Sto caricando...

Oceansize
Effloresce

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


I am the morning. Lasciatemi solo un momento per fare mente locale: sono le 16.50 e ho appena concluso un lisergico percorso esplorativo di circa 75 minuti, conclusosi con un ritorno al punto di partenza, cui necessariamente debbo fare riferimento, nel racconto di Effloresce, il nuovo - per molti, ma non per tutti - frutto di una Madchester sempre di più ampie vedute e lontana dagli stereotipi rock tanto cari al nemico. Loro sono gli Oceansize, una band giovane e promettente di cui, salvo poi fare la fine dei Vex Red, sentiremo ampiamente parlare nei giorni a venire.

Io sono il mattino nasce da un incrocio di 4 chitarre ben amalgamate fra loro, senza saturare troppo il sound che al contrario risulta efficacemente a fuoco, mixato in modo da mettere in risalto il tremolo di una prima chitarra, cui seguono l'intrecciarsi di 2 riff paralleli ma complementari, gli accordi di una acustica in sottofondo, e, con l'ingresso della sezione ritmica, il delay porcupiniano trasposto senza eccesso nella pianta già complessa della canzone: splendido pezzo strumentale. Gli Oceansize suonano come una band che si esercita in preziose jam sessions nella propria sala prove, alla ricerca di combinazioni innovative solo di confine con la psichedelia, senza rinunciare a sonorità tipicamente inglesi. Come descrivere altrimenti i dieci acidissimi, sonici minuti di Massive Bereavement, dove abbandonata senza rimorsi la canonica forma pop, ci si trova improvvisamente come tra gli Slint che incontrano e incrociano la chitarra di Jonny Greenwood, e un uso della voce come vero e proprio strumento aggiuntivo al combo riuscitissimo formato dagli altri membri del gruppo. Rinsed sgombra il campo dagli ultimi eventuali dubbi: siamo di fronte ad un gruppo di ragazzi che "sa di musica", tanto che tra il post rock scuola mogwai e il riverbero sulfureo di una chitarra lontana, spuntano anche reminescienze verviane - Nick McCabe doveva pur aver lasciato qualcosina di buono - che ci portano dritti verso You Wish, un altro pezzo ricco di rimandi ad altri illustri nomi, ma che mantiene, come tutto il disco, una sua personalità ben distinta e promettente. Sì perché sia che gli Oceansize decidano di proseguire il loro percorso artistico su queste inconsuete vie, sia che scelgano di avvinarsi leggermente al mainstream con intelaiature meno complesse o almeno con melodie più dirette e più facilmente memorizzabili - questo disco non è certo easy listening - scommettere su di loro oggi è come puntare sulla vittoria di un atleta africano nella finale dei 5000 metri piani. Basse quotazioni.

Edito dalla Beggars Banquet, Effloresce è stato uno dei migliori album d'esordio dell'anno 2003, e proprio in questi giorni si parla dell'uscita di un Extended Playing con materiale inedito. La prossima volta che passate in un negozio di musica fornito, chiedete di poterlo ascoltare: One Day All This Could Be Yours.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (VentiDue)

scott
scott
Opera:
Recensione:
interessante, molto interessante... bentornato


humax4
humax4
Opera:
Recensione:
si...non c'è che dire.


psychopompe
psychopompe
Opera:
Recensione:
Bella la rec pounds! loro li avevo sentiti nominare ma i riferimenti che citi mi intrigano...magari lo scarico. razie e ciao


vaniglia
vaniglia
Opera:
Recensione:
Ma lo sai che un giorno lo stavo per comprare sto cd?! Chissà perché poi ho rinunciato..:-)))


vanamente
vanamente
Opera:
Recensione:
Mmmmm intrigante, credo proprio che finirà nella lista della spesa. Voterò poi il disco.


NickGhostDrake
NickGhostDrake
Opera:
Recensione:
comprato, come comprato fu il loro e.p. di qualche tempo fa. Bravissimi, davvero. Recensione stupenda, mi hai fatto felice!! Pensavo di essere tutto solo :) tra i consigli per gli aquisti...!! :)


Hal
Hal
Opera:
Recensione:
La prossima volta che passerò in un negozio di cd ben fornito chiederò di sentirlo, promesso.


vanamente
vanamente
Opera:
Recensione:
Hal fammi sapere se in sardegna si trova, perchè qui come al solito siamo alla frutta... devo ordinarlo e chissà quanto tempo lo dovrò aspettare....


Hal
Hal
Opera:
Recensione:
sure vana, ciao :)


Francesco
Francesco
Opera:
Recensione:
Molto molto interessante la rece e la scena di Manchester!!


kosmogabri
kosmogabri
Opera:
Recensione:
Virgin Megastore - piazza Duomo 8/ Ricordi Media Store - galleria Vittorio Emanuele/ Messaggerie Musicali - galleria del Corso 2/ Buscemi - corso Magenta 31/Mariposa - corso Lodi 1/New Zabrinsky Point - via Santa Maria Valle 4/Supporti Fonografici - corso di Porta Ticinese 106/Ice Age Muzic Store - corso di Porta Ticinese 76/ Birdland - via Calatafimi.


vanamente
vanamente
Opera:
Recensione:
Grazie! ma per me è molto più comoda la Feltrinelli di Buenos Aires e lì NADA! l'unica speranza è che a furia di rompere il responsabile degli acquisti si sghiribizzi un pò di più, chissà mai che insieme a Britney passi anche i Floris la prossima volta! Comunque appena vado in centro mi lancio in ricordi!


3poundsoflove
3poundsoflove
Opera:
Recensione:
se vi interessano anche i singoli, provate su fandangomusicshop.net


NickGhostDrake
NickGhostDrake
Opera:
Recensione:
riascoltata proprio ieri "One day all this could be yours", bellissima anche piu' della prima volta. Consigliatissima.


AristarcoScannabue
AristarcoScannabue
Opera:
Recensione:
graziegraziegraziegraziegraziegrazi egraziegraziegraziegraziegraziegraz iegraziegraziegraziegraziegraziegra ziegraziegraziegraziegraziegraziegr aziegraziegraziegraziegraziegrazieg raziegraziegraziegraziegraziegrazie graziegraziegraziegraziegraziegrazi egraziegraziegraziegraziegraziegraz iegraziegraziegraziegraziegraziegra ziegraziegraziegraziegraziegraziegr aziegraziegraziegraziegraziegrazieg raziegraziegraziegraziegraziegrazie graziegraziegraziegraziegraziegrazi egraziegraziegraziegraziegraziegraz iegraziegraziegraziegraziegraziegra ziegraziegraziegraziegraziegraziegr aziegraziegraziegraziegraziegrazieg raziegraziegraziegraziegraziegrazie graziegraziegrazie


AristarcoScannabue
AristarcoScannabue
Opera:
Recensione:
graziegraziegraziegraziegraziegrazi egraziegraziegraziegraziegraziegraz iegraziegraziegraziegraziegraziegra ziegraziegraziegraziegraziegraziegr aziegraziegraziegraziegraziegrazieg raziegraziegraziegraziegraziegrazie grazie


Larrok
Larrok
Opera:
Recensione:
Gruppo e disco interessantissimi, da tenere d'occhio.


Larrok
Larrok
Opera:
Recensione:
L'ho sentito abbastanza da poterlo votare; penso si meriti un voto tra il 4 e il 4,5. Ci sono diversi momenti memorabili (quelli più vicini al post-rock e alternative) che lo rendono un lavoro abbastanza originale, ma qui e là affiora un lieve scadimento in partiture armoniche e ritmiche un poco scontate (sfocianti rispettivamente in finto-psichedelia e in residui stilemici prog-metal)...Comunque tutto sommato un disco molto bello di una apprezzabile realtà emergente.


LostInMoments
LostInMoments
Opera:
Recensione:
Mi piace questa recensione, i rimandi ad altri artisti sono sempre azzeccati e richiamati nei momenti giusti! L'EP di cui parli alla fine è "Music for Nurses"; una piccola gemma!


il trucido
il trucido
Opera:
Recensione:
scoperto ieri
...cacchio, che bello


pixies77
pixies77
Opera:
Recensione:
mild
mild
Opera:
Recensione:
ottimo disco con alcuni brani davvero belli come amputee e long forgotten


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Effloresce è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link