Paul Anka
Rock Swings

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Tutto è swing.

Tutto può essere vissuto in termini di swing perché è uno stile di vita, un approccio alle cose leggero, divertito, scanzonato e per certi versi irresistibile.
Portando questo discorso all'estremo, anche il prode Paul Anka (in età ormai pluri pensionabile) ha sfornato nel 2005 questo "Rock Swings", un disco di cover di pezzi rock stra-famosi che a dire il vero c'entrano come un ombrello sulla macchina da cucire (come direbbe il filosofo sgalattiato) con lo swing (a riprova della teoria annunciata sopra).
Che senso ha dunque reinterpretare brani evergreen della Storia del Rock in maniera dissacrante/divertita (swing appunto) se non per un'abile forzatura a fini prettamente economici/commerciali?
L'operazione è stata per certi versi semplice e abile allo stesso tempo:
1) metti un cantante ormai caduto nel dimenticatoio (Paul Anka, il 65enne nonchè mitico cantore di "Diana" a metà degli anni ?60 e autore tra l'altro del testo di "My Way" di Sinatra!!), in cerca di un qualsiasi pretesto per ritornare a galla, o almeno boccheggiare un po' d'aria fresca
2) metti il ritorno di fiamma della gente per questo genere datato ricordo dei bei tempi che furono (un grazie ai vari Bublè & affini)
3) una casa discografica autorevole (Verve) a garantire sull'operazione
4) Aggiungi dei brani davvero storici di un repertorio quanto di più lontano dal jazz e dallo swing (stiamo parlando di Cure e Nirvana, su tutti!!)
5) Metti un arrangiatore coi contro co***ni a vestire di tutto punto canzoni altrimenti impossibili da riarrangiare
6) Mescolare il tutto e oplà... il disco è fatto!

Che dire di più se non restare basiti e attoniti di come questa veste tutta strass e luccichii da night-club old style si sposi in maniera quasi aderente a canzoni come It's my Life (di Bon Jovi) o Everybody Hearts (Rem), Wonderwall (Oasis), Blackhole Sun (SoundGarden), Jump (Van Halen) o addirittura Smells Like Teen Spirits (Nirvana), reinterpretando in maniera stravolta e per certi versi irriconoscibile queste canzoni.

Certo a vedere questo ?mezzo scempio" fa venire un certo magone in gola e questo "violentare" pezzi di memoria emotiva (di fatto, certe canzoni sono proprio questo!) non si spiega proprio. Se poi a farlo è un anziano iper-liftato col parrucchino posticcio fin troppo evidente (vedere la copertina), la cosa fa girare ancor più le balle.

Da una parte si può dire: BENE, questo dimostra che certo rock è scritto bene e merita davvero di più, forse una seconda vita. Dall'altra si può controbattere: SE una canzone NASCE in quel modo, con quell?arrangiamento, con quel mood è giusto preservarla così nel cuore della gente che la ha amata.
Io francamente opto per la seconda ipotesi (anche perché, come cazzo si fa a pensare certe parole scritte da uno come Kurt Cobain messe in bocca a uno in frack e papillon, che le canta in un teatro davanti a una pletora di vecchi babbioni impellicciati e ingioiellati che applaudono?!).

Eh già... tutto può essere swing, a quanto pare (aimè!).

Questa DeRecensione di Rock Swings è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/paul-anka/rock-swings/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (QuarantaQuattro)

Contemplazione
Opera: | Recensione: |
Allora, premesso che Paul Anka è artista men che mediocre, e precisando che i "cantanti per signore" come Bublé hanno ben poco a che fare con lo Swing (il jazz degli anni '30, delle grandi orchestre, con gente grandiosa come Duke Ellington a guidare la strada), ho qualcosa da ridire su questa tua frase: "SE una canzone NASCE in quel modo, con quell?arrangiamento, con quel mood è giusto preservarla così nel cuore della gente che la ha amata.". Non sono d'accordo, non finché il rifacimento è rispettoso dell'originale e vuole avere l'intento di preservare ed esaltare le bellezze insite nel pezzo stesso. Un esempio su tutti: le "cover" di Radiohead e Nick Drake operate dallo strepitoso pianista-compositore-pensatore Brad Mehldau; esplorano nuovi territori, sviluppano certe malinconie già insite nel materiale di partenza, dilatano o restringono gli spazi, ma soprattutto sono una vera e propria CELEBRAZIONE, un ATTO D'AMORE nei confronti degli originali. In quest'ottica, con questo approccio e con questi risultati W le "cover"! Per quanto riguarda le versioni cantate è un po' (un bel po') diverso, comunque sia ben chiaro a tutti che Paul Anka NON è Swing e NON è Jazz. Il disco non l'ho sentito (ovviamente!), comunque 1 sulla fiducia!!

Ford_Prefect
Opera: | Recensione: |
capolavoro, un arrangiamento fatto bene trasforma una canzone banale come smells like teen spirit in una VERA canzone

alessioIRIDE
Opera: | Recensione: |
smells like teen spirit è da infarto...una monnezza colossale, seconda solo alla versione di tory amos

telespallabob771
Opera: | Recensione: |
non diciamo cazzate,ford...son d'accordo col recensore,è più che azzardato riarrangiare un mito,il simbolo di un'intera generazione come smells like teen spirit...e davvero,questo simpatico coglione col parrucchino dovrebbe inginocchiarsi di fronte a certi capolavori e non violentare la stessa memoria di un'epoca...come puoi rendere SWING la vecchia smells?è già difficile ricrearla com'era davvero,con il fantasma di kurt che ancora aleggia su seattle,figuriamoci farla fare a un vecchio opportunista come anka...vergogna

alberto88
Opera: | Recensione: |
ottima recensione , perchè dimostri di essere disincantato, cosa che mi piace molto. E' chiaro che si tratta di un'operazione commerciale, che ha come target non i giovani bensì persone più anziane. Rientra nelle classiche produzioni da babbioni, simil Bublè. Ma questo ci fa pensare su come le mire dei discografici siano cambiate negli ultimi anni, e abbiano proprio deciso di puntare su una fascia over 45, che ama musica patinata e ultra leccata da piano bar. Ma non parlare, ti prego, di jazz, sennò il vecchio Miles viene fuori dalla tomba e ti evira

alberto88
Opera: | Recensione: |
alberto88
Opera: | Recensione: |
ottima recensione , perchè dimostri di essere disincantato, cosa che mi piace molto. E' chiaro che si tratta di un'operazione commerciale, che ha come target non i giovani bensì persone più anziane. Rientra nelle classiche produzioni da babbioni, simil Bublè. Ma questo ci fa pensare su come le mire dei discografici siano cambiate negli ultimi anni, e abbiano proprio deciso di puntare su una fascia over 45, che ama musica patinata e ultra leccata da piano bar. Ma non parlare, ti prego, di jazz, sennò il vecchio Miles viene fuori dalla tomba e ti evira

lariana56
Opera: | Recensione: |
Songwriter di grande talento.

sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
The Punisher
Opera: | Recensione: |
Beh sfascia, se devo giudicare LA VOCE di Anka (e solo quella) è davvero stupenda eh? nonostante l'età...

kosmogabri
Opera: | Recensione: |
allora questo è un caro signore mattacchione con una gran voce, che qui raschia il fondo del barile, non è il primo né è l'ultimo a fare cose simili. Però: una canzone quando è sul mercato diventa di tutti, diventa quella che cantiamo sotto la doccia, ad una festa, allo stadio, al karaoke... Cioè, una canzone è patrimonio comune, la si può storpiare, stonare, rielaborare, rinventare. Lo possiamo fare noi, non lo può fare Paul Anka? Ma lui ci fa i soldi dirai tu, bhé e lui paga la sua consistente parte in cambio. Tutto regolare, quindi. E poi non è che ha ripreso sti grandi capolavori, sono tutte delle hits da charts, roba che abbiamo sentito in mille salse (magari dalla cover band al pub dietro all'angolo) già precedentemente, non facciamo gli schizzinosi. E infine lo swing non si tocca, cazzo, tutti possono essere punk (ecchcivuole), non tutti possono essere swing, signori si nasce non si diventa.

Cornell
Opera: | Recensione: |
Ho sentito solo la cover di Teen Spirit, mi è venuta una tristezza profonda..

gilberto
Opera: | Recensione: |
che merda di recensione

The Punisher
Opera: | Recensione: |
gilberto, il solito fake mattacchione un po' coglione... ah ah auha ah

sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Grande de-Kosmo! Io in questo de-periodo mi sento parecchio "da camera" (nel senso di internabile). Ossequi à tonnellate.

The Punisher
Opera: | Recensione: |
Ma allora nasce una domanda spontanea: secondo voi SERGIO CAPUTO era swing?!

ThomasMaltus
Opera: | Recensione: |
troppe persone su questo pianeta

uxo
uxo
Opera: | Recensione: |
la tua rece mi è piaciuta. tranne che trovo il disco una trovata divertente.

Trimalchione
Opera: | Recensione: |
Che tristezza..."Black Hole Sun"...perchè? Mio Dio c'è qualcosa che non va...poveri Soundgarden...l'unico che l'ha apprezzata è stato il cantante dei Negramaro che l'ha confessato in un'intervista a "La Stampa"...il che è tutto dire...buonanotte...

Ford_Prefect
Opera: | Recensione: |
siete solo degli snob...

gilberto
Opera: | Recensione: |
the punisher, coglione a chi? ma che vuoi, chi ti rivolto la parola? sei il protettore di lesto bang?

OleEinar
Opera: | Recensione: |
gilberto, sono la stessa persona.

The Punisher
Opera: | Recensione: |
...e anche un po' pirlotto, a quanto pare!! :-)))

Neu!
Opera: | Recensione: |
Ford Perfect, ma davvero sei convinto del valore artistico di questo disco?

kosmogabri
Opera: | Recensione: |
Sergio caputo era? Sergio Caputo è!

The Punisher
Opera: | Recensione: |
... é ORMAI alla frutta...il Sergio Caputo, altro che balle!! :-)))

gilberto
Opera: | Recensione: |
pirlotto tientelo per te, idiota. mi sono appena iscritto, come faccio a sapere che ti diverti a usare due nickname diversi. coglione. recensore scarso e pure coglione. tutte tu ce le hai. almeno fossi solo recensore scarso. no, pure coglione.

The Punisher
Opera: | Recensione: |
Io sono coglione ma tu pur essendo NUOVO, già fai il cagacazzo sputasentenze: informati sempre di DOVE sei e CON CHI PARLI prima di sparar minchiate a random, pirlone testadiminchia nonchè pischello da 4 talleri... Attendo con ansia le tue recensioni!

Punisher
Opera: | Recensione: |
sempre confronti stimolanti nelle mie recensioni...!

Gialappa'sBand
Opera: | Recensione: |
Ma, soprattutto, perchè non ti trovi un lavoro decente Punisher?

The Punisher
Opera: | Recensione: |
Un lavoro decente ce l'ho già: scrivo recensioni cazzone qui per 3000 ? al mese.... più decente di questo potrei solo candidarmi al posto di sottoministro di Calderoli, no? va bene tutto ma.......... :-)

gilberto
Opera: | Recensione: |
tu vuoi dire che sei un "nonno" su questo sito e dovrei portarti rispetto? me ne sbatto le palle, recensore di merda eri e merda di recensore rimani. certo che da quanto sei rincoglionito i tuoi annetti in effetti li devi avere, non pensavo però che a 93 anni uno potesse scegliersi un nick da dodicenne. poi è inutile che mi chiedi di fare una recensione. io le recensioni le leggo e le commento e le voto quanto mi pare e piace. visto che qui lo consentono. anche senza scriverne. o forse bisogna per forza avere guidato una formula 1 per commentare le gare? che idiota che sei.

The Punisher
Opera: | Recensione: |
GUAI a te a portare rispetto per uno come me, cazzo pensi che me ne frega del rispetto di marionette bla-bla come te? sul fatto delle recensioni cito Frank Zappa: "Buona parte del giornalismo rock è gente che non sa scrivere, che intervista gente, che non sa parlare, per gente che non sa leggere." ...poi, aggiungo io, ci sono quelli INUTILI e CAGACAZZO come te, di cui perfino Zappa preferisce soprassedere... Ti piace come risposta?!

gilberto
Opera: | Recensione: |
ma, io dico solo che recensisci di merda. al che puoi o incazzarti come il bambino che sei o chiederti dove puoi migliorare. a mai più risentirti. ma a rivotarti, di sicuro. visto come ti incazzi è molto divertente

The Punisher
Opera: | Recensione: |
Recensisco di merda QUANDO voglio oppure BENE quando mi gira (con altri nickname). Io son fuori dalla logica "mo devo dimostrare al mondo quanto valgo"...quella la lascio agli adolescenti, stella. :-)))

gilberto
Opera: | Recensione: |
nooo, non vuoi dimostrare al mondo quanto vali. usi almeno due nick diversi. sei sempre pronto a rispondere. insomma la luce dei riflettori ti garba eccome. purtroppo il mondo è pieno di tronisti e aspiranti tali. ecco un altro frutto del degrado della società. e poi quali sarebbero le recensioni dove scrivi BENE? voglio proprio leggerle. che sborone questo qui. mi rivolgo agli altri utenti: ma voi lo sopportate? vi sta simpatico?

iside
Opera: | Recensione: |
@@@Gilberto , a me sta simpatico. e memorabile anche quanda su arrampica sugli specchi (meglio di spiderman)!!

ptr
ptr
Opera: | Recensione: |
Io Lesto BANG lo adoro... ma vuoi dirmi che LUI = Punisher?!?! ma dai?!?!? non lo sapevo :-(

Stronko
Opera: | Recensione: |
Io concordo con Gilberto: troppo presenzialista e ama troppo i riflettori puntati addosso. Troppe personalità e troppi nickname... vorrei leggerle anch'io queste presunte recensioni BEN scritte.... ah ahah ah ah si vergognasse va!!

gilberto
Opera: | Recensione: |
vabbe'. a questo punto sono davvero curioso di leggere le recensioni BEN scritte. sotto quale misterioso nick devo cercare?

gilberto
Opera: | Recensione: |
quindi alla fine anche ptr e Stronko sei sempre tu. magari pure iside. insomma hai risposto con altri nick alla mia domanda. sempre più senza parole. internet produce problemi seri. ma che perdo tempo a fare qui.

I_lOVE_mUSIc
Opera: | Recensione: |
AMORE FAGLI LEGGERE LA VECCHIA RECENSIONE DEI BUCATINI CACIO E PEPE! QUELLA SI CHE E' STORIA!

The Punisher
Opera: | Recensione: |
In realtà questo sito è tenuto su da 5 persone, ognuna con 15/20 nickname... non l'avevi capito? A noi MATRIX ci fa una pippa!!!

iside
Opera: | Recensione: |
no Gilberto io sono iside aka PaolinoPaperino e non ho altri nick........

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: