A 30 anni di distanza dall'ultimo album in vita Malelingue, e a 25 dall'ultimo album postumo Per sempre... Ivan, arriva, dopo un egregio lavoro in studio da parte del figlio Filippo e dei suoi collaboratori Ivan Graziani - Per gli amici, bellissimo disco obiettivamente, che aggiunge ulteriore valore al fatto di essere opera postuma di uno dei più grandi cantautori e chitarristi italiani.

Otto brani per quasi 26 minuti da ascoltare tutti d'un fiato.

Si parte con Una donna, dove si elencano le cose che si perdono per una donna, appunto.

In La rabbia interviene a completare il brano la voce del figlio Filippo, e c'è pure una strofa dedicata dal padre al figlio illo tempore!

L'italianina è dolcissima, da ascoltare e riascoltare.

La canzone dei marinai è un poderoso rock quasi cinematografico, che si apre e si chiude con le onde marine.

E poi arriva l'irriverente TV, dove pure ci sono interventi vocali di Filippo ma gli acuti sul titolo sono del padre!

Miley è una simpatica canzone ambientata a Napoli, e per il sottoscritto, della provincia di Napoli, è un motivo in più per amare questo pezzo.

Ti sorprenderò è il pezzo più lungo dell'album, 3 minuti e 52 secondi, e la voce di Ivan è cristallina.

A chiudere tutto gli splendidi fraseggi chitarristici della title-track, dove Ivan promette di cantare sempre per gli amici, a costo di un raffreddore. C'è pure, ascoltando attentamente, un richiamo a Lugano addio!

Le otto tracce sono state ritrovate dai figli Filippo e Tommaso in una valigia, e dopo trent'anni risultano oltre che godibili attuali, perché Ivan Graziani ha sempre saputo trattare temi universali.

A Ivan Graziani - Per gli amici, e alla sua copertina interamente bianca con la scritta in corsivo Ivang, 5 stelle tutta la vita!

Carico i commenti... con calma