Godflesh
A World Lit Only by Fire

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Lo avevo detto, lo avevo già scritto in una precedente escursione in territorio Godflesh: che presto o tardi mi sarei occupato di A World Lit Only by Fire. Ed oggi è arrivato quel giorno. "Un mondo illuminato soltanto dal fuoco" recita il titolo. Ed è esattamente così...Immagine di copertina che vuole guardare indietro nel tempo, con quei colori funebri che ricordano quel macigno Industrial-Metal che è stato, e che è tuttora, Streetcleaner. Questa volta campeggia un'unica croce, tenuta nelle insicure mani di una figura umana. Prodotto e registrato nello studio di Justin, uscito per la sua etichetta discografica. Non deve render conto a nessuno, non devono dimostrare nulla; nonostante siano passati ben 13 anni dal precedente album. Sono ancora una volta soltanto in due a suonare nel disco; i ritrovati amici Justin, alla voce e chitarre, e G.C. al basso. Una dannosa drum-machine li accompagna nello sviluppo delle trame musicali edificate nell'inquieto scorrere dei brani. Un lavoro solido, schiacciante; un ritorno al pauroso passato che li ha visti dominare negli anni novanta. Si riconfermano i signori incontrastati della scesa Industriale; un martellamento asettico, glaciale, impetuoso che tutto annienta e travolge. Oscure trame suonate all'infinito; il basso apocalittico ripetuto con monotonia sostiene la meccanicità di una chitarra ad otto corde. Completa questa dimostrazione di forza spaventosa il latrato belluino di Justin: dal growl cupo e sfiancante, passando nell'arco della stessa canzone a toni più riflessivi, puliti, quasi di facile ascolto. Ma non c'è nulla di tenue nei minuti del lavoro. Dall'iniziale New Dark Ages alla conclusiva ed interminabile Forgive Our Fathers: un viaggio senza meta, una fuga verso il nulla, una caduta in un abisso saturo di sanguinante nerissimo catrame liquido. Dissonanti note, martellamenti uditivi che lasciano a corto di fiato; la solita esperienza dolorosa per quanto mi riguarda. Ma che godimento, che fottuto e bastardo godimento per i miei poveri timpani come avviene nella devastazione di Curse Us All: 3 minuti e 47 secondi di bombardamento a tappeto, di colata siderurgica da altoforno. Ancora ai vertici, ancora da massimo dei voti...SHUT ME DOWN...

Ad Maiora.

Questa DeRecensione di A World Lit Only by Fire è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/godflesh/a-world-lit-only-by-fire/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quattordici)

Onirico
Opera: | Recensione: |
Primo! Ma per caso quando canta "pulito", jesueggia?

Farnaby: JESUeggia eccome!
De...Marga...: Justin quando canta con toni puliti ricorda da vicino i suoi Jesu; ma musicalmente siamo da tutt'altra parte. Molto più accessibili i Jesu rispetto all'inferno uditivo della Macchina di Dio.
Onirico: Sì sì, ho ascoltato entrambi i progetti, sebbene i Godflesh non li abbia mai interiorizzati (sospetto siano migliori, e quindi che ci vogliano più ascolti, e dunque più tempo, mentre coi Jesu è stato amore a primo ascolto). Lo so che i Jesu sono più melodici (apparte in quello che secondo me è il loro capolavoro assoluto, cioè i 20 minuti di Heartache, dove la prima parte è molto Godflesh - uno dei miei brani musicali preferiti in assoluto) ...ma, di grazia, se sono un fan dei Jesu, quali brani di questo album fanno più al caso mio?
JonatanCoe
Opera: | Recensione: |
Prodotto nello studio di Justin Bieber ?!

De...Marga...: E ccerto che si!!!!
MrDaveBoy73: ma io Justin Bieber che dico io ?? allora no. se è chi dico io , ma non credo ....altri compiti da svolgere....
IlConte
Opera: | Recensione: |
Ahahahahahahah... ho sentito il pezzo...
Industriale in effetti ed a me piace artigianale, sisa’
Questo piace a @[sfascia carrozze], sicuro!!!

Farnaby: "A me piace l'artigianale"...bellissima
De...Marga...: Sicuramente lontanissimo dai tuoi ascolti musicali Conte!!! Non fanno per te, forse.
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Ah, latrato belluino di Justin!

De...Marga...: Riesci sempre a sottolineare il meglio del mio "delirio" scrittorio. Altro tuo enorme merito Almo!!!
Farnaby
Opera: | Recensione: |
Broadrick è un grande e lo dimostrano le mille opere che ci ha regalato.
Disco davvero notevole.


PVC: Justin Broadrick capace anche di insospettabili delicatezze.
Justin K Broadrick - Guitar Two Subsonic 3 Skinner's Black Laboratories
Farnaby: Jesu...
De...Marga...: Ormai in tutti i suoi progetti credo che Justin abbia superato i cento dischi pubblicati
lector
Opera: | Recensione: |
Grandissimo gruppo!

De...Marga...: Siamo almeno in due a pensarlo.
Farnaby: Tre...
sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Ottimo Pop anglofono.
Se in terra d'Albione ci fosse un festivalone bellissimo come il nostro Sanremo, loro, son sicuro, vincerebbero ammanibasse in virtù della melodia avvolgente e dei testi romantico-sentimentali.

De...Marga...: Certamente!!!
Marco Orsi
Opera: | Recensione: |
E bravo il nostro amatissimo!

De...Marga...: Justin personaggio cardine del Metallo degli ultimi 30 anni!!
luludia
Opera: | Recensione: |
sto ascoltando...il suono mi piace...grandissima tensione...è il cantato che mi lascia un po' così....

sfascia carrozze: Stimat(issim)o ConFratello @[luludia]
Lei sa (perfettamente) che io di mvsica non capisco gnente-di-nulla.
Ma per una unica e sola volta, La supplico, si fidi.
(Con Loro) Parta da qua
Godflesh - Like Rats
Anno di (dis)grazia 1990.
luludia: like little rats la seguiremo, lei è come il pifferaio di hammelin....
De...Marga...: Dai retta a me lulù: parti da "Pure", anno di grazia 1992. E poi Like Rats è del 1989, per la precisione. Band enorme comunque sempre!!
Caspasian
Opera: | Recensione: |
"Tutto brucia..."

De...Marga...: Hai ragione...
MrDaveBoy73: anche io
MrDaveBoy73: "per splendere bisogna bruciare" (cit.)
JURIX
JURIX Divèrs
Opera: | Recensione: |
Stupendamente devastaBBile! Uno dei diversi grannndi diZchetti dei GOODflesh.

De...Marga...: Sono totalmente dalla tua parte Jurello!! Sei riuscito a vederli dal vivo? Forse me lo hai già detto...o forse no.
JURIX: Sì sì! Ultimamente a Bologna e anniannianni fa n'altro paio di volte non mi ricordo dove.
Alfredo
Opera: | Recensione: |
Sempre sul pezzo. Per quanto riguarda Giustino ho finito i superlativi.

Devixn1
Opera: | Recensione: |
Justin e ben mitici e inarrivabili. Punto.

Rocky Marciano
Opera: | Recensione: |
loro sono dei capi, il progetto di Justin che preferisco sono i Techno Animal, tanta roba.

De...Marga...: Dei numerosissimi progetti di Broadrick quello che ho apprezzato di meno, comunque sempre un valido ascolto, sono i Techno Animal. Per il resto il top in Musica degli ultimi 30 anni, Godflesh in primis.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: