Heinrich Böll
Foto Di Gruppo Con Signora

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Dice il proverbio che non è tutto oro quel che luccica. "Quel che luccica", in questo caso, è un romanzo che viene unanimemente riconosciuto capolavoro e che fa incetta di premi e riconoscimenti. Pubblicato nel 1971, "Gruppenbild mit Dame" (questo il suo titolo originale) si rivela un best-seller e procura al suo autore, Heinrich Böll, il Premio Nobel per la letteratura nel 1972. Si tratta senz'altro di un'opera imponente ed ambiziosa: l'ormai maturo Böll, all'epoca ultracinquantenne, canalizza tutti i suoi sforzi e il suo talento per superare sé stesso, probabilmente consapevole di aver raggiunto la compiutezza stilistica con lo straordinario, impareggiabile "Opinioni di un clown" (1963), e dà alla stampa questo "Foto di gruppo".  La mia opinione è che il renano abbia fatto di meglio. Spiace dirlo, soprattutto quando si è consci che l'opera presa in esame sia il tentativo da parte dell'autore di fare il proprio meglio. Sarà che ambizione non sempre fa rima con perfezione, sarà che "Opinioni" non è un semplice romanzo, ma un imprescindibile pezzo di letteratura del Novecento che in ogni caso avrebbe rappresentato l'insuperabile vertice della produzione bölliana. Ma andiamo con ordine.

Böll smette i panni del narratore onnisciente e dell'io narrante per intraprendere una nuova forma di scrittura: il narratore, che nel libro si fa chiamare semplicemente A. (autore), è un cronista che raccoglie testimonianze e citazioni e riporta documenti ufficiali (alcuni realmente esistiti). L'indagine vuole delineare una sorta di biografia imparziale (ma l'A. non riuscirà sempre a celare i suoi punti di vista) di Leni Pfeiffer, una donna bella e sensuale,  che al momento della ricerca, avvenuta nel 1970, ha quarantotto anni. Si apprende così che Leni, nata Gruyten nel 1922, è figlia di buona famiglia borghese. Ella trascorre la giovinezza frequentando senza particolare dedizione un istituto religioso, in cui resta affascinata dalla figura di suor Rahel, monaca eccentrica ed anticonformista che nel tempo diventerà sua amica e guida spirituale.

E' inoltre significativa anche la profonda amicizia con la coetanea Margret, uno dei teste più gettonati nonostante le cattive condizioni di salute in cui versa (ha contratto alcune malattie veneree prostituendosi). Leni ha sempre nutrito una profonda ammirazione per il fratello Heinrich e, adolescente, s'invaghisce, peraltro ricambiata, del cugino Erhard, senza però concretizzare mai questo sentimento. All'alba della guerra, Heinrich e Erhard partono per il fronte e muoiono: è l'inizio di una serie di sciagure che porteranno la famiglia Gruyten nel baratro. Leni si sposa con Alois Pfeiffer, un firmaiolo dell'esercito: un'unione piuttosto di convenienza e senza amore, almeno da parte di lei. Più o meno contemporaneamente alla morte di Alois, anch'egli caduto in guerra, il padre di Leni, un imprenditore edilizio, viene accusato di speculazione. La ragazza si vede costretta a cercare lavoro e lo trova in una fabbrica di ghirlande e corone mortuarie.

Il suo datore, Pelzer, si innamora perdutamente di lei, ma Leni inizia una rocambolesca relazione con Boris, un rifugiato politico sovietico. Per amore di lei, comunque, Pelzer difenderà i due nuovi amanti dalle invidie e dalle malelingue del posto di lavoro, renderà possibile la loro unione e sarà addirittura testimone al battesimo del loro figlio Lev: tutto questo alla fine della guerra, mentre infuriano i bombardamenti e le esecuzioni. Nell'immediato dopoguerra, periodo in cui hanno inizio la drammatica divisione tra est e ovest e conseguenti ostilità tra le parti, Boris viene scoperto dalle autorità, che puniscono la sua "clandestinità" trasferendolo in una cava di pietre, dove, manco a dirlo, troverà la morte. Leni si chiude sempre più in sé stessa, in una malinconica solitudine, e sarà ad ogni modo sempre oggetto di scherno e maldicenze per via della sua relazione con un "nemico" dell'Occidente.

Avendo messo in particolare rilievo gli anni del secondo conflitto mondiale, l'A. non riserva molto spazio agli ultimi due decenni: si sa, comunque, che Leni vive con una coppia di giovani, per motivi di privacy chiamati Hans e Gretel, che il figlio Lev sta scontando una condanna in carcere per frode, che su di lei, sempre più impoverita e abbandonata a sé stessa, gravano pesanti minacce di pignoramento, che comunque ha da poco iniziato un nuovo legame amoroso con un immigrato turco di nome Mehmet, dal quale aspetta il secondo figlio.

Böll distilla ancora una volta la sua ossessione: la guerra e i suoi effetti devastanti sulle vite delle persone, stanche, annichilite, provate da un'interminabile serie di lutti. Non a caso tutti i personaggi descritti, al di fuori dei due giovani inquilini di Leni, Hans e Gretel, e del figlio venticinquenne, hanno vissuto in pieno gli anni del secondo conflitto mondiale. E' ad ogni modo un romanzo di ampio respiro, che, nonostante sia maggiormente concentrato sugli anni della belligeranza, seguendo la vita della protagonista tratteggia per sommi capi mezzo secolo di storia tedesca, dalla Repubblica di Weimar al Sessantotto. Eppure, se ci si concentra solamente sulla lettura, Böll risulta così "monumentale", come lo definì Bevilacqua, così volutamente ostico da sembrare a tratti innaturale.

La sua narrativa è sempre stata raffinata, ha sempre richiesto un certo impegno, ma questo libro a volte si rivela davvero una sfida alla pazienza del lettore. Non è da escludere che Heinrich Böll, così importante ed autorevole per le generazioni future, sia stato a sua volta influenzato da un altro nome importante della letteratura tedesca del secondo Novecento, Günther Grass, dieci anni più giovane di lui. Ma la prosa sovrabbondante e particolareggiata all'inverosimile per Grass è una naturale ed originale propensione stilistica, mentre a "Foto di gruppo" conferisce una patina di pedantesco calligrafismo. Ad esempio, trovo ambigua la scelta di attribuire a tutti i testimoni notevole abilità dialettica e lessico forbito, senza fare distinzioni di età, professione ed educazione, cosicché gli interventi sembrano più dei monologhi di intellettuali che dei semplici racconti di vita vissuta. Viene spontaneo chiedersi: perché? Per qual motivo rendere alcune caratterizzazioni così sociologicamente improbabili? A questo punto risulta chiaro un certo autocompiacimento.

Finora abbiamo elencato i difetti, se così li vogliamo definire. E i pregi? Beh, in verità negli stessi motivi che rendono questo romanzo controverso e non del tutto riuscito risiede il suo stesso fascino. Non avrà la spontaneità di "E non disse nemmeno una parola", non sarà dolorosamente sincero come il già citato "Opinioni di un clown", ma resta un'opera comunque meritoria, ammirevole soprattutto per la compiutezza formale. E' inoltre da considerare che queste inedite e in parte poco condivisibili scelte stilistiche non fossero state intraprese soltanto per bizza: non era facile, in piena Guerra Fredda, esporre i propri punti di vista senza riserve e non rischiare la censura o addirittura la persecuzione politica, soprattutto in Germania, che per l'appunto era il fulcro di entrambi i blocchi. La scelta di affidare la narrazione ad una voce super partes e di riportare punti di vista diversi permette all'autore di non prendere troppe posizioni e di esporsi così ai suddetti pericoli. E' notorio comunque che lo scrittore fosse indignato dai pregiudizi e dalle tensioni che imperavano in quel periodo: lui stesso fu accusato di simpatizzare con il terrorismo a causa delle sue amicizie con intellettuali del blocco sovietico.

"Foto di gruppo con signora" ci presenta l'autore in una veste rinnovata: sì caustico e ficcante come sempre, ma in modo più sottile ed implicito rispetto al passato. Ed è, indubbiamente, l'ennesima  grande prova di alta levatura intellettuale. E' arrivato il momento di decidere: "quel che luccica" è ancora una volta oro? Sì, anche se non del più puro e sopraffino di marca Böll. E' dunque impossibile, un po' anche per timore reverenziale, non approssimare per eccesso e dare il massimo dei voti.

Questa DeRecensione di Foto Di Gruppo Con Signora è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/heinrich-boell/foto-di-gruppo-con-signora/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dodici)

Greg*89*
Opera: | Recensione: |
Ah però, anche se con temi diversi l'impianto dell'intreccio mi ricorda La Vera Vita di Sebstian Knight.
BËL (00)
BRÜ (00)

London
Opera: | Recensione: |
mi innamorai di Leni. Libro stupendo
BËL (00)
BRÜ (00)

alia76
alia76 Divèrs
Opera: | Recensione: |
Böll l'ho sviscerato. rimane in cima ai miei autori preferiti. tuttavia a questo ed a opinioni di un clown ho preferito "e non disse nemmeno una parola" ( un sagte kein einziges Wort). nella letteratura delle macerie va ricordato anche lo sfortunato Borchert.
BËL (00)
BRÜ (00)

imasoulman
Opera: | Recensione: |
urca...mi stava sfuggendo, causa impaginazione impossibile per il mio lillipuziano 10"...Boll non si discute, si ama, di più o di meno, ma siamo sempre e solo tra i "fuori categoria". E poi in questo libro c'è uno spaccato di Germania come - all'epoca - non ce la si immaginava neppure, spietatamente realistico anche quando, come fa notare con acutezza il recensore, la penna prende un pò il largo e forse l'asciuttezza avrebbe meglio giovato al risultato finale. Che rimane comunque un'imprescindibile capolavoro
BËL (00)
BRÜ (00)

gasolio
Opera: | Recensione: |
Scoprii Boll con i racconti di 'E non disse nemmeno una parola' e poi lessi nel giro di un anno quasi tutti i suoi romanzi. Per le tematiche trattate (gli anni di piombo tedeschi gli unici, pur nella grande differenza, raffrontabili ai nostri) mi appassionai soprattutto a 'L'onore perduto di Katarina Blum' e ad 'Assedio Preventivo' due tra gli ultimi lavori dello scrittore tedesco che rimane, a mio modestissimo parere, uno dei grandi del 900.
BËL (00)
BRÜ (00)

blechtrommel
blechtrommel Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ho letto solo Opinioni di un clown e mi è piaciuto molto. Questo me l'ero segnato.
BËL (00)
BRÜ (00)

Alì Murtacc
Opera: | Recensione: |
Davvero molto interessante. Non conosco Boll, ma mi hai messo molta curiosità. Ora sto leggendo tutt'altra roba (L'ombra dello scorpione di King), ma questo me lo memorizzo da qualche parte.
BËL (00)
BRÜ (00)

Workhorse
Opera: | Recensione: |
Ce l'ho ma non l'ho letto, ho letto solo E non disse nemmeno una parola e L'angelo tacque
BËL (00)
BRÜ (00)

Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera: | Recensione: |
Lo sto leggendo in questi giorni e mi ha davvero rapito. Ripasso appena terminato per voto a rece e libro.
BËL (00)
BRÜ (00)

ilfreddo
ilfreddo Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ho letto solo questo e Opinioni di un Clown. Il libro non è facile, ma è stupendo perché riesce a dare un affresco completo che risulta molto realistico e ottimamente reso. Grande autore.
BËL (00)
BRÜ (00)

lucapizzi
Opera: | Recensione: |
Concordo con la recensione, grande prova di stile e maturità da parte di Boll, ma il risultato mi ha deluso. Molte perle e finezze di ironia, ma manca un filo conduttore coerente, il lettore si perde sempre più e perde di interesse per un libro che finisce per essere molto...noioso! Ho apprezzato molto di più i racconti, vero capolavoro.
BËL (00)
BRÜ (00)

SmElly
Opera: | Recensione: |
In passato ho letto "Opinioni di un clown, che ho adorato. Ora, invece, sarà la delusione dell'aspettativa, sarà il sonno primaverile che abbatte drasticamente le mie risorse in termini di capacità di lettura, ma di quest'opera, almeno per ora che sono all'inizio della lettura, non mi sento di esprimere opinioni troppo lusinghiere.
1. Non c'è narrazione "scenica", non un'azione, niente, è tutto un resoconto di questo fantomatico narratore "A"; i pochi frammenti dialogici sono tutti discorsi riportati, non c'è mai un personaggio che si muove al grado 0 sulla linea temporale; è tutto successo anni prima ed è tutto filtrato dal racconto dei vari personaggi al narratore "A" e poi dal racconto di quest'ultimo. Questa scelta rende la lettura davvero difficile e noiosa, tale da mettere alla prova anche un lettore instancabile.
2. C'è un richiamo costante alla sessualità che francamente trovo un po' morboso. Va bene dare il senso del moralismo del tempo, va bene - forse- farci immaginare il narratore "A" un po' senile e voyeur, ma forse si tende ad eccedere in leziose quando inutili allusioni.
3. Si percepisce un certo autocompiacimento dell'autore nell'arte della scrittura, un'esibizione virtuosistica che francamente al lettore non serve a nulla. Non è quello che cerca.

Spero di riuscire ad andare avanti nella lettura, e magari di postare più avanti anche qualche commento positivo. :-)
Alla prossima!
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: