Hatfield & The North
Hatfield & The North

()

Voto:

Se si uniscono musicisti dei Caravan, dei Khan, degli Egg, dei Matching Mole, dei Gong e via discorrendo il rischio di ottenere un miscela "esplosiva" è davvero alto.
Da queste esperienze provenivano Richard Sinclair, Pip Pyle, Phil Miller e Dave Stewart che incassando anche la collaborazione del grande Robert Wyatt, diedero vita nel 1973 agli Hatfield & The North. Questo esperienza sarà una delle vette più alte del Canterbury Sound, due soli album, ma che hanno lasciato il segno.

Il disco di esordio, omonimo, racchiude il meglio delle caratteristiche dei musicisti e delle loro storie musicali. La meravigliosa copertina "veste" al meglio questo lavoro. L'equilibrio è perfetto tra le melodie di stampo "caravaniano" e le improvvisazioni di taglio jazzistico. Il suono complessivo - eccezion fatta forse solo per la chitarra elettrica distorta - è straordinariamente attuale.
La prima vera traccia, dopo i suoni introduttivi di "The Stubbs Effect" e la "pennellata" alla Caravan - che verrà poi ripresa - di "Big Jobs(Poo Poo Extract)" è "Going Up To People And Tinkling", dove la vena jazz-rock delle tastiere di Dave Stewart emerge senza titubanze, con la batteria di Pip Pyle elegante come sempre. Subito dopo, con "Calyx" arrivano i "gorgheggi" di Robert Wyatt (probabilmente alla prima uscita dopo l'incidente ). Il brano è straordinario, le armonie per niente ovvie, atmosfere eteree, voci che si inseguono, melodie irregolari ma nel contempo fluide. Siamo nel centro di Canterbury.
Partono adesso gli oltre dieci minuti di "Son Of There's No Place Like Hom", che dalla prima parte, con melodie non proprio usuali, si sposta verso melodie ancora più strane, quasi a riprodurre uno sghembo vociare di bambini, ma verso metà del pezzo arrivano le "The Northettes", con i loro coro angelico, che faranno da preludio ad una marcetta prog che ci condurrà alla fine del brano. Davvero originale, ma senza forzature. Dai dieci minuti del brano precedente si passa ai due minuti scarsi di "Aigrette", con la melodia in unisono tra voce e chitarra acustica, molto jazzy. Con la successiva "Rifferama", i musicisti daranno sfogo all'improvvisazione, siamo in pieno territorio jazz-rock, condito però da alcuni suoni atipici per il genere, ma propri di alcune esperienze canterburiane. Chiudono il pezzo delle "classiche" risate da telefilm (da notare, all'interno della copertina, una foto dei protagonisti della serie tv "Bonanza").

Con "Fol De Rol" viene fuori la vena malinconica tipica dei Caravan, la voce di Sinclair ed il suo basso caratterizzano ancora di più la bellissima melodia del pezzo. In questa alternanza tra brani corti con brani più strutturati, si arriva a "Shaving Is Boring", che passa subito da una primissima parte leggera ad un riff molto duro, con soli di basso, anche distorto, drumming molto serrato, specie sui piatti. Si è creato un tappeto sonoro a tratti psichedelico, uno dei momenti più difficili del disco, ma ancora più straordinario quando, dopo un letterale "sbattito di porta" si ascoltano frammenti dei brani precedenti che portano ad un preseguo del pezzo, lontani ormai dal riff che ha caratterizzato il brano. Straordinario.
La rassicurante voce di Sinclair ci riporta alla calma ed alle tonalità "grigio-rosa" con "Licks For The Ladies": un piccolo gioiello. Dopo la brevissima "Bossa Nochance", sempre cantata da Sinclair, il tema iniziale di "Big Jobs No2" viene ripreso e sviluppato, con eleganza e classe. Il solo di organo, ci riporta a "In The Land Of Gray And Pink", arricchito dai piccoli vocalizzi di Robert Wyatt.
Potrà ricordare nelle prime note, la "Primavera" di Grieg il terz'ultimo brano "Lobster In Cleavage Probe", affidato alle voci femminili delle "Northettes" nella prima parte, la seconda è ricca di soli di tastiera, su di una armonia molto varia, che si lega a "Gigantic Land-Crabs In Earth Take", altro momento più duro, con un lungo solo di chitarra elettrica, molto particolare, con un uso delle scale no molto scontato, ma che forse avrebbe meritato un "sound" meno acido. Come in apertura, altri "Stubbs Effect" chiudono questo straordinario disco.

Per gli amanti del Canterbury Sound, un must. Come anche il successivo "The Rotter's Club". Ma anche più in generale, un capolavoro.

Questa DeRecensione di Hatfield & The North è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/hatfield-and-the-north/hatfield-and-the-north/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (VentiDue)

ArnoldLayne
Opera: | Recensione: |
Ma anche...ma soprattutto un capolavoro..Calyx è la ciliegina..forse già c'era sta rece, ma sempre ottimo ripetere..Vedo varie rece prog di giuseppe40, bene bene, addirittura i Città Frontale, ottimo!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

paloz
Opera: | Recensione: |
Enorme disco, spesso dimenticato (o forse proprio manco considerato) a causa della "popolarità" di Rotters Club. Meraviglioso, grazie per aver (ri)aperto gli occhi agli smemorati. Ma non aspettarti molti commenti. Canterbury piace poco su sto sito.. Se vuoi ripasso più tardi a lasciarne un altro ;)
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

paloz
Opera: | Recensione: |
PS: Bella Arnold! Tutto a posto?
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

TheJargonKing
Opera: | Recensione: |
I vertici del canterbury sound. Un capolavoro immenso, non ci si può mai stufare di parlare ed ascoltare opere assolute come questa.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Ktulu
Opera: | Recensione: |
Rotter's Club gli è un pelo superiore, ma grandi davvero. Tastiere molto curate.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Cristo
Opera: | Recensione: |
devo riascoltarlo perchè non ricordo un figa di questo dico. bravo che lo proposto così magari lo ascolto
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

JakeChambers
Opera: | Recensione: |
Mi avete convinto, lo metto in download! :-)
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

lottalove
Opera: | Recensione: |
Un capolavoro di musica bella e fatta bene. Complimenti a "giuseppe40" per aver azzeccato in pieno la recensione.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

TEOMONDO
Opera: | Recensione: |
Discone assoluto. Non è vero che Canterbury piace poco su questo sito.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

ProgRock
Opera: | Recensione: |
UN CAPOLAVORO! contiene tutte le componenti del Canterbury Sound, dallo stile pop al Jazz.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

ProgRock
Opera: | Recensione: |
Il Canterbury e uno dei generi che preferisco ... a proposito conoscete i The Muffins?
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

OleEinar
Opera: | Recensione: |
Lo sto riascoltando proprio adesso, splendido. Come sottolinea giustamente il recensore, gli Hatfield sono un po' una sintesi delle varie anime canterburiane. Il successivo mi manca, ma se dite che è anche migliore rimedierò senz'altro. Curioso che nessuno avesse mai pensato di recensirlo 'sto disco, lacuna ben colmata.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

OleEinar
Opera: | Recensione: |
<< Canterbury piace poco su sto sito >>, mi sembra piuttosto sia vero il contrario. @ProgRock, i Muffins mai sentiti neanche nominare, c'entrano con Canterbury? Piuttosto, qualcuno ha mai ascoltato i Gilgamesh?
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

ProgRock
Opera: | Recensione: |
@OleEinar :certo che centrano con il Cantebury i The Muffins, l'album "Manna / Mirage" comprende lo stile soprattutto dei Soft Machine Di "Third" e Frank Zappa di "Waka /Jawaka" , li trovo molto interessanti.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

ProgRock
Opera: | Recensione: |
i Gilgamesh conosco l'album omonimo , molto bello.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

fusillo
Opera: | Recensione: |
Mooolto bello. Belle anche le due canzoni che chiudono il CD: "Let's eat (real soon)" e "Fitter stoke has a bath". Quest'ultima c'è anche sul secondo disco, "The rotters' club". Per altro "The rotters' club" è anche il titolo di un bellissimo romanzo di Jonathan Coe...
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

OleEinar
Opera: | Recensione: |
E' vero, da citare anche le ultime due tracce che sono i lati A e B del primo singolo degli Hatfield. @progRock, vedrò di procurarmeli entrambi in qualche modo, grazie.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

paloz
Opera: | Recensione: |
@commentatori: non volevo accusare la vostra passione per il Canterbury (come lo è per me), ma bisogna ammettere che siamo pochini.. E me ne rammarico
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

silvietto: Poki, ma Buoni!
SQUIREISGOD
Opera: | Recensione: |
Si, capolavoro immenso.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

jdv666
Opera: | Recensione: |
davvero un bell'album, poco da dire
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

ranofornace
Opera: | Recensione: |
"capolavoro" in testa al secondo "capolavoro"
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

silvietto
Opera: | Recensione: |
Ottima recensione, descrittiva e competente, per un gioiello assai ingiustamente misconosciuto. 5 ad entrambi e un grazie.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: