Sto caricando...

Mötley Crüe
Girls, Girls, Girls

()

Voto:

Nel 1987 i Motley Crue sono divenuti simbolo estremo di trasgressione ed incarnazione della decadenza romantica metropolitana. L’immagine proposta dai quattro musicisti californiani e le tipiche tematiche del movimento glam anni ’80 sono rintracciabili in questo eccellente lavoro che si riallaccia stilisticamente al precedente, esaltandone l'anima più ruvida ed aggressiva. La capacità del gruppo di ironizzare sugli stereotipi riguardanti il loro genere musicale ci fa comprendere il messaggio che i Motley Crue intendono rivolgere ai loro fans: la musica intesa come analisi della realtà metropolitana calata in una dimensione realistica ma non reale, tale quindi da poter essere osservata con distacco e spensieratezza.

Stavolta le hits che trascinano il disco alla posizione #2 delle charts americane sono due: la travolgente “Wild side”, song dall’incedere maestoso (caratterizzata, in sede live, da spettacolari evoluzioni compiute dall’inarrivabile Tommy Lee che veniva elevato con la sua batteria a dieci metri di altezza sul pubblico) e “Girls, girls, girls”, traccia dotata di un ritornello irresistibile che culmina alla posizione #12 negli USA e fa parlare di sé per il trasgressivo video di supporto. Tutto l’album, nuovamente prodotto dal sempre impeccabile Tom Werman, si mette in luce per la straordinaria energia che i Crue riescono a sprigionare in ogni canzone, dalla macabra ed agghiacciante ballad “You’re all I need”, accompagnata da un video scandalo che ritrae fedelmente l’esecuzione di un delitto, alla bellissima “All in the name of rock n’roll” che entrerà a far parte della colonna sonora del film “Tale padre, tale figlio” (con Dudley Moore e Kirk Cameron) insieme alla già citata “Wild side”. Degne di nota risultano anche la cover di “Jailhouse rock”, brano di Elvis Presley registrato dal vivo e la bluesy “Sumthin’ for nuthin’”. Questo LP, segnando il più alto debutto in classifica per un gruppo hard rock (al #5: faranno meglio soltanto gli Skid Row nel 1991, con l’alloro guadagnato grazie a “Slave to the Grind”) e divenendo quattro volte platino, consacra i Motley Crue come band di punta dell’hard rock anni ’80 e porta ad una serie di esibizioni live in arene stracolme, facendo annotare un numero impressionante di “tutto esaurito”.
La tournée da headliner li vedrà quindi protagonisti di concerti divenuti leggendari ma anche di fatti spiacevoli come l’overdose di cocaina subita da Nikki Sixx in occasione di un tour in cui i Guns N’Roses facevano da band di supporto ai Crue. Le classifiche di tutto il mondo accolsero con entusiasmo i singoli proposti dal quartetto di Los Angeles, consegnando ai posteri l’immagine trasgressiva di Vince Neil e soci.

SINGOLI: GIRLS, GIRLS, GIRLS / SUMTHIN’ FOR NUTHIN’ 11/05/1987
WILD SIDE / FIVE YEARS DEAD 10/08/1987
YOU’RE ALL I NEED / ALL IN THE NAME OF ROCK N’ ROLL 19/10/1987

TRACK LIST:
01) WILD SIDE
02) GIRLS, GIRLS, GIRLS
03) DANCING ON GLASS
04) BAD BOY BOOGIE
05) NONA
06) FIVE YEARS DEAD
07) ALL IN THE NAME OF ROCK N’ROLL
08) SUMTHIN’ FOR NUTHIN’
09) YOU’RE ALL I NEED
10) JAILHOUSE ROCK (LIVE)
11) GIRLS, GIRLS, GIRLS (TOM WERMAN AND BAND INTRO-ROUGH MIX OF INSTRUMENTAL TRACK) - ristampa Crucial Crue
12) WILD SIDE (INSTRUMENTAL-ROUGH MIX OF INSTRUMENTAL TRACK) - ristampa Crucial Crue
13) RODEO - ristampa Crucial Crue
14) NONA (INSTRUMENTAL DEMO IDEA) - ristampa Crucial Crue
15) ALL IN THE NAME OF ROCK N’ROLL (LIVE) - ristampa Crucial Crue (versione giapponese)

Ultimi Trenta commenti su CentoQuattro

Undying
Undying
Opera:
Recensione:
Il grunge non è stata una rivoluzione secondo te? Si vede che la storia del rock è un 'opinione... negare l'evidenza storica a favore dei propri gusti è un'operazione decisamente triste, il classico revisionismo da critici con manie di protagonismo. Per quanto riguarda Hendrix, io lo conosco molto bene e permettimi di dire che non c'entra assolutamente un cazzo con Cobain. I suoi riferimenti eran ben altri e diversi, vedi i Pixies. Molta gente qui su Debaser deve pensare per esclusione: se uno è geniale, l'altro che si esprime in modo opposto o diverso fa cagare. E' un modo di pensare tipico della società odierna, forse fa sentire più sicuri nelle proprie convinzioni, non so.
Per quello che mi riguarda, Hendrix e Cobain sono stati importantissimi e geniali entrambi, più Hendrix che Cobain, certo, ma entrambi fondamentali per l'evoluzione musicale. Non riconoscere i meriti a musicisti di tale calibro quando non inclini alla nostra sensibilità, lo ripeto, è ridicolo.


The Bluesman
The Bluesman
Opera:
Recensione:
Il Grunge è stata la più grande rivoluzione commerciale della storia del rock, il vero inizio della fine di tante scene sorte spontaneamente. E' stato il desiderio di MTV di creare qualcosa di proprio invece di stare ad assecondare un mercato che dal rock voleva solo divertimento e spensieratezza. E' stato un modo per divenire apparenetemente seri attirandosi le lodi di una critica presunta "dotta", dei Luzzatto-Fegiz a stelle e strisce. Ci avete fatto caso? Tutti i gruppi grunge + importanti e rappresentativi erano sotto contratto con la Geffen: Nirvana, Soundgarden ed Alice In Chains. Vero: la "rivoluzione" dei Nirvana non è stato un attacco a dei despoti ma equivale a quella che Mussolini chiamava "rivoluzione" riferendosi agli attacchi squadristi del 1920: un movimento reazionario spacciato per rivoluzionario, ma come il fascismo spalleggiato e aiutato dalla grande industria (labels importanti: Elektra e Geffen, per dirne due, ma anche Atlantic). Studiate la storia, perchè qui si fa veramente un certo tipo di storia. Nirvana come Bombacci (studiate e capite chi è questo personaggio storico).


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
mah, che discorsi mediocri, Hendrix in Are you Experienced ha gettato le basi anche per la musica istintuale ed "animalesca", non a caso veniva da Seattle e se non sbaglio il grunge nasce lì. Cobain ha avuto il merito di modernizzare certe sonorità, ma dire che è geniale quanto Hendrix, con l' unica possibilità che Hendrix lo sia stato un po' di più, è un ragionamento talmente ridicolo e grottesco che non merita nemmeno commenti. Mi sa che dovresti tornare ad ascoltare musica da cabaret, perchè le spari davvero grosse


Undying
Undying
Opera:
Recensione:
Certo se la filologia è un arte di questo tipo, possiamo dire che i maestri della musica classica avevano già detto tutto secoli prima senza impallidire. Per Bluesman: perchè te conosci qualche fenomeno musicale mainstream che non sia commerciale? Cristo che luoghi comuni.
Certo che il panorama musicale del rock precedente al grunge sì che era fecondo e geniale, soprattutto per chi nel rock vuole qualcosina di più di spensieratezza e cazzonaggine---diciamo per chi considera la musica un' arte al pari della pittura o della poesia. p.s.: ah rick, io non ho pregiudizi per la musica da cabaret, a me piace.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
allora, io considero la musica al pari dell' arte e la pittura, certo non tutta, penso però che anche nel rock ci siani stati grandi artisti, Hendrix ne è un fulgido esempio. Io spero che la mia frase non sia stata fraintesa, è evidente che Hendrix non ha fondato il grunge, ma diversi critici musicali hanno sottolineato acutamente che, nella sua immensa sperimentazione, abbia dato l' avvio, molti anni prima, ad una musica istintuale, quasi primitiva, da cui il grunge ha attinto, anche se in forme e modalità differenti e, se si ascolta Are you Esperienced, come album ed anche come canzone, credo che questo sia innegabile. Poi ovviamente la sua ricerca musicale ha abbracciato filoni estremamente differenti tra loro, partendo dal blues, per arrivare al rock ed al psichedelico. Io penso che il merito dei Nirvana sia stato quello di dare voce ad un' esigenza che in quegli anni era assai sentita e di averlo fatto con indubbie capacità, soprattutto a livello di impatto con il pubblico, non nego però che questa musica non mi coinvolga più di tanto e, soprattutto, penso che fra Hendrix e Cobain ci sia un abisso a livello di genialità, ma è la mia opinione, per carità.


Undying
Undying
Opera:
Recensione:
Beh, rick, il tuo ultimo commento è già molto diverso dal precedente....almeno adesso riconosci l'importanza dei Nirvana, che, lo ripeto, a me non piacciono per niente, ma rendo merito a ciò che hanno obbiettivamente fatto, ossia dato una svolta epocale ad una scena letteralmente infin di vita (salvo alcune eccezioni underground). Per l'aspetto "filologico", è chiaro che ognuno può ritrovare "un che" in artisti anche molto precedenti, ma Hendrix non era fra i riferimenti immediati di Cobain. Se si adotta un punto di vista di questo tipo, praticamente tutti i gruppi devono a tutti e a mio avviso, lascia un po' il tempo che trova. Sulla genialità, è fuori discussione che Hendrix sia stato un musicista incredibilmente più completo di Cobain, ma in modi estremamente diversi secondo me sono stati geniali entrambi. Poi, i gusti personali sono quelli e si rispettano, per carità.


jettojet
jettojet
Opera:
Recensione:
ciao Undying, scusa se mi intrometto nella discussione, io credo sia interessante questo discorso, personalmente, ad esempio, sono un po' scettico sui Nirvana, non li ho mai adorati, mentre, come Rick, ho una passione per Hendrix, ma forse bisognerebbe cercare di scindere le proprie preferenze dall' importanza storica ed innovativa di un determinato gruppo o musicista. Tu ad esempio hai detto che da 1 a 10 daresti 3 ai Nirvana, ma credo di poter intuire che daresti un voto molto maggiore a livello di contenuti innovativi apportati dal gruppo. I gusti musicali poi sono molto personali, io ad esempio, apprezzo artisti che a te non piacciono e viceversa, le mie recensioni su Malmsteen non so se possono trovare in te un certo interesse, non penso(magari solo a scopo di curiosità!), una però potrebbe piacerti, è su Uli Jon Roth, primissimo chitarrista degli Scorpions ed uno dei più accreditati epigoni di Jimi Hendrix, se ti fa piacere commentarla, ti aspetto lì, ciao!


Undying
Undying
Opera:
Recensione:
Ciao Jettojet, grazie per il tuo inserimento nel discorso. Ho letto la tua rece su Uli Roth, ma non posso dirti cose ne penso dal momento che non lo conosco, probabilmente perchè gli Scorpions sono sempre stati abbastanza lontani dai miei interessi e non ho mai approfondito.
Per quanto riguarda Malmsteen, a me proprio non piace e anzi, quel genere di approccio musicale lo considero molto lontano dall'arte e molto vicino al puro esibizionismo: quando la tecnica diventa il fine e non il mezzo, come lui penso ai vari Dream Theater, Satriani, metallari di vario tipo etc etc la musica perde di ogni significato per me...ma prendilo come giudizio personale, ognuno fa bene ad ascoltare ciò che più è vicino alla propria sensibilità. Alla prossima....


jettojet
jettojet
Opera:
Recensione:
ciao Undying, ti ringrazio per la risposta, mi fa comunque piacere avere un dialogo con una persona che ha una certa apertura mentale nei confronti della musica, su Malmsteen non posso comunque darti completamente torto, io lo apprezzo principalmente per gli esordi, penso che a 19 anni avesse un grande talento(lo stesso Frank Zappa, autentico maestro di chitarra lo sottolineò) , ma poi il successo, la droga e tanti eccessi lo hanno portato a perdere di vista la strada maestra e a fare musica assolutamente da rigettare, i suoi ultimi lavori sono scandalosi e lo dice uno che è un suo fan. Quanto a Uli Roth e ad i primi Scorpions(fino al 1979), ti consiglio di ascoltarli, allora hanno fatto nel genere una musica di qualità, poi negli anni 80 hanno cambiato totalmente linea, Uli ha intrapreso la carriera solista e gli Scorpions si sono venduti alla commercialità pura. Ci sentiamo, alla prossima!


Fidia
Fidia
Opera:
Recensione:
AVVISO IMPORTANTE RAGAZZI: THE BLUESMAN E ROSTICCI SONO LA STESSA PERSONA.
NOTARE LA PRESENZA DI BLUESMAN IN TUTTE LE RECENSIONI DI ROSTICCI CON COMMENTI ESAGERATAMENTE DI PARTE ED IL MASSIMO DEI VOTI


Kobra
Kobra
Opera:
Recensione:
Rick sei una fottuta testa di cazzo nata da uno stupro. E come te chiunque offende i Nirvana. E cmq Kurt Cobain è stato ammazzato dalla troia della moglie che voleva i soldi, nn si è ammazzato informatevi teste di merda.


dark_kingdom
dark_kingdom
Opera:
Recensione:
"Anche AXL ROSE è STATO MOLESTATO DA UN PRETE DI MERDA DA BAMBINO ma non per questo ha mollato tutto." Certo, è rimasto checca tutta la vita.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Ci sarebbe voluto pol pot e il regime della cambogia per pattume americaneggiante tamarro di questo genere. Finiti a colpi di baionetta nelle risaie, con pamela anderson stuprata e sventrata e data in pasto ai porci


jeremy
jeremy
Opera:
Recensione:
mica male come idea :)...porto le baionette..


Big D
Big D
Opera:
Recensione:
NIRVANA MERDA MERDA MERDA MERDA!!!


Big D
Big D
Opera:
Recensione:
che bello, ora sono anche io una fottuta testa di cazzo nata da uno stupro! come sono felice!!


Big D
Big D
Opera:
Recensione:
ma posso sapere una volta per tutte perchè tutti pensano che i metallari non siano altro che palloni gonfiati che fanno solo sfoggio di tecnica e/o velocità??? sob


Vinz87
Vinz87
Opera:
Recensione:
Il disco è na figata (a parte la song Nona che mi fa venire la mossa fulminante)!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
il disco (è proprio il caso di chiamarlo così: ho ancora il vinile che è sopravvissuto a traslochi e moti di rinnovamento dovuti alla vergogna di conservare memoria dei miei trascorsi musicali) non mi ha mai convinto. Tolte Wild side e All in the name... che nel loro genere ancora trovo godibili e grintose il resto (bad boy, mona, sumthin...) mi sa di spazzatura oggi e mi sapeva di spazzatura allora, e sì che ero un loro fan (mamma mia). You're all i need (dai, pure questa all'epoca mi piaceva...)è "The Girls just wanna have fun" di Cindy Lauper con un tempo leggermente rallentato, provare per credere, anche la voce di Mr. Vince Neil Wharton se ci pensate....ah, pure i capelli.


Enrico Rosticci
Enrico Rosticci
Opera:
Recensione:
Noto con piacere che elogi e polemiche non accennano a placarsi sui commenti a questa mia recensione, anche se sono sempre più convinto che si tratti di appunti critici alla "forma" estetica della band piuttosto che a realistiche analisi sulla sostanza.


jettojet
jettojet
Opera:
Recensione:
Ciao Enrico! Dove sei finito x tutto questo tempo?? Beh anch' io ho un po' disertato in effetti, spero di leggere prima o poi una tua nuova rece, a presto e se sei in ferie buone vacanze!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
ammazza, meno male enrico che hai chiamato in causa la "sostanza dei motley crue", uno dei gruppi MUSICALMENTE più scadenti e anonimi che il metal americano ha mai proposto: assoli orripilanti, ritmiche semplicissime basate su i clichè più scontati dell hard rock commerciale, cantato degno del peggior coatto cafone che vo ffà l americano. Gli anni ottanta più deteriori. Non è per la forma estetica che giustamente vengono sputtanati, perchè da questo punto di vista erano ben più ridicoli ed eccessivi i grandissimi queensryche (quello è un gruppo degno!!), ma per i contenuti inesistenti


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
commento generale a tutte le teste di cazzo partecipanti alla discussione: FOTTETEVI BASTARDI FACCE DI CAZZO, I MOTLEY CRUE SPACCAVANO, AVEVAN LE PALLE DI ACCIAIO, IGNORANTI ESSERI NON DEGNI DI OSSIGENO CHE NON SIETE ALTRO! MOTLEY CRUE...SESSO DROGA E ROCK N' ROLL...LOROSI' CHE LO POSSONO GRIDARE!!! ALTRO CHE I NIRVANA MERDOSI


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Non fate interventi musicali quando non ne capite un cazzo!! come loro mai nessuno MOTLEY CRUE!!!!!!!!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
se non ne capite una sega di musica state in silenzio che fate più bella figura!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
mi spiace per tua madre, deve essere peso vergognarsi del proprio figlio


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
bravo stronzo...comincia subito a cambiare argomento...che gente inutile e incapace che c'è nel mondo...sotto un regime dittatoriale di mia competenza gente come voi non dovrebbe neppure usicire di casa


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
carloirons
carloirons
Opera:
Recensione:
facevano musica e basta....altro che analisi eccetera...un po' erano ironici, ma lo facevano soprattutto x soldi...=)


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
I Motley hanno sempre fatto musica per soldi donne e sballo!!!!Non spariamo cazzate del tipo, "la loro musica è sincera" o "nn fingevano erano davvero trasgressivi".....la trasgressione vive da un'altra parte nn certo a casa dei Crue.Inoltre ricordo che una volta ho visto il video di girls girls girls......una immane cagata!!!!!!!!Ovviamente il tutto serviva per dare una finta immagine trasgressiva di 4 persone che in realtà la vita di strada nn l'hanno mai vista manko da lontano(giusto per ricordare)...pur apprezzando i Motley Crue devo dire che l'album sarà melodico e orecchiabile ma fa ugualmente cagare...


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Girls, Girls, Girls è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link