Luna
Nestvarne stvari

()

Voto:

Cari amici di DeBaser, ascoltate: chi vi ha raccontato la new wave sia stato un fenomeno musicale di esclusivo dominio e collocazione geografica anglosassone, le spara grosse. E chi sostiene che, va bene, qualche cosa di buono sul genere è stato pubblicato pure laggiù, dalle parti di New York, nei lontani United States of America, pure vi sta vendendo una grossa fregatura.

Fermo restando, difatti, la difficile definizione di cosa sia stato e di cosa sia esattamente "wave" e "new wave", e di cosa non lo è, dunque il ruolo fondamentale che hanno avuto nello sviluppo di questa corrente musicale band che venivano da New York e Manchester, piuttosto che da Londra, è innegabile che per tutti gli anni ottanta vi siano state espressioni di questa corrente musicale in giro per l'intero pianeta e tutta la cara vecchia Europa. Ne abbiamo avuto degli ottimi esempi in Italia, dato che i vari Litfiba, Diaframma, CCCP e Faust'o sono tutti artisti riconducibili alla corrente new wave e che Firenze in particolare è ancora oggi additata come una città allora meta di pellegrinaggi e portatrice di una certa ventata culturale che probabilmente non ha avuto eguali nella storia della musica rock italiana.

Comunque evidentemente la "nuova onda" doveva essere lunga, se era arrivata persino nella ex Jugoslavia, dove anche la Serbia aveva la sua roccaforte new wave, la sua Manchester. Questa era Novi Sad, città capoluogo della Vojvodina nel nord della Serbia e posta sulle rive del grande fiume Danubio. Novi Sad la città madre dei Luna, che poi sono la band che ora vo a recensire.

Correva l'anno 1984, non a caso lo stesso anno di Pornography dei Cure per dirne uno a caso, quando i Luna hanno dato alle stampe Nestvarne stvari, un disco che ancora oggi viene considerato in patria come uno dei dieci dischi rock più importanti della storia della Serbia e della ex Jugoslavia. E' il loro unico Lp ed è un gran bel disco, ma sarebbe riduttivo considerarlo come un episodio isolato o un singolo exploit di una scena musicale che per la verità era abbastanza in fermento e che annoverava, tra gli altri, la band ska dei Kontraritam, la storica band dei La Strada (parte dei quali - il chitarrista e leader Zoran Bulatovic "Bale" e il batterista Ivan Fece - saranno parte integrante anche dei Luna), i Pekinška Patka (pure loro fomentati dal solito agitatore Zoran Bulatovic "Bale"), gli Obojeni Program, che oggi vantano ben trenta anni di attività; gli Ekatarina Velika da Belgrado; etcetera, etcetera.

Capitanati dal carismatico chitarrista Zoran Bulatovic "Bale" detto Balder e dal vocalist Slobodan Tišma - completavano la formazione il batterista Ivan Fece e la graziosa tastierista dalla voce tetra e spettrale Jasmina Mitrušic - i Luna non possono quindi essere definiti dei veri e propri pionieri. Altre band e progetti musicali, che pure anche avevano visto magari la partecipazione di componenti dei Luna, vantavano un'anzianità maggiore. Insomma, Nestvarne stvari, traducibile in italiano come "Qualche cosa di irreale", si può considerare come il punto più alto raggiunto da una corrente musicale he nella ex Jugoslavia aveva un certo seguito, e si può definire senza dubbio come uno dei dischi wave più interessanti pubblicati nell'Europa continentale di quegli anni. Un disco dark wave date le atmosfere particolarmente gotiche e decadenti che caratterizzano le dieci tracce del disco.

Gli accostamenti che possiamo fare sono quelli con band più famose e popolari dell'epoca: più i Bauhaus di Peter Murphy e i Virgin Prunes, che Cure; più Birthday Party che Joy Division; più Public Image Limited che Sound o Jesus and Mary Chain. E sono forse proprio i Public Image Limited, unitamente ai Bauhaus e a Siouxsie Sioux e le Banshees, la band più prossima ai Luna, le cui sonorità, oltre che perché oscure e sicuramente dark, si distinguevano perché paranoiche, allucinanti e ridondanti, quasi noise e le cui liriche sono spesso quasi "recitate" con una teatralità tipica del genere e che può trovare adeguati epigoni proprio in Lydon, Peter Murphy e nelle produzioni più dark wave degli americani Tuxedomoon.

Insomma, cari amici di DeBaser, non lasciatevi sopraffare dai soliti pregiudizi da quattro soldi e ascoltatevi i Luna. Non ve ne pentirete: soddisfatti o rimborsati. Io l'ho fatto e ne sono felice.

Questa DeRecensione di Nestvarne stvari è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/luna/nestvarne-stvari/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (Undici)

iside
iside Divèrs
Opera: | Recensione: |
mi si cita :-)) new wave? be scarca questo Download
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

iside
iside Divèrs
Opera: | Recensione: |
iside
iside Divèrs
Opera: | Recensione: |
che palle sti link frantumati... www.isidebloginfausto.splinder.com
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Safet Osmanovic
Opera: | Recensione: |
proposta interessantissima
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

drunkedQueen
Opera: | Recensione: |
Mmm...mi pizzica troppo le corde questa proposta, ascolterò. Intanto l'ultimo link è un 5 secco!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Nico63
Opera: | Recensione: |
Grande album davvero, dall'inizio alla fine ricco di spunti; ben calato nel clima della new wave dell'epoca e al tempo stesso molto peculiare. Personalmente trovo straordinaria la triade centrale ("Povratnik", "Okean", "Amazon"): la prima e la terza per gli imprevedibili cambi di tempo e, specie la prima, il suono del basso, la seconda per la splendida prestazione della cantante. Grandioso il lungo brano conclusivo ("Balder na prozoru"), che dapprima sembra compendiare quanto si è sentito fino a quel momento, per poi chiudersi in un crescendo parossistico che, fra l'altro (almeno a mio parere), anticipa molte cose venute fuori in seguito. Ho fatto cenno alla sezione ritmica, ma non meritano minore apprezzamento chitarra e tastiere, capaci di creare atmosfere altamente suggestive. Onore al merito del recensore, che spero ne abbia altre in... serbo :-D
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

cappio al pollo
cappio al pollo Divèrs
Opera: | Recensione: |
A questo punto prolungherò l'astinenza dal mio percorso derecensoreo. In compenso ora posso andare a vantarmi con le amiche di avere un pisello più bello di quello di Casini. Buone feste!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Continuity IRA
Opera: | Recensione: |
Interessantissimo. Qual è il rischio che mi deluda?
BËL ( 00 )
BRÜ ( 01 )

Continuity IRA
Opera: | Recensione: |
Mamma mia che bello! Che pariata!!!!!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 01 )

Continuity IRA
Opera: | Recensione: |
La migliore è la title-track, ma anche "Fakir", "Vila" e "Ogdelalo Lune" non demereritano affatto. Per la verità dopo "Povratnik" scema un po' la vena dei nostri amici slavi. Grandissima segnalazione, comunque! Grazie!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 01 )

Fatalamanga
Opera: | Recensione: |
Ciao a tutti! Giusto stamattina ho trovato questa bella recensione. Zoran Bale Bulatovic è il mio uomo:-).Dopo 13 anni a NewYork City lui ora vive con me in Sud Italia,Puglia,dove abbiamo un Teatro (www.fatalamanga.org). Ti ringrazio in suo nome per questa recensione e per l'interesse al suo lavoro post LUNA, puoi trovare di più qui:www.baleswebpage.com
Qui si può anche ordinare "Nestvarne Stvari" CD direttamente da noi. Se qualcuno ha qualche domanda potete contattarci a info@fatalamanga.org.
Donna Giulia
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: