Sto caricando...

Nino Ferrer
Blanat

()

Voto:

Perdonami Nino.

Ti chiedo perdono perché ti ho sempre visto come un farfallone che alla fine degli anni sessanta svolazzava nella musica leggera con motivetti arricchiti dalla voce piacevolmente graffiante, a tuo agio nella televisione italiana di facile presa. Un fighetto con l'appartamento in piazza Navona, maggiordomo in guanti bianchi, flirt a dozzine con le attrici più belle, la fuoriserie con autista pronto a scattare.

 Perdonami perché ho scoperto tardi il tuo passato da jazzista in Francia e il tuo amore per la cosiddetta "musica alternativa". La tua sbandata per il progressive dei primi anni settanta tanto da dedicargli un disco che spiazzò l'ortodossia dei tuoi ammiratori "leggeri": quel meraviglioso "Metronomie" per cui chiamasti a raccolta gli amici jazzisti francesi.

  E il tuo amore per il rock fino a stracciare ogni contratto per poterlo suonare senza compromessi? Reclutasti un mercenario inglese che era un grande chitarrista (Mickey Finn, titolare dei Blue Men dove suonò il Jimmy Page pre-dirigibile) e portasti a termine quel viaggio a ritroso dal palco dell'Ariston fino al garage di casa con questo "Blanat" del 1979. Infatti "Little Lili" sembra una prova fatta per scaldare gli strumenti, il sinuoso rock entra lentamente nelle vene con la tua calda voce e con il grintoso assolo di Finn rigorosamente a metà canzone; il piano boogie ci fa dondolare la testa con quel sorriso sornione che significa "...va tutto bene!". Anche "Boogie on" ha il sapore di un hit arrembante che solo un gruppo giovane ed entusiasta potrebbe rendere con tale freschezza beat. Invece "Michael and Jane" è un groove funky con un ritornello contagioso da ridicolizzare il tormentone "Johnny and Mary" che  Robert Palmer piazzerà nelle classifiche appena l'anno dopo. Poi la chitarra di Mike Finn si incupisce in "Fallen angels", dove sfoderi quella grana vocale che riesce a graffiare facendoci sanguinare senza sentire dolore.

  Non hai più obblighi Nino, e quindi con "Scopa" ti puoi divertire senza peli sulla lingua con una ballata blues trilingue inglese/francese/italiano (" ...non c'è più niente da fare/ resta solamente da fare quello che mi paresse/ e a me mi paresse di scopare/ e quindi allora scopa e tutta la vita allora scopa... scopa... scopa") che rimane di una bellezza disarmante in quel passaggio dalla voce arrochita che cede il testimone al lungo assolo della solista di Finn. Oppure con un' improbabile "Bloody Flamenco" che rasenta la psichedelia e rischia di diventare per la sua stramberia la canzone più intrigante del lotto. Operazione alquanto difficile, perché a chiusura del disco c'è "L'arbre noir" a ricordarci che sei un grande chansonnier moderno: malinconia, dolore, energia, tutto racchiuso in cinque minuti di progressione sonora.

Perdonami Nino. Perché non sapevo della tua rabbia per un mondo che va a rotoli, per una natura ripetutamente violentata, per l'uomo che tende sempre più a sopraffare il prossimo. Al punto di non riuscire a sopportare questo fardello e a mettere fine alla tua esistenza che chiunque altro avrebbe definito dorata. E che non comprenderà mai  come uno che aveva avuto tutto dalla vita, successo, soldi, donne, si possa sparare una fucilata in mezzo ad un campo di grano in un mattino assolato, facendo alzare in volo uno sparuto gruppo di cornacchie nere come dei sinistri messaggeri alati.

 E il rimorso per non averti capito mi porta a chiederti perdono in qualche modo. Cento recensioni non sono poche e, per impedire che altri facciano lo stesso errore, la mia centesima è dedicata a te.

"Bisogna che tutte le musiche, bisogna che tutte le opinioni
possano farsi ascoltare anche se l'indice di gradimento
resta al grado zero.
Bisogna fare in modo che si sia noi a scegliere,
se no non saremo mai liberi,
se no è tutta imposizione, tutta industria, tutto marketing.
Non amano la musica, non ne capiscono niente.
Tutto ciò che amano è ciò che riconoscono.
Allora si dividono le pere e il formaggio.
E sono vent'anni che si sente sempre la stessa roba,
Bouvard e Pécuchet, Tartufo e compagnia.
Noi vogliamo ascoltare ciò che fa vibrare,
vogliamo parlare di ciò che c'interessa
anche se si chiama sesso, droga o disperazione.
Vogliamo radio libere,
televisioni libere."

Commenti (Sessanta)

mocampo
mocampo
Opera:
Recensione:
Non sapevo si fosse ucciso,lo conosco soprattutto per le "canzonette" che apprezzo parecchio e questo lo cerco. Super, hai buon gusto.


telespallabob
telespallabob
Opera:
Recensione:
Complimentissimi per il traguardo. Di Ferrer conosco quello più noto e c'è da dire che per quanto commerciale fosse rispettava comunque i canoni di quei Cantanti dell'epoca: voci molto espressive, ispirate e di pregevole fattura. In fondo la "canzone italiana", della quale comunque ha fatto parte, riusciva a portare artisti molto bravi e di grande professionalità. Inoltre quella che tu chiami "televisione italiana di facile presa" esisteva una sobrietà, uno stile e una qualità artistica che i varietà di oggi semplicemente si sognano (pensa a Mina e al suo modo di fare varietà)


claISdead
claISdead
Opera:
Recensione:
toccante e professionale allo stesso tempo, complimenti super.


Lewis Tollani
Lewis Tollani Divèrs
Opera:
Recensione:
Grazie super... sei sempre fonte di ricerche stimolanti ed intelligenti. Grazie a te, davvero.


giovanniA
giovanniA
Opera:
Recensione:
Bella recensione, scritta bene. Congratulazioni a supersoul per le 100 candeline sulla DeB-torta!


Lewis Tollani
Lewis Tollani Divèrs
Opera:
Recensione:
...e dopo un fugace primo ascolto (complice un infortunio ad una spalla, con interessamento della schiena che mi trattiene a casa) un grazie anche a Ferrer. Certo che pensare che uno che era famoso per Donna Rosa e Vorrei la Pelle Nera, ha scritto, suonato, cantato ed arrangiato Fallen Angel (tra le altre) è incredibile.


Bubi
Bubi
Opera:
Recensione:
Segnalazione intelligente di un cantante che a me è sempre stato simpatico, ma del quale non conoscevo queste sue altre vocazioni. Non ho nessuna difficoltà a credere che sia bravo anche oltre la canzonetta tipo Agata o Donna Rosa. Non sono riuscito a leggere le ultime righe perchè i caratteri sono troppo piccoli, magari si tornasse a quelli un pò più grossi. Già che ci sono, dico anche che anch'io sono tra quelli che preferivano la prima mucca e non quella stilizzata che c'è ora.


IcnarF
IcnarF
Opera:
Recensione:
Pagina bellissima.


Appestato mantrico
Opera:
Recensione:
Di suo ho in mente soltanto gastòn gastòn le telefòn chi sòn. Ehm...


Mopaga
Mopaga
Opera:
Recensione:
supersoul
supersoul
Opera:
Recensione:
Salve ai ....soliti noti, con cui sembro avere un feeling particolare. @telespalla ti confesso che per snellire il... "papiello" ho tagliato via una frase tra parentesi dopo "televisone italiana di facile presa" che pressappoco diceva le tue stesse cose a riguardo.;@ claisdead: è proprio quello che è successo a me, mi sono sentito toccato dalla storia di Nino, l'ho scoperta tempo fa grazie a una trasmissione radio del grande Ernesto De Pascale sul progressive. Insomma tra brani degli Ange, Harmonia, etc etc De Pascale lancia "Cannabis " di Nino e rimasi basito. Oltre a "Metronomie" mi procurai " Blanat" e sono rimasto ribasito: proprio quello che dice lewistollani...Grande merito è da dare alla chitarra di Finn, mai banale e sempre diversa nei suoi assoli. Non vi aspettate hard rock, ma canzoni d'autore irrobustite dalla chitarra di Finn e dalla voce di Nino. Un grande artista a tutto tondo che ad un certo punto ha schifato il mondo discografico e poi purtroppo il mondo intero. Mi fa piacere che desti interesse.


Ardalo
Ardalo
Opera:
Recensione:
Per leggere le ultime righe in basso ci vuole il microscopio.


supersoul
supersoul
Opera:
Recensione:
strano a me risultano leggibili, comunque quelle parole di Nino le ricopio qui " Bisogna che tutte le musiche, bisogna che tutte le opinioni possano farsi ascoltare anche se l'indice di gradimentoresta al grado zero.Bisogna fare in modo che si sia noi a scegliere,se no non saremo mai liberi,se no è tutta imposizione, tutta industria, tutto marketing. Non amano la musica, non ne capiscono niente. Tutto ciò che amano è ciò che riconoscono. Allora si dividono le pere e il formaggio. E sono vent'anni che si sente sempre la stessa roba,Bouvard e Pécuchet, Tartufo e compagnia. Noi vogliamo ascoltare ciò che fa vibrare,vogliamo parlare di ciò che c'interessa anche se si chiama sesso, droga o disperazione. Vogliamo radio libere,televisioni libere."


antoniodeste
antoniodeste
Opera:
Recensione:
Quand'ero ragazzo mi stava simpatico anche quando cantava "Donna Rosa" o "La Pelle Nera". Aveva un bel timbro ed una bella presenza. Avevo saputo delle sue tristi vicissitudini e mai avrei pensato che sarebbe finita così. Gran bella pagina, Soul che me ne racconta di belle con risvolti inattesi ; sono con te.


OleEinar
OleEinar Divèrs
Opera:
Recensione:
!!! Grazie per le tue 100 (e più) bellissime recensioni. E per tutta la musica che ho conosciuto grazie a te.


macaco
macaco
Opera:
Recensione:
Ottima rece e segnalazione, lui mai sentito, io ignorante.


Lord
Lord
Opera:
Recensione:
sharunas
sharunas
Opera:
Recensione:
di fronte all'eclettismo mai gratuito di supersoul posso solo fare un inchino e accodarmi alla processione di ringraziamenti... 1000 di queste recensioni!


Boop7
Boop7
Opera:
Recensione:
Ricordo sempre dalla collana "Quei favolosi anni '60" di Red Ronnie "Se tu mi vuoi sempre bene", retro di "Vorrei la pelle nera", dove cantavo sopra: "IT'S A MAN'S MAN'S MAN'S WOOOOOOORLD!", l'originale di James Brown. L'ea zeneize, o' Nin! L'ea né a Zena. Era genovese, Nino Ferrer ed è vissuto in Francia. Nel 1998 d'estate ho letto la terriblile notizia.


supersoul
supersoul
Opera:
Recensione:
fa piacere leggere anche da parte di chi non conosce "questo" Nino Ferrer più vicino ai nostri gusti che anche nella sua versione più leggera è ricordato con rispetto e simpatia. @ole :-))) mi riferivo a quelle scritte come supersoul, è vero che ce ne sono in giro qualche altra ventina con nick diversi, e qualcuno di essi è sepolto per sempre, mentre di qualcun altro (il Netta) ho un pò di nostalgia e magari tornerà a scrivere


OleEinar
OleEinar Divèrs
Opera:
Recensione:
Infatti cercavo proprio ieri di fare un inventario dei tuoi nick (ne ho rintracciati 4 oltre a quello principale) per non dimenticare le pagine che hai scritto con altre identità e che sarebbe un peccato cadessero nel dimenticatoio (ricordo in particolare col nick nettadebaser una pagina stupenda su uno dei gruppi più sensazionali degli ultimi tempi, Left Lane Cruiser - recuperatela)


OleEinar
OleEinar Divèrs
Opera:
Recensione:
118 tue recensioni in tutto, confermi?


supersoul
supersoul
Opera:
Recensione:
100+3+9+1+5=118 :-)


OleEinar
OleEinar Divèrs
Opera:
Recensione:
Starò prendendo una laurea in matematica per qualcosa no? ;-)


Lewis Tollani
Lewis Tollani Divèrs
Opera:
Recensione:
Voialtri siete pazzi :-)))))


antoniodeste
antoniodeste
Opera:
Recensione:
Scusa Soul, mi par di intendere che scrivi anche sotto altri pseudonimi (nick). Posso sapere per quale motivo e che senso avrebbe ? Voglio dire : uno non è sufficiente ?


supersoul
supersoul
Opera:
Recensione:
perchè secondo me postare recensioni con un nickname è un gioco. Fortunatamente qui non si tratta di presentare il compito alla maestra in classe e nè la dichiarazione dei redditi al fisco. Per me si tratta di voler comunicare qualcosa e non di ricevere un voto e il valore di quello che si comunica è indipendente (secondo me) che venga firmato da supersoul o da nettadebaser o da soloperadulti. Ciò non toglie che io rispetti il pensiero di chi identifica la cosa recensita con UN recensore. Ma per me se imasoulman (per fare il nome di un nuovo recensore a cui affibbio 5 ad ogni scritto) invece di essere se stesso (quanto è ridicola questa espressione in questo contesto) fosse che so, lewistollani, oleeinar, bubi o donjunio per me non cambierebbe niente nè della mia fruizione e nè della successiva ed eventuale vautazione della recensione.


Mike76
Mike76
Opera:
Recensione:
Bravo Supersoul. E adesso rivalutami anche Arcieri.


Shò
Shò
Opera:
Recensione:
I miei più sentiti complimenti, per la qualità della proposta e della recensione. è un periodo che, a livello di ascolto, sperimento tutto ciò che mi intriga. Ho una lista di album enorme e quasi tutto di altissimo valore. Grazie a Debaser sto scoprendo tanta ottima musica, vale davvero la pena concentrarsi su questo genere di proposte e ripescare tesori sepolti.


Shò
Shò
Opera:
Recensione:
e mi segno anche questo


antoniodeste
antoniodeste
Opera:
Recensione:
@Supersoul: Spiegazione che mi lascia perplesso. Non so fino a che punto sia possibile reputare quello che si pensa, di cui si è convinti e si scrive "un gioco", con tutto il rispetto per le attività ludiche. E' sempre importante sapere da che parte arrivano certe considerazioni poichè l'identificazione del dichiaratore ( come nella realtà) aiuta a comprendere molto, dal punto di vista umano, etico e culturale nella motivazione e nel senso dell'intervento. Personalmente uso un solo nick, che peraltro è anche il mio nome ed è credo, senza trucchi o furberie, più che sufficiente per confrontarmi con chiunque, senza plurimascheramenti inutili e/o ingannatori.


Trota-Da-Mare
Trota-Da-Mare
Opera:
Recensione:
Supersoul, tre Ave Maria e cinque Padre Nostro per cancellare i tuoi peccati.


supersoul
supersoul
Opera:
Recensione:
permettimi di ribadire che non sono d'accordo con te. Se dovesse venir meno il lato ludico io non saprei che farmene di Debaser, mi proporrei su altri siti "più seri" . L'identificazione del recensore non avviene tramite il nome come più volte è stato dimostrato da persone "in sintonia" con me quali per esempio oleeinar, azzo, psycho o claisdead che mi hanno "smascherato" al primo commento. Del resto io commento e mi confronto con il nome di supersoul e nelle intenzioni non c'è trucco e non c'è inganno. Se invio una recensione con un altro nick è per gioco, come mi auguro che dal divertimento siano animati gli altri utenti debaseriani. In questo momento c'è una recensione in hp di nettadebaser e almeno sette sugli otto che l'hanno commentata sanno chi è nettadebaser. Inutile dire che sono sette persone con cui credo ci sia un feeeling musicale e anche comportamentale.


supersoul
supersoul
Opera:
Recensione:
trota...li dovrei prima imparare Ave Maria e Padre Nostro....


antoniodeste
antoniodeste
Opera:
Recensione:
@supersoul: Prendo atto di quanto pensi e scrivi; e del senso o delle intenzioni che ti animano quando frequenti questo sito. Credo comunque, ma l'avrai capito, di avere un atteggiamento improntato ad un diverso tipo di approccio, ma visto che nella diversità vi è ricchezza, rispetto, pur non condividendo la tua posizione. PS:Forse qualche preghiera faresti bene ad impararla effettivamente; magari qualcuno ci fa la grazia di togliere inutile zavorra da queste pagine.;-)


Trota-Da-Mare
Trota-Da-Mare
Opera:
Recensione:
Speriamo, così la smetti di piagnucolare.


pi-airot
pi-airot
Opera:
Recensione:
Bravo! Una bella riscoperta! Di certo non corrisponde all'idea di Ferrer che ti può dare la Rai nei suoi spezzoni! Dell'album in genere mi devo ancora fare un'idea, anche se "Little Lili" mi sembra un tantino azzardata (liricamente parlando).


antoniodeste
antoniodeste
Opera:
Recensione:
Forse qualcuno non ha ancora ben inteso a chi sia riferito il termine zavorra di cui si parlava, ma quando uno è gnocco e di duro ha solo le orecchie invece che altro...


Trota-Da-Mare
Trota-Da-Mare
Opera:
Recensione:
Oddiomio, Tonino si è concesso una battuta di spirito. Adesso quali tragici eventi seguiranno?


antoniodeste
antoniodeste
Opera:
Recensione:
Ahahah.Come sei simpatico!. Ma cosa vuoi mai che segua , stupidino ? Nessuno spirito e nessuna tragedia. Però se vai a fare le tue battute ebeti in qualche osteria, magari lì qualcuno ti ascolta così ti riesce più facile credere di essere divertente.E' più facile però che finisca a pernacchie. Fai il bravo bambino su ! Vai caro, vai; Inoltre sembra infatti che qui non ti caghi proprio mai nessuno,( E credo bene...).


Trota-Da-Mare
Trota-Da-Mare
Opera:
Recensione:
Nessuno eccetto te, pallone gonfiato. Smettila di piagnucolare.


antoniodeste
antoniodeste
Opera:
Recensione:
Dici bene, povero demente. Proprio nessuno eccetto me che mi diverto a dirti quello che ti meriti. Vai a rompere i coglioni da qualche altra parte. Qui li hai rotti a tutti. Non l'hai ancora capito, pallina delle caccole del naso ?


antoniodeste
antoniodeste
Opera:
Recensione:
Invece che spaccarci le palle con le tue misere stronzate che non fanno ridere nessuno, parla di musica, magari. Di questo tratta il sito, ignorante. Sei capace almeno di farlo? O sei "buono" solo a dire una fesseria dietro l'alta?


Trota-Da-Mare
Trota-Da-Mare
Opera:
Recensione:
Li ho rotti solo a te Pallone Gonfiato e smettila di piagnucolare in privato. Riesci a dire qualcosa di vivace o continui a ripetere le stesse cose? Nel dubbio prendo un po' di anfetamine o rischio, a leggere i tuoi commenti, di addormentarmi seduta stante. Pallone Gonfiato.


antoniodeste
antoniodeste
Opera:
Recensione:
Nota per gli utenti di debaser interessati : Costui, dal sommo pulpito a tutt'oggi di 240 e passa commenti , non ha avuto la bontà di farci sapere se in esse vi sia qualche presa di posizione o crfitica di natura prettamente musicale visto che il sito di questo principalmente tratta. In compenso ha ricoperto di improperi e prese per il culo decine di persone con terminologie decisamente sgradevoli e talvolta volgari. Non esiste inoltre a tutt'oggi una sola recensione di costui. Non si comprende insomma cosa venga a fare qui se non per provocare gratuitamente e metterci al corrente delle sue frustrazioni psichiche. Invito gli interessati a dare per un momento un occhiata alla natura e alla qualità dei suoi "interventi".


antoniodeste
antoniodeste
Opera:
Recensione:
Bravo, prendine un chilo di anfetamine, così non si sente più parlare di te. Tanto , nessuno sentirà la mancanza.


Trota-Da-Mare
Trota-Da-Mare
Opera:
Recensione:
Leggere i tuoi commenti è come andare in coma. Sicuro di non essere scappato da un film di Verdone?


antoniodeste
antoniodeste
Opera:
Recensione:
Sei sempre più patetico e noioso. Tu non puoi andare in coma. cI sei già e da un pezzo anche, solo che nessuno te l'ha detto. Non avevi detto di voler prendere anfetamina ? E allora , sii serio per una volta e fallo; fai il bravo! ti aiuterà meglio a dimenticare che razza di zero sei. Vedrai che poi ti convincerai per sempre di essere definitivamente un superuomo, migliore di tutti. Sempre che non schiatti prima.


Trota-Da-Mare
Trota-Da-Mare
Opera:
Recensione:
Sembra quasi che nelle tue turbe psichiche mi stia augurando di schiattare, ma l'unica cosa che schiatta è la sacca scrotale. Mah, Pallone Gonfiato, Mah! Non ti ho mai cagato nemmeno di striscio - io le merde con le tocco nemmeno con la carta igienica. Evitami no, invece di buttare il sasso per poi andare a chiamare la maestra. Ignorami, come ti ignorano tutti, Pallone Gonfiato.


supersoul
supersoul
Opera:
Recensione:
un pò di rispetto per Nino Ferrer, andate a litigare sulle recensioni di Jovanotti


Trota-Da-Mare
Trota-Da-Mare
Opera:
Recensione:
Hai ragione Supersoul. Purtroppo da quando Basaglia ha messo fine ai manicomi non si può stare più tranquilli. Parla pure al plurale. Chi sa come si fa chiamare l'altra sua perasonalità e speriamo sia un po' più sveglia (cosa abbastanza semplice).


antoniodeste
antoniodeste
Opera:
Recensione:
Niente da fare. Il mentecatto continua insopportabilemte a vomitare le sue turbe e i suoi deliri disturbati ( e purtroppo me l'aspettavo, visto il soggetto). Vattene che è ora. Non se ne può proprio più dei tuoi deliri idioti e metafore cretine. Sei irrimediabilmente stupido, noioso, ripetitivo e maniacale. Convincitene:E' chiaro che hai definitivamente rotto le palle a tutti. I tuoi richiami idioti a Basaglia e alla chiusura dei manicomi dovresti riferirli solo a te, fuori controllo e suonato come sei. Non incanti nè me nè nessun altro coni tuoi tentativi di "transfer". C'è qualcuno che almeno bada a te, a livello familiare o sei libero di disturbare il tuo prossimo senza mai alcun freno ? In realtà, sei solo e definitivamente un coglione di poco valore, Pallone s-gonfiato. E soprattutto sei un essere miserevole e inutile. Fai solo pena. Ripeto: vai a rompere le palle da qualche altra parte; di stronzi come te il mondo è pieno, idiota.E di musica, detto per inciso, è evidente che non ti importa e non sai un cazzo. Vai a scrivere le tue idiozie dementi da represso sessuale che si eccita "trasgressivamenete" con la suorina in altri posti frequentati da maniaci come te. Vedrai che con altri disturbati ti troverai bene. Sennò il servizio psichiatrico usl, potrebbe darti una mano.Ma ci devi andare al più presto, pena l'aggravarsi del tuo stato pericolosamente a rischio sociale e delle possibili conseguenze per le persone normali. L'importante è che tu ti tolga definitivamente dalle mie a e altrui, possibilmente, palle. Addio, pallone s-gonfiato. Scusa Supersoul per questi ultimi spiacevoli interventi, ma quando ce vò ce vò.Chiudo qui con questo sconcertante e detestabile animale talebano.


Trota-Da-Mare
Trota-Da-Mare
Opera:
Recensione:
Tonino palle moscie, parla al singolare o ti rinchiudono sul serio.


Trota-Da-Mare
Trota-Da-Mare
Opera:
Recensione:
Ma in sei ore non sei riuscito a far niente di meglio che ripetere lo stesso concetto? E chi sei? Jack Torrance? Tonino palle mosce, gli Emerson, Lake & Palmer t'hanno mandato in pappa il cervello. Ricoverati che pure Basaglia sarebbe favorevole.


antoniodeste
antoniodeste
Opera:
Recensione:
Ripeto: togliti dalle palle che fai un favore a tutti, scemo. Oltretutto Sei anche ignorante : mosce si scrive senza "i". Torna alle scuole elementari, Jack.


Trota-Da-Mare
Trota-Da-Mare
Opera:
Recensione:
Tonino spappola scroto, a questo ti appelli, che poi mi sono corretto da solo? Torna ad ascoltare Mat Merdiney e soprattutto recensiscilo così mi faccio otto ore filate.


antoniodeste
antoniodeste
Opera:
Recensione:
Ecco bravo, continua a dormire che è meglio.Pallone s-gonfiato. Intanto recesinsciti la qualità di quella noce di pseudocervello, sempre che tu ne abbia, prima di addormentarti.


Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
pi-airot
pi-airot
Opera:
Recensione:
@Supersoul: l'album mi piace, ma adesso mi aspetto una rece altrettanto bella su "Metronimie", ma racumandi, ne!


donjunio
donjunio
Opera:
Recensione:
Questa me l'ero persa, splendida come sempre!


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera