Marcus du Sautoy
The Music of the Primes (L'Enigma dei Numeri Primi)

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


"L'Enigma dei Numeri Primi-L'ipotesi di Riemann, il più grande mistero della matematica" ("The Music of the Primes"), Marcus du Sautoy (Gbr) 2003. In Italia edito da Rizzoli

Durante il congresso internazionale di Matematica, l'8 Agosto del 1900 a Gottinga (Germania), il professor Hilbert propose ai suoi colleghi una lista di 23 problemi che avrebbe dovuto (e poi in effetti fece) segnare la "strada" della scienza durante il secolo appena nato. Pur "toccandoli" (quasi) tutti, il matematico e scrittore, Marcus du Sautoy nel libro in questione descrive la storia di uno in particolare: l'ottavo, il più affascinante (e tutt'ora irrisolto) di tutti. Dimostrare l'Ipotesi di Riemann.

"Dobbiamo sapere, sapremo"(frase incisa sulla lapide di Hilbert: pronunciata, casualmente, nel 1931 il giorno dopo che il logico Kurt Gödel ne dimostrò l'infattibilità, presentando i due Teoremi di Incompletezza

La storia narrata da du Sautoy in realtà comincia molto prima dell'episodio presentato in apertura di libro: infatti la determinazione di un ordine nella sequenza dei numeri primi è una questione che interessa la Matematica fin dal suo concepimento: ed infatti l'autore non rinuncia a citare le gesta di Eratostene con il suo Crivello, di Euclide e la proposizione 20, contenuta nel IX libro degli "Elementi", e, con un importante, salto temporale pure di Fermat  con la sua ipotesi e di Eulero e la sua Teoria dei numeri. Ma il primo (cronologicamente) vero protagonista di questo "romanzo" (non e' un romanzo: poi vi spiegherò il virgolettato...) è Gauss con la sua congettura sul Teorema dei Numeri Primi...

Altri Protagonisti (i principali, non tutti che son troppi da citare, in Ordine Cronologico):

-Dirichlet e Legendre e la loro disputa sull'Ultimo Teorema di Fermat

-ovviamente Riemann e la sua ipotesi (una sommaria descrizione è linkata sopra)

-Hardy, Littlewood e Ramanujan ed il loro lavoro sulla Teoria dei Numeri

-i  già citati Hilbert e Gödel

-Siegel, Selberg e Paul Erdos (simpatica di quest'ultimo la storiella del suo Numero) e l'esodo a Princeton

-Turing e le sue "macchine"

-Grothendieck e l'insieme degli Ideali Primi

 

Perchè. dico io, perchè?

Scusandomi se nei tre paragrafi sopra ho commesso degli errori, sia storici che "matematici" (d'altronde non sono un professionista della materia ma solo un volenteroso dilettante ed il bello di DeBaser è che potrete insultarmi nei commenti), che spero di aver limitato mettendo i link, devo spiegarvi perchè ho parlato di "Romanzo".

Come detto, questo libro, non lo è affatto perchè  ha assolutamente una dimensione saggistica però du Sautoy compie un'operazione veramente interessante: non si limita a spiegare il percorso "specialistico" di una delle "avventure" più appassionanti del mondo scientifico ma racconta anche, con passione ed eleganza, le vicende umane, a volte umoristiche, a volte tragiche, accadute a queste meravigliose menti (e perdonate la citazione hollywoodiana). Così capita di commuoversi leggendo di Riemann e della sua timidezza (e ad arrabbiarsi con la sua governante), emozionarsi al pensare gli ideali del vecchio Hilbert spazzati via dal giovane Gödel, dispiacersi per l'ingiusto destino di Turing e stupirsi di quello di Grothendieck e così via in una corsa che è assolutamente umana...

Certo l'autore non può fare a meno di andare anche sullo specifico e quindi certi passaggi non sono facilissimi (ma se ci son iuscito io...) ma tutto sommato riesce a renderli pure "digeribili". 

Quella che viene dipinta è la Matematica come attività assolutamente immaginativa, fantasiosa e creativa ed è una prospettiva diversa che penso possa interessare tutti e per una volta fidatevi di me...

Mo.

PS: questa recensione è dedicata ad Iside a cui credo di aver sottratto il record di Link in una singola recensione...

Questa DeRecensione di The Music of the Primes (L'Enigma dei Numeri Primi) è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/marcus-du-sautoy/the-music-of-the-primes-lenigma-dei-numeri-primi/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (TrentOtto)

eletto1987
Opera: | Recensione: |
Grazie. L ho visto l altro giorno il libreria e mi aveva colpito subito. Mi piaceva sapere però qualche giudizio prima di leggerlo, dato che per questione di tempo non posso leggere moltissimo, e mi dispiacerebbe sprecarlo per cazzate.
A dirla tutta ero convintissimo fosse un romanzo, una specie di "codice da vinci" della matematica, ma mi solleva sapere che è in forma saggistica.
Il tema poi è affascinante, la matematica teorica e la filosofia dei numeri sono quanto di più affascinante ci sia al mondo.
BËL (00)
BRÜ (00)

lazy84
Opera: | Recensione: |
sembra proprio che su debaser la matematica non abbia molti seguaci!
non sanno che cosa si perdono!
BËL (00)
BRÜ (00)

eletto1987
Opera: | Recensione: |
Beh, la mancanza di seguaci c'e dappertutto, non solo in debaser. Conosco molta gente che al solo pronunciare la parola scappa via. Lo facevo anche io: matematica è stata la bestia nera degli anni liceali.
Il problema è che quella non è matematica, è sterile e pedissequa applicazione di formule, che ti dice come usare quella formula ma non entra nel merito del modo e della creazione di quella formula. Parlare dei pitagorici come gente scazzata che inventò i teoremi, prescindendo da tutta l'atmosfera esoterica in cui la scoperta è stata fatta, oppure parlare dell'infinito come un semplice simboletto da mettere su un grafico,vuol dire snaturare la matematica e fare allontanare la gente.
Preparando un esame di filosofia della scienza mi si è aperto un mondo, tutto quello che mi sembrava banale e inutile ha acquistato senso logico. E nonostante ci fossero libroni pieni di matematica, non mi ha annoiato per un attimo, e non ho incontrato più di 3 o 4 formule. Da qui nasce la mia convinzione che si può essere potenziali matematici anche senza saper fare i calcoli, purchè si abbia la fantasia e l'elasticità mentale adatta.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
@Eletto: E' un Saggio "Narrativo" ma non e' "romanzato" il termine "romanzo" (virgolettato, appunto) si riferisce al fatto che l'autore e' riuscito a trasmettere quell'aura di "emozione" che raramente si trova nei saggi. @Lazy: ce ne sono, ce ne sono ;-) Grazie ad entrambi!
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Vedo che il link di Iside non funziona, vabbe' il mio amico mi perdonaera'. Inoltre e' stato tolto il link in "Perche. Dico io, perche'?". Accetto la scelta editoriale anche se non ne conosco il motivo.
BËL (00)
BRÜ (00)

eletto1987
Opera: | Recensione: |
Vabbè, meglio, se no la gente finisce per leggere wikipedia e non la recensione ... ;)
BËL (00)
BRÜ (00)

Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera: | Recensione: |
Macchè scelta editoriale, capità!!:DD Però a me quello al tuo amico fuziona...
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
@Eletto: :-D volevo diversificare (di piu', in un qualche caso ci son riuscito)i link ma i piu' "accessibili" rimangono quelli wikipediani c'e' poco da fare. @Bartle: Uhe' non stavo mica protestando ;-) e' solo che secondo me era un link simpatico (anche se un po' off-topic, lo ammetto). Il link di Isi non funzia ma magari sono io che ho il Pc sfigato :-)
BËL (00)
BRÜ (00)

Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera: | Recensione: |
mmm... a dir la verità a me funzionano tutti e due!! Facciamo così: mi puoi mandare in privato le destinazioni ai due link? grazie! :))
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ti ringrazio Bartle! (e mi scuso per il disturbo)
BËL (00)
BRÜ (00)

Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera: | Recensione: |
allora funzano!?! molto benissimo... (e nessun disturbo, ci mancherebbe!!:)))
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Funzionano! Non c'e' nulla di piu' frustrante di un link che non va ;-)
BËL (00)
BRÜ (00)

Cornell
Cornell Divèrs
Opera: | Recensione: |
Come sempre, per il massimo impegno che ci metti, il mio non può che essere un 5..
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ciao Cornell, ti ringrazio. Sei sempre molto gentile.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Senza disturbare ancora gli editor mi sono accorto che e' "saltato" pure un altro link: 11a riga sotto "proposizione 20" ci sarebbe stato questo: Infinita' dei primi
BËL (00)
BRÜ (00)

editors
Opera: | Recensione: |
Fatto! Gioia e prosperità a tutti!
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Miiii, siete dei mostri (in senso positivo)! Grazie! PS. 36 link dovrebbero essere il record no? ;-)
BËL (00)
BRÜ (00)

editors
Opera: | Recensione: |
credo credo credo credo proprio proprio proprio proprio di di di di si si si si (siamo in tanti, siamo editorS) Saluti!
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
mmm, non per rompervi le palle ma in italiano il plurale di un termine inglese (a meno che anche la forma plurale non sia stata comunemente accettata nella lingua, e non mi sembra, almeno credo,nel caso del termine "editor") resta al singolare quindi si dovrebbe dire "editor" anche al plurale: per esempio credo che nel caso di del plurale di fan si possa usare "fans" ma in termini come "webmaster", "link" etc. etc. la forma corretta e' quella singolare. Senza polemica (e se sbaglio correggetemi), ovvio!
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
tra "caso" e "del" mi e' scappato un "di", sorry...la dislalia...
BËL (00)
BRÜ (00)

sabotino
Opera: | Recensione: |
Bellissima recensione, complimenti.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ti ringrazio!
BËL (00)
BRÜ (00)

fedeee
Opera: | Recensione: |
quoto questa frase di eletto: "da qui nasce la mia convinzione che si può essere potenziali matematici anche senza saper fare i calcoli"!
queste cose mi interessano, anche se poi sono un mezzo schifo nella pratica matematica!!!
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ringraziandoti, riporto una frase del libro in proposito alla questione che tu, citando il caro Eletto, sollevi: "capita a volte, dopo anni di ragionamenti astratti in cui di rado si fa ricorso slle tavole pitagoriche che abbiamo imparato da bambini, che i matematici non siano proprio dei draghi nei calcoli aritmetici" ed un'altra che invece la dice molto sulla creativita' della Matematica ed e', sempre trovata nel libro, di Hilbert a proposito di un suo allievo che abbandono' la Matematica per fare il poeta: "ha fatto bene, aveva troppa poca fantasia per fare il Matematico" ;-) Ciao e grazie ancora!
BËL (00)
BRÜ (00)

saab
Opera: | Recensione: |
L'ho letto 2 volte e mi è sembrato molto più avvincente del 99% dei romanzi in circolazione. Forse non è scritto (tradotto?) benissimo. Bella recensione.
BËL (00)
BRÜ (00)

JURIX
JURIX Divèrs
Opera: | Recensione: |
Innanzitutto sta recenZione sarebbe da 6. Per il coraggio, perchè è scritta bene e perchè è verissimo che la matematica (ed anche la probabilità e la statistica aggiunfo io) possono essere non solo affascinanti, ma avvincenti. Il libro non l'ho letto. Chao CAPO!
BËL (00)
BRÜ (00)

Bubi
Opera: | Recensione: |
Conosci "Teoria dei giochi e comportamento economico"? Di John von Neumann, lo conosco perchè informandomi per una cosa che mi interessava, sono venuto a conoscenza di questo libro. Pare sia un classico. Tutto molto interessante, soprattutto il Teorema di Fermat, anche se devo ammettere che di matematica non capisco niente.
BËL (00)
BRÜ (00)

Bubi
Opera: | Recensione: |
Anche John Nash al quale è vagamente ispirato A Beautiful Mind si è interessato alla teoria dei giochi.
BËL (00)
BRÜ (00)

CJBS
Opera: | Recensione: |
Io la sto studiando la teoria dei giochi. Mi sta facendo dannare, non per la materia in sé, ma per come è stata trattata.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Grazie a tutti quanti per gli apprezzamenti! @Saab: dipende cosa intendi per scritto e tradotto bene perche' effettivamente si vede che du Sautoy non e' un "romanziere" e certe volte e' fin troppo didascalico ma sta cosa e' perdonabile considerando che questo alla fine e' un saggio e lui riesce a descrivere cose abbastanza comlpesse nel modo piu' semplice possibile e ,come dici tu, avvincente e questo, parlando di certi temi, non e' cosa facile! @Jurix: lasciamo stare la Statistica va...che ultimamente su DeB... ;-) scherzi a parte, comunque, parlando di Ipotesi di Riemann anche questa scienza ha il suo peso el 'autore di conseguenza ne parla approfonditamente. @Bubi: conosco solo di nome (e se non ricordo male viene pure citato in sto libro ma non credo per l'opera di cui parli) ma non ho letto nulla di suo. John Nash (anche lui citato ampiamente nel libro di du Sautoy) non solo si e' occupato di "Teoria dei Giochi" ma ha vinto il Nobel per il suo lavoro nel tema! @CJBS: In bocca al lupo! Grazie ancora a tutti!
BËL (00)
BRÜ (00)

CJBS
Opera: | Recensione: |
CJBS
Opera: | Recensione: |
L'esame di Teoria dei Giochi mi è andato male. Adesso lo dovrò rifare assieme a econometria. Maledetti esami modulari.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Mi spiace. Vedrai che la prossima volta andra' meglio.
BËL (00)
BRÜ (00)

CJBS
Opera: | Recensione: |
L'ho rifatto. Ho fatto un errore di distrazione che mi ripregiudicherà il voto, temo. Sarà per il 28 luglio.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Mai fasciarsi la testa prima del tempo. Vedrai che andra' bene!
BËL (00)
BRÜ (00)

CJBS
Opera: | Recensione: |
Grazie per le parole di conforto, comunque.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
De Nada! ;-)
BËL (00)
BRÜ (00)

mocampo
Opera: | Recensione: |
Mi avevi invogliato di brutto ma mi sono dovuto fermare dopo un centimaio di pagine, troppo tecnico per me. ti voto lo stesso visto che l'ho comprato
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: