nessuna delle sue certezze valeva un capello di donna

D - Potrebbe essere una recensione su un brano musicale composto dal tastierista Richard Wright?

R - Potrebbe!

D - Potrebbe essere una recensione su un libro di Albert Camus?

R - Anche!

D - Potrebbe essere un altro editoriale sulle note?

R - Perché no?

D - Potrebbe essere tutto riconducibile ad un mito greco ( Σ ί σ υ φ ο ς ) ?

R - E cosa non lo è?

D - Potrebbe essere un pot-pourri di tutto questo ed altro?

R - Sì!

Ok, procediamo per ordine, ho appena terminato (ieri) di leggere sul mio kindle “Lo straniero” un classico dell'assurdo coevo del Il mito di Sisifo” (dello stesso autore scrittore, filosofo, saggista, drammaturgo ed attivista francese) nel retro di casa seduto su uno sgabello di plastica bianca mentre dal cielo plumbeo scendono minuscole gocce di pioggia intrisa di sabbia che in breve ricopre i vetri della mia panda color vainiglia e lo schermo del ebook reader di macchie biancastre che mi tocca ripulire ogni 5 minuti col palmo della destra spegnendo previamente il kindle per poi riaccenderlo... e come sottofondo non ci sarebbe stata male la suite di 13:28 “Sisyphus” di cui ho letto poc'anzi ed inserita nell’album “Ummagumma” del ’69, dove il tastierista pinkfloydiano riprende il mito di Sisifo che spinge una roccia su una collina scoscesa nell'Ade, Sysyphus Part I è una sorta di introduzione, apre il disco portando subito le atmosfere su toni solenni, quasi funebri, ecco ***4 sono i cambiamenti del brano, che si mantiene su una rigida struttura ritmico/melodica, scandita da un martellamento di timpani, di 4/4 (i primi 12 secondi vedono la seguente successione in tonalità di Re minore: Re, Re#, Do, Re, La, La#, Sol, Do#, Re e nei successivi 12 secondi la tonalità cambia in Fa maggiore: Fa, Do, Re, La#, Do, Sol#, Sol, mentre da 0:24 a 0:36 si ripete la successione melodica dei primi 12 secondi per poi riprendere la tonalità in Fa maggiore fino a 0:50 e si dilunga in un crescendo di cembali tenendo inalterata l'ultima nota, il Sol, negli ultimi 18 secondi si riprende la prima serie in cui l’ultima nota, il Re, si allaccia alla composizione successiva, Sysyphus Part II) e per quanto riguarda le note, tralasciando Sysyphus Part II e Sysyphus Part III, segnalerei quella che si avvicina al breve romanzo “L'Étranger” (diviso in due parti da Albert Camus), proprio quella Sysyphus Part IV che proietta la seconda metà del brano dal lato più lucente ad un lato più oscuro, essendo da 4:24 sviluppata su degli accordi dissonanti di organo, ai quali vengono sovrapposte brevi scale cromatiche ascendenti a varie velocità e violenti accordi disarmonici di pianoforte, in un clima progressivamente più saturo ed estremo, mentre da 5:24 comincia a delinearsi nuovamente il tema principale di Sysyphus Part I (descritto prima) che si libera definitivamente dei rumorismi a 5:54, quando, in maniera più solenne e con il tempo più rallentato, si pone come tema finale.

***(ehm, devo ammettere che nonostante abbia studiacchiato in passato teoria e solfeggio per chitarra e nonostante l’editoriale “12 note” di ygmarchi2 non ho afferrato tutto della descrizione di “Sysyphus” trovata su wikipedia e qui sintetizzata)

E niente ma se vi capita leggetevillo sto libriccino e ascoltatevillo l’album dei Pink Floyd, per le note musicali e i miti greci fate un po’ Voi… ma sapevatelo che questo editoriale dovrebbe proseguire espletando la sua funzione nel descrivere almeno in parte sia il mito del figlio di Eolo che il breve romanzo concernente l’assurdo “Lo straniero”, sia la dinamica delle note con le proprie dissonanze che il pezzo in “Ummagumma” firmato dal compianto Richard Wright ma arbitrariamente terminerà adesso con una delle frasi che mi paiono meno emblematiche ma che nel dal libro mi han colpito restandomi impressa fino ad ora, scrive Camus descrivendo un prete non richiesto che irrompe nella cella del protagonista e con cui si azzuffa: “Aveva l’aria così sicura, vero? Eppure nessuna delle sue certezze valeva un capello di donna.

Stanlio , Il 16 aprile — DeRango: 2.12

BËL (02)
BRÜ (00)

I commenti che questo editoriale ha voluto ricevere

Stanlio
Modifica all'editoriale: «l'ho riletta e mi sono accorto che dovevo spostare una parentesi e aggiungere un riferimento...». Vedi la vecchia versione nessuna delle sue certezze valeva un capello di donna
BËL (00)
BRÜ (00)

Stanlio
Modifica all'editoriale: «leggera modifica ortografica sulla modifica precedente». Vedi la vecchia versione nessuna delle sue certezze valeva un capello di donna
BËL (00)
BRÜ (00)

ygmarchi2
ygmarchi2 Divèrs
L'unico neo del tuo editoriale è che secondo me @[ygmarchi2] non merita tutta questa attenzione, ma a parte questo... c'est génial! :)
BËL (00)
BRÜ (00)

Stanlio: Hai ragione amico Ypsy, a - 𝐅𝐚 - r - 𝐋𝐚 - non - 𝐌𝐢 - meritai un - 𝐒𝐨𝐥 - 𝐃𝐨 - ma che me frega, io son un - 𝐒𝐢 - gno - 𝐑𝐞 - XD
Falloppio: Minkia ma cosa sono sti commenti illeggibili/indecifrabili? Voglio farli anche io. Dove sta il manualetto?
Stanlio: Ehi Fally falli orgiù, anche se forse non te ne sarai accuorto ma a tuo modo tuo già è un pezzo chelli stai affà... Non so dove sia mai stato picchì sempre i pedaletto usai!
Falloppio: Giuda Prete. Spiega e ti offro 3 spriss (vedi che ho imparato a chiamare il beverone veneto nel modo giusto?)
Stanlio: ok tello spio in trentasei parole comprese queste, è molto simpol: quando che devi scriverci sul DeB, invece che iscrivere ne la maniera o se prefieri ne la pediera justa te ne inventi una sballata quapisci?
Stanlio: p.s. otima pronuncia ciò! lassa perde che ora mai son a stemio e non credo che tornerebbi sui miei passi, grazie in ogni caso, bevitilli te a la salute mia Fallo e starai meglio amico Fally
Falloppio: Si la, sul cell non si fa. Devi aver il pc pd.....
Stanlio: il pc è morto assieme Berlinguer e se 𝐒𝐨𝐥 ci 𝐒𝐢 fida del pd 𝐌𝐢 𝐅𝐚 𝐒𝐨𝐥 𝐃𝐨lo𝐑𝐞 𝐋𝐚 nel cuo𝐑𝐞
Falloppio: Pd era un'espressione blasfema ..... Satanasso
Stanlio: ah... tipo dc?
ygmarchi2: :D
IlConte
Ahahahahahahahah tu sei un nobilissimo folle Stan!!!
BËL (01)
BRÜ (00)

Stanlio: Grazie amico, lo ritengo un complimentissimo. XD
IlConte: Ovvio che si!!!
iside
iside Divèrs
ma quanto la meni male. pensa alle cose semplici e geniali.

BËL (01)
BRÜ (00)

Stanlio
LA i SI de iside qua i DO DO DO de i Police...

BËL (00)
BRÜ (00)

Dì la tua! (Se proprio devi)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi: