Love and Death
Between Here & Lost

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Ho sempre apprezzato Brian "Head" Welch per il suo sound oscuro, solenne, inquietante, penetrante, gotico che ha rivoluzionato il concetto di chitarra solista nel Metal e ha dato la possibilità ai Korn di emergere negli anni '90. Che dire poi della voce, rabbiosa (chi non si ricorda di "Ball Tongue?!") ma anche dolce all'occorrenza come nel suo album solista "Save Me From Myself" (2008), in cui affronta i fantasmi del suo passato, la dipartita dal quartetto di Bakersfield e le grandi difficoltà del suo presente di padre single e di ex tossico dipendente alla luce della conversione al Cristianesimo (ovviamente inaspettata e, per alcuni maliziosi, niente meno che una mera scelta di marketing). Nel 2013, però, Head ritorna nei Korn sorprendendo tutti e annuncia, parimenti, un nuovo progetto musicale che chiama "Love and Death" con i cui membri: JR Bareis (chitarra), Micheal Valentine (basso) e Dan Johnson (batteria) si recherà in tour per sponsorizzare il sopracitato CD autobiografico. Nello stesso anno, inoltre, la band lancia la sua prima fatica che, a mio avviso, non può che piacere ai fan dei Korn della vecchia guardia: molta pesantezza data dalle chitarre in primo piano e dalle percussioni poderose, il tutto condito dal basso del buon Valentine, il cui suono ricorda vagamente il suo mentore, Fieldy; il cantato di Welch dà quindi quel tocco in più che rende questi 4 ragazzoni più interessanti e "commercially appealing". Un disco di sostanza, senza troppi fronzoli, in cui l'elettronica è molto essenziale per lasciare spazio a un sound tipicamente Nu Metal, ma che racchiude in sé anche una vena di Goth Rock. Ecco cosa vi aspetta quando ascolterete la prima opera dei "Love and Death", la cui traccia migliore è a mio avviso "The Abandoning", sebbene il livello musicale si mantenga in tutti i brani molto elevato. Insomma se vi piacciono i Korn primordiali non potete che dare un'occhiata anche a questa gran bella band che se maggiormente sponsorizzata potrebbe, a mio modesto parere, diventare un punto di riferimento nel suo genere. Per giunta fra non molto (giusto il tempo per trovare un nuovo bassista dato il passo indietro di Valentine?) dovrebbe uscire il loro secondo disco, anticipato nel 2016 dal singolo "Lo Lamento". PS Per darvi un'idea, vi lascio il video della loro performance a "Rock am Ring 2013".

https://youtu.be/34DOWrWThUk

Questa DeRecensione di Between Here & Lost è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/love-and-death/between-here-and-lost/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (Due)

LuckHR689
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Aggiunta link». Vedi la vecchia versione link rotto
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Pinhead
Opera: | Recensione: |
Partito per sbaglio il voto all'opera :-)
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: