Sto caricando...

Paolo Benvegnù
Dell'odio dell'innocenza

()

Voto:

Versioni: v1 > v2 > v3

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Il mare magnum di note, intessute da complessi algoritmi, travolge l’ascoltatore. Il lascito della tormenta: Dell’odio dell’innocenza, Paolo Benvegnù, 2020.

Si tramanda, ho trovato una busta all’interno della casella delle lettere della scuola di musica in provincia di Perugia che frequento. Una busta anonima, ma indirizzata a me: sopra c’era scritto Per Paolo Benvegnù. Dentro c’era un CD con dei pezzi, io li ho sentiti e ho deciso di farli (1).

La melodia sprofonda l’ascoltatore nello spleen, talvolta lacerato dalla collera degli strumenti: i gemiti di un uomo che spera, sputa, scalcia, bestemmia; eppoi, di nuovo la malinconica quiete.

* * * *

Benvegnù narra di A. che solca una distesa fangosa, il respiro affannoso ed il passo incerto. Al vociare degli uomini preferisce le pietre: il silenzio è la verità (2).

Fugge. Qui non si riesce a pensare (3). Musiche da gorilla dentro ai centri commerciali. Gli animali di superficie sono allineati. Gli animali di superficie sono allineati (4).

Ah, direte voi, la rivoluzione! Anche i filosofi vogliono morire quando i soldati sparano in cortile (5). Ciascheduno ha le sue ragioni. Non esiste il bene e non esiste il male, ecco tutto: la merdosa distesa di fango.

La mesta figura si accampò; a occidente il sole tramontava in un olocausto dal quale si levava una colonna ininterrotta di piccoli pipistrelli del deserto, e a nord, lungo il tremolante perimetro del mondo, la polvere soffiata nel vuoto come fumo di eserciti remoti. Le montagne di carta da macellaio spiegazzata si stendevano con ombre angolose nel lungo crepuscolo azzurro, e a metà strada il letto invetriato di un lago in asciutta barbagliava come il mare imbrium, e branchi di cervi avanzavano verso nord nell’ora strema del tramonto, incalzati sulla piana da lupi dello stesso colore del deserto (6). La meraviglia del cosmo squarciò la mortifera medietà.

Al mattino seguente ritornò da Lei, non era tempo di soccombere alla folle insensatezza. Dimmi che sono anche io nel tuo inferno. Dimmi che sono anche io nel tuo inferno. Dimmi che sono anche io nel tuo inferno (7). Se non del tutto giusto quasi niente è sbagliato? Non corrisponde al vero, una flebile speranza.

* * * *

Non andartene docile in quella buona notte. Infuriati, infuriati contro il morire della luce (8).

Note:

(1) G. Zanichelli, Paolo Benvegnù racconta Dell’odio dell’innocenza, in www.xl.repubblica.it, 25.02.2020.

(2) Traccia 2 – Pietre.

(3) Traccia 5 – Infinito 3.

(4) Traccia 8 – Animali di superficie.

(5) Traccia 8 – Animali di superficie.

(6) C. McCarthy, Meridiano di sangue, trad. it. R. Montanari, Einaudi, Torino, 2014, p. 96; ed. orig. Blood meridian, 1985.

(7) Traccia 11 – Infinitoalessandrofiori.

(8) D. Thomas, Non andartene docile in quella buona notte, in Poesie, Einaudi, Torino, 2016, p. 32; ed. orig. Do not go gentle into that good night, 1951.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Cinque)

Raskolnikov1789
Raskolnikov1789
Opera:
Recensione:
Modifica alla recensione: «note». Vedi la vecchia versione Dell'odio dell'innocenza - Paolo Benvegnù - recensione Versione 1


Raskolnikov1789
Raskolnikov1789
Opera:
Recensione:
Modifica alla recensione: «.». Vedi la vecchia versione Dell'odio dell'innocenza - Paolo Benvegnù - recensione Versione 2


Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
Avevi proposto vari ascolti tempo fa, rivelando una scrittura di Ben(Ten)vegnù valida; me lo ricordavo solo negli Scisma ("E se sono il contrario di me/da che cosa mi sento diverso?"). Piacevole la lettura proposta. Non ricordo bene, invece, quale fosse l'apprezzamento di @heartshapedbox nei confronti del cantautore...


Raskolnikov1789: Io ho fatto il percorso inverso: prima Benvegnù solista, soltanto di recente ho recuperato Rosemary Plexiglas degli Scisma, in fase di rodaggio. Grazie mille per il passaggio
heartshapedbox: @[Almotasim ] omg cosa sei andato a ricordare! ahahhaha ci ho messo un po' prima di collegare e ho ancora un po' di nebbia a riguardo!
Almotasim : Mi par di ricordarne la natura (naturans)...
lector
lector
Opera:
Recensione:
Bel lavoro di intarsio & cesello. Ma la musica è al livello delle parole?


Raskolnikov1789: ll disco è cupo, il sound contribuisce a descrivere un ambiente a tinte fosche con qualche lampo di luce. Deriva un album monocromo e forse eccessivamente compatto. Ascoltarlo tutto di un fiato mi risulta faticoso, preferisco assaporare qualche singolo brano al calare del sole; credo che ‘Animali di superficie’ e ‘Infinitoalessandrofiori’ (a mio parere la migliore del lotto) risultino indicative dello spettro musicale. Diciamo: 5/5 testi; 2.5-3/5 musica
Raskolnikov1789: In ogni caso, grazie mille del passaggio
lector: E' stata una lettura piacevole. Grazie a te
Farnaby
Farnaby
Opera:
Recensione:
Disco che necessita di ripetuti ascolti...eterogeneo e compatto nonostante vi si possano trovare numerosi riferimenti.
Come ho letto da varie parti questo è un lavoro figlio del tempo che stiamo vivendo. Chiave di lettura che aiuta, secondo me, ad apprezzare il tutto.
Pagina veramente molto bella.


Raskolnikov1789: Proprio vero, il lavoro riflette i giorni che abbiamo vissuto e che stiamo vivendo, colonna sonora dell’affannarsi sopra la linea di galleggiamento. Mi pare che Benvegnù ci metta propria l’anima, verrebbe voglia di abbracciarlo dopo l’ascolto e di abbracciare le persone a cui vogliamo bene, così, senza un preciso motivo. Grazie mille del passaggio

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Dell'odio dell'innocenza è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link