BUMBUMBUM! Questa è MDMA dei Love 666... I tamburi, come lenti bordoni sepolti, fondono il cervello; pompa il groove e monta, come un Blob fradicio di acidume assortito: si va dal bagno di feedbacks, alle esalazioni da discarica sonora, come neanche il peggior infuso dell'Africa nera e oscura... Ad officiare il rito, la voce inzuppata di volts di Dave Unger, che pare un angelo in anfetamina.

BUMBUMBUM! Questa è MDMA e sarà così per tutto il disco... Sfilano National, Blue Scream, Hard Rock Amerika, U.S.A, ma il risultato è sempre spietatamente uguale a se stesso. Come se faceste suonare contemporaneamente i Velvet Underground di "White Light/White Heat", l'Hendrix di "Star Spangled Banner" ed un qualunque pezzo house mandato in reverse e al rallentatore. Questa è la rivoluzione antiamericana degli Amore 666, un monolite, una lunga metal-macumba, con la chitarra ad ostinarsi su tre-accordi-tre di sudicio hard-blues, come in un folle esercizio zen estremo e bizzarro, mentre i larsens di Gary Mono e le tastiere sono uno studio dentistico al lavoro.

"...in a country where it's legal to own automatic assault weapons, politicians and CEO's look like pop-up-targets down on range..." sentenzia l'antipatriottico Dave. Questi sono i suoi Love 666, pura anfetamina strisciante, da Minneapolis. Oltre i Blue Cheer, oltre Sun Ra, oltre l'oltre...

Carico i commenti... con calma