Noyz Narcos
Verano Zombie

()

Voto:

Versioni: v1 > v2 > v3

"Non ho una donna perchè ho / le fisse da Salò, / un gruppo death hip-hop e faccio karashò"

L'eleganza smisurata e la bellezza senza tempo di questa barra - tratta dal brano che dà il nome al disco in questione - fungono da perfetto identikit per Noyz Narcos, un rapper capace tecnicamente, piuttosto colto, disturbato e portatore di un immaginario ben preciso. Sai dove vuole parare Noyz, te lo fa capire: esagera, dipinge lui e la sua crew - i Truceboys, a loro volta parte del Truceklan - come le peggiori beste di Satana, dai mille vizi (auto-)distruttivi. Piscia un po' più in lungo e a lungo, Noyz, nella speranza che la puzza nauseabonda si senta già qualche metro prima. Quella che indossa è la maschera di uno zombie vagante in quel regno di degrado che è Roma al negativo: all'ombra del Colosseo, dei monumenti, di Cinecittà, der Pupone, del fascino esotico rionale, ci sta la merda vera, ci stanno la coca e le "narici robuste", ci sta l'alienazione di reietti a cui è negata ogni possibilità di riscatto.

"Non vado a letto mai prima delle 4 / fottutamente solo in compagnia di droga e alcool / Fanculo al vostro giudizio, fanculo se non t'importa / Fanculo ad ogni mio vizio e fanculo al senso di colpa"

Verano Zombie è storia della vera musica italiana moderna, quella occultata dai canali mainstream ma allevata dalla Rete e ingerita nella pancia di chi, affamato di cruda realtà, se la va a cercare. Noyz non fa tutto da solo e i suoi ospiti dominano almeno quanto lui. Nella title-track (senz'altro il brano centrale del disco), Metal Carter si conferma come uno psicopatico totale ("entro in discoteca con un mitra e ammazzo tutti"), ma il suo messaggio arriva, e la sua strofa, undici anni dopo, è un culto: è l'esaperazione e dar miccia alla disperazione, con tutto ciò che ne consegue, per sè ("assumere merda ogni giorno è il fattaccio / è che senza non ce la faccio"), per gli altri ("i miei cocchi ti guidano all'Inferno / ho la riserva di pasticche per l'inverno") e per i propri cari ("una salma da portare nel portabagaglio / per ogni mio sbaglio lei ha un taglio"). Guè Pequeno, ovviamente, quando indovina la strofa sembra sempre una spanna sopra agli altri ("i miei fra' aspirano il Sahara / bevono benza amara, poi pisciano il Niagara"), Marracash si conferma come la stella nascente dell'epoca (suo il memorabile ritornello di "Mentalità da Clan") e Chicoria è al solito narrativo, prosaico, didattico, il prof corrotto che arrotonda smazzando e aiuta gli alunni a procurarsela (compare in "Infame"). E poi c'è Danno, direttamente dal Colle Der Fomento, a confezionare quella traccia leggendaria che è "Karashò", che potrebbe anche fungere da manifesto del disco. "E' Karashò per il pubblico / rap cubo di Rubik incastrato in un massacro stile kubrico": Verano Zombie va decifrato per quello che è realmente - il manifesto di un disagio esistenziale e inestirpabile - ma nel mentre sa intrattenere, fomentare l'ascoltatore con dell'incendiario rap orrorifco. Le strumentali, in tal senso, di natura energiche e corrosive, vengono sfrutttate al meglio da tutti i rapper presenti.

"Certe volte odio me stesso / e quella gran testa di cazzo di ragazzo riflesso allo specchio del cesso"

E poi, ovviamente, c'è Noyz, il leader del Klan, il cocchiere verso la distorta e macabra Roma underground. Riluttante portavoce di "tutti i morti vivi, gli spacciachili", Noyz prende forma nelle mille forme della sua città, come dice in "Karashò". Non le manda a dire, e soprattutto, non si estranea: Noyz, nelle parole del personaggio alienato e sbandato che indossa nel disco, bagna il cervello e le membra della peggiore acqua fognaria, sporca la coscienza di un autolesionismo senza soluzione di causa: "grondo sangue come i quarti di bue sui ganci", mentre "appartato in appartamenti bui a non dormire", "spargo sangue quando piscio" e "scambio Satana per Cristo". Schiacciato a terra da una società opprimente, Noyz Narcos non si rialza, ma si scava da solo la sua fossa: va sempre più giù, fin nell'oltretomba, dove la sua voce gutturale risorgerà, vendicherà il suo crew, sempre orgogliosamente dalla parte di chi ha rifiutato di allinearsi. Quella di Verano Zombie non è banale musica di protesta, così come il suo linguaggio non è forzatamente provocatorio. Verano Zombie è la proiezione in musica e in rima di un malessere concreto, ancestrale e indefinibile, doloroso e ostico da focalizzare; non è finzione, ma l'estrema amplificazione di un core di angoscia terribilmente reale, e che, se espresso in forma edulcorata o ancor peggio ermetica, finirebbe col rimanere ignorato. Invece, con le parole di Noyz e del Truceklan, arriva tutto, vivido e scomodissimo. Una viscera ulcerata e sanguinante.

"Truceboys, è questa aria di merda che respiri / sta città è bastarda come la metà dei suoi bambini"

Questa DeRecensione di Verano Zombie è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/noyz-narcos/verano-zombie/recensione-polo

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Otto)

POLO
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «.». Vedi la vecchia versione Verano Zombie - Noyz Narcos - Recensione di POLO Versione 1
BËL (00)
BRÜ (00)

POLO
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «..». Vedi la vecchia versione Verano Zombie - Noyz Narcos - Recensione di POLO Versione 2
BËL (00)
BRÜ (00)

Carlos
Opera: | Recensione: |
Per citazione e prima riga meriti un 5 pienissimo ;DDD
BËL (00)
BRÜ (00)

perfect element
Opera: | Recensione: |
Piuttosto colto......
BËL (00)
BRÜ (00)

musicanidi
Opera: | Recensione: |
Molto pravo
BËL (00)
BRÜ (00)

BortoloCecchi
Opera: | Recensione: |
Ho sentito tutto l'album, che non conoscevo, solo per l'intro ("Heaven on their Mind").

Conoscevo lui, o meglio, ne ho sentito parlare, più che per le doti da rapper (che non sono male, invero), per il fatto che sia un delinquente a piede libero, ma vabbé, non é il solo in Italia.
BËL (00)
BRÜ (00)

puntiniCAZpuntini: Ma no, anzi, lui è quello più tranquillo. Infatti non l'hanno arrestato, altri sì.
BortoloCecchi: un dentro fuori l'ha fatto anche lui
CoolOras
Opera: | Recensione: |
Uno dei migliori album di rap italiano degli ultimi quindici anni.
BËL (00)
BRÜ (00)

puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini Presidénte onoràrio
Opera: | Recensione: |
A me piace Guilty, di questo l'intro, Karashò (per la base di Lou Chano, che non so perchè ha smesso) e la penultima con Gel che non ricordo il titolo (anche lì super base). Qui non era ancora abbastanza preparato, anche se di sicuro questo è un disco più vero (ma chisseneincula della verità)
BËL (00)
BRÜ (00)

POLO: Io lo trovo fantastico in tutte le sue sfumature, anche in quelle più naif (vedi strofe di Metal, Chicoria o Miss Violetta). Guilty francamente ha molti pezzi che mi annoiano, nonostante due-tre basi fotoniche e qualche canzone-bomba sparsa!

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: