Sto caricando...

Massive Attack
Ritual Spirit

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Recensire i Massive Attack è diventata un’impresa difficile, paragonabile a un vero e proprio evento. Certo, il gruppo di Bristol non si è mai distinto per la grande prolificità, tuttavia, dopo Mezzanine, i tempi di attesa per le nuove uscite si sono allungati, fino a divenire estremamente dilatati. Ciò ha avuto delle ripercussioni sulla musica, che in 100th Window e nel successivo Heligoland si è fatta più evanescente, fantasmatica. Impalpabile, per alcuni critici.

Non devono dunque stupire i sei anni trascorsi tra l’ultimo lavoro e questo Ritual Spirit, pubblicato nel 2016. Ritual Spirit non è un album, bensì un EP di quattro tracce, lungo diciassette minuti. Questo aspetto è importante e influisce senza dubbio sulla nostra valutazione. Ascoltandolo siamo infatti turbati da alcuni pensieri, che possiamo sintetizzare in questo modo. In primis proviamo un senso di delusione, perché dopo sei anni è giusto aspettarsi del materiale quantitativamente superiore alle quattro tracce in questione. E poi arrivano le domande: qual è l’effettivo valore dell’EP e che senso ha, oggi, un nuovo disco dei Massive Attack? Sgomberiamo il campo dai dubbi: il trio (o ex trio, poi progetto solista e ora duo) non può più stravolgere l’elettronica contemporanea. Questo è avvenuto negli anni Novanta, soprattutto con Mezzanine, e forse non avverrà in futuro. Può accadere però dell’altro: che Del Naja e soci decidano di aggiornare il sound, appropriandosi degli elementi della “dubstep era” e rendendoli in qualche modo personali. Ed è quello che succede in Ritual Spirit, un lavoro dove il trip-hop è presente solo in “Take It There” e quasi del tutto assente altrove.

In ogni pezzo c’è un featuring prestigioso, che impreziosisce le già ottime produzioni. Si comincia con la voce di Roots Manuva, che regala le sue rime all’oscura “Dead Editors”, brano dal sapore garage/2-step che mette subito le cose in chiaro: qui si scava nel profondo, regalando visioni, flash, poesia su ritmi sincopati (“Conveying my/My swaying tie/Conveying my/That’s way inside”, afferma il rapper, come in un lamento). Nella title-track ci perdiamo tra bassi sintetici, broken beat e clap intriganti, accompagnati dalla voce di Azekel e da un video conturbante, dove Kate Moss si muove sinuosa, ondeggiando delle lampadine che squarciano il buio (dell’anima? Chi può dirlo). Segue “Voodoo Blood”, che si distingue per le salmodie degli Young Fathers (“Momma, stop giving me grief/Why does the blood always stick to your teeth?”) e un video inquietante, in cui Rosamund Pike viene posseduta da una misteriosa sfera metallica (un omaggio a Possession di Andrzej Żuławski). Chiude il tutto “Take It There”, blues arrochito da troppe sigarette in cui 3D e Tricky ci portano per mano nell’inferno di un junkie (“Where I’ve been it’s heavy, though”, ci ricorda Tricky, e forse dobbiamo credergli).

Ritual Spirit termina così, all’improvviso, e noi restiamo un po’ inebetiti, con l’amaro in bocca e la voglia di riascoltarlo più volte. E se le attese per un nuovo album sono state tradite, poco importa: siamo di fronte ai migliori Massive Attack dai tempi di Mezzanine, un gruppo rivitalizzato, che ha trovato finalmente l’equilibrio ed è tornato a produrre musica di gran classe.

Sarà anche poco, ma per ora può bastare.

Voto: 4,5

Commenti (VentiCinque)

lector
lector
Opera:
Recensione:
Per ora può bastare


ZiOn: Alla grande.
proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
gruppo che sto masticando in questi mesi. Hanno una delle voci femminili migliori di sempre, senza di lei non so quanto mi invoglierebbero


ZiOn: Non hanno una cantante fissa, ma hanno collaborato con vocalist di prestigio (Tracey Thorn, Liz Frazier, Sinead 'O Connor, Hope Sandoval). Sempre ottime scelte, devo dire.
proggen_ait94: catroia hai ragione. Vedi cosa succede ad ascoltare mille dischi in poco tempo
ZiOn: Non si smette mai di imparare ;-)
snes: Il disco remixato da mad professor è solo strumentale. È il mio preferito, consiglio vivamente.
algol
algol
Opera:
Recensione:
Grande EP e grande ZiOn


ZiOn: Confermo (per l'EP). Ero tentato dal mettere 5 stelle, ma considero "Mezzanine" un capolavoro inarrivabile.
algol: Io sono tra gli amanti di 100 window. Su Heligolando dò il tuo stesso giudizio, poco ispirato. Si salva solo "girl i love you" e pochissimo altro. Unico vero passo falso della loro oculata discografia.
Speriamo davvero escano con qualcosa di nuovo.
ZiOn: Sì, anche perché "Eutopia" è più da intedersi come un gesto politico che come una prova discografica. Li attendo al varco 🤓
Caspasian
Caspasian
Opera:
Recensione:
La sfera metallica ha origine dai film Phantasm di Don Coscarelli. I Massive sono sempre gagliardi.


Caspasian: Non dico che il video con la donna ha preso da qui ma poco ci manca:
Phantasm 2 - Attack of the Gold Ball
ZiOn: Ahahah, ma cos'è? Questo va assolutamente recuperato 😃
ZiOn: Comunque sì, si saranno ispirati a questo film, anche se la citazione di "Possession" è piuttosto evidente.
Caspasian: La possessione c'è.
Caspasian: Il mio preferito di loro rimane comunque "Protection", anche se hanno diversificato sempre bene.
Farnaby: Saga cult horror in 5 capitoli. I primi quattro diretti da Don Coscarelli...
Caspasian: Mi mancano gli ultimi due...
ZiOn: Sto guardando qualche scena del primo. Vabbè, da vedere assolutamente.
Caspasian: Poi il primo è quello che preferisco.
JOHNDOE: Phantasm di COSCARELLI non è da tutti.

Grazie.
RinaldiACHTUNG
RinaldiACHTUNG
Opera:
Recensione:
Purtroppo da una decina d'anni hanno pubblicato qualche ep e poco più. Quando torneranno con un disco, e lo faranno, ho l'impressione che sarà qualcosa di molto politico (dalle loro pagine social ho intuito ciò).


ZiOn: Diciamo che da tempo sono attivi sul fronte politico (ricordo le scritte sul monitor a cristalli liquidi durante un loro concerto del 2008). "Eutopia" ha accentuato questo aspetto anche dal punto di vista musicale, con risultati a mio avviso inferiori a "Ritual Spirit". Staremo a vedere: io aspetto fiducioso.
ZiOn: Volevo dire *attendo. Pardon, insonnia e disfunzioni lessicali da zona rossa.
RinaldiACHTUNG: Ahah tranquillo sono tramortito da sta zona rossa anch'io
sfascia carrozze
sfascia carrozze Divèrs
Opera:
Recensione:
Mi sembra che all'epoca, incuriosito, l'avessi cercato e ascoltato.
Ma non mi ricordo gnente-di-nulla.
As usual.


ZiOn: Bè, ma allora deve assolutamente recuperarlo, esimio. Stiamo parlando di un lavoro di alto livello, grande sound design, featuring notevoli, videoclip eccezionali con tanto di Kate Moss che balla al buio. Insomma, faccia lei ;-)
sfascia carrozze: Ma se Katia fa la Mossa al buio non si vede.
Molto meglio scrutarla alla luce.
#forse
Dislocation: Dioquantevvero.
ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Modifica alla recensione: «AffeRma.». Vedi la vecchia versione Ritual Spirit - Massive Attack - recensione Versione 1


TataOgg
TataOgg
Opera:
Recensione:
Invece di essere delusi bisognerebbe essere grati. Grati del fatto che un bel giorno, tutti loro, come non accadeva da anni, abbiano deciso di rivedersi per fare un pranzo e l'abbiano finita con questo EP. Così me li immagino, io.
Sono gente fluida, loro. Si fanno ormai le loro cosettine singolarmente, e lasciano per i Massive Attack le briciole. Non "briciole" per cattiveria nei confronti del "fan" ma per mancanza di tempo. Andando a guardare Tricky (ad esempio) proprio in quegli anni ha lavorato moltissimo, quasi un disco all'anno.
Adesso che ho sparato le mie fesserie vado ad ascoltarlo, l'EP... Mai sentito ahah


ZiOn: No dai, "fluida" mi fa pensare a un Daddy G con glitter e lustrini 😃 Diciamo che gli anni passano ed è difficile mantenere non solo un ritmo, ma anche una qualità elevata. Per citare Battiato: "Com'è difficile restare padre quando i figli crescono e le mamme imbiancano".
TataOgg: Se del Naja é davvero Banksy la sua qualità é sempre elevatissima. 😜
ZiOn: In verità ti dico che... Banksy sono io! 😐
puntiniCAZpuntini: In realtà, Roberto ha passato almeno 2 anni sviluppando un programma/app per cellulari, che ti Mixa il suono di ciò che ascolti (tracce, ovviamente) in base all'ora del giorno il clima cosa vede la camera e soprattutto la bagassa manna chi t'assaccarria.

Dopo che ha fatto e pubblicato questa App, allora ha chiamato gente dicendo "oh, mi servono 4 tracce almeno che calzino con 'sta stronzata che mi è venuta in mente mentre cagavo scialatiell a casa di mio cugino di terzo grado a castellamare di stabia".

Quindi sono arrivati, e hanno fatto queste tracce.

...Che vanno sentite con la App.

Tutto calcolatissimissimo.
sfascia carrozze: Si, ma, esattamente, cos'avranno mangiato durante il pranzo?
Son qvesti i dettagli (givsti) che tutti noi dobbiamo conoscere.
puntiniCAZpuntini: Metadone.

E cosa vuoi che porti Tricky, la Pastiera? No no no.
sfascia carrozze: Un pasto lisergico-liquido.
UH!
TataOgg: A parte "s'assaccarria" è tutto molto chiaro, quindi era sì un pranzo tra vecchia amici ma più che di una rimpatriata si trattava di lavoro.
Avrei anche giurato avessero mangiato burrida e mrecca, confondersi è un attimo.
ZiOn: @[TataOgg]: purtroppo si aggiungono altre parole che mi costringono a googlare. Ci vorrebbe un dizionario Italiano - Sardo :D
puntiniCAZpuntini: Perchè Voi avete preso lo spagnolo/aragonese e inserito nel sardo creando cose orribili tipo "seadas" al posto di Sabada che minchia ogni volta che lo sento perdo le orecchie.

Açaba diventa Assaba che diventa Assacca (infinito)
Assaccaria (presente indicativo terza persona) e/o Assaccarieggia.

A Sassari, lo Spagnolo si è storpiato completamente in purezza, No Sardo Involved.
ZiOn: Ahahah, ma Voi chi? Io parlare a stento l'italiano...👳‍♂️
puntiniCAZpuntini: Voi quelli di Tata.

Voi Napoletani non credo abbiate avuto gli Spagnoli, o almeno non ho mai notato niente malgrado ormai lo capisca quasi tutto.

K' t'sì magnat piccirill muort' cù mè e kapp à o pè?
TataOgg: come leggono le mie orecchie... un tattaresu che mi da lezioni di sardo...
Quindi vuoi dirmi che SEADA è una parola di origine spagnolo-aragonese? E' la prima volta che lo sento.
Comunque ancora non ho capito che vuol dire "assaba".
puntiniCAZpuntini: Io non sono Sassarese, non ho nessun legame con Sassare nè voglio averlo. Ho la residenza lì da un po', e basta. Da 0 a 5 anni ero con Mia Nonna - del 1903 - e le sue amiche - alcune di fine 800 - facendo formaggio in una cantina rilevata da un Nuraghe, salendo verso il Gennargentu. Parlo Limba perfettamente da prima dell'Italiano, proprio Limba, quella Sarda vecchia che mi ha insegnato gente che non parlava Italiano e non l'ha mai parlato.

La parola Sarda è Sabada, nelle zone Spagnole da Sabada si è arrivato a Seadas, le forme intermedie non ne ho idea. L'origine comunque è Sabada.

Assaba non vuol dire più niente ora, è una forma intermedia. Ora c'è Açaba in Spagnolo e Assaccarria in Sassarese, ed entrambe significano "finire terminare mollare ecc ecc"
ZiOn: Cazzo, non pensavo che una recensione dei Massive Attack si sarebbe trasformata in una lezione di linguistica o filologia sarda. La vita non smette mai di sorprendere 😃
ZiOn: @[puntiniCAZpuntini]: credo che Napoli sia stata dominata dagli Spagnoli un bel po' e ci sono varie parole che ricalcano lo spagnolo, così come il francese (la famosa "buatta"). Direi anche elementi arabi. E un pizzico di altoatesino.
puntiniCAZpuntini: Sì in effetti ho usato come tutti "Napoletani" ma intendevo Campani. A Napoli sì, ricordo sta cosa che i i Quartieri Spagnoli erano appunto i quartieri delle Milizie di Re Chiccazzosiricorda, però per il resto della Campania non ho sentito parole con finale in S. Magari devo ancora sentirle, non l'ho studiato ma solo imparato a furia di sentirlo dato che i Campani, tutt'oggi, al 70% ti parlano in dialetto pure se sei Afgano, figuriamoci Italiano.
puntiniCAZpuntini: Francese ovviamente sì, appalla proprio. I Secoli Borbonici si sentono eccome.
ZiOn: Ahahah, tutti i campani a eccezione di me 😄
TataOgg: Finalmente ho capito. Qua é "accabbai" quella parola che dici tu, e credo sia esattamente il verbo spagnolo acabar. "Seada" é la pronuncia (non so voi ma noi aborriamo la B) sebada immagino sia la scrittura corretta in LSC, per quello che ne so poteva voler dire e/o derivare da "seRRada"...
L'accento nel vocale che hai inviato sembrava sassarese, se sia invece l'accento di un paese vicino non saprei, non lo conosco così bene. Di sicuro (come parlata) sei più vicino a Sassari che a Oristano o Nuoro.
sfascia carrozze: Io sono molto espertissimo di lingua sarda.
Quando si ha un dubbio su un termine, per ogni cosa si dovrebbe dire sempre Franco
Nico e i sardi - I Numeri
Possibile che vi devo dire sempre tutto io, oh.
TataOgg: Io dico 42
sfascia carrozze: Peccato non poter mettere anche i punti esclamatorei a corredo degli ascitagghi
@[G]
puntiniCAZpuntini: @[TataOgg] Sì come Slang è Sassarese, ma essendoci arrivato in Adolescenza, diciamo che avevo già deciso di dove "ero/sono". Il dialetto Sassarese puro non l'ho mai imparato, anche perchè ormai chi lo parlava davvero è morto o ha 90 anni e non lo becchi in giro. A Sassari si parla Italiano con inserti vari, principalmente basta inserire dei "caz" qua e la in una frase Italiana e stai già parlando Sassarese :D
TataOgg: Messaggio per @[G] : anche gli accenti... 💝
TataOgg: Puntí #eja
gaz, hai un bé ragione!
G: dovreste scrivere a quel @[G] che ha fatto la cosa. Io sono totalmente in parte d'accordo con voi: punti esclamativi e accenti, punti di domanda e forse anche maiuscole e minuscole. Ma quel @G non lo fece e adesso io non so più metterci mano. #facciamoceneunaragione (!?)
TataOgg: #evvabenefacciamocela
Grazie Gy, ti vogliamo molto bene lo stesso ❣️
puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini Presidénte onoràrio
Opera:
Recensione:
La nuova app dei Massive Attack è una bomba

Fratè, se non citi la App non ha senso niente. è il disco dell'App, viene tutto da lì, va sentito con quella. Almeno, così dice Rùbbè.


puntiniCAZpuntini: Che tra l'altro è davvero simpatica, ci vanno sentite robe con tempi e suoni lunghi e pochi bpm, così sfriziona al massimo.
sfascia carrozze: Ma gira anche su Uindos98 che Lei seppia?
O sarò infine costretto, mio malgrado, a passare a IcchisPì?
puntiniCAZpuntini: Ai szink detz izz giast for endroid and mobail fohns. Bat meibì, iunnever nou: trai'it.
sfascia carrozze: Il nostro amato RenzoRenzi uso lo stesso traslatore quando va in trasferta ecumenica in Arabbia, credo.
puntiniCAZpuntini: Mitteo is e guud frend, ies, aill al-ueis bi bai is said uen itz riiili medders.
ZiOn: Ma se spacca tutto anche senza la App (di cui avevo letto qualcosa, in effetti) lo promuoviamo comunque?
puntiniCAZpuntini: Io l'ho sentito con l'App due volte, e me le ricordo belle entrambe anche se non mi ricordo cosa ho sentito. E, soprattutto, non so cosa hai sentito tu.

Quindi sì, promuoviamo sti tre dischi diversi :D
ZiOn: Ho sentito 'sti quattro pezzoni che, se non sono dei capolavori, poco ci manca. Comunque mi hai messo la pulce nell'orecchio (o nell'occhio, boh): mi sa che la scaricherò 😃
puntiniCAZpuntini: Sì, fallo. Bisogna ricordarsi di usarla (io me ne sono dimenticato quasi subito), ma ad esempio su pezzi Dubstep tipo Kode9 o Burial rende parecchio.
TataOgg: Ho provato a scaricarla ma non ci ho capito un' H. Se avete voglia di organizzare un tutorial per gli imbranati informatici come me ve ne sarei davvero molto grata. Devo scaricare Itunes prima?
puntiniCAZpuntini: Non credo serva Itunes, se fosse servito non l'avrei installato anni fa. Boh, magari su Google Play le recensioni lo spiegano, non ho nemmeno più lo stesso telefono.
sfascia carrozze: Comunque il tasso di spakkaggio del disco lo può stabilire solo Anastasio di cui @algol ha tutta la discogonia fin dai primi vagiti (con ruttino) ai tempi dell'asilo.
algol: Anastasio in realtà è Banksy
puntiniCAZpuntini: Ho provato a Re-Installarlo e sì, adesso richiede iTunes.

Quindi, di botto si ribalta il verdetto e Fantom diventa un app supermegamerdosa per supermegamerdosi che finanziano la Apple.

Come si fa in fretta, a cambiare opinione...
ZiOn: Pompiamocelo senza 'sta app, Dio bono!
Mozza
Mozza
Opera:
Recensione:
Bellissimo questo E.P. Direi a tratti geniale come altri dei nostri Massive Attack! Presto dovremmo aspettarci qualcosa di nuovo, mi è sembrato di aver letto che è in preparazione un nuovo disco.


Chainsaw
Chainsaw
Opera:
Recensione:
Prima i Portishead e adesso loro in casapagina, ma che succede? Beh ho ritirato fuori adesso questo EP e mi sono reso conto che non me lo ricordavo per nulla, male male


ZiOn: Male, per Dio.
Chainsaw: Se potessi scegliere, mi dimenticherei volentieri proprio dei loro primi tre dischi così da poterli riscoprire di nuovo
ZiOn: Bè, "Blue Lines" è un gran bel disco (tra l'altro usciva trent'anni fa), "Protection" non sono mai riuscito ad apprezzarlo del tutto (ancora meno la versione dub). "Mezzanine" è uno dei miei album preferiti. Comunque darei una chance a "Ritual Spirit".
Chainsaw: Oh ma io ho già ascoltato tutto, e ora lo rifaccio pure. Anche per me Protection è il meno bello del trio, però anche la versione dub mi piaceva
Chainsaw: C'era pure il remix di Protection, la canzone, con gli Almamegretta ricordo
ZiOn: Ricordo "Karmacoma (Napoli Trip)", con Raiz. Non conosco una versione di "Protection" con lui/loro.
Chainsaw: Karmacoma sì, la mia memoria sta messa peggio del previsto
ZiOn: Come scrive(rebbe) Philip K. Dick: "Ricordiamo per voi" 🤓
Alì Murtacc
Alì Murtacc
Opera:
Recensione:
Dovrò sentirlo, a me piacque molto ai tempi "100th Window", il disco con cui li ho scoperti, anche se è uno dei meno assimilabili del gruppo (ricordo ancora il video di "Special Cases", un'era fa...). Bella rece!


ZiOn: Carissimo, devo dire che "100th Window" continua a sembrarmi un "Mezzanine" più freddo e algido, ma senza la stessa profondità. Anche "Heligoland" non mi fa impazzire. Qui siamo proprio a un altro livello: recuperalo e non resterai deluso.
snes
snes
Opera:
Recensione:
è un progetto che ormai ha senso di esistere solo per il piacere di chi suona di ritrovarsi in studio a farsi le canne. quel che avevano da dire l'hanno detto, e han fatto cambiare il mondo della musica, non è che gli si possa chieder altro. il pezzo postato è non è brutto (grazie tante...), ma parecchio anonimo.
se non fosse dei MA nel giro di due giorni mi dimenticherei di averlo ascoltato.
(essere con le casse del laptop non aiuta l'apprezzamento del pezzo, lo so. ci riprovo con le cuffie)


ZiOn: Opinioni diverse. A me piace molto, ad esempio.
snes: non ho detto che è brutto, ho detto che è superfluo.
MrDaveBoy73: e fare un tiro va bene ?? ugufale ? perché ho nulla da fumare ,...sto virus per`c'è altro...nella vita... ah firmato un'analfabeta e anche... non mi ricordo ripetimelo pf cos'era analfabeta e poi?
forse an'-alfabeta ma dubito.
snes
snes
Opera:
Recensione:
Lo riposto per chiunque se lo fosse perso. Sono gli Offlaga Disco Pax, ma questo pezzo suona meglio qui piuttosto che sotto una loro pagina.


Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
Massive Artattack fino a Mezzanine. Ottimo ZiOn.


MrDaveBoy73
MrDaveBoy73
Opera:
Recensione:
certo dopo un disco praticamente perfetto ovvio che fosssero un po' agitati gli animi....anche SE 100th WINDOW sarà un po' più complicato però, è il best . anche se lo ha fatto solo ouno ma infatti il rap , o chiamtemelo inserito anche se inserito bene , a me non piace tantissimo è messo nel punto giusto niente da dire...basta scusas ho letto solo il primo paragrafo ma mi basta ascoltarli per cui 4 e 4: la perfezione non esiste. anche se ho appena affermato che "Mezzanine" sia un disco perfetto, e sotto molti punti di vista lo è. chiuso ciao


snes: se ho capito quello che hai scritto ti sei perso "heligoland".
snes: diosanto, e io scopro di essermi perso un "vol 2" di remix di mad professor!
De...Marga...
De...Marga...
Opera:
Recensione:
Questo mi manca; per il resto carriera monumentale. A me Heligoland piace ancora un botto!!!


ZiOn: Non so, è un disco che scorre senza annoiare, ma avrebbero potuto fare molto di più. Direi "nì" 😃
luludia
luludia
Opera:
Recensione:
protection è una delle mie canzoni del cuore, loro grandissimi fino a mezzanine con buone cose anche dopo, questo mi manca...ottima rece...


sfascia carrozze: Finalmente siamo d'accordo su qualcosa.
Ora posso finalmente DeBannarLa col cuore sereno.
luludia: ma se nemmeno io, il più delle volte, sono d'accordo con me!!!!
sfascia carrozze: Benvenuto nel Club!
luludia: guardi che io sono marxista!!!
sfascia carrozze: Non mi costringhi a riprendere in mano gli incartapecoriti libbri di socciologgia risalenti al quaternario per sapere cosa intende.
luludia: ahahahah, intendevo la famosa battuta di groucho marx, quella che dice più meno "non vorrei mai far parte di un club che accettasse tra i suoi membri uno come me"
sfascia carrozze: Se la cosa la puote rasserenare neppure io vorrei mai far parte di un club che accettasse tra i suoi membri uno come me.
Potrei provare a fondare un Club solo con me stesso per vedere l'effetto che fà.
luludia: lo facci e insieme rifiuti di farne parte..pensi che spettacolo la riunione annuale dei soci...
Eneathedevil
Eneathedevil Divèrs
Opera:
Recensione:
Eh, tu dici che per ora può bastare, ma effettivamente dopo 6 anni di silenzio da Heligoland, che senso ha dare alle stampe venti minuti scarsi di musica? Per me o chiudi bottega o fai un ritorno in grande stile. E forse, dato che il trip-hop è stato un fenomeno comprensibile e contestualizzabile negli anni '90-2000, era il caso di chiuderla lì o inventarsi un "post" riaggiornando le sonorità come è successo per generi come lo shoegaze che hanno avuto un revival 10 anni dopo con il post-shoegaze o il punk col post-punk o l'hardcore col post-hardcore anche se poi sappiamo che qualcuno è PRE, qualcuno è POST, senza essere mai stato niente. NIENTE.

Comunque Mezzanine uno dei più grandi dischi degli anni '90. Senza discutere. Parliamo di un disco che ha dentro Angel, Teardrop, Inertia Creeps, Exchange, Dissolved Girl e Group Four, cioè, non so se ci siamo capiti.


Eneathedevil: *che ha avuto un revival!
snes: quoto tutto. I daft punk hanno aperto una strada, seguitela e diventate leggenda.
Eneathedevil: I Daft Punk hanno chiuso bottega con una quindicina di anni di ritardo.
ZiOn: @[Eneathedevil]: dimentichi l'abisso di "Risingson", un pezzo gigantesco, ingiudicabile. "Ritual Spirit" si difende bene, anche se sono d'accordo con te: o produci davvero oppure chiudi baracca e burattini. Per quello che riguarda i Daft Punk: avrebbero potuto chiuderla dopo "Discovery", senza dubbio.
ZiOn: Mi correggo: dopo i singoli di "Human After All", che per il resto trovo deludente. L'ultimo non l'ho mai ascoltato per intero, mi sembra noiosissimo.
snes: se avessero chiuso dopo discovery non avrebbero mai inciso human after all che per quanto mi riguarda si passa in culo tutto il resto della loro discografia. e random access memories è uno dei dischi di elettronica pop migliori che abbia mai sentito. detto questo io sono un ex metallaro e se volgliamo fare i duri e puri bisognerebbe dire le cose come stanno: valgono solo i demotape, quando una band firma si vende e perde di genuinità. le band non dovrebbero sciogliersi, non dovrebbero proprio formarsi.
ZiOn: @[snes]: non so, a me "Human After All" pare un disco un po' vuoto. I singoli mi piacciono, il resto molto meno. "Random Access Memories" lo trovo incomprensibile, un lavoro troppo esplicitamente celebrativo, radiofonico, poco originale: non sembrano quasi loro. Apprezzo invece le collaborazioni con The Weeknd, soprattutto "I Feel It Coming".
snes: "radiofonico, poco originale:" assolutamente, è pop.
"non sembrano quasi loro." a boh, un sacco di gente lo dice. lo si dicesse per human after all capirei, ma il primo singolo che ho ascoltato di random access memories l'ho sentito per caso in macchina da un amico. la mia reazione è stata: "èuscito un nuovo disco dei duft punk? fiko!".
fanno un uso del vocoder che è un marchio di fabbrica, non puoi confonderli con nient'altro e non puoi non sentirli. certo: puoi dire che, adesso che piacciono a tutti, non sembrano piu' loro e a te adesso non piaccion piu', ma a me non mi freghi: non ti piaccion piu', ma è un disco palesemente dei daft punk. direi che sta alla loro discografia come californication sta alla discografia dei red hot chili peppers.
snes: ""Human After All" pare un disco un po' vuoto. " io ce l'ho in vinile ed è pieno di solchi...
puntiniCAZpuntini: Il senso era la APP, ci ha lavorato 2 anni.

Poi ok tutto il resto, ma se chiedi il senso... Era quello.
puntiniCAZpuntini: Volendo, sono mi sembra 256 ore di musica, non 20 minuti.

Poi se mi chiedi "si ma che cazzo di senso ha la App?" allora ti rispondo "gabbiano! Woh woh!"
ZiOn: Vabbuò CAZ, con tutto che il lavoro di Del Naja sarà stato pregevole, per i comuni mortali restano quattro pezzi per venti minuti scarsi di musica. E che sfacimm Robbè, 'o putiv fa n'atu disco invece è fa 'sta app 😄
snes: Zion, per curiosità, Liberato lo conosci?
ZiOn: @[snes]: sì, mi piacevano un paio di pezzi quando è "uscito", poi il nulla.
snes: Lo chiedevo perchè poi ha fatto tre o 4 pezzi con Roberto.
snes: Ha/hanno* (che come tutti non so se Liberato sia uno, tanti o nessuno. E comunque di 'sto passo del Naja dopo Banksy diventerà pure lui.)
ZiOn: In verità vi dico... Liberato sono io! 😐
snes: Quindi sei anche banksy! no? l' ultima leggenda che ho sentito su di lui narra che banksy sia napoletano (giuro, e non ho dubbio che sia frutto delle illazioni su del Naja).
ZiOn: Sì, Banksy è napoletano e ha inventato la pizza, che a sua volta è Liberato.
snes: una volta ho letto un articolo che diceva che liberato è una pizza all'ananas:
Non chiamatela rivoluzione. LIBERATO è una pizza all'ananas | SENTIREASCOLTARE
snes: comunque se del naja è banksy ha sicuramente anche inventato la pizza e i bit coin.
ZiOn: Solo se i bitcoin sono napoletani, però.
odradek: @[Eneathedevil] Il disco importante dei M.A. è Blue Lines. Non il più accattivante, non il più noto, non quello con maggior densità di pezzi che acchiappano, non il più amato dai fans.
Ma quello che ha davvero segnato un punto d'avvio, che ha generato il tutto.
Naturalmente opinione personale, ma tieni conto che li ascoltai "in diretta" e ho tutti i loro lavori.
Insomma, consiglio di riascoltarsi con attenzione l'esordio, comparandolo con quanto usciva nel '91.
Su questo qui recensito son d'accordo con te, ma forse ha ragione Caz, riguardo la connessione con l'app di Robert Del Naja.
odradek: P.S. Buffa coincidenza: Blue Lines usciva l'8 aprile 1991, oggi è il trentennale...
Eneathedevil: Certo che li ascoltasti in diretta: non ti invitò forse Del Naja ad una cena di gala con la Fraser e Horace Andy? (LOL)

Comunque, scherzi a parte, tu dici una cosa che non è in contrasto con quanto affermato dal sottoscritto: io dico che Mezzanine è uno dei più grandi, intendendo che va inserito nella top ten dei dischi più belli degli anni '90. Poi tu dici che Blue Lines (che mi piace pure e non poco) è il più importante e io non ti do per nulla torto: non sempre l'importanza va di pari passo col risultato estetico. Per me Mezzanine è il migliore dei Massive Attack, ma è chiaro che ogni nota è debitrice di Blue Lines. Tra i due dischi per me vige lo stesso rapporto che può esserci tra un Freewheelin' e Highway 61 Revisited per Dylan o tra Space Oddity e Ziggy Stardust per Bowie.
ZiOn: @[odradek]: sono d'accordo, "Blue Lines" è un disco importante dal punto di vista storico, un lavoro che mescola reggae, dub, hip-hop, soul e blues e apre sentieri fino ad allora inesplorati. Per certi versi si può anche considerare fondativo non solo di un genere, ma proprio degli anni Novanta. Mi provoca però lo stesso effetto dell'hardcore, breakbeat e, in generale, delle sonorità da rave dei primissimi anni Novanta: è già tutto lì, lo senti, ma sai anche che tutto si evolverà e, con il tempo, raggiungerà forme più chiare e definite. "Mezzanine" è su un altro livello, supera qualunque cosa i nostri avessero fatto prima, "Blue Lines" compreso. È una mia opinione ovviamente.
Farnaby: @[Eneathedevil] il loro percorso trip-hop si era chiuso con "Mezzanine". Il successivo era già un altro film. E infatti fu parecchio divisivo. Così come "Heligoland". Sono questi due il loro "post". Il loro essersi affacciati nei 2000. Ed è l'essersi affrancati da certe sonorità per approcciarne altre ad avergli regalato più critiche che applausi. Credo che il problema più che di rinnovamento sia di aspettativa. Ma è solo nostro. Per quanto riguarda le tempistiche, vero che dieci anni dall'ultimo disco sono tanti, come è anche vero che tra un lavoro e un altro hanno sempre fatto passare un'eternità. E nell'era del download e dell'ascolto mordi e fuggi anche un EP dopo sei anni è cosa buona e giusta.
Farnaby: @[odradek] è vero, "Blue Lines" è importante perché ha aperto le danze...e ha seminato. Però, però. "Protection" è quello con l'impronta più trip-hop e con "Mezzanine" si sono spinti in luoghi inarrivabili.
Farnaby
Farnaby
Opera:
Recensione:
Del Naja è di origini napoletane, Liberato è di Napoli, Del Naja è Bansky...tutto torna...sono un'unica persona...


Farnaby: Cioè @[ZiOn]
ZiOn: Ovvio.
snes: eh,ma anche zion è di origini napoletane. zion: sei un'ananas!
ZiOn: Un'ananas è me!
Onirico
Onirico
Opera:
Recensione:
Un mio amico una volta me li ha fatti ascoltare dicendomi: "Sono piu importanti i Massive nella storia dell'elettronica, di quanto tu sia importante nella storia della Gnocca".
Da allora non me li sono piu filati.
E intanto e' uscito il nuovo album di Ophidian, quindi corro ad ascoltare.
A proposito: andrebbe recensito un po di sano ardecore, il debasio ne e' vergine....


ZiOn: Ne ho pronta una per "The World Is Mine" di Catscan, capolavoro del 2003. Rivoltiamo il DeBasio come un calzino!
Onirico: Bravo, entra su debaser con lo schiacciasassi!
Bravo Catscan, ma Ophidian, per me, e' insuperabile... il migliore dell'ultimo ventennio, nel genere. Quanto e' figa THE RAIN!
ZiOn: Ricordo anche Hamunaptra e, in generale, le produzioni della Enzyme Records. Oscure, industriali, senza tastierone tamarre. Notevoli.
ZiOn: Ecco, mi sono tornati in mente anche loro: i Mindustries.
Onirico: Tutta roba di altissima qualita', concordo. I Satronica li conosci?
Satronica - Life Blood Pain Death (Original Mix)
ZiOn: Devo dire di no. Questi sono molto EBM, ricordano quasi gli Skinny Puppy o quella roba lì. Approfondirò sicuramente.
HOPELESS
HOPELESS
Opera:
Recensione:
Buono l'EP comunque. Li preferisco nella vecchia versione urbana Jamaican Aroma. Pare che Goldie, di tanto in tanto, lasci quasi intendere che Del Naja e Banksy siano la stessa persona. Io sono scettico, ma chiaramente se lo fossero veramente gli vorrei ancora più bene, ad entrambi e/o alle loro entità unite. Maria col Fritto Mistico del McDonald's (Napoli, Primi anni '00).
Disco a cui va la mia preferenza personale: PROTECTION.


ZiOn: McDonald's di Piazza Municipio o Dante? O forse Via Sanfelice...
ZiOn: Ah sì, giusto.
JonatanCoe
JonatanCoe
Opera:
Recensione:
Che dire sui Massive... Tricky visto dal vivo 3 anni fa: ha ancora l'argento vivo addosso.


ZiOn: I Massive Attack due volte, a distanza di undici anni. Nel 2019 hanno suonato "Mezzanine" al Forum di Assago. Serata meravigliosa.
Farnaby: Tricky live mi manca...i Massive visti svariate volte...dal vivo non sempre a fuoco...
JonatanCoe: Medimex 2017, a Bari. In quella fantastica edizione vidi anche gli Slowdive e Iggy Pop.
Farnaby: Io l'ultima volta qui a Genova...breve e poco intenso...visual invece ottimi...
Farnaby: Ricordo un Metarock a Pisa, dintorni"Mezzanine", splendido...
JonatanCoe: Ho l'ossessione dei live (l'avrai ormai capito, tanto ne abbiamo parlato) e questo periodo di astinenza mi sta uccidendo.
Farnaby: Negli ultimi anni avevo un po' mollato con i concerti...però ti comprendo...
ZiOn: @[JonatanCoe]: ti capisco, il non vado a un concerto da settembre 2019, credo fosse Vladislav Delay al festival Inner Spaces a Milano. Grosse robe viste negli ultimi anni: Kruder & Dorfmeister e soprattutto Alva Noto (incredibile) in Triennale, sempre a Milano.
ZiOn: *io non vado 🤓
IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
So poco e non è la mia musica ma ho un paio di ciddi... questi son bravi davvero...


Farnaby: Non facci il timido...conosciamo tutti il suo amore per il tripoppe...e per la niùueivv...
ZiOn: "Tripoppe" mi fa pensare subito ad "Atto di forza", però 😄
Farnaby: Libro, film con Schwarzenegger, o quello più recente?
ZiOn: Ovviamente il secondo. Bello il racconto di Dick, non visto il rimeic.
Farnaby: Il rimeic non male...
asterisco
asterisco
Opera:
Recensione:

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Ritual Spirit è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link