Noel Gallagher's High Flying Birds
Black Star Dancing EP

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


A due anni da quel “Who Built The Moon?” che ha riscosso un buon successo ma diviso nettamente la sua fanbase, Noel Gallagher torna sul mercato con un nuovo EP.

Si intitola “Black Star Dancing”, come il singolo che lo ha preceduto, ed è composto da tre inediti e due (non esattamente fondamentali) remix dello stesso primo estratto. E’ anche il primo di una serie di tre EP , con gli altri due che non dovrebbero tardare troppo ad uscire.

Chi sogna un ritorno ad un songwriting più tradizionale per il più vecchio dei fratelli Gallagher rischia un brusco risveglio: il nuovo EP è infatti un’estensione del lavoro di rinnovamento iniziato col disco che lo ha preceduto, ove per rinnovamento (si tratta pur sempre di Noel Gallagher, non di un artista particolarmente avvezzo all’innovazione) si intende un brusco cambio di rotta sul dove abbeverarsi a livello di fonti di ispirazione.

Càpita così che la già citata titletrack rivolga l’attenzione più verso Bowie (quel “Black Star” nel titolo non è certo casuale) e gli INXS (!!!) che non verso gli ormai abusati Beatles, come peraltro capitava già in “Who Built The Moon?”. Qui però Noel si spinge un mezzo passo più avanti, addentrandosi ancor di più verso territori prettamente danzerecci (parliamo dei patinati ‘70/‘80, non di certo dei ‘90 dei Chemical Brothers e dei Prodigy). Convince? Nì. Nel senso che il pezzo non è di certo brutto: funziona, suona bene e a tratti persino trasporta, ma manca qualcosa.

Quel qualcosa che, per fortuna, si risveglia prepotentemente nei due inediti successivi: “Rattling Rose” (già anticipata dal vivo e successivamente estratta come promo) ammalia, con un Gallagher senior quasi crooner che gigioneggia su di un pezzo prettamente “americana” ed influenzato un pochettino dai primissimi lavori (fondamentali) dei Doves. Bello il finale dilatato.

Ma la vera chicca arriva con la deliziosa “Sail On”, un folk essenziale ed ispirato, che riporta Noel ad una semplicità di scrittura che ne esalta le doti di fine artigiano di melodie.

A dimostrazione che, a questo punto, il più anziano dei Gallagher deve decidere cosa fare da grande: si vocifera già di un nuovo futuro album con un ritorno a sonorità più “tradizionali” (e su major), che suonerebbe un po’ come un passo indietro rispetto alle intenzioni palesatesi con gli ultimi lavori.

Vedremo quali saranno le scelte future del chitarrista ed interprete britannico. Per ora, aspettiamo con curiosità i prossimi due EP promessi.

Brano migliore: Sail On

Questa DeRecensione di Black Star Dancing EP è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/noel-gallaghers-high-flying-birds/black-star-dancing-ep/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sei)

Falloppio
Opera: | Recensione: |
Gli unici fratelli che ho veramente apprezzato erano Willy e Renè Van de Kerkhof.
Vámonos Grant!!!
BËL (01)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG
Opera: | Recensione: |
sono entrato sul deb per postare Sail on; è proprio un bel pezzo
BËL (01)
BRÜ (00)

macmaranza
Opera: | Recensione: |
Chi è questo Callaghan? Haw! Haw! Scusa Grant, ma gli Oasis proprio non li zappo - come si dice dalle mie parti.
BËL (00)
BRÜ (00)

musicanidi
Opera: | Recensione: |
Il singolo è proprio insignificante nella sua patinatezza danzereccia. Passare oltre...
BËL (01)
BRÜ (00)

Onirico
Opera: | Recensione: |
Se non ho mai retto gli Oasis c'è qualche remota possibilità che gradisca qualcosa di questi?
BËL (02)
BRÜ (00)

GrantNicholas: Remota sì. Di Oasis hanno (ha) veramente poco poco.
Onirico: Da quello che capisco questo disco non è il loro vertici... un paio di pezzi del passato che rendeano piena giustizia all'ammè insopportabile Gallegier?
GrantNicholas: Prova Let The Lord Shine A Light On Me e A Simple Game Of Genious
Mandrillo
Opera: | Recensione: |
A me il singolo Blackstar dancing ricorda tanto gli Arcade Fire di Reflektor che tra l'altro ospita proprio David Bowie.
BËL (01)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: