Gov't Mule
The Deep End, Volume 1

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Quando a mio padre (mai dimenticato primo mentore musicale) parlo di “gruppi” o “band” lui storce il naso.

- “Un complesso, intendi?”

- “Chiamalo come ti pare.”

Oggi, però, concordo con lui: i Gov’t Mule non sono un gruppo, sono un complesso; sono densi, potenti, variegati.

È un peccato che poche persone, qui in Europa, li conoscano. Meriterebbero certamente più fama. Certo, si perderebbe quel gusto un po’ pretenzioso di essere tra i pochi cultori, ma sono ben altri i musicisti che si accoccolano nella loro nicchia. Nati come progetto parallelo alla Allman Brothers Band, per iniziativa di Warren Haynes e Allen Woody, rispettivamente chitarrista e bassista, hanno oramai molti (25) anni di carriera, e pochi colpi sparati a vuoto.

In un triste giorno del 2000, Woody muore, si dice di overdose, ed in suo onore i rimanenti componenti del complesso decidono di registrare un album con i bassisti per i quali Allen aveva espresso apprezzamento. Nasce così The Deep End, Volume 1.

L’album si apre sul riff di “Fool’s Moon”. Quello che subito colpisce è però la voce di Haynes, calda, vibrata, e grassa abbastanza da cantare blues, ma non troppo per cantare rock. Il tono generale è lento, ma non compassato; gran parte delle canzoni avvolge e cresce col passare dei minuti. I riff sono caldi, pastosi; al contrario, gli assoli spiccano nitidi nell’intreccio di organi e chitarre.

L’intero disco suona un’America profonda, barbe lunghe e tracotanti panze da truck driver con un solo braccio abbronzato. Non manca mai un leggero senso di smarrimento, soprattutto nei testi. Probabilmente, se Non è un Paese per Vecchi avesse una colonna sonora (non sarebbe il film che è, direte voi), sarebbe proprio questa.

Non mancano momenti di profonda lirica; ad esempio “Banks of the Deep End”: una ballata di un uomo turbato, che nonostante la perdita della certezza, del proprio migliore amico, mantiene la speranza aggrappandosi alla solitudine della propria anima. Poco dopo, un’intro di organo si staglia indelebile ed apre per un’altra ballata, questa volta sognante e paterna. Impreziosita dalla voce nera di Little Milton, “Soulshine” richiama il Delta Blues più calmo e fumoso.

Con “Effigy”, i Mule, come di consuetudine, si prodigano in una cover: il risultato è magistrale, il testo essenziale e ciclico, lascia che gli strumenti siano protagonisti. Il profondo basso di Mike Watt prende corpo, ed incalza man mano la canzone, che per sette minuti gioca sempre sullo stesso ritmo, prima di assopirsi, esplodere, e sciogliersi in una jam poderosa negli ultimi 130 secondi.

Nell'eclettismo del disco non mancano momenti funk, come “Down and Out in New York City”, “Sco-Mule” o “Tear Me Down”. In generale i Mule si sono sempre dilettati ad influenzare il Southern Rock, sporcarlo ed impreziosirlo con stili, suoni e musicisti altri da loro.

L’album dopo la briosa - a dispetto del titolo - Tear Me Down, chiude con tutta la forza che può. Il riff è pesante, e rincara la dose emotiva. L’unica traccia incisa anche da Woody viene posta a chiosa di un album ricordo carico di sentimento e strutto dalla perdita, ma non perciò di commiserazione. “Sin’s a Good Man’s Brother”: i Mule lo sanno e non si perdono in pianti, si accomiatano con onore e con un disco grandioso.

Questa DeRecensione di The Deep End, Volume 1 è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/govt-mule/the-deep-end-volume-1/recensione-tonnodinoto

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Nove)

hellraiser
Opera: | Recensione: |
Bravo bravo. Disco stupendo, i primi Muli li adoro
BËL (01)
BRÜ (00)

fedezan76
Opera: | Recensione: |
È il disco che preferisco dei Muli e infatti l'ho recensito anche io. Loro sono dei musicisti straordinari e nel genere i migliori in circolazione. Dovresti ascoltare "Firewater" dei Whiskey Myers, se ti piace il southern rock credo faccia al caso tuo. Buona la recensione.
BËL (01)
BRÜ (00)

tonnodinoto: Grazie, sarà fatto!
dsalva
Opera: | Recensione: |
e bella Tonno....mi piace...un saluto!
BËL (01)
BRÜ (00)

IAmRapture
Opera: | Recensione: |
Warren Haynes... gran voce e gran chitarrista!
BËL (01)
BRÜ (00)

madcat
Opera: | Recensione: |
Bella la rece, conosco ovviamente gli Allmans (E grazie al... Hanno prodotto uno dei più bei live della storia del rock), non conosco loro ma li metto in lista
BËL (01)
BRÜ (00)

tonnodinoto: Bravo!
Falloppio
Opera: | Recensione: |
I Muli mi sono sempre piaciuti.
Ora li rispolvero...
BËL (01)
BRÜ (00)

Falloppio: Certo che sono tutt'altro che Easy listening
gaston
Opera: | Recensione: |
L' ho visto in giro. Se c'è ancora lo prendo.
BËL (01)
BRÜ (00)

tonnodinoto: Se sei di quelli che appendono i vinili al muro consiglio Dose, copertina spaziale
gaston: Ah ah mia moglie mi appende me al muro...:)
IlConte
Opera: | Recensione: |
A loro sempre cinque, poche palle. Bravo
BËL (01)
BRÜ (00)

tonnodinoto
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «La prima versione era poco sgangherata nella grammatica qua e là.». Vedi la vecchia versione The Deep End, Volume 1 - Gov't Mule - Recensione di tonnodinoto Versione 1
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: