Nothing But Thieves
Broken Machine

()

Voto:

L'esordio dei Nothing But Thieves attirò (giustamente) molte attenzioni da pubblico e stampa specializzata, centrando anche la top ten britannica e ottenendo discrete attenzioni persino negli USA (traguardo non scontatissimo per una band d'oltremanica).

Adesso è giunto il momento per Conor Mason e soci della conferma con il secondo lavoro in studio. "Broken Machine", prodotto dall'esperto Mike Crossey (già al lavoro con Arctic Monkeys e Twenty One Pilots) è stato registrato in California, scelta che ha probabilmente influito nella conquista di un sound più "americanizzato" rispetto all'album di esordio.

I due singoli che hanno anticipato l'opera descrivono perfettamente la bivalenza di stati d'animo che troviamo nel disco: "Amsterdam" è una scossa tellurica di chitarre ed evoluzioni vocali, con un ritornello perfetto per la dimensione live, mentre "Sorry" è più delicata e richiama molto da vicino (forse un po' troppo, perlomeno nella seconda parte) "Smile Like You Mean It" dei The Killers. I riferimenti rimangono i soliti, in testa i Muse pre-era "Black Holes And Revelations".

Della prima tornata fanno parte la devastante opener "I Was Just A Kid", le rocciose "I'm Not Made By Design" e "Get Better", oltre alla curiosa e piacevolmente tamarra "Live Like Animals". Tra le delicatezze, invece, da segnalare il sentito omaggio ai Radiohead periodo "The Bends" di "Afterlife", i sognanti acusticismi di "Hell, Yeah" e l'arrangiamento della titletrack, che rivela un notevole gusto della band per delle architetture sonore più originali.

Lo stesso dicasi della chiusura "Number 13", il pezzo più particolare del disco, dotato di un bellissimo riff e di una struttura che si allontana dalla tipica scrittura alt rock.

I Nothing But Thieves si confermano, provano a centrare il bersaglio grosso (almeno dieci pezzi su tredici sono potenziali singoli di successo) e si propongono come autorevoli leader tra le nuove leve dell'alternative rock britannico moderno.

Miglior brano: "Live Like Animals"

Questa DeRecensione di Broken Machine è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/nothing-but-thieves/broken-machine/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sei)

madcat
Opera: | Recensione: |
I riferimenti ai Muse mi tengono lontano dal tentare un ascolto con loro (non che i Muse non mi siano mai piaciuti, a parte gli scarsi ultimi 2, però non mi piglia di riascoltarli da un bel po'). A te come sempre 5.
BËL (01)
BRÜ (00)

Johnny b.: Muse Radiohead (Bends) e Hard Rock anni 70 le influenze del loro.album d'esordio.
Johnny b.
Opera: | Recensione: |
L'album d'esordio mi era piaciuto peccato per le troppe ballate che rovinavano a parer mio l'album. Pezzi come Wake Up Call - Itch - Painkiller è sempre un piacere ascoltarli. Questo nuovo lavoro non l'ho ancora ascoltato ma provvederò specialmente se si sono americanizzati. Tu sempre bravo nelle tue recensioni.
BËL (01)
BRÜ (00)

definitelyalex
Opera: | Recensione: |
Mi ha alquanto deluso
BËL (00)
BRÜ (00)

Gallagher87
Opera: | Recensione: |
Ascolterò in giornata
BËL (01)
BRÜ (00)

Taurus
Opera: | Recensione: |
Sono un po' distante da un certo tipo di rock fm tradizionale, ma se assomigliano ai Muse pre-2006 potrei provare per curiosità.
BËL (01)
BRÜ (00)

akmur
Opera: | Recensione: |
Ho iniziato ad asoltarli quasi per caso (consigliati nel feed di Amazon Music), e mi hanno catturato subito. Suonano bene, cantano meglio, sono belli movimentati, talentuosi. Si ammetto che ogni tanto sanno di giá sentito (Muse, Radiohead, Skunk Anansie, Jeff Buckley...) , ma é questione di istanti per quanto mi riguarda, e la qualitá delle tracce fa subito dimenticare questo piccolo difetto. Un bel disco
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: