June Of '44
Four Great Points

()

Voto:

Anni 90. Il Grunge stava allargando a dismisura le sue radici, il post rock stava nascendo, l'hard rock era presente da sempre. Ovviamente gli Stati Uniti da padrone. Parlando di Stati Uniti cito il Kentucky. Città, Louisville. Accantoniamo per un attimo il Bourbon Whiskey. Originari di qui sono i quattro baldi giovani che hanno deciso di formare all'epoca la band con il nome di June of 44, oggetto di questa rece. Nome coniato in base ad importanti fatti storici accaduti appunto in quel periodo e protagoniste le lettere di Henry Miller. Quali siano questi fatti io non lo so, boh.

Questo album dal titolo Four Great Points, a parer mio il migliore ed il più coinvolgente vede la luce nel 1998 dopo i precedenti lavori Engine Takes to The Water e Tropics And Meridians. Poi verrà dopo questo Anahata. Le enormi fiamme si sono spente e dalle ceneri dei Codeine, dei Rodan e dei Sonora Pine nel 1994 nascono i qui presenti. Non si parla più di Hardcore degli inizi e Slowcore a braccetto con gli Slint ma i quattro, Erskine, Meadows, Mueller e Sharin, decidono di strutturare un suono che per gli anni in cui nasce è una fusione di Grunge, Post rock, Hardcore e Rock. E mettiamoci anche influenze Jazz. Posso solo fare un paragone con gli Iceburn o con i Jesus Lizard. Ma è un affronto. Posso definirlo come musica dei June of 44.

In questo album come non mai si viene coinvolti in pezzi di assoluta bellezza compositivita, sonorità taglienti, controtempi e ripartenze, le voci di Mueller e Meadows alternano momenti di calma e lucidità delle ottime ballads ad altri di schizofrenica visceralità. Lo si nota in pezzi come The Dexterity Of Luck ( Quiet ) e Cut Your Face ( Allucinato e Tagliente, lame per chitarre e lamette nella gola, timbriche ostiche, canto tragico ). In questo lavoro vi è anche un sapiente uso della tromba, suonata con lucidità da Erskine, ed anche di tastiere, mood, campionatori. Sono abilissimi nel costruire trame imprevedibili e sempre cariche di tensione, sempre cariche di chitarre distorte quanto basta e pezzi di trasporto cosmico con tromba soffusa e chitarra pizzicata come in Air 17.  I June of 44 si scioglieranno poi nel 2000. Con questo album sono giunti alla quadratura del cerchio, un lavoro di assoluta bellezza che ha segnato uno stile ed un'epoca. Da avere assolutamente!!!

Questa DeRecensione di Four Great Points è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/june-of-44/four-great-points/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (VentiDue)

lemuro
Opera: | Recensione: |
.........eccezionali..........però preferisco Tropics And Meridians......non sono daccordissimo per l'ingrediente "hardcore".........ma chissenefrega..........
BËL (00)
BRÜ (00)

Nero
Opera: | Recensione: |
"ad importanti fatti storici accaduti appunto in quel periodo e protagoniste le lettere di Henry Miller. Quali siano questi fatti io non lo so, boh". se non hai studiato, almeno guarda il soldato ryan, l'ignoranza si può curare
BËL (00)
BRÜ (00)

theknife82
Opera: | Recensione: |
Magari leggere wikipedia ed informarti no???
BËL (00)
BRÜ (00)

emofiliaco
Opera: | Recensione: |
Bello,bello,bello, li vidi due volte a Bologna tra il 98' e il 99'(mi sembra di ricordare..),bravi bravi,bravi.
BËL (00)
BRÜ (00)

emofiliaco
Opera: | Recensione: |
il voto...
BËL (00)
BRÜ (00)

Frank G
Opera: | Recensione: |
No!!! Non so quali siano questi fatti o per il momento mi sfuggono!!! Qual'è il problema? Commentate il disco e non le mie scarse nozioni di storia!!! Cafoni!!!
BËL (00)
BRÜ (00)

theknife82
Opera: | Recensione: |
?si chiamano june of '44 e manco sai che vuol dire?poi che ci voleva a sbirciare su wikipedia?
BËL (00)
BRÜ (00)

Nero
Opera: | Recensione: |
ci sono cose che vanno sapute. lo sbarco in normandia è una di queste. se oggi scrivi le tue porcherie su debaser è anche perchè c'è stato il 6 giugno del 44.
BËL (00)
BRÜ (00)

azzo
Opera: | Recensione: |
Il precisino lo faccio io. June è la moglie dello scrittore Henry Miller. Il triangolo erotico-letterario con Anais Nin pare si sviluppò nel '44. Nel giugno di tale anno inoltre è nata mammà del chitarrsita Mueller, mentre il nonno di Meadows se ne stava in Europa a far la guerra. Porta pazienza Frank, ma qua siamo tutti, giustamente, pignoli...
BËL (00)
BRÜ (00)

popoloitaliano
Opera: | Recensione: |
niente cazzi: grande disco, grazie a questo ho ampliato la mia conoscenza "post+rock" ad altri collaterali: un pò ostico all'inizio ma poi si svela, altrochè se si svela !
PS affanculo lo sbarco in Normandia
BËL (00)
BRÜ (00)

Nero
Opera: | Recensione: |
testa di cazzo qualunquista come il nick che ti sei messo
BËL (00)
BRÜ (00)

popoloitaliano
Opera: | Recensione: |
Vaffanculo a te e a tutta la tua razza
BËL (00)
BRÜ (00)

Nero
Opera: | Recensione: |
sei cinese o ti mandi a fanculo da solo?
BËL (00)
BRÜ (00)

CoolOras
Opera: | Recensione: |
Certo, sono cose che si imparano fin dalle elementari queste... Mah..
BËL (00)
BRÜ (00)

N.I.B.II.O
Opera: | Recensione: |
in una recensione dei june of 44 non nominare i fugazi è un sacrilegio imperdonabile, che cazzo centrano i jesus lizard?
BËL (00)
BRÜ (00)

psychopompe
Opera: | Recensione: |
mi spiace ma c'era già ed era meglio
BËL (00)
BRÜ (00)

Frank G
Opera: | Recensione: |
C'era già cosa? Grandiosi i FUGAZI!!! Omissione imperdonabile!!! Perdonami N.I.B.II.O.
BËL (00)
BRÜ (00)

easycure
Opera: | Recensione: |
io non ci vedo tanto grunge.. E poi sembra più un disco crossover che non un'opera moderna quale in effetti è.. bello, comunque
BËL (00)
BRÜ (00)

easycure
Opera: | Recensione: |
cioè dalla tua recensione sembrerebbe più un disco crossover, non si capiva bene la mia frase :-)
BËL (00)
BRÜ (00)

Frank G
Opera: | Recensione: |
Easycure apprezzo sempre sia le tue recensioni sia i tuoi commenti!!! Grazie :-)
BËL (00)
BRÜ (00)

Fraxinus
Opera: | Recensione: |
Un disco che merita anni di ascolti. Non amo le definizioni assolute, ma mi sento di dire che questa è una chiave di volta di ciò che chiamiamo "post-rock".
BËL (00)
BRÜ (00)

proggen_ait94
Opera: | Recensione: |

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: