Idles
Joy as an Act of Resistance

()

Voto:

If you’re happy
Listen to Joy
If you’re sad
Listen to Joy
If you’re Angry
Listen to Joy

Se il primo album degli Idles assestava colpi brutali al nostro lobo temporale, la parte del cervello con le orecchie, Joy deve essere ascoltato con attenzione come una di quella barzellette a doppio senso che il tuo amico ti racconta in metro sussurrando e poi alzando la voce durante gli stridii delle curve.
Colossus, il primo singolo, l’ho dovuto ascoltare e riascoltare per dire “ma che album è questo?” . Quello scritto da un working class hero inglese che si racconta e descrive la società che gli è intorno: razzista, pompata, alcoolizzata, brutale ma ancora piena di disarmante voglia di relazioni significative (Cry to me) perché “la solitudine è solo una perdita di tempo”! Sul palco troviamo uno Ian Curtis epilettico che canta testi di Tom Waits accompagnato dai Sex Pistols e poi dagli Swans (June): this is Fucking GREAT!
Dopo i toni intimisti ed il racconto di una eredità paterna che aderisce completamente al tuo essere senza più scollarsi di dosso (“I’m my father’s son / his shadow weight a ton-) Talbot, Idles’ frontman, ci mostra i nuovi barbari cocainomani, pompati e con la permanente. Essere odiati da queste “ghiandole ambulanti” è una nota di merito: “He hates me/ and I like that” sentiamo in “Never fight a man with a perm”. Il ritratto di questi uomini è grottesco, impietoso ma anche graffiante ed ironico: se doveste girarvi in metro o in palestra ve ne trovereste uno accanto per certo e lo riconoscereste per una borsa “Charlie Sheen” piena di coca (cola).

E se il primo EP oscillava tra echi degli Interpol (26/27), chitarre a là Editors ed intrecci vocali pescati dagli At the Drive-in (Two Tone), questo lavoro risulta viceversa prepotentemente personale pur non essendo propriamente originale: ma quale gruppo potrebbe dichiararsi tale, oggi?
Qui Sono i testi, la modalità narrativa ed i contenuti a fare la differenza grazie anche alla forza di un uragano di intrecci sonori più complessi e stratificati di quelli ascoltati nel primo, Arrapantissimo LP: BRUTALISM!
Fossi stato in voi, a quest’ora avrei già smesso di leggere per lanciarmi in un negozio di dischi, si: no mp3, qui lo dovete ascoltare a palla ed in vinile, in versione rosa, arancione (2000 copie) o gialla limitata a 300 copie!

Questa DeRecensione di Joy as an Act of Resistance è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/idles/joy-as-an-act-of-resistance/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Nove)

kloo
Opera: | Recensione: |
Io li ho entrambi neri... Non sono razzista
BËL (00)
BRÜ (00)

MusicNeverHeard: Manco loro :-P
RinaldiACHTUNG
Opera: | Recensione: |
Bel disco; sa di bevute e scazzottate
BËL (00)
BRÜ (00)

MusicNeverHeard: Si, decisamente energetico, ma in maniera molto più insinuante ed insidiosa del primo album. IO li andrò a vedere/sentire per pagare a morte a Milano, 22 Novembre
MusicNeverHeard: Era pogare. Ho pagato a morte il viaggio da Roma, in compenso
Carlos: 22 Novembre. Se riesco vengo pure io.
MusicNeverHeard: Dai, se ci vai fammelo sapere qui.
Carlos: Molto molto probabile. In ogni caso ti confermerò
Carlos
Opera: | Recensione: |
Sono rimasto al primo. Rimedierò pure questo.
BËL (00)
BRÜ (00)

MusicNeverHeard: Per me è pazzesco, solo Rottweiler non mi piace tanto, ma il lato A è pazzesco e la cover di Solomon Burke è da urloooooooo!
IlConte
Opera: | Recensione: |
Bella
BËL (00)
BRÜ (00)

MusicNeverHeard: grazie. l'ho scritta sulla metro B (Roma) alle 7 di mattina
lector
Opera: | Recensione: |
Benvenuto. Bella recensione.
BËL (00)
BRÜ (00)

MusicNeverHeard: Grazie! È un piacere scriverle qui sapendo che ci sono persone che poi si ascolteranno qualcosa d bello
proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
EEEE
BËL (00)
BRÜ (00)

MusicNeverHeard: Dici troppo alto il mio voto al disco?
proggen_ait94: no, era un semplice suono inarticolato.
proggen_ait94: il disco lo ascolterò a breve
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Ottima recensione. Il loro debutto era molto promettente.
BËL (00)
BRÜ (00)

gaston
Opera: | Recensione: |
Pesissimi e pazzoidali.
Stavo seduto ascoltando Dear Reader buono buono.
Sono saltato per terra.
BËL (00)
BRÜ (00)

Taurus
Opera: | Recensione: |
Non ricordo bene, ma forse li ho ascoltati in un passato prossimo.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: