Prima prova solista delle quattro dell'adolescenza, tutte prodotte da Hall Davis e dalla Motown, questo Got to be there già dimostra tutta la grinta vocale del 13enne Michael Jackson.

In Ain't no sunshine si apre con i cori, e si prosegue con la voce solista in I wanna be you are. Nella terza traccia, Girl don't take your love from me, ritornano i cori, prima della bella In our small way. A chiudere il lato a del vinile il primo successo del Michael solista, Got to be there, ma è la successiva Rockin' Robin, che apre il lato b, ad ottenere maggior successo. Essa è la rivisitazione di un tipico rock anni '50.

Dopo Wings of my love, forse la traccia più debole del LP, arriva il crescendo di Maria (you were the only one), dove la voce di Michael raggiunge il massimo picco espressivo.

A chiudere Love is here and now you're gone e la più convincente You've got a friend.

Per la qualità della voce di Michael, in relazione all'età, potremmo mettere pure 4 stelle, ma il repertorio è piuttosto acerbo, quindi metto 3 stelle.

Potremmo paragonare questa fase sperimentale di Michael, facendo le dovute differenze, allo sperimentalismo di Battiato.

Prima che il 1979 consegni alla grande discografia Off the wall e L'era del cinghiale bianco.

Michael Jackson, il futuro Re del pop.

Carico i commenti... con calma