Paul Weller
A Kind Revolution

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


"A Kind Revolution" è il tredicesimo album solista di Paul Weller e viene pubblicato proprio mentre si celebra il quarantesimo anniversario della pubblicazione di "In the City" dei Jam, il disco che ha dato il via alla lunga e mutevole carriera del Modfather.

Fedele alla sua filosofia here and now, Weller evita anche questa volta le celebrazioni e si rimette nuovamente in gioco sfornando, senza retorica, uno dei suoi album migliori, padroneggiando con mestiere e naturalezza generi musicali diversi.

Lontano dal prog-rock del precedente "Saturns Pattern", la "rivoluzione gentile" del cantautore di Woking appare una collezione di "modern classics" che passa indifferentemente dal soul di "Woo Seé Mama" al britpop del singolo "Nova", dall'altro singolo, l'elegante ballad "Long Long Road" all'R&B di "New York", fino al blues di "Satellite Kid".

Non possono poi mancare i consueti ospiti: PP Arnold e Madeline Bell, Boy George e, poi, Robert Wyatt, il quale suona la tromba in una "She Moves with the Fayre" dalle atmosfere jazz/funk simili a quelle dell'ultimo David Bowie.

A 59 anni Paul Weller si conferma in questo modo, se mai ce ne fosse stato bisogno, uno dei più importanti cantori d'Inghilterra e un artista di cui ancora non se ne può fare a meno.

"I'm still a mod, I'll always be a mod, you can bury me a mod".

Questa DeRecensione di A Kind Revolution è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/paul-weller/a-kind-revolution/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Tre)

IlConte
Opera: | Recensione: |
Del Weller solista non conosco praticamente nulla ma quando mi capita di sentire un pezzo mi piace sempre! Lui un grande, ancora di più quando ha voluto partecipare al tributo per John Lord come dico nella rece. Mi sembra che @[lawyer] avesse messo un pezzo, bellissimo, in anticipo poco tempo fa. @pinhead(5)
BËL (00)
BRÜ (00)

llawyer: Ciao Nobile. Io ho due elle! E il pezzo era Long Long Road!
IlConte: Porgo nobili scuse dolce fanciulla, ma quindi c'è qualcun altro con una sola elle?!?!
llawyer: Nulla di cui scusarti. Avevo perso la pw quindi ho guadagnato una elle!
IlConte: Storiacce di consonanti...
Pinhead
Opera: | Recensione: |
Paul Weller che fa prog-rock non riesco proprio ad immaginarmelo.
BËL (00)
BRÜ (00)

IlConte: Manco mi ahahah!
Pinhead: Ma nemmeno che collabora con Boy George, bbbbbrrrrr.
IlConte: Quello l'ho baipassato ahahahah!
llawyer
Opera: | Recensione: |
Samples!

BËL (00)
BRÜ (00)

llawyer: E 5 (anche solo perché è la prima volta vedo un uso proprio dell'indicazione: novità!)
IlConte: L'hai ascoltato tutto tu ovvio?!?
llawyer: Dear Sir, per intero ho sentito solo i tre pezzi che trovi su youtube. Ma rimedierò presto anche se so già che continuerò a preferire Stanley Road...
IlConte: Quello e' il suo solista che preferisci?! Chiedo, del solista non so nulla...
llawyer: Di lui mi piace tutto. A cominciare dalla sua faccia (un po' meno i suoi parrucchieri). Quel disco per me è meraviglioso!
IlConte: Mi fido ciecamente lo prendo, non ho nulla tranne i Jam...

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: