Sto caricando...

Tom Barman & Guy Van Nueten
Live

()

Voto:

Un microfono, una chitarra acustica e un pianoforte: pochi ma buoni gli ingredienti delle performance dal vivo del nostro Tom.

Questo individuo con lo sguardo isterico e la mente fervida lascia sì in sofferente attesa i fan dei dEUS da quasi 5 anni, ma nel frattempo anima da dj (!) le notti mitteleuropee, ha girato un film, ha fondato un progetto techno/electro/jazz/blues (Magnus); ed è anche andato in giro per l’Europa esibendosi in intime serate unplugged in compagnia del pianista Guy Van Nueten.

Qualcuno ha registrato il tutto e messo insieme i pezzi migliori in un doppio cd. I due suonano anche svariate cover, di Joni Mitchell (una splendida River), di Nick Drake, di Serge Gainsbourg, di JJ Cale, addirittura “del” Bowie (Memory of a Free Festival, qualcuno non ci crederà ma gli è venuta molto bene) ed è soprattutto in questi pezzi che il bravo Guy si ritaglia il suo spazio con la sua ispirazione jazz.

Ma per lo più si tratta di versioni acustiche di canzoni dei dEUS (da questo punto di vista il disco non aggiunge molto alla qualità del quintetto belga), in cui è Barman a farla da padrone. Spesso addirittura Van Nueten si fa proprio da parte e gli lascia tutta la scena. Il set è molto 'stripped down', e Tom, “delicato ed egocentrico come la sua voce” (mi auto-cito), ci sa fare quando l’atmosfera è raccolta e la gente pende dalle sue corde vocali.

Magari non sarà il più virtuoso dei chitarristi, ma è sicuramente un artista che nelle proprie canzoni mette il cuore, le padroneggia e le culla come delle preziose creature, tirandone fuori il midollo (Right As Rain nella versione scheletrica ed emozionante che probabilmente aveva quando la scrisse, a 17 anni – 17 anni…), oppure – purtroppo non molto spesso – dando loro delle forme irriconoscibili (Everybody’s Weird rallenta, si calma, e diventa un pezzo stupendo).

Un pizzico di inventiva in più e questo disco sarebbe stato non solo bellino, ma anche spiazzante (che poi è quello che molti di noi vanno cercando, o no?). Continuerò ad ascoltarlo di frequente, credo, ogni volta che avrò l’occasione di chiudere gli occhi e guardarne le note emergere dal buio.

Ultimi Trenta commenti su Cinquanta

Hal
Hal
Opera:
Recensione:
caz!! sono sempre più curioso ...


NickGhostDrake
NickGhostDrake
Opera:
Recensione:
ieri notte ascoltando "nothing really ends" per la 7° volta consecutiva (non scherzo) mi è venuto un brivido (avevo anche fumato, tant'è) - STRUGGENTE.


lukin
lukin
Opera:
Recensione:
"Do you still love me? Do you feel the same? And do i have a chance of doing that old dance again...". Hai ragione Nickghost piace tantissimo anche a me (Nothing really ends). Però dai, "Everybody's weird", per esempio, non perde niente in questo live, anzi "denudata" così trovo che sia quasi più bella dell'originale.... :)


lukin
lukin
Opera:
Recensione:
Vale
Vale
Opera:
Recensione:
LO VOGLIOOOOOOOOOOOO ANKE IOOOOOOOOOOOOO IL CIDDDDDDDDIIIIIIIIIIIì....uffa! >:(


josi_
josi_
Opera:
Recensione:
Ok calma ragazzi, ci sono almeno 4 copie di questo disco in partenza da casa mia durante queste vacanze pasquali... (ops, ma si può dire questo in tv?) - Vale, se vuoi lo spedisco anche a te, fammi sapere.


Vale
Vale
Opera:
Recensione:
Siiiiiiii josi,siiiiiiiiiiiiiiiiiiiii....yeee eeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!!!!!!!
:D :D :D


NickGhostDrake
NickGhostDrake
Opera:
Recensione:
ahah vale, sei troppo forte :))


Hal
Hal
Opera:
Recensione:
E' raro che un disco mi conquisti in questo modo. L'ho ascoltato tantissimo in questi giorni. Lo trovo delicatissimo. Bellissima l'interpretazione di River Man di Nick Drake. Ma il momento più bello per me è l'intepretazione brevissima, sussurrata e intensa di My Funny Valentine, che si sarebbe sposata perfettamente con un assolo di Chet Baker. Credo che continuerò ad ascoltarlo moltissimo. Per i miei gusti è un gran disco. Grazie davvero josi.


Vale
Vale
Opera:
Recensione:
Ok...è ufficiale:HO COMPRATO IL CD!!!Adesso posso dare 1 voto,ovviamente........POSITIVISSIM O!!!!!!Non avevo dubbi!La voce di Tom è 1 spettacolo...e le canzoni splendide!!!E ho anke saputo ke i dEUS tornano a suonare in ITALIA...meglio di così!!!!!!Ciauz


G__á
G__á
Opera:
Recensione:
...che bello sto disco! grazieT!!


samterra
samterra
Opera:
Recensione:
zzzzzzzzzzzzzzzzzzzz
Opera:
Recensione:
ma come è sempre bella e ancora di più cantata dalla
voce tremolante del Barman...


My Funny Valentine//
Sweet Comic Valentine//
You Make Me Smile With My Heart
You're Looks Are Laughable//
Unphotographable//
Yet You're My Favorite Work Of Art//
Is Your FigureLess Than Greek//
Is Your Mouth A Little Weak//
When You Open It To Speak//
Are You Smart//
Don't Change A Hair For Me
Not If You Care For Me//
Stay Little Valentine Stay//
Each Day Is Valentine's Day




josi_
josi_
Opera:
Recensione:
JimMorrison
JimMorrison
Opera:
Recensione:
Questa non l'avevo mai letta caro Jos e devo dire che è bellissima, molto stuzzicante. Solo che non trovo adeguato il tuo voto di 3 stelle a quanto letto in rece. Certo concludi dicendo <<<Un pizzico di inventiva in più e questo disco sarebbe stato non solo bellino, ma anche spiazzante>>> ed ammetto che è qualcosa che cerco anch'io, ma il fattore "negativo" è solo quello o c'è dell'altro? Attendo fiducioso.


JimMorrison
JimMorrison
Opera:
Recensione:
josi_
josi_
Opera:
Recensione:
Bruttina Melanie Thierry, tzè.


JimMorrison
JimMorrison
Opera:
Recensione:
Guarda mi sono sforzato per la prima volta di fare un commento serio, di porgerti una domanda "basata" e tu rispondi ancora con questa storia di Mel. Senti, facciamo così, se ti trovi a passare da queste parti fammi un colpo di telefono che ti faccio ricredere in toto su questa elfica fanciulla. Comunque credo tu abbia coniato il tormentone DeB dell'estate 2006: <<<Bruttina Melanie Thierry, tzè.>>>


JimMorrison
JimMorrison
Opera:
Recensione:
Ma non rispondi di proposito per quel "Bruttina Melanie Thierry"? :)


josi_
josi_
Opera:
Recensione:
Mah, sai, ero indeciso tra 4 e 3, probabilmente sul momento avevo dato qualche 4 di troppo e allora non volevo sbilanciarmi; sì forse è un 3,5, ma insomma, la maggior parte dei pezzi sono canzoni dei dEUS in versione acustica senza grosse sorprese, in più a Tom non piace Melanie Thierry, quindi l'ho punito. P.S. "elfica", hai usato l'aggettivo giusto.


JimMorrison
JimMorrison
Opera:
Recensione:
Ok, torno a commentare qui dopo la carrellata di post sull'altra rece. Mi interessava molto sapere il perchè del tuo voto e, nonostante i tuoi limiti in fatto di estetica, devo dire che sei stato abbastanza oggettivo. Solo che hai acceso non poco la mia curiosità, tant'è che ti chiedo: facciamo un DeCrossing di SH e questo? Carina Melanie Thierry, tzè.


I_lOVE_mUSIc
I_lOVE_mUSIc
Opera:
Recensione:
questo disco e' bellissimoooooo!!!! bello stupendo, subito dietro allo scontro ideale, molto davanti al resto (pur bellissimo anch'esso). E a chi dice il contrario gli auguro di scrivere una ricetta col punitore!


JimMorrison
JimMorrison
Opera:
Recensione:
Allora deve essere proprio vero, senza dubbio. Che cosa facciamo recensire a josi col punitore? L'ultimo delle TATU?


I_lOVE_mUSIc
I_lOVE_mUSIc
Opera:
Recensione:
mah, la scelta e' ampia... magari la reunion dei take that...


JimMorrison
JimMorrison
Opera:
Recensione:
Naaa, quello sarà sicuramente un capolavoro d'arte moderna quindi non ci sarebbe alcun gusto. Che ne dici del disco di Di Risio? Se tanto da tanto e per Jos Melanie è bella, il voto sarà 5... elfica in senso lato.


I_lOVE_mUSIc
I_lOVE_mUSIc
Opera:
Recensione:
E chi e' sto Di Risio? Mah, Jim, ascolti roba troppo di nicchia per me.


JimMorrison
JimMorrison
Opera:
Recensione:
Io lo mettrei nella nicchia...


trellheim
trellheim
Opera:
Recensione:
tu, proprio tu che ami i suoni dolci e le voci flebili dai 3 misere stelline a questo disco? disco che rivela la bellezza delle canzoni dei dEUS, anche se ridotte all'osso? a volte non ti capisco. comunque penso che questa versione di nothing really ends sia di gran lunga superiore a quella "ufficiale". e poi le poinçonnieur de lilas è un piccolo gioiello.


MetallaroBionico
MetallaroBionico
Opera:
Recensione:
MINCHIA TI MANDEREI A SCRIVERE LE RICETTE CON PUNISHER, TI MANDEREI!


turkish
turkish Alto Papàvero
Opera:
Recensione:
L’ho riascoltato oggi. Non ascolto quasi mai musica del passato, ma questa è davvero ancora bellissima


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Live è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link