JK Flesh
Posthuman

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Ero all'oscuro di questa bestiale entità; devo ringraziare un commento di sfascia carrozze ad una mia recente pagina sui Godflesh. Commento che ha indicato la via, la giusta strada per conoscere l'ennesimo progetto di Justin Broadrick.

Sono così partito dal primo disco dei JK Flesh, uscito nel Maggio del 2012.

La summa della trentennale carriera musicale di un personaggio che non ha bisogno di presentazioni; siamo dalle parti del capolavoro, di un nerissimo e disturbante capolavoro.

Justin ripercorre strade già battute in precedenza con Greymachine, Techno Animal, Godflesh ed anche, in minima parte, Jesu.

Strade dense, industriali, del tutto artificiose; voci cavernose, compresse cariche di sanguinanti scariche postumane.

Un album dove le chitarre erigono un metallico e mostruoso muro sonoro; un marchio di fabbrica riconoscibilissimo che si fonde con incessanti ripetizioni sintetiche, sample martellanti, drone alieni e notturni.

L'ascolto ininterrotto del lavoro richiede uno sforzo come pochissime altre volte mi è accaduto negli ultimi anni; dai tempi di "Disconnected" dei Greymachine non provavo simili drammatiche sensazioni. Alienazione, oppressione, angoscia, paura: tutto questo si ricava dallo scorrere consecutivo dei lunghi nove pezzi che costituiscono le fondamenta del monolite uditivo.

Si erge come delirante vertice il secondo brano "Idle Hands". Asfittici giri di chitarra ripetuti fino allo sfinimento; una voce che sembra provenire da antri sepolti ed infernali; ritmiche spezzate, frazionate, laceranti che ti annientano. Mandandomi il cervello ancora una volta in fusione.

Scarsissime le note che si possono leggere all'interno della confezione cartonata; non ci sono testi, non ci sono ringraziamenti. Niente, niente, niente di tutto questo...(Neg-AZZ-ione).

Claustrofobico e marziale...WALK AWAY...

Ad Maiora.

Questa DeRecensione di Posthuman è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/jk-flesh/posthuman/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (Undici)

Galensorg
Opera: | Recensione: |
Eh! JK Flesh è un progetto bestiale, appunto! Felice di vederlo per la prima volta nel DeBasio.
Conosco alcuni brani del suddetto disco e mi sa che, quindi, devo recuperare il resto. Copertina bellissima, a mio parere!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Si figuri Caro, è sempre un piacere il tentare di coadiuvare l'apporto di un po' di sano, incompromissorio, nichilismo sonico para-industriale all'interno del DeDatabaser. Non sono così sicuro che (anche per mé) il disco valga cinque pallottole cinque, però ottima DePagina. Davvero. UH!
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

nes
nes
Opera: | Recensione: |
Quello che ho sentito fa spavento. Non so se ho sentito brani di questo disco o di cosa, ma faceva spavento. Appena recupero possesso della mia vita mi scarico tutto. Purtroppo me lo ripeto da un paio di mesi.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

nes: ho trovato il alvoro che ho sentito: Suicide Estate Antibiotic Armageddon | JK FLESH
tia
tia
Opera: | Recensione: |
Passai per un saluto! il disco in questione non lo ascolterò credo mai, non penzo faccia per le mie (o)recchie..
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

JonatanCoe
Opera: | Recensione: |
Bel colpo DeMa (come sempre), messi nella lista dei prossimi ascolti.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Almotasim
Opera: | Recensione: |
Visto che leggere le tue recensioni e' sempre davvero molto bello, ed edificante, ho pensato di ascoltare il pezzo collegato, e tutto andava bene fino alle voci "cavernose, compresse cariche di sanguinanti scariche postumane"... ostici, osticissimi, loro, per me. Tu grandissimo nello scrivere e descrivere/dipingere. La tua assenza di una decina di giorni pesava piu' di questa musica.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Bello mi hai fatto venire voglia di ascoltare vinili di fine ottanta che da anni non ascoltavo più.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Johnny b.: Mi sa che hai ragione 5 stelle li merita tutte. Album che sale ascolto dopo ascolto
Harlan
Opera: | Recensione: |
Da come lo descrivi sembra veramente interessante, me lo vado subito a cercare.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

IlConte: Ahahah interessante nobile?! Secondo me fa pauraaaaaaaaaaaaaaa!!! Ma li hai letti gli aggettivi?! Inquietante, io ho paura!!!
Harlan: Che vita é senza rischi, caro Conte? Vediamo se ne uscirò indenne! Ahahah
IlConte: Pienamente d'accordo sono 50 anni che vivo così!
De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Mi sono preso una decina di giorni di forzata meditazione; poi questa notte verso l'una ho deciso di rientrare ed ho dovuto, voluto farlo con uno dei personaggi musicali che più apprezzo negli ultimi trent'anni. Ed è stranissimo la sensazione che ne ricavo mentre il mio fedelissimo impianto Kenwood ha ripreso proprio ora a sommergermi con la musica dei Soundgarden. Il disco è sempre il medesimo, quel Badmotorfinger che conosco a memoria; ogni secondo, ogni parola, ogni urlo, ogni nota. Una dlle mie Bibbie non solo degli anni novanta
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Johnny b.: Badmotorfinger il mio album Grunge preferito. Anche se Ultramega Ok Louder e i due Ep Fopp.e screaming life non sono da meno. Superunknow bello ma troppo patinato pulito per i miei gusti.
IlConte
Opera: | Recensione: |
Beh soffrendo di ansia cronica io le provo già sul quotidiano sono sempre avanti zio porco! Forse se lo ascolto (a palla in cuffia ovvio) prendo uno xanax in meno ahahah! Mitico, mon ami! Non conosco nessuno, ma dei Godflesh penso che sia in arrivo qualcosa. @[Pinhead] (5)
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

De...Marga...: Justin è uno dei pochissimi artisti, forse attualmente l'unico, che riesce ad "emozionarmi" ogni volta che ascolto una sua nuova uscita discografica che non conosco. Sono stato sommerso dai brividi quando sono partite le prime note del brano d'apertura dall'mproponibile titolo: "Knuckledragger". Tutto questo alla veneranda età di cinquant'anni e dopo decenni di devozione assoluta alla Musica!! Meravigliosa creatura la nostra Musica caro il mio Conte!!!
IlConte: Parole sante, pardon demoniache è maledettamente sagge mon ami!
De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Avevo dimenticato il mio abituale saluto, mannaggia!!!». Vedi la vecchia versione link rotto
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: