Mind Funk
Dropped

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Dropped: Scaricati, abbandonati, esclusi.

Strana vicenda musicale quella dei Mind Funk; si formano al tramonto degli anni ottanta nel New Jersey grazie all'impulso ed alla spinta di veterani della scena Hardcore Metal come il cantante Pat Dubar (ex Uniforme Choice), il bassista John Monte ed il chitarrista Louis Svitek (entrambi ex M.O.D.). Vengono notati dalla "Epic Record" che li ingaggia e pubblica il promettente omonimo esordio del 1991: un ruvidissimo quanto efficace crossover Metal, Funk ed attitudine Punk. Ma subito dopo avviene il fattaccio, un mistero insoluto a distanza di decenni: nonostante le ottime recensioni ed un buon apprezzamento da parte del pubblico la casa discografica li licenzia senza alcun preavviso.

Non deve essere stato semplice per la band entrare negli studi della "Epic", dove ti attende un appuntamento con un certo Terry Date (Soundgarden - Batmotorfinger ed ho detto tutto!!!) che dovrebbe produrti il nuovo disco e sentirsi dire, appena terminato di definire e sistemare i primi abbozzi delle canzoni, che devi fare le valigie ed andartene.

Ma i Mind Funk non mollano, tirano fuori le unghie ed i denti e sono decisissimi a portare avanti il loro secondo disco, scegliendo subito un titolo emblematico ed autoironico. Terry Date offre a loro la disponibilità per una produzione almeno dignitosa, cercando in tutti i modi possibili di dare il meglio con i pochissimi dollari a disposizione.

Il risultato è un lavoro solido, forte, compatto; a tratti romantico e passionale grazie in particolare alla voce di Pat. L'animo tormentato dei nostri viene messo in risalto da suggestivi quanto malinconici intarsi di chitarra acustica; non mancano parti elettriche ed una vigorosa spinta che ricorda il loro passato più metallico. Senza dimenticare quell'enfasi, quello slancio che li avvicina alla scena di Seattle. Potenti e strutturati riff Hard, atmosfere oscure tanto da essere paragonati ai Soundgarden di "Louder Than Love" in brani come la magistrale opener "Goddess", la mistica "In The Way Eye", la spirituale e conclusiva "Hollow".

Le drammatiche vicende che hanno dovuto sopportare hanno fatto da propellente, da vigorosa spinta per un lavoro che personalmente ritengo tra i meglio riusciti di tutti gli anni novanta.

Grandissimi Mind Funk, pochi cazzi...DROWNING...

Ad Maiora.

Questa DeRecensione di Dropped è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/mind-funk/dropped/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Nove)

Almotasim
Opera: | Recensione: |
Bella questa! Ruvidissimo quanto efficace. Puoi dar lezioni a Genital Grinder! Ad Maiorca.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Cercati assolutamente Dropped; canzoni nella maggioranza dei casi piuttosto lunghe come minutaggio. Ma quanto erano bravi ed efficaci; purtroppo dopo questo album un declino inesorabile, ancora un disco imbarazzante e poi l'inevitabile fine.
nangaparbat
Opera: | Recensione: |
Sbaglio o in questo disco suono' anche l'ex Nirvana ed ex Soungarden Jason Everman? Quello noto per aver prestato a Cobain i 600 dollari per la "produzione" di Bleach e per poi essersi arruolato nei marines. Dropped uno dei titoli piu' beffardi degli anni 90, loro mi ricordano band cone Warrior Soul o Paw, che sembravano avere tutte le carte in regola ( per citare Piero Ciampi) per sfondare, con un sound a metà strada tra il grunge e il crossover, pero' poi gli mancava sempre il centesimo per fare l'euro. Bella recensione come sempre, al disco voglio dare un riascolto perché non me lo ricordo bene.
BËL (02)
BRÜ (00)

De...Marga...: Dici tutto bene nanga riguardi Jason; soprattutto quando li paragoni ai Warrior Soul, altra band quasi sconosciuta ma che aveva un sound "sballato".
Johnny b.
Opera: | Recensione: |
È incredibile che in un periodo dove ascoltavo molto Grunge, Crossover e Noise e pur sapendo che questo era un ottimo album con band da considerarsi come un super gruppo e non averlo mai ascoltato. La bella recensione mi ha invogliato a colmare questa mia lacuna.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Ho il doppio vinile del disco che ascolto in questo momento, per la gioia dei vicini visto che sono da poco passate le sei del mattino. Buttaci un orecchio Johnny perchè è un lavoro a suo modo affascinante.
Johnny b.: Bello veramente vorrei dire uno strano incrocio Soundgarden e Alice in Chains più i primi. Peccato non averlo conosciuti allora ne avrei fatto indigestione.
sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Tutto molto giusto e anche bello. Il disco/gruppo lo ricordo abbastanza bene. All'epoca erano osannatissimi dalla "stampa specializzata": Rumore su tutti. Però, abbia pazienza, l'istinto primordiale di assegnarLe un tautologico 1+1 mi stava per sgorgare dai polpastrelli inferociti per non aver neppure citato la presenza dietro le pelli di Reed St. Mark, spettacolarissimo drummer, già autore delle percussività dei Celtic Frost negli epocali "Into The Pandemonium" e "To Mega Therion". Eh! Anzi UH!
BËL (02)
BRÜ (00)

De...Marga...: Che non si azzardi ad assegnarMI voti così bassi, marrano!! Puntualizzo il discorso "batteriologico" (nel senso di postazione dietro le pelli): il da lei menzionato Sig. Reed St Mark ha si suonato nei Mind Funk, ma soltanto nel primo omonimo e più metallaro esordio dei nostri ragazzuoli. In codesta seconda prova sulla lunga distanza tale Shawn Johnson, a me del tutto sconosciuto, prese il posto del batterista dell'ex Celtic Frost di Tom Warrior (doverosa citazione al Guerriero). Comunque sempre puntuali le tue argomentazioni, dotto et erudito sfascia.
IltuoDeNome
Opera: | Recensione: |
...comprato quando uscì perchè avevo già la prima opera e non vedevo l'ora di ascoltare qualcosa di nuovo da loro.
Due lavori molto differenti, proprio come sottolineato dalla recensione: questo Dropped mi parve più in linea con le produzioni grunge che imperversavano in quel periodo (come correttamente riportato dalla recensione).
Io preferisco il primo album omonimo, bello comunque avere riportati alla ribalta questo "Dropped".
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Pur apprezzando anche l'esordio resto maggiormente attratto da "Dropped". Hai ascoltato anche il terzo loro disco, purtroppo il peggiore?
IltuoDeNome: Ciao, no non l'ho ascoltato... e ormai non so se sarei più capace... ormai ascolto solo i cori di Arvo Part... :-D Comunque è sempre un piacere leggere le recensioni e i commenti qui. Qualche volta poi provo a cimentarmi ma ormai quello che una volta ascoltavo a colazione adesso mi sembra una montagna non più scalabile... si cambia...e non sempre in meglio! Alla prossima! E sempre "Yousufferbutwhy!"
Harlan
Opera: | Recensione: |
Questi sembrano più alla mia portata, mi assicuri niente urla, o torture uditive? La copertina mi invoglia ancor di più poi :D
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Fanno assolutamente per te Harlan; a parer mio potrebbe piacerti di più l'esordio, molto più veloce e metallico come suoni.
Fraxinus
Opera: | Recensione: |
Uno dei dischi che sento mi appartengano più profondamente. Comprato appena uscito, consumato negli anni '90 e '00, riesumato di recente... stesse emozioni immense. Album invecchiato benissimo, tuttora un capolavoro squisitamente umorale che deve essere (ri)scoperto.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Quoto il tuo commento buon Fraxinus; disco ancora oggi fresco ed invecchiato molto bene.
IlConte
Opera: | Recensione: |
Hard rock da dinosauri?! Che fai mi rubi il lavoro nobile ?! Ah be anni ottanta, allora vai ahahah! Grande su tutto, questi me li cucco. Voto domani dal pc senza demoni.
BËL (02)
BRÜ (00)

De...Marga...: Questi fanno per te; i cugini con molto minor successo dei Soundgarden.
nangaparbat
Opera: | Recensione: |
L'ho riascoltato. Veramente un disco solido e compatto, forse troppo nel senso che si fatica a trovare il classico brano di punta che traina tutto il resto. E in quegli questo fu una zavorra, se MTV trovava il video/singolo da lanciare in heavy rotation cambiava le sorti di una band. Comunque un ottimo ripescaggio per gli amanti delle sonorità grunge/crossover, ancora bravo de marga!
BËL (00)
BRÜ (00)

Fraxinus: Il video che venne tratto da Dropped fu quello del pezzo "Mama, Moses & Me", ma non si può proprio definire il singolo trascinante adatto per MTV... e menomale. Io comunque avrei scelto "Drowning", visto il ritornello con le vocals mesmerizzanti nel ritornello e quel reiterato "I wouldn't miss it..."
Fraxinus: Essendo un po' pirla, ho ripetuto "ritornello" senza manco accorgermi... ma si sa, ritorna :D

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: