una modalità di trasmissione analogica nata in Svizzera nel 1931, ha sostituito l'AM; la radio è diffusa per mezzo di una rete di telecomunicazioni che raggiunge l'utenza tramite cablaggi telefonici installati in edifici che si servono della telefonia fissa. Utilizza una tecnica operativa simile all'ADSL. I due tipi di servizio sono incompatibili. La Filodiffusione è stata il fascino per il contenuto ed il contenitore, l'ascolto brillante della musica, senza disturbi, senza interferenze, senza alcuna interruzione pubblicitaria. Un Auditorium Stereofonico.
Col tempo le tecnologie si sono evolute ed è stato possibile seguire Notturno Italiano anche via satellite, via internet, sul digitale terrestre e su smartphone. L'Audioteca della RAI di Saxa Rubra ha cominciato a trasmettere automaticamente con i sistemi computerizzati, la "Sala Magnefotoni" è diventata in pratica un museo. L'avere attraversato tutti questi avanzamenti tecnologici ha permesso alla trasmissione di essere captata in varie parti del mondo, non solo a beneficio dei connazionali.
Tecnicamente con le onde corte si può ricevere un segnale radio da ogni parte del globo. La Filodiffusione analogica è ancora utilizzata anche se in modo residuale, ad esempio in ambienti come gli alberghi. Filodiffusori audio Alpha Elettronica.

ALONE è il nuovo progetto in corso di realizzazione e distribuzione di Gianni Maroccolo con la Contempo Records. Si tratta di un piano particolare, in divenire, non un disco chiuso ma un catalogo di diverse pubblicazioni semestrali, tutte i giorni 17 di Dicembre e Giugno. Fino ad oggi ne sono stati pubblicati due volumi (in mezzo un cliffhanger), la prima tornata prevede quattro albi tra il 2018 e il 2020. Un'idea libera di produzione musicale nella quale Maroccolo potenzia la sua visione defilata da schemi artistici e commerciali. I dischi sono per lo più strumentali, chi lo conosce bene aveva già goduto delle versioni prive di voci di A.C.A.U. in CARPA DIEM 1, disco reperibile solo acquistandone la versione originale in vinile ad edizione limitata. ALONE va letto nella doppia accezione italiana-inglese, aura vitale, ma anche solismo compositivo e personale, attenuato spesso da ospiti di riguardo.
Disco continuo, una proposta di serialità musicale sotto forma di collana che bissa un'azione dei tempi del CPI, con una sua unitarietà stilistica tematica ed editoriale, garantita dalle splendide illustrazioni ambientali di Marco Cazzato e dalla musica in racconti di Mirco Salvadori per ogni libretto. Hard Disk Recording individuale.
Tra i solchi l'innamoramento giovanile invariato di Maroccolo per la musica elettronica, Kosmische Musik intesa soprattutto nei suoi valori programmatici di emancipazione dalle forme, di ricerca spirituale verticale e libertà da preconcetti. Tangerine Dream, Cluster, Harmonia. Diverse le collaborazioni di stima come quella con Edda, nel VOL. 1 si distingue quella con IOSONOUNCANE in Tundra, un rave di 17 minuti e passa, un riuscitissimo frullato tra gli Autechre più morbidi, i FSOL più cyber-etnici e, personalmente, gli errori sistemici dei Retina.it più serrati, il tutto come se fosse remixato dai Popol Vuh, con una circolarità percussiva messa all'inizio e alla fine che è classe trasparente. Ma al di là di questi accostamenti fuori luogo (poi sfumati) da quello che fu il primo ascolto in assoluto, una jam risucchiata in un complesso di cose filtrate ad arte dalle sensibilità musicali di Maroccolo e Incani, le loro caratteristiche restano ad ogni modo distinte e riconoscibili, un vortice malioso.

25 Dicembre 1996. La Nave Yohan porta a bordo oltre 400 migranti provenienti da India, Pakistan, Sri Lanka. Nella notte si scontra con un'altra nave a largo di Portopalo in provincia di Siracusa, la F174 proveniente da Malta e diretta verso la Sicilia. La F174 si spacca e affonda a picco trascinando sul fondo 283 persone. I pescatori locali cominciarono e rinvenirne i cadaveri verso il 2 Gennaio del 1997, non dissero nulla alle autorità per evitare interrogatori e il sequestro dei pescherecci.
Questa catastrofe è rimasta sconosciuta per cinque anni. Il VOL. 2 di ALONE narra di questa sciagura, ciascun brano fotografa un momento di quella tragedia. Volume dolente rispetto al primo, rafforzato dall'impeto di Marina Rei alla batteria in alcuni pezzi e dal pianoforte argentato di Alessandra Celletti in Submersio. Poi Howie B.
Il tormento di Angela Baraldi in The Abyss di Chelsea Wolfe fa la differenza.

ALONE ZERO - NOTTURNO ITALIANO è, invece, una pubblicazione privata riservata ai soli sottoscrittori dell'abbonamento per i primi quattro volumi della serie. Packaging in fodero di cartone Blu Notte, due multitracce, '00:00-03:00' e '03:01-06:00', 49 minuti in rappresentanza di sei ore. Tutto assolutamente strumentale a parte qualche vox campionata e/o manipolata. Una composizione fondamentalmente elettro-acustica, una specie di auto-cut'n'paste di sound raramente spinto, a tratti sgranato, radiofonico, quasi low-fi, con molte sezioni ambient e molti stacchi silenziosi. Il silenzio è importante, una nuova atmosfera acquista valore proprio perché prima non c'era niente. Gli intervalli di silenzio sono altrettanto significativi quanto il rumore dopotutto, scriveva Virginia Woolf.
Nessuna immagine da ammirare e nessuna frase da interpretare, procede lungo un sentiero immerso nella notte e nella sua ombra amica.
Notturno Italiano è un evento musicale che irradia panorami stereo col fascino di una vecchia trasmissione in mono di musica tematica, diffonde risonanze come se si stesse ascoltando davvero una radio in una sessione notturna girando le manopole delle frequenze. Le pulsazioni irdial di The Conet Project, la ricezione remota di un programma trasmesso da Radio Londra del collettivo BBC Radiophonic Workshop. Scenari sonori selenici da Occidente ad Oriente, basso di metallo, cavi, astrazioni di synth, funky cibernetico verso il finale, le distorsioni di una centrale elettrica di Düsseldorf di splendore industrial. Poi le tenebre che fuggono davanti all'aurora.

Marok ama la radio evidentemente, ha amato la trilogia berlinese ed ha amato anche i Kraftwerk che facevano krautrock. È diventato famoso come bassista post-punk battente tutto tirato indietro, ma in realtà ha sempre accolto la fascinazione dell'elettronica con interesse e piacere, anche quando faceva new wave.
Si riconferma come produttore versatile alla cabina di regia per l'hard blues dei romani Life in the Woods, registra e si fonde con la no wave di Lydia Lunch in un'incisione di Patty Waters. Fa ancora altre cose. Conserva e aumenta il suo profilo particolare fuori dalle scene. Amplia la sua complessità, e la complessità non si riduce e non si spiega in una frase. Quando questo signore della musica italiana martella le corde, ne ammacca di altre di corde, quando le accarezza è capace di smuovere qualcosa dentro lo stomaco. Produce una bellezza che non è immediata. Produce una bellezza che per essere scovata va andata a cercare, quasi unica, certamente rara per chi la sa riconoscere. Non si avvertono mai cali d'ispirazione. Uno scrittore, un musicista, devono essere delle persone quasi necessariamente solitarie e Maroccolo sembra essere un perfetto solitario. Di notte ad ascoltare le onde del mare sotto l'occhio luminoso tenue del suo lucernario, a comporre.
Fedele alla linea, anche quando la linea non c'è o è dubbiosa o è perplessa.
La notte gli muove qualcosa dentro. Alone to be Continued. (EXITUS.


Questa DeRecensione di ALONE ZERO - NOTTURNO ITALIANO è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/gianni-maroccolo/alone-zero-notturno-italiano/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dodici)

ALFAMA
Opera: | Recensione: |
Non conosco il lavoro musicalmente, non posso esprimere una virgola di giudizio.
Se devessi esprimere un giudizio sulle pagine dedicate al lavoro la prima impressione è un grande amore e per esperienza non credo ai grandi amori
Stimo G.M. ( G.M. che cosa brutta, diciamo Gianni Maroccolo ) quindi per onesta intellettuale vorrei "sentire" prima di parlare, chiedendomi quanti esprimono un giudizio dopo aver veramente "sentitito" l'opera e non solo per il fatto che si parla di Maroccolo sentono il dovere di dire la loro dopo aver letto tutti gli altri giudizi.
BËL (01)
BRÜ (00)

ALFAMA: chiaramente non parlo di questa pagina, potrebbe essere qualsiasi cosa.
ALFAMA: se non è un disco la mia autostima è sotto le scarpe
HOPELESS: Certo che sono dischi Alfa. In realtà sono tre, i primi due volumi "pubblici", il terzo, quello di cui parlo, "privato", per cui ho scritto proprio di quest'ultimo pur sapendo che lo conosceremo in pochi, qui sopra penso nessuno. Quello che dici circa la critica ha senso, lo penso anche io (non avevo letto di Alone 1&2 prima di aver scritto, e comunque avevo capito che non ti riferissi a me, tranquillo.. io comunque ho riferito di un album che non ha recensioni perché è fuori dal mercato). Detto questo, però, penso che i giudizi lusinghieri che si sono presi questi primi due volumi siano abbondantemente meritati e non d'ufficio. Maroccolo sta sulla piazza da decenni, restano sorprendenti la sua curiosità musicale e intellettuale e le cose che continua a realizzare. Io sono tra quelli che i dischi li ascolta, comunque. Te l'ho detto io, fidati. Vaya sin dios, amigo. Autostima.
ALFAMA: fra parentesi lo conosco di persona, lui e la compagna Mercedes che è Sarda come me
JonatanCoe
Opera: | Recensione: |
Ma cosa hai partorito?! Cavolo, non l'ho letta ancora (lo farò, stanne certo), ma il sol fatto di aver scritto del nobile Maroccolo unito al notevole impegno profuso vale uno strameritato cinque nel buio.
BËL (01)
BRÜ (00)

HOPELESS: Grazie Jonatan. Però ascoltati i primi due volumi, ne vale la pena. Halo.
nangaparbat
Opera: | Recensione: |
Ma che sei, candidato al Pulitzer? Applausi.
BËL (01)
BRÜ (00)

HOPELESS: Sì, alle Pulizie di Coscienza :-D. Grazie Nanga, consiglio l'ascolto. Contempo.
nix
nix
Opera: | Recensione: |
enorme fascino di questa pagina, che parla di Filodiffusione in alberghi moquettati, di Stereonotte, un servizio che ha un aplomb d'altri tempi, di dizioni perfette diffuse in tutto il mondo in onde corte, di musicisti interessanti e gloriosi, di un opera che non conosco e su cui non posso dir nulla (Hope dice già tutto e c'è da fidarsi, visto come scrive) ma sopratutto della radio e della notte. HOPELESS in gran spolvero.
BËL (02)
BRÜ (00)

HOPELESS: Ti ringrazio nix. In effetti è concepita come un racconto radiofonico, ma l'attenzione è sul disco che è un bel viaggio. Ha delle strutture apparentemente molto free, secondo me potrebbe piacerti, prova. Sì comunque, gratitudine a quella Radio Muzik, a quelle ore e alle produzioni di Marok.
lector
Opera: | Recensione: |
E cosa si può aggiungere ad una simile presentazione?
Maroccolo lo sa che ti deve almeno un caffé?
BËL (02)
BRÜ (00)

lector: Ben più che un caffé, in verità
HOPELESS: Mah, mi è bastata quella sua incursione qui sopra, mi sorprese e mi spiazzò di brutto. In realtà ho avuto modo di avvicinarlo più volte, l'ultima sabato sera alla Città della Scienza dove suonò con i Deproducers. Dopo lo spettacolo il gruppo si è intrattenuto un po' col pubblico per chiacchierare, io personalmente non sono il tipo che va a disturbare le persone in situazioni come quella, gli ho lanciato uno sguardo e sono andato via arricchito dalla performance (spulcia un po' questo progetto deproducers lec, secondo me lo troverai interessante e umanamente significativo). Magari un giorno se il caso volesse di incontrarlo sopra un Autogrill in mezzo a persone che non lo conoscono e non lo importunano... Però credo che vorrei offrirlo io a lui il caffè. VDB23 ti era piaciuto parecchio mi dicesti, ascoltati pure questi volumi Maestro, secondo me sarà un ascolto che troverai felice.
Qui Radio Londra, abbiamo trasmesso alcuni messaggi speciali. Passo e chiudo.
lector: Appena trovo il tempo provo a dargli un ascolto, sebbene col mio orecchio malandato - ormai - certi dischi, fatti di sfumature, spazi ambientali, strati di grigio...., non li possa più percepire come si dovrebbe(!!).
Ormai ascolto soprattutto pop, cercando di rieducare il mio orecchio bionico.
Maroccolo merita sempre attenzione, anche solo per questo proverò a cercare anche questo disco (e sì: VDB23 è proprio bello!)
HOPELESS: Pop Will Eat Itself!
Almotasim
Opera: | Recensione: |
.
BËL (01)
BRÜ (00)

HOPELESS: ...... ... ......... .
Almotasim : S'intende. ..... ........ ... ......... .
Bravissimo Hope, gran scritto ispirato. Intro perfetta, magnifica.
HOPELESS: Ma certo Almo. I miei punti significano "grazie del passaggio" (contali se non ci credi :-) ascoltati Alone Vol. I & II, ci stanno le playlist complete su YouTube. Thx.
Almotasim : Debaser è ancora un mondo di belle sorprese... vivo, morto o ics. Perdona la citazione folle.
De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Gran scritto come ci hai abituato.
BËL (01)
BRÜ (00)

HOPELESS: Grazie DEMA'. Listen.
CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
Che chicca!
BËL (01)
BRÜ (00)

HOPELESS: Uno con un'alterazione di Cosmic Jokers nel nome non può non ascoltare la Kosmische Musik. C- Halo.
JOHNDOE
Opera: | Recensione: |
TOP
BËL (01)
BRÜ (00)

HOPELESS: Gràzassàje.
IlConte
Opera: | Recensione: |
E vabbè dai zio porco... sei pazzo Ahahahahahahah
Non sono proprio all’altezza dei tuoi SCRITTI!!!
D’accordo con Lector; Maroccolo qui non ha mai avuto miglior recensore in assoluto.
BËL (02)
BRÜ (00)

HOPELESS: hahahha grazie Conte. Sai faccio il pazzo solo con chi può comprendere la mia pazzia quando parlo di queste cose, e qui sopra di pazzi come me ce ne stanno in grosse quantità. Con chi non può capire faccio scena muta. "Mai dire qualcosa a qualcuno che non è in grado di capire", non imparerò mai del tutto. Non è vero che non sei all'altezza, puoi capirmi, e puoi farlo perché con me condividi la gratitudine per certa musica. Non so se questo potrebbe piacerti, ma ti lascio un pezzo di questi ragazzi prodotti da Maroccolo, Life in the Woods. Nothing Is
IlConte: Nobile ma questo è un MIO pezzone... rock/blues/soul ... notevole il timbro del cantato
Thank
noveccentrico
Opera: | Recensione: |
Fantastico! Grazie per la segnalazione
BËL (01)
BRÜ (00)

HOPELESS: Grazie Number 9. Poi torna e facci sapere che ci interessa la tua visione. Halo.
proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
Gran rece! Per me radio = notte e auto. E cicca
BËL (01)
BRÜ (00)

HOPELESS: Ciao Prog, grazie mille. La radio affascina molti vedo. A me piace sia di mattino presto che di notte, se becco qualche programma interessante. This Radio Station Was Named Kowalski, Vanishing Point.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: