Mark Knopfler
Local Hero

()

Voto:

Il principio degli anni '80 (e non da meno la fine così come gli sgoccioli della decade precedente), per i Dire Straits era stato davvero un periodo pregno di impegni, anche se la successione incisione album/ promozione disco/tournée, faceva parte di una collaudata routine che sottoponeva ad un incredibile stress psicofisico quasi ogni band del tempo con la salda intenzione di affermarsi. Nel suo cammino artistico il gruppo mostrò anche le conseguenze di un'attività così intensa (dipartita anche per altri motivi di David Knopfler, ma anche quella successiva del primo ed indimenticato batterista David - detto Pick - Withers). Mark Knopfler intanto era divenuto una sorta di Re Mida per chiunque avesse la possibilità di avvalersi del suo magico tocco, in grado di di far luccicare di luce propria quasi sempre, i brani sui quali mettesse mano, facendo così moltiplicare collaborazioni estemporanee (Phil Lynott e Steely Dan tra le tante) ma anche interventi che mai avrebbero fatto pensare ad un seguito anche sulla lunga distanza (Bob Dylan e Van Morrison su tutte).

Il rock di stile di cui attraverso i DireStraits l'ineccepibile leader si faceva portavoce non rappresentava però, l'unico interesse per la sua voglia di esprimersi musicalmente. La sua passione per la miscela di generi ha sempre caratterizzato un insolito standard di scrittura in grado di fondere blues, radici folk e country, rimandando ad una cinematografia di chiaro stampo western che lascia identificare il musicista scozzese, anche dopo un breve ascolto dei brani da lui composti.

E se di quanto appena detto ne sono testimonianza la galoppante "Once Upon a Time in the West" e l'interminabile "Telegraph Road", l'ascolto di LOCAL HERO non potrà che avallare ulteriormente questo pensiero. Il film è una bellissima storia ecologica ambientata su un lembo della costa scozzese che un imprenditore americano, decide di acquistare dai proprietari terrieri del posto, per poterci costruire delle raffinerie petrolifere. Una narrazione affascinante avvalorata da inquadrature di luoghi incantevoli (la regia di Bill Forsyth - anche lui di Glasgow - è una garanzia) dove ad essere protagonista è la gente locale, unita ad un semplice senso dello humour che pervade i dialoghi e rivela un sensibile e sconosciuto Knopfler compositore, capace di svelarsi come già consumato traduttore in musica di ambientazioni ed immagini che coloriscono la storia. A prevalere è una musica delicata che tiene unite atmosfere morbide e ritmate, sempre in grado di trascinare e sottolineare il significato visivo delle scene, senza perdere quel comune denominatore fatto di note che guizzano dal traditional folk all'old time music delle string band. Una musica che si mostra uniforme pur tenendo conto della varietà che contraddistingue un brano dall'altro (talvolta dei veri e propri musical interludes), rivelandosi gradevoli all'ascolto per via di riusciti inserimenti di fisarmonica e violini non certo familiari alla band del coevo LOVE OVER GOLD! Intrecci musicali capaci di emozionare e generare sussulti ed in grado di far viaggiare la mente a ritroso nel tempo, tra i paesaggi incantati propri della tradizione scozzese e sonorità che pur nella loro semplicità si mostrano intense, facendosi apprezzare anche senza il supporto delle immagini. Unico brano cantato è "The Way It Always Starts" per la cui interpretazione vocale viene scelto Gerry Rafferty (altro scozzese d.o.c.), mentre il tema portante "Going Home", (Theme of the Local Hero) che pur proposto sotto più vesti, in questa versione parte in maniera molto sommessa e contraddistinta da uno stratificato ed atmosferico avvicendarsi tra chitarra e tastiere (ovviamente del fedele Alan Clark pur se qui in veste di componente dei sobri The Acetones), per poi farsi accompagnare per mano (e mi permetto di dire anche per bocca ...) dall'eccelso sax di Michael Brecker e svilupparsi in una sconfinata apoteosi strumentale da far giustificare da solo l'acquisto del disco.

Un disco che vede nella lista dei credits oltre a tutti i Dire Straits dell'epoca, musicisti del calibro di Eddie Gomez (Miles Davis, Dizzy Gillespie e Chick Corea tra i tanti), Steve Jordan (Blues Brothers e Clapton), e Tony Levin (King Crimson ed Art Garfunkel) e che pur costituendo per il musicista scozzese il primo impatto con la stesura di musica da film, riesce a centrare il bersaglio al primo colpo, impressionando (pur se con le dovute differenze), per via dello spontaneo e personale approccio compositivo che lo ha portato a guadagnarsi con tutti gli onori l'appellativo di Sultano dello Swing!

Questa DeRecensione di Local Hero è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/mark-knopfler/local-hero/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sette)

hellraiser
Opera: | Recensione: |
Grande rece per un ottimo album caro Claus, buon anno ragazzo!
BËL (01)
BRÜ (00)

claudio carpentieri: Grazie sempre per aver buttato un occhio su questa pagina e per il tuo sincero apprezzamento. Buon anno a te ....hell;-)
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Recensione bella e interessante. Belle le sue collaborazioni che ricordi, specie Zimmerman e Van the Man.
BËL (03)
BRÜ (00)

claudio carpentieri: Grazie per le belle parole, magari ci aggiorniamo a quando l'avrai ascoltata. Sono interessato al tuo parere.
Almotasim : Conosco qualche pezzo. Al tempo, l'avevo ascoltato, ma mi ero oramai staccato dai Dire con On Every Street. Mi e' piaciuta la collaborazione recente con Hemmylou Harris. Di lui sono un saltuario.
claudio carpentieri: E la distanza tra la pubblicazione di Brothers IN ARMS e ON EVERY STREET, fece perdere molti dei sostenitori che avevano seguito i Dire Straits da quello che personalmente ritengo un must: MAKING MOVIES! Grazie ancora.
zappp
Opera: | Recensione: |
colonna sonora e film che vanno placidamente a braccetto in un felice connubio di musica e immagini.
BËL (00)
BRÜ (00)

IlConte
Opera: | Recensione: |
Qui siamo a "casa tua" proprio. Non ricordo di averlo mai ascoltato, la mia memoria è pessima ma quasi ci giurerei. Recupero. Impeccabile.
BËL (02)
BRÜ (00)

claudio carpentieri: Ovviamente, non aspettarti il Sultano dello Swing che noi tutti conosciamo (ed apprezziamo). Grazie sempre per il tuo passaggio.
Stanlio
Opera: | Recensione: |
non resta che riascoltarsi il pezzo proposto e magari in seguito guardarsi il film
BËL (01)
BRÜ (00)

claudio carpentieri: Grande Stan che lascia alle orecchie il piacere di ascoltare (proprio) tutto..ah,ah..scherzo, un saluto.
De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Quoto il commento del Conte: qui sei a casa tua Claudio! Anzi siamo a casa nostra, visto il mio stesso assoluto amore per i Dire Straits ed il nostro Mark. Avevo comprato la musicassetta ai tempi (chissà dove mai sarà finita...); poi si rese quantomai necessario l'acquisto del supporto in CD. Dettagliata al solito la recensione. Grande Claudio; buon anno a te e alle tue due meraviglie...
BËL (01)
BRÜ (00)

claudio carpentieri: Ciao L., di tanto in tanto ripesco qualcosa del nostro "Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico" (eh sì, la Regina Elisabetta nel 1999, decise di conferirgli anche questo titolo) e cerco di valutarlo tenendo conto dell'ottica odierna senza dimenticarmi dell'impatto al momento dell'uscita. Forse mi espongo un pò troppo, ma credo che LE rappresenti per MK uno tra i maggiori vertici qualitativi raggiunti tra le sue numerose colonne sonore realizzate. Un caro saluto ed un augurio di buon anno anche alla tua "bimba";-).
claudio carpentieri
Opera: | Recensione: |
Ascoltare questa colonna sonora è sempre un immenso piacere. Ancor di più venire a conoscenza che la colonna sonora di questa pagina diverrà un musical, la cui prima è prevista per il 2019 al Lyceum Theatre di Edinburgo prima di approdare al celebre Old Vic di Londra. Per Mark Knopfler una doverosa rivalutazione anche in veste di compositore per quella che può essere definita, "musica da film".
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: