Lupe Veléz
Weird Tales

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Nuova uscita di Area Pirata, un’etichetta che e’ ormai una garanzia per gli amanti delle sonorita’ ’60 piu’ ruvide e per i nostalgici della mitica scena garage-punk italiana degli ’80. E’ infatti merito di Area Pirata e dell’instancabile e curioso Tiziano Rimonti se abbiamo avuto la possibilita’ di ascoltare i nuovi dischi – e anche ristampe di vecchi lavori - dei No Strange, dei Sick Rose, dei Not Moving e degli Steeplejack. Ma Area Pirata e’ molto attiva anche nello scoprire e valorizzare nuovi talenti. Di recente mi sono occupato dei validi lodigiani The Scrubs. Ora e’ la volta dei livornesi Lupe Velez che sono al loro esordio sulla lunga distanza con “Weird Tales, il cui titolo rimanda ad atmosfere gotiche e tenebrose cosi’ come la raffinata copertina, degna di una pellicola horror. In realta’ non si tratta di un gruppo dark! Anzi al contrario i Lupez Velez sono devoti alle radici del piu’ classico garage-rock, quello che negli anni ’80 andava molto di moda anche nella nostra penisola. Tra l’altro fra gli ospiti troviamo una vera e propria leggenda come Dome La Muerte, guru e trascinatore di band fondamentali come i CCM e i Not Moving e che rappresenta un pezzo di storia del rock italiano. “Weird Tales” e’ il coronamento di un percorso creativo che ha visto i Lupez Velez fare diverse esperienza dal vivo e pubblicare un EP – “Mystic man” – nel 2015. A giudicare da questo disco l’impressione e’ quella di trovarsi di un gruppo valido e affiatato: certo non c’e’ niente di nuovo in quello che viene proposto ma l’intenzione non e’ certo quella di essere originali a tutti i costi ma c'e' solo la voglia di suonare vecchio e immortale rock’n’roll: il tutto con un approccio punk e con uno stile che non disdegna la melodiae un feeling genuinamente ’60 come si puo’ ascoltare in tracce come l’iniziale “It Seems So Real”, l’orientaleggiane ed esplosiva “Mystic Man”, la dirompente “Asleep”, la punkeggiante “Banned From The City” e la power-pop “Oblivion”. Consigliato caldamente ai seguaci e ai nostalgici del garage-punk! Disponibile su Bandcamp al seguente link: https://lupevelez.bandcamp.com/album/weird-tales.

Questa DeRecensione di Weird Tales è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/lupe-velez/weird-tales/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quattro)

Pinhead
Opera: | Recensione: |
5 pure all'album, a prescindere, perché è su Area Pirata, ecco.
BËL (01)
BRÜ (00)

caesar666
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «https://www.facebook.com/vivalalupe/». Vedi la vecchia versione Weird Tales - Lupe Veléz - Recensione di caesar666 Versione 1
BËL (00)
BRÜ (00)

CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
Caesar tu sei tra i più appassionati e competenti qui sul DeB..se dessi anche un po più di aria alle tue pagine saresti da sposare..
BËL (01)
BRÜ (00)

Almotasim
Opera: | Recensione: |
La copertina è in effetti un'autentica meraviglia.
BËL (01)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: