MoHa!
Norwegianism

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Norvegia, Contea di Rogaland.

La città di Stavenger, sede di numerose industrie petrolifere, tra montagne maestose, ghiacci e fiordi, non poteva che dare alla luce la personalità multiforme del giovane Anders Hana, chitarrista dei Moha! (ma anche di Noxagt e Ultralyd, per rendere l’idea del personaggio..!) Il nostro è accompagnato alla batteria (elettronica e non) dall’amico Morten J. Olsen.

Un duo stravagante, questi Moha! dedito a una commistione folle di generi musicali tra i più disparati: si passa infatti dall’avant-grind, al noise passando per il jazz-core e infine toccando lidi destrutturati e destrutturanti come lo possono essere l’industrial e la no-wave, più acide e spartane.

Le sedici tracce presenti in questo “Norwegianism”, la loro seconda uscita discografica sotto Rune Grammofon, sono per lo più scatti velocissimi e vibranti, rumorismi che sembrano fini a se stessi ma che non lo sono. Perché l’album preso nel suo complesso, nei suoi 35 minuti scarsi di durata, suona (per quanto possibile nel 2011) innovativo, geniale e pazzesco allo stesso tempo!

Suoni roventi e lamiere incandescenti che sgorgano fuori dagli amplificatori, un sound che potrebbe entusiasmare chi presta più di un ascolto alle sonorità destrutturate, sconnesse e disarticolate, figlie legittime del noise più assordante.

Volete dei numi tutelari? Lightning Bolt, Naked City, Melt Banana sono i primi che mi vengono in mente, ma ce ne sono sicuramente altri. Ma penso che molti (o pochi?) di voi saranno già saltati dalla sedia al solo sentire pronunciare il nome di queste band.

Chiusa finale: Musica non-sense è quello che potrebbe obiettare qualcuno? Certamente sì, per i meno allenati a questo tipo di sonorità e abituati per lo più alla forma canzone classica (strofa-ritornello-strofa), a cui i Moha! potrebbero sembrare soltanto un mero esercizio di stile sterile e cacofonico.

Per tutti gli altri, seguaci del rumore e dello sperimentalismo più estremo, un origliata a “Norwegianism” la consiglio caldamente..

Questa DeRecensione di Norwegianism è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/moha/norwegianism/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sette)

sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Bhè, comunque, tutto considerato, io c'avrei messo anche il Viking tra i DeGeneri.. ad ogni modo, ottima ergo incuriosente DePagina. Mersì bocù. Or Vuar.
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
Opera: | Recensione: |
ottima proposta, concordo.
BËL (00)
BRÜ (00)

PVC
PVC
Opera: | Recensione: |
meglio live che su disco.
BËL (00)
BRÜ (00)

alexx
Opera: | Recensione: |
Nico63
Opera: | Recensione: |
Sperimentalismo m'aggrada... a prescindere: dritto in agenda, o meglio in audienda. Buona recensione essenziale scorrevole esauriente.
BËL (00)
BRÜ (00)

gertrude
Opera: | Recensione: |
ciao a tutti e grazie x i commenti, vi posto un link di un video dei moha! tratto dal loro primo album "raus aus stavenger"

BËL (00)
BRÜ (00)

Nico63
Opera: | Recensione: |
Ho assistito ad alcuni filmati, fra cui, scopro ora, quello da te postato. Qualcuno li paragona ai nostrani Zu (di cui conosco solo l'album "Carboniferous") ma a me sembrano ancora meno digeribili ;-) Vedere i frenetici passaggi chitarra-tastiera di Hana fa pensare che se fossero in tre la faccenda sarebbe meno defatigante. Scherzi a parte, confermo gradimento della proposta e complimenti al recensore.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: