Sto caricando...

Langhorne Slim
When the Sun's Gone Down

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Un giovane figlio bastardo dell'America...

Langhorne Slim dalla Pennsylvania di trasferisce nella grande mela dove ottiene una laurea in commercio presso la New York State University, prendendo Brooklyn come residenza fissa. Dopo un paio di ep autoprodotti approda all'etichetta Narnack Record dove trova la possibilità di realizzare un album intero, accompagnato nell'impresa dalla fida sezione ritmica, formata da Malachi DeLorenzo alla batteria e Paul "the War Eagles" DeFiglia al basso.

"When The Sun's Gone Down" è un vero e proprio gioiello folk-punk-country, che disegna perfettamente una delle (migliori) strade possibili che la musica tradizionale americana possa prendere per rinnovarsi rimanendo fedele al solco delle propria tradizione. Ci sono alcune ballate che "tradiscono" queste origini nate intorno al fuoco nelle sere in cui le carovane dei pionieri si accampavano a cerchio e la sera la festa ruotava sulle chitarre ed i banjos annaffiati dall'acqua di fuoco, per cui "Mary" è cantata con una voce struggente o "Drowning", che malinconicamente unisce Woody Guthrie agli Uncle Tupelo con un'amarezza sbilenca, a tratti è commovente. In "Checking Out" si fanno "indie" mentre nella finale "I Love To Dance" scendono ai confini col Messico per partecipare ad un Fandango, con tanto di cori e trombe a creare la miglior festa a cui si possa partecipare in un pueblo abbandonato ai confini del deserto...  e fin qui siamo ancora nella normalità. Le cose più spiazzanti del disco iniziano subito con il country-core dell'iniziale "In The Midnight" dove il trio si fa power per esprimere un'urgenza repressa per molti (troppi) anni, nell'esasperazione hyper con cui si (ci) chiedono "And If It's True", nella rabbia del folk-punk tzigano di "Hope And Fullfilment" o in quello più diretto di "I Will" o nella furiosa quadriglia suicida di "Set Em Up".

Credo che questo possa bastare per la curiosità, ma come perla finale cito la splendida ballata "I Aint Proud" dove calde linee disegnate da una morbidissima slide si alternano alle melodie incupite della voce di Langhorne Slim, qui più pacata, ma sempre sbilenca e tagliente.

E con queste premesse, lasciamo pure che il sole tramonti sull'Impero Americano.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su SessantaNove

OleEinar
OleEinar Divèrs
Opera:
Recensione:
@Staypower, ma perchè lo sono ovviamente!


OleEinar
OleEinar Divèrs
Opera:
Recensione:
O forse sarà perchè domani ho un esame, che dovrebbe essere l'ultimo della mia carriera universitaria, e invece non lo passerò... O magari perchè adoro questo sito, e se lo adoro è perchè c'è ancora gente affetta da sindrome da scaffale come Tollani che ha voglia ogni tanto di perdere un po' di tempo a comunicarci il suo entusiasmo per la musica.


Alexander77
Alexander77
Opera:
Recensione:
Bella...qualche sample Lewis?Suona tipo?Giusto per aver un'idea...


Lewis Tollani
Lewis Tollani Divèrs
Opera:
Recensione:
@alexander77 ho appena postato un video nella DePlaylist oppure clicca il link More Info e ti troverai sulla sua pagina di myspace dove puoi trovare alcuni brani del nuovo lp...


Alexander77
Alexander77
Opera:
Recensione:
A buon rendere!


c'è
c'è
Opera:
Recensione:
bella rece, questo proprio non lo conosco


Rooftrampler92
Rooftrampler92
Opera:
Recensione:
mai ascoltato, molto interessante...bravo lewis.


STAYPOWER
STAYPOWER
Opera:
Recensione:
@Lewis, insomma...ho solo ben capito che lei ha una sensibilità da stampino da 5 stelle. Compliments! :D Ah! Lei mi ascolta pure i Manowar???? Uddio!!! Pensi che io non ho mai avuto il coraggio di ascoltare alcunchè di loro :D @Oleinar anch'io lo adoro stò sito, mica è solo tutto suo e di carl lewis sa? E si riguardi le coronarie per domani, in culo alla Balena!


psychopompe
psychopompe Divèrs
Opera:
Recensione:
strano staypower, mi sembra che non riesci + a reggere il gioco della tua fakeness truzza, e diventi meno interessante. Peccato avevi delle potenzialità....


I_lOVE_mUSIc
I_lOVE_mUSIc
Opera:
Recensione:
ci mancava solo il caso umano dottore che commenta coi voti periodici... abbiamo finite le scorte di stupidaggini


STAYPOWER
STAYPOWER
Opera:
Recensione:
@Psycho, no, no, diciamo che ho aggiunto solo qualche altro centinaio di vocaboli all'originario striminzito slang staypoweriano, ma la battaglia contro il truzzismo imperialista è sempre più viva che mai. Del resto il mio rimbrotto verso Lewis (recensore di dischi di nicchia osannati a prescindere) è perfettamente coerente con quanto trattato nella mia ultima rece.


Dr.Adder
Dr.Adder
Opera:
Recensione:
Il commento 49 è indubbiamente e periodicamente mediocre...
Rinnovo i saluti a Tollani.


OleEinar
OleEinar Divèrs
Opera:
Recensione:
Ma cosa vuoi rimbrottare tu, una sola riga di una qualsiasi recensione di Lewis o di Psycho vale più di tutte quelle che hai scritto finora e scriverai in futuro, buone solo per farsi due risate (non che non serva anche quello).


Lewis Tollani
Lewis Tollani Divèrs
Opera:
Recensione:
Saluto il Dottore, Ole, Psycho ed a STAIPOTENTE dico che c'è grossa grisi nelle sue ultime parole... "Del resto il mio rimbrotto verso Lewis (recensore di dischi di nicchia osannati a prescindere) è perfettamente coerente" non è molto coerente con EVOKEN 5 - INCHIAVATU 4 - BEL-SAGOTH 5 - GOTTHARD 5 - BATTLEROAR 4 - THE OCEAN 4 - BERSERKER 5 - ALTARIA 5 e i poveri CELESTY 3... non mi sembra che i gruppi da te recensiti non siano di nicchia e che i voti siano molto distanti dai miei...


STAYPOWER
STAYPOWER
Opera:
Recensione:
@Oleinar... ascolta caro...tu oggi non hai tutti gli ormoni a posto, capisco l'ansia dell'esame e se sei pure sotto i giorni del ciclo hai tutta la mia umana comprensione. Ma paragonare le mie cialtronerie con le rece dei tuoi compari che aspirano al premio pulitzer non la dovevi fare. Rischi di umiliarli...


Lewis Tollani
Lewis Tollani Divèrs
Opera:
Recensione:
cioè... non mi sembrano mostri (beh oddio non sono nemmeno fotomodelli) sacri i gruppi che hai recensito... sono nicchia di una nicchia della musica... quindi segui il consiglio di Chino Moreno ed invece di stare power, BE QUITE AND DRIVE (FAR AWAY)...:-)))


STAYPOWER
STAYPOWER
Opera:
Recensione:
@Lewis & Oleinar, vambuò, cmq, grazie per la chiaccherata. Mi pare che abbiamo esaudito anche il requisito essenziale di un sano scambio di vedute, che è quello di rimanere fedeli alla propria monolitica opinione. Alla prossima rece. STAY FIVE STARS.


OleEinar
OleEinar Divèrs
Opera:
Recensione:
In effetti in 'sti giorni sono un po' isterico... sarà l'esame, sarà il ciclo, o saranno magari i primi subdoli sintomi di una terribile sindrome da scaffale?


OleEinar
OleEinar Divèrs
Opera:
Recensione:
Comunque si accettano scommesse su chi si nasconde dietro il nick Staypower ;-)


Dr.Adder
Dr.Adder
Opera:
Recensione:
Mah!...certo che tutti questi nick che cominciano con s....chissà!


supersoul
supersoul
Opera:
Recensione:
mastro tollani il sole lo abbiamo già visto (sentito) tramontare da un pezzo sull'impero americano, parecchi ci hanno portato sulla collina a vedere questo spettacolo della tradizione americana rinnovata lungo dei solchi sbilenchi, Violent Femmes, Camper van Beethoven,Chickasaw Mudd Puppies . Godiamoci questo dischetto senza nessuna pretesa di essere un capolavoro.(ps.in macchina ho ancora un più vetusto caricatore Sony,ma è da 10, e in passato Langhorne ha fatto ha fatto compagnia a Ray Bingham, Levon Helm, Incredible Sting band, Chickasaw Mudd Puppies e porca miseria sembravano tutti fratelli )


Lewis Tollani
Lewis Tollani Divèrs
Opera:
Recensione:
@supersoul... come sempre i tuoi interventi sono mirati e ricchi di nomi da scoprire... vero non ne voglio fare un capolavoro, ma anche dai nomi che citi (a parte Bingham e Chickasaw Mudd Puppies che non conosco, ancora...) sono passati almeno dieci anni (Helm è un po' che gira... The Band) in cui questo genere si era accartocciato su se stesso... quando ho sentito Slim è stata una ventata di aria fresca, musica tradizionale americana rivista e corretta... moderna (ed è qui lo stupore, mio)...


Opel
Opel
Opera:
Recensione:
supersoul
supersoul
Opera:
Recensione:
@lewis: Ryan Bingham, di cui puoi leggere la la recensione, con il suo "Mescalito" dell'anno scorso ha fatto un disco bellissimo che non toglierai dal lettore per un bel pezzo, però è più legato alla "tradizione" avendo come padrini Joe Ely e Terry Allen e come produttore Marc Ford il chitarrista slide dei Black Crowes. Invece i Chickasaw Mudd Puppies erano un duo strampalato di Athens GA (prodotto nientemeno che da Michael Stipe) che suonavano dei blues rurali con armonica, chitarra, asse per il bucato e una voce che pare identica a Les Claypool dei Primus, due pazzoidi.


NathanAdler77
NathanAdler77
Opera:
Recensione:
Esauriente & sintetica: ottima rece.


OleEinar
OleEinar Divèrs
Opera:
Recensione:
Ma questo canta ubriaco fradicio? Bellissimo comunque, grande proposta come al solito Lewis.


boredom
boredom
Opera:
Recensione:
bel disco, grazie ancora Lewis per la segnalazione.


sciusciola
sciusciola
Opera:
Recensione:
bleeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeee


Emerson
Emerson
Opera:
Recensione:
Toh, ripescaggio di questa bellissima recensione. Grazie Lewis!


Pseudodionigi
Pseudodionigi
Opera:
Recensione:
90% dei commenti non li capisco.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di When the Sun's Gone Down è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link