Sto caricando...

Malcom McLaren
Duck Rock

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ho avuto l'esigenza di voler spiegare cosa stesse accadendo nei primi Ottanta, cercando qualcosa che caratterizzasse, se non altro, la mia percezione di quel periodo e mi ritrovo a voler incastrare “The Message” di Grandmaster Flash & The Furious Five con “My life in the bush of ghosts” di Eno & Byrne, quel mood “Calypso” tanto caro ai Talking Heads e un po' di sano punk.
A venirmi incontro è stato un album non molto conosciuto, tant'è che non esiste ancora una recensione su DeBaser dove si è argomentato praticamente su tutto e di tutto.

L'album è “Duck Rock” di Malcom McLaren. McLaren era un giovane pensatore “situazionista”, cultore della provocazione, marito di Vivienne Westwood, creatore dell'iconografia punk, mentore dei Sex Pistols. Uno che quando vide Richard Hell, rimase colpito più dalla maglietta strappata che dal concetto di “blank generation”.
Insomma: uno di quelli che quando ricostruisci, lo devi tenere sempre a mente, nel bene e nel male. Duck Rock ha una line-up che descrive in pratica quello che di lì a breve sarebbe stato il progetto Art of Noise: Trevor Horn, sazio di incassi con la sua “Video killed the radio star”, pronto a mettere lo zampino su “90125” degli Yes (babè), Gary Langan, Anne Dudley, J.J. Jezcalick.

Il focus però, forse è un'altro.
Il pezzo più conosciuto di questo collage album di McLaren è “Buffalo Gals”: icona sonora della old school rap con quel “First buffalo gal go around the outside” importato da un brano folk dell'Ottocento e ritornato agli onori delle charts qualche decennio più in là grazie a “Without me” di Eminem (e in altri cinquecento miliardi di samples).
L'album è un continuo susseguirsi di echi world music e rap e a me ricorda una di quelle compilation “Cruisin'” registrate dalla KHJ di Los Angeles. Sembra più un programma radiofonico che un album, che a sua volta intermezza samples di vecchi brani, tra il pioneristico cowboy style e i Kool & The Gang, voci registrate, ritmi latini, cori sudafricani.

Malcom McLaren era un trend setter (oggi diremmo influencer) che ha messo la firma, spesso esasperata, su quasi tutti i movimenti musicali più importanti di quegli anni lì.
Quest'anno, in occasione del quarantesimo compleanno della nascita del punk londinese, suo figlio ha pensato bene di voler organizzare un falò con vecchi cimeli d'epoca, suscitando le ire di John Lydon che non gli ha risparmiato fuckoff e battutacce sul suo lavoro (ha un brand di biancheria intima): “Fottuto egoista, brucia il tuo reggiseno”. Perché sì: quell'epoca è fatta anche di cimeli e feticci di valore milionario (cinque, per l'esattezza, quelli che Er mutanda vorrebbe dare al pubblico rogo all'interno di una manifestazione organizzata con il benestare della Regina in persona).

Che sia punk o cultura hip hop, al netto del genuino motherfucker e break the rules, c'è sempre qualcuno che influenza e decide cosa ha un valore e cosa no: lo spiega bene Miranda ne “Il diavolo veste Prada” a proposito di un maglioncino ceruleo. McLaren ha brandizzato il ceruleo delle rivolte giovanili di quell'epoca che a tratti raccontavano più anomia borghese che tormento popolare.

Sì, ok: anarchia nel Regno Unito, affanculo la regina, vendo la medaglia al valore di papà per comprare gin e preservativi, il derby delle coste e qua e là, ma quella t-shirt I hate Pink Floyd e quelle catene d'oro sulle Adidas senza lacci, possono andare un casino quest'anno, pensavano Malcom e consorte.

C'è sempre un Mugatu di Zoolander che decide. E un figlio di Mugatu che vende mutande. C'est la vie.

E magari a pensarla così erano anche i bersagli del sistema londinese che dal punk hanno guadagnato introiti e flussi turistici interminabili tra Piccadilly e Camden Town.
I straordinari Crass intonavano (per modo di dire) “Il nome è Crass, non Clash”, offesi dalla svolta “commerciale” di Strummer. Svolta che avrebbe portato, dritti dritti a London Calling.

Forse McLaren se la rideva un po'. Forse, proprio con London Calling, Strummer dimostrò definitivamente cosa significhi sfuggire da una spirale di conformismo dell'anticonformismo e mostrare musica e forma poetica, riconsegnando alla vita un po' di sana beat generation.

E, beffa della beffe, Malcom McLaren, spesso dipinto come un burattinaio manipolatore più attento al costume che al contenuto artistico, lascia ai posteri una validissima opera, molto intelligente, parecchio “seminale”, un buon lavoro etno-musicologico scevro dagli intenti da critica sociale presenti in “My life in the bush of ghosts” ma altrettanto amato dagli addetti ai lavori anche se poco conosciuto dal pubblico, più o meno esigente. Un album di nicchia, per capirci. Di nicchia ma non un cimelio.

Un album “contro” qualsiasi categoria prestabilita. Pensa un po'.

E per concludere l'opera, i disegni di copertina sono di Keith Haring. Quel disco lì è gli anni Ottanta. Al netto di alcuni generi altrettanto significativi ma con diverse narrative, per il resto lì dentro c'è davvero tutto ciò che ha caratterizzato quel decennio e soprattutto gli stereotipi sonori e grafici più impressi nella memoria collettiva: disco dance, rap, “l'Africa dentro” così mainstream negli anni di “We are the world”, marimbe e allegria, come in un intermezzo sonoro di un film di John Hughes e di altre commedie 80's.

E ci fa marameo, il signor McLaren, ovunque egli sia, intonando “We're gonna punk it up and funk it up!”.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sei)

odesso
odesso
Opera:
Recensione:
A me sto dischetto è piaciuto, diverte e lui pur essendo sempre stato universalmente riconosciuto come un enorme testa di cazzo è spassoso.


woodstock
woodstock
Opera:
Recensione:
un pelo troppo lunga. disco storico ed effettivamente difficile parlarne.


noveccentrico: Abbastanza. Ma il bello di approdare su DeBaser con dieci anni di ritardo mi stimola a recensire ciò che manca e manca davvero poco ( credo di aver incrociato anche qualche recensione su un disco Pupo).
noveccentrico: *su un disco di Pupo. Poi 'sta roba che manca il tasto edit praticamente ovunque, ti responsabilizza a scrivere e a scrivere con attenzione. Pratica perduta sui social. Forse è per questo che mi dilungo spesso...
lector
lector
Opera:
Recensione:
Sono d'accordo quasi su tutto.


BARRACUDA BLUE
BARRACUDA BLUE
Opera:
Recensione:
Questo Signore non era solo un gran figlio di puttana, anche uno con un fiuto inarrivabile, l'archetipo al naturale di chi oggi spende migliaia di euro a Milano per fare un master di "Cool Hunter" allo scopo di lavorare nella moda e nello spettacolo. Nel 1980 vide i primi rappers di origine giamaicana bighellonare nel boulevard di Notting Hill Gate muniti di Ghetto Blaster a cassetta e di skate sottobraccio, e il risultato fu Duck Rock, la visiera prominente dei cappellini all'indietro come il becco di Paperino e' un chiaro omaggio al futuro visto allora dai suoi vispi occhietti. Se i Sex Pistols fossero finiti sotto i ferri dell'elettroshock di Arancia Meccanica avrebbero inciso un disco come questo, ma basto' circondarsi di quelle menti illuminate e innovative da te citate per tirare l'ennesima pernacchia all'establishment. Come i successivi Swamp Thing e Fans troppo subtle per essere compreso appieno all'uscita, assolutamente di culto oggi.


luludia
luludia
Opera:
Recensione:
bellissima recensione...


proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
Una cosa pazzesca, postmoderno prima ancora che moderno e neanche (!!!) contemporaneo. Un limbo di plastica


noveccentrico: "un limbo di plastica". scusa l'indiscrezione, ma "94" è il tuo anno di nascita?
proggen_ait94: Si perchè? Sono solo le mie impressioni sul disco
noveccentrico: senza offesa, per essere un pischelletto stai crescendo bene. limbo di plastica è una definizione molto pertinente. complimenti :)
proggen_ait94: wow, grazie :D in realtà sarà stato un caso, ho scritto di getto, però mi ha ricordato MACINTOSH PLUS - リサフランク420 / 現代のコンピュー , per quanto possa sembrare ed essere stupido

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Duck Rock è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link