Sto caricando...

Mario Biondi and the High Five Quintet
Handful Of Soul

()

Voto:

Da cinque più uno*, in genere e secondo quanto la aritmet®ica impartisc(i)e, si estrapolerebbe un algebriqamente sacrosantissimo (et DeB-impossibile)prodotto-Sei.

Vice/versa nell'affrontare l'auricolare audizione di cotanto Alto oltreché Jazz-Soul Quintettistiqo ensemble tricoloriforme soggiunge alla fallace de-memoria l'applicabilità della arcaico-algebriqa teoria NoMeansNo-iana ("0+2 = 1"): ovvero non sempre la semplice somma degli addendi gènera quanto ipoteticamente et semplicisticamente numerologiqamente pre-supposto.

Cosa starei farne-dicendo ?
Non ne avrei la benché minima idea (addirlatutta): ma non è questo il .

Stà di fatto ** ché cotanto scarsamente crìnito, siqulo & giovine bellimbusto, dalla notevole und really interesting Negroid-Soul-Voice estrapola dal cilindro cotanto squisito et grazioso discobolo altresì grazie alla lungimirante economico sdoblonatura della milanese "Schema Records": ben twelve sono le musico-porzioni del gradevole piatto posto alla nostra audio-papillare degustazione per una complessiva ora (scarsa) di assaggio complessivo; il Buon Mariolone si cimenta, estendendo a tutto il felpato e moderatamente sound-demodé discherello di debutto, nella propria personale canora virtùte, barcamenandosi garbatamente quanto (fin troppo) equilibratamente tra apprezzabili et Martinistiche riletture di semi-obnubilati Jazz-classics ["I Can't Keep From Crying Sometime", "I'm Her Daddy"] a calibrati, eleganti, talvolta vincenti spezzoni autoctoni (la ultra-arcinota, NicolaContiana per antonomasia "This Is What You Are", "Never Die" o la stentorea, gradevolissima traccia ché titola il lavoro).

Ciò chè non (mi)convince compiutamente (se così vogliamo ingenerosamente osare) di questo sollazzevole nu-vetero-jazz (?) trabajo risiede nella strumentalmente scarsa (anzi: totalmente assente) predilezione verso qualsivoglia tipologia di contaminazione "odierna": una sorta di sound-impermeabilità ché si tramuta, talvolta, in assoluta prevedibilità delle soluzioni procrastinate: il tutto suona moderatamente à meraviglia, tramite e in virtù d'una asettica "perfezione formale" chè da un lato lascia piacevolmente sorpresi ma dall'altro esprime esattamente cio che ci si attenderebbe, indi come (per converso) non dovrebbe.

A scanso d'equivoci è bene rimarcare ché non v'è alcunché da obiettare sulla godibilità e sulla effettiva piacevolezza d'insieme: esecutori pregevoli e piacevoli alla fruizione e, naturellement, nothing da ridire sul miràbile talento, sulla efficacia e sulla gradevolezza posta in essere dai tracheali, umbratili, arcigni e generosi vocalizzi del Messer Biondi, il lavoro scorre vieppiù allegramente dalla prima alla conchiusiva traccia, senza alcuna tentazione skip-estrapolatorea. Altresì è opportuno ritenere ché sé avesse(ro) voluto "osare" maggiormente ci troveremo tra i consunti et mangiucchiati polpastrelli non solamente un piacevole, radio-friendly, moderatamente transitorio ma frizzante divertissement.

Ad ogni modo, son giovani: si faranno (non in senso lato, I hope).

 

* Mario Biondi (voce); Fabrizio Bosso: tromba Daniele Scannapieco: sax Luca Mannutza: piano Lorenzo Tucci: batteria Pietro Cincaglini (contrabbasso) Sandro De Bellis (percussioni); Gianluca Petrella (trombone)

** e qua inizierebbe (condizionale d'obbligo) la "vera" quanto Bionda de-trattazionem: l'iniziatoreo resto si puòteva tranquillamente tralasciare.. mi rendo qonto seulement ora ché dovevo/potevo testimoniarlo prima: maledetto mononeurone!!

 

 

 

Ultimi Trenta commenti su SessantUno

MetallaroBionico
MetallaroBionico
Opera:
Recensione:
caso umano con ripieno di genio


ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Mi è piaciuto molto il suo duetto con Amalia Grè a Sanremo... Una gran voce ed un bel disco di respiro internazionale... Italians do it better! ;-)


Bisius
Bisius
Opera:
Recensione:
Ghemy, in che senso abbiamo perso CAZ? Se n'è andato? ...e come farò io, adesso, senza la filosofia siciliana di CAZ? :-(((((((


iside
iside
Opera:
Recensione:
ma Caz è Sardo!!!


Ghemison
Ghemison
Opera:
Recensione:
bè, è un sacco che non scrive e neppure posta... una semplice deduzione. comunque ha ragione Isidax, Caz è sardu.


under
under
Opera:
Recensione:
hio sentito solo il singolo ed è carino.
buona rece tipica delle tue


Gueddo666
Gueddo666
Opera:
Recensione:
Ehila Sfascia: non trovi anche tu la copertina ultra brutale e degna dei migliori (anzi peggiori) Prostitute Disfigurement? il tuo Gueddo666 di strafiducia


Malloy
Malloy
Opera:
Recensione:
sempre un piacere leggere il mononeurone di sfiducia. Di mario boindi avevo sentito parlare un gran bene, mi avevano promesso addirittura un cd in dono... magari adesso arriva ;)


The Punisher
The Punisher
Opera:
Recensione:
Una piccola Ola personale a Ghemison col quale, se ben ricordo, non ho mai litigato ne discusso animatamente (il che non è necessariamente un buon segno!). Un semi-hurrà a Sfascia xchè finalmente sono riuscito a giungere a terminare una sua rece. Un pollice verso unvece a kooka etc etc (non voglio nemmeno scrivere per intero quel nickname che temo mi restino appiccicate le mani). Applausi e reverenze (in generale) a CHI PARLA e SI ATTIENE a commentare il disco o tuttalpiù la recensione. In fin dei conti, del recensore, poco si sa e poco dovrebbe fregarci, no? Il resto poi son sempre discorsi, ilazioni e quaraquaqua da parrucchiere e/o gossip su cose sciocche e senza la minima importanza...:-)))


sfascia carrozze
sfascia carrozze
Opera:
Recensione:
Secondaria (ma non in ordine di importantzia) "passata" di sentiti de-ringratziamenti a toda la aqqodata de-sturmtruppen di gentilizi et cordialiformi de-qommentanti: la Vostra magnanimità et indomita cortesia risulta vieppiù smisurata indi immeritata agli oquli del mefitico sfasciascritto.
Muchas de-gracias oltreché à josa. Your bisùnto s.c. di (s)fiduciam.


vitalogy
vitalogy
Opera:
Recensione:
Elogiatelo pure questo Mario Biondi. Ma siate certi di un cosa: non fa jazz, ma soltanto una melma commerciale da classifica..Se volete del vero jazz italiano ascoltate Bollani, o se no, ancora meglio, lasciatelo perdere..


Ghemison
Ghemison
Opera:
Recensione:
mi unisco a Puny nella hola a me stesso dedicata (bè, le discussioni magari ci sono state. ma riguardanti la musica o la maniera di scrivere. non siamo mai arrivati agli insulti ed al personale) ed anche al pollice verso per Koaborra che sta infangando tutte le recensioni con commenti inuliti, irosi e scurrili.


happypippo
happypippo
Opera:
Recensione:
puni, posso dire la mia, senza nè cattiveria nè astio? non è che tu non possa fare i tuoi commenti. A volte però sembrano delle tirate supponenti...tipo ME NE FOTTO DI STA ROBA, NON LA CONOSCO E NON MI INTERESSANO STE CACATE. Magari non è la tua intenzione ma è questo quello che sembra a leggerti. Senza rancore eh ;-)


Ghemison
Ghemison
Opera:
Recensione:
Iside, Caz semplicemente è meno presente, ma ogni tanto salta fuori. la lettera però non è sua, qualcuno ha suggerito che sia di Odra.


primiballi
primiballi
Opera:
Recensione:
"si faranno..." ...? Carissimo Sfascia, questi qui son già convinti d'esser dio... Fenomeno strasopravvalutatissimo e appena appena decente per sottofondi ascensoristici, a sfilate e sfilatini... Mah...mah...e ancora mah...


sfascia carrozze
sfascia carrozze
Opera:
Recensione:
Qordiale Messere De-Primi (oltreché) Balli: non saprei esattamente chissicredanogiammaidiessere/appari recostoro, but stò godibile et fresqerello discherello m'allieta vieppiù le abuliche de-giouornate: et tanto per ora(mi)basta. Grazie del civile de-qommento. Evvisto ché ci sono (oltreché ci faccio): Ossequità Ovalizzate a todos.


pep 92
pep 92
Opera:
Recensione:
A me il Biondi piace, molto bravo a mio modestissimo parere.


primiballi
primiballi
Opera:
Recensione:
bravo è bravo, non fraintendiamo, e il prodotto gradevolissimo, ma il punto (volendolo vedere...) è un altro: ma da quanto cazzo di tempo in questo paese non c'è un barlume d'idea originale...???? Poi, per sentire un sottofondino gradevole, ci sta come ci stanno mille altre cose, senza commettere alcun peccato, sia chiaro. Baci


aragonese
aragonese
Opera:
Recensione:
la solita contrapposizione tra mercato e qualità autentica e artistica, no??
di sicuro è più pensata e venata di genio la recnsione che non il lavoro recensito, detto poi dal sottoscritto che non è certo un palato fine del genere...


peterwanz
peterwanz
Opera:
Recensione:
Sarò rincoglionito ma la recensione non l'ho capita!!!
Sembra quasi che voglia essere simpatico ma nello stesso tempo di essere andato al punto della questione.
Mi astengo solo perchè sinceramente non mi trovo con il resto delle persone che ha dato 5.
Per l'album dò 3 perchè oltre alla voce di Biondi c'è solo un sound gessato e senza prestese.
Speriamo si faranno un pò di più!!!


peterwanz
peterwanz
Opera:
Recensione:
Tu ti fai di sicuro...


NickGhostDrake
NickGhostDrake
Opera:
Recensione:
siamo tutti fatti, peterwanz...


eldemasiado
eldemasiado
Opera:
Recensione:
Molto simpatica la recensione. Il disco poi è bellissimo. Biondi ha una voce eccellente e il tutto è arricchito dalla fantastica tromba di Bosso, il miglior trombettista sul mercato...


Pulp
Pulp
Opera:
Recensione:
L'unico pezzo che ho avuto il (dis)piacere di auscultare è quello che (tutt'ora) passa in radio ogni 20 minuti...lo trovo irritante! Tu invece sfascia sei sempre impeccabile! Saluti


PortoFolio
PortoFolio
Opera:
Recensione:
non sei simpatico anzi mi fai pena...


JakeChambers
JakeChambers Divèrs
Opera:
Recensione:
Questa me l'ero persa! Il disco è carino.


siamesedream
siamesedream
Opera:
Recensione:
cazzo una volta che abbiamo una grande voce (che non è un merito) la riempiamo per l'ennesima volta di critiche snob...serietà cazzo...il disco non merità così tanta merda gratuita..messaggio per la salvaguardia della buona musica...


giola
giola
Opera:
Recensione:
Questa recensione è talmente bislacca che non può fare a meno di piacermi. Non mi intendo assolutamente di jazz ma avendo ascoltato e straascoltato quest'album mi sbaglierò forse, ma mi è parso un jazz per palati poco esigenti, insomma un jazz da ipermercato. Carino ma niente di più.


Mauro82
Mauro82
Opera:
Recensione:
Shalalaaaa lalaiaaaaaa.... shalalaaaa lalaaaiaaaaaa


ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Bel dischetto, che pur spaziando tra le molteplici sfaccettature del jazz suona a tratti ripetitivo. Lui sembra un Barry White un po' afono 😄

Non ricordavo questa recensione, messer @[sfascia carrozze]. Complimenti!


sfascia carrozze: Non me la ricordavo neanch'io a dire il vero!

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Handful Of Soul è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link