Nick Copus
Ice

()

Voto:

Lo scetticismo della maggioranza, pure di appassionati al genere, davanti a un ennesimo film di fantascienza dai contenuti drammatici e apocalittici e che abbia come tema centrale il riscaldamento globale è chiaramente comprensibile.

Questo soprattutto quando, come in questo caso, ci troviamo davanti a un'opera dalla durata complessiva superiore alle tre ore.

Effettivamente concepito per essere una 'miniserie TV' in due episodi, 'Ice' (2011', diretto da Nick Copus e fondato su un romanzo di James Follet, narra fondamentalmente le vicende di uno scienziato ambientale, tale Tom Archer (Richard Roxburgh), che nell'anno 2020 durante degli studi tra i ghiacciai dell'Artico, scopre che il processo di scioglimento dei ghiacciai della Groenlandia è drammaticamente accelerato dalle perforazioni della Halo, una delle più potenti multinazionali nel settore del petrolio

Ci troviamo, a differenza che in altri film del genere, in un contesto globale che ha già oltrepassato determinati limiti per quello che riguarda i disastri ambientali: il nostro pianeta è già soggetto a un violento riscaldamento globale, che di fatto ha causato la desertificazione di ampie regioni dell'Europa Meridionale (Italia e Spagna in primis) e costretto la popolazione di queste regioni a migrare verso le regioni settentrionali in ricerca di riparo.

Contemporaneamente a questo fenomeno, che comporta ovviamente complicazioni di carattere sociale, si aggrava una forte crisi energetica e che porta a un aggravamento anche delle condizioni di vita nei paesi dell'emisfero settentrionale e in particolare, data l'ambientazione del film, in Inghilterra.

La gravità della situazione in questo film è dunque, a differenza di altri film del genere (penso a 'The Day After Tomorrow' e '2012' di Ronald Emmerich), costituisce uno stato di fatto che è già di fatto comprovato all'inizio delle vicende.

Quello cui assistiamo è di conseguenza un aggravarsi delle situazioni quando, davanti a quello che viene individuato dallo scienziato Tom Archer, come il punto critico da non superare, i suoi avvertimenti vengono ignorati dalla prepotenza dai vertici della Halo e nella specie dal suo 'capo' Anthony Kavanagh (Sam Neil) e dal suo avvocato difensore, la bella e intraprendente Sara Fitch (Frances O'Connor).

Gli interessi in gioco del resto, nella prima parte del film, appaiono essere molteplici e alle osservazioni comprovate di gravità di Tom Archer vengono anteposte motivazioni in qualche maniera comunque degne di essere prese in considerazione come fronteggiare la crisi energetica e allo stesso tempo evitare un ulteriore aumento della disoccupazione.

In particolare si fa riferimento a un contesto sociale, quello dell'Inghilterra, che è praticamente una delle principali mete dei migranti, e dove questi vengono trattati in una maniera praticamente non dissimile da quello che ci racconta la cronaca dei nostri giorni relativamente uno di quelli che è e sarà destinato a essere ancora uno dei temi centrali e più difficili della nostra società per gli anni a venire.

Dopo essere stato letteralmente 'sconfitto' in un confronto con i vertici della Halo, Tom Archer decide di lasciare perdere la questione, ma quando viene richiamato in Groenlandia dal suo vecchio collaboratore Ben Peterson decide immediatamente di ritornare lì e dove effettivamente riscontra delle prove concrete dei danni provocati dalle perforazioni della Halo, cioè la presenza di 'archei', 'una suddivisione sistematica fondamentale, al più basso livello, della vita cellulare (fonte: Wikipedia) che si sviluppano in temperature decisamente più alte rispetto a quelle che ci si aspetterebbe di trovare nelle acque del Mar Glaciale Artico.

A questo punto il film: a) Perde qualsiasi scientificità nell'affrontare la questione e in generale trascura ogni aspetto socio-culturale che deriva dalla crisi; b) Diventa praticamente un film metà di avventura e metà drammatico.

Infatti mentre Tom Archer si trova all'Artico e assiste alla distruzione della piattaforma petrolifera della Halo e stringe al contempo alleanza con la sua vecchia nemica, l'avvocato Sarah Fitch, la sua famiglia si trova in Inghilterra, a Londra, dove la moglie e la figlia sono andati a fare visita al nonno.

Il precipitare della situazione, dovuto appunto alle continue trivellazioni della Halo e alla distruzione stessa della piattaforma, provocano un immediato cambio climatico e un abbassamento delle temperature in tutto il pianeta.

Quindi vengono raccontate contemporaneamente due storie: quella della moglie e della figlia di Tom Archer che cercano di sfuggire alla fine in una Londra nella quale viene emanata la legge marziale e che deve essere immediatamente evacuata causa il congelamento; la storia dello stesso Tom Archer che dall'Artico compie una incredibile traversata aerea fino in Inghilterra e dove, una volta sul suolo britannico, si avventura sulla neve e tra i ghiacci alla ricerca dei suoi familiari.

Va detto che la seconda parte del film, per quanto priva di alcun contenuto scientificamente rilevante e di contenuti diciamo 'utili', è oggettivamente avventurosa e in qualche modo coinvolgente nella sua drammaticità.

Ma quello che ricercavo non era ovviamente un film di 'alta tensione' e di conseguenza posso dire senza nessun rimpianto che la seconda parte del film non vale la prima, nella quale, pure consapevole di trovarmi al cospetto di un film non particolarmente brillante, mi attaccavo a determinate intuizioni e confronti tra le diverse situazioni e punti di vista in gioco, ricercando qualche cosa di diverso dalle solite argomentazione (per quanto veritiere e affatto da sottovalutare) relativamente il riscaldamento globale e guardando alla questione da diverse prospettive come assistere a una specie di dibattito. Tutto il resto è praticamente uguale ai film già citati di Roland Emmerich: le similitudini in particolare con 'The Day After Tomorrow' sono veramente tante. Oserei dire così tante - troppe - che alla fine valgono un giudizio complessivo insufficiente anche al film di Copus.

Questa DeRecensione di Ice è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/nick-copus/ice/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (Cinque)

sotomayor
sotomayor Divèrs
Opera: | Recensione: |
Il film è accreditato sia come 'Ice' che come 'Ice 2020'.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

sotomayor
sotomayor Divèrs
Opera: | Recensione: |
Forse il voto è persino generoso. Però va detto che nonostante duri oltre tre ore, l'ho guardato tutto: quindi effettivamente io personalmente non l'ho trovato così pessimo. Non lo consiglierei comunque se non a degli appassionati del genere.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

aleradio
Opera: | Recensione: |
a) Perde qualsiasi scientificità nell'affrontare la questione e in generale trascura ogni aspetto socio-culturale che ne deriva; b) Diventa praticamente un film metà di avventura e metà drammatico.

non è la recensione di interstellar vero?

BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

aleradio: il format di due episodi da 90 minuti (tipo k-k-kingdom che son tipo 4 puntate) mi piace pure, ma a questo punto uso meglio le tre ore a disposizione, le tre PREZIOSISSIME ore a disposizione
sotomayor: Credo di non averla mai scritta (può darsi, ma non mi ricordo) ma probabilmente avrei scritto le stesse cose su questo aspetto della questione perché anche lì si parte effettivamente da delle buone premesse e effettivamente anche lì l'apocalisse è già compiuta e si aggrava poi per delle ragioni varie e diverse da queste qui (qui è francamente patetico come faccia aggravare tutta la situazione: in pratica nel giro di 24 ore il Regno Unito, dove fa praticamente sempre caldo dopo la prima fase, quella pre-esistente all'inizio del film e che ha comportato la desertificazione dell'Europa Meridionale, diventa una landa di ghiaccio totale e desertica... diciamo che la cosa è almeno un po' esagerata, poi non lo so, non sono sicuramente uno scienziato). Aggiungendovi forse maggiori critiche per quello che riguarda aspetti secondo me trattati in una maniera forse superficiale da parte del regista di 'Interstellar'. Oltre al fatto che - incredibilmente - trovo più appassionante una produzione di secondo piano come questa che il super-colossal da te menzionato. Che resta spettacolare per alcune scene, tipo quella del pianeta completamente sommerso dalle acque e poco altro, ma che incredibilmente non riesce a funzionare né su di un piano puramente cervellotico come altre sue opere che sul piano dell'intrattenimento. Flop totale. Per me.
aleradio: a me quella sintesi ricorda tanto interstellar, film che ho odiato\mi hanno fatto odiare più di quanto meriti
sotomayor: Sì sì, capisco perfettamente il tuo parallelo. Film dimenticabilissimo 'Interstellar' anche per quanto mi riguarda comunque (ma penso si sia capito).
Barkridge
Opera: | Recensione: |
Gli americani hanno rotto le palle loro e sti film fantascientici/drammatici/apocalittici.
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

spiritello_s: Più che altro hanno rotto le palle con la loro dittatura mediatica che costringe i paesi servi a "nutrirsi" ininterrottamente della propaganda yankee su quanto sono bravi e precisi loro, la loro democrazia (ahahahah....risata sarcastica) e via discorrendo. Tanto che siamo arrivati al punto che le nuove generazioni di ragazzi 18 enni che si apprestano al voto sanno tutte delle farse...oops primarie americane e delle pisciate del presidente trampolo e nulla di nulla di ciò che succede sotto il loro naso ogni giorno.
sotomayor: Naaa, io personalmente non ce la vedo tutta questa attenzione a ciò che succede negli Stati Uniti d'America. Chi è disinteressato, è disinteressato a tutto e certo non si interessa al confronto tra Hillary Clinton e Bernie Sanders per esempio. Anzi molto probabilmente non sanno neppure chi sono. Ovviamente sanno chi è Donald Trump ma come potrebbe essere altrimenti? Poi sicuramente sanno molto meglio chi sia Trump che Speranza oppure Civati. Ma qui la cosa mi sembra persino comprensibile entro certi termini. Posso sbagliare ovviamente.
lector
Opera: | Recensione: |
Ora come ora, vorrei proprio che lo facesse un po' di freddo!
BËL ( 02 )
BRÜ ( 00 )

sotomayor: Non resta che sperare nelle multinazionali... ;)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: