Julian Mente
Non c'è proprio niente da ridere

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


A quattro anni di distanza dall’uscita di “Frantumi” tornano i Julian Mente con un album diretto ma molto ben studiato. Rappresenta tutto ciò che muove questa band, la rabbia e la costante voglia di gridarla al mondo. La band tenta di spiegare da dove proviente tutto questo furore e quindi la nascita di questo nuovo disco: “ti accorgi che nelle piccole città avvengono piccole cose ma che si relazionano comunque ai grandi eventi che compaiono ogni giorno alla tv. Lo show ad ogni costo, la derisione pubblica e la noncuranza sono stati l’innesco della nostra combustione musicale.” Non una rabbia immatura e fine a se stessa, quindi, ma l’esatto opposto.

La voglia di denunciare comportamenti di una società che sta scomoda alla band. Tutto ciò e non solo racchiuso in un album emocore, punk, noise e wave. Un album che si potrà trovare dal 10 ottobre in tutti gli stores digitali.

Questa DeRecensione di Non c'è proprio niente da ridere è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/julian-mente/non-ce-proprio-niente-da-ridere/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Due)

algol
Opera: | Recensione: |
Ha un po' tutto l'aria di essere dannatamente palloso. Come le tue recensioni formato promozionale.
BËL (01)
BRÜ (00)

lector
Opera: | Recensione: |

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: