Sto caricando...

Giovanni Truppi
Poesia E Civiltà

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Strano personaggio e strana scoperta (da parte mia) Giovanni Truppi.

Dr. Jekyll, Mr. Hide.

Due dischi (il secondo e il terzo) completamente folli, grezzi, pieni di idee, due dischi “cazzoni” con profondi spazi di meditazioni filosofiche manichee, in equilibrio fra Gaber, il primo Bennato (Edoardo), Rino Gaetano, il primo Vasco Rossi, Baccini, certo Capossela. Bellissimi, a loro modo, entrambi.

Il quarto raffinato, curato, politico, un disco d’altri tempi, in equilibrio fra De Andre’ (epoca Bubola), Tenco, Battiato, Baustelle e… Morgan.

Prima e dopo lo sballo, prima e dopo la major, direbbe qualcuno.

Non cerca il colpo ad effetto Truppi in “Poesia e civiltà”. Si siede e riflette.

Il tema dell’album è ben rappresentato dal filtro verde attraverso cui è fotografata la foresta in copertina (in cui la sagoma di Truppi è appena percettibile), la necessità e la voglia di assecondare la natura, e la natura umana che fa parte di essa, eliminando il superfluo, l’elemento economico e di cultura (in senso filosofico) di cui il mondo digitale è considerato l’emblema, affrontarla.

Districandosi nel bosco delle proprie insicurezze e delle proprie paure per uscirne migliori.

Ma non in solitudine.

Che poi quella foresta spesso non è altro, trasfigurato dagli anni, che lo stesso giardino del paradiso terrestre in cui più o meno tutti abbiamo vissuti gli anni migliori della nostra vita, quelli dell’infanzia, quando potevamo fare le stessa cazzate di oggi con le uniche differenze che ora la gente le prende più sul serio e che allora c’era sempre qualcuno che ti veniva a fermare (“Mia”).

Le descrizioni "paesaggistiche", splendide, di altre persone messe in confronto con quella di una persona amata (“Quando ridi”)

Canzoni che sembrano trattati antropologici (“L’unica oltre l’amore”), teologici (“Adamo”) e sociologici, e un trattato sociologico almeno in un caso una canzone lo è per davvero (“Ancient society”).

Dal punto di vista musicale, lui è un ottimo pianista, il pianoforte spesso in primo piano, code strumentali con arpeggi dal sapore quasi-prog (la già citata “L’unica oltre l’amore”).

Stile cantautorale classico anni 60/70, con una certa raffinatezza (non troppa originalità) compositiva e strumentale.

Un disco da ascoltare riflettendo e apprezzando ogni minimo dettaglio, di parole o di musica.

Pena, nel caso contrario, ritenerlo un disco palloso, sottotono e assolutamente dimenticabile, e se si giungesse a questa conclusione sarebbe davvero un peccato.

Commenti (Sei)

123asterisco
123asterisco
Opera:
Recensione:
Mi toccherà ascoltarlo!
Il Tin Hat Trio mi piace assaje.


zaireeka: 👍🙂
iside
iside Divèrs
Opera:
Recensione:
non sembra malissimo, quando finisco la serata in discoteque ci do un'orecchio, #forse


zaireeka: Si, a te potrebbe piacere. Anzi ero convinto (poi non ho trovato nulla lo confermasse) che me ne avessi già parlato tu qua
iside: questa volta sono innocente, io ho parlato solo dei Rumori della Tregua
zaireeka
zaireeka
Opera:
Recensione:
Modifica alla recensione: «...». Vedi la vecchia versione Poesia E Civiltà - Giovanni Truppi - recensione Versione 1


lector
lector
Opera:
Recensione:
Dovrò trovare il tempo per dargli un ascolto


lector: Poi ti farò sapere
zaireeka: Resto in attesa 🙂
zaireeka
zaireeka
Opera:
Recensione:
Resto in attesa 🙂


ZiorPlus
ZiorPlus
Opera:
Recensione:
Anche Claudio Lolli è bestemmiare? Come incipit


zaireeka: Non ho capito 🙁
zaireeka: C’è qualche citazione di Lolli che non conosco? Sono curioso
ZiorPlus: Borghesia - Claudio Lolli (1972)
Borghesia - Claudio Lolli - sottotitoli

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Poesia E Civiltà è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link