Sto caricando...

Penguin Cafe Orchestra
Signs of Life

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Allora languivano, le rasserenate stanze, d'un vago mormorio.

Tra sé e sé scanzonata, la primavera inaspettata intiepidiva al leggero tramestio dell'usata orchestrina.

Come un fiume carsico la perduta malinconia, qua e là riaffiorante, tra giocosi glicini ed ortiche: dei segni di vita.

Mai come adesso, mai più, l'intesa nella giostra pinguina pareva divertita e melodiosa, allietando tanti e troppi pomeriggi.

Non presagiva (come avrebbe potuto?) alcunché.

Giocava soltanto, cuore di vetro e spensierato volo.

La vita non fa in tempo a trovar requie, che già non è più.

Ma le sue tracce no, quelle restano incise.

Spuntasti ieri, bocca di leone.

Potremo attingere per sempre al tuo inesausto sogno, segno udibile d'una vita che fu.

Inesausta felicità.

Commenti (VentiCinque)

123asterisco
123asterisco
Opera:
Recensione:
Dr.Adder
Dr.Adder
Opera:
Recensione:
Più pinguini per tutti!
Ps: "allientando?".


123asterisco: "attietando"!
123asterisco: mersì
123asterisco
123asterisco
Opera:
Recensione:
Modifica alla recensione: «errorucolo». Vedi la vecchia versione Signs of Life - Penguin Cafe Orchestra - recensione Versione 1


MarkRChandar
MarkRChandar
Opera:
Recensione:
<<La vita non fa in tempo a trovar requie, che già non è più.>>


Martello
Martello
Opera:
Recensione:
In copertina
"L'addio al celibato di nonno Beppe", grasso di pinguino su tela farlocca


musicalrust
musicalrust
Opera:
Recensione:
Bellezza che commuove....


123asterisco: Proprio così.
JonatanCoe
JonatanCoe
Opera:
Recensione:
Album superlativo e ZOT fantastica, come sempre!


123asterisco: Mersì bocù.
Ormai sono uno zottatore professionista.
zaireeka
zaireeka
Opera:
Recensione:
Le parole sono solo segni sulla carta. Alcune hanno anche un bel suono. Questo è il loro valore oggettivo. Poi c’è il valore soggettivo legato al loro significato. Un albero, un abete, può essere solo la sua definizione su wikipedia ma può essere molto altro, può essere Natale, neve, arbre magic, un viaggio in auto, e tanto altro. Se non si vuole leggere le tue recensioni e rimanere freddi giudicandole solo esercizi di stile (cosa che, confesso, capita anche a me quando sono troppo di passaggio) bisogna mettersi nella seconda configurazione di lettura delle singole parole, e farle “parlare” fra di loro nella propria testa. Lo ho già scritto in passato, volevo ripeterlo.


123asterisco: Grazie.
macmaranza
macmaranza
Opera:
Recensione:
Pinguini Forever.


Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
Bel cantuccio poetico *!
Fra () il mio preferito dei pinguini è "Music from".


123asterisco: Idem.
Caspasian
Caspasian
Opera:
Recensione:
Qui sicuramente non c'è landa di "silenzio e oscurità". Folclore alieno.


odradek
odradek
Opera:
Recensione:
Eh si, quell'effetto lì, una vita che fu.
O, forse, che pareva essere...


lector
lector
Opera:
Recensione:
Mi sa che questa orchestra di pinguini ti piace!


123asterisco: Dici?
lector: Giusto un'impressione...
CosmicJocker
CosmicJocker
Opera:
Recensione:
Forse non è il loro apice (anch'io come te e almo preferisco "music..."), ma con una copertina del genere come si fa a non arrotondare per eccesso?..


123asterisco: Conosci il caffè pinguino del figlio, vero? Quello sì che fa per te!
CosmicJocker: Eh beh!
Eneathedevil
Eneathedevil Divèrs
Opera:
Recensione:
Uhm, invece a me questo piace eccome, forse secondo solo a Broadcasting from Home. Sono semplicemente basito nel constatare che mancava la recensione di cotale disco sul Deb, quindi direi che ha fatto bene Asterix ad infilarsi nell'imperdonabile falla, benché abbia l'impressione che manchi un quid. Ma è comunque oro colato.


123asterisco: Quod quid est? Ænean diabolicumque oportuit animadvertit & cum pulcris verbis lacunam explere.
Eneathedevil: ...animadvertit? Aut fortasse "animadvertere" significavisti (sed errare possum)? Tamen tibi dicere nescio quod deficit. Pauperam mentionem de singulis canticis intellego, sed certissime de minimis rebus loquor.
Farnaby: Ho capito solo nescio, che qui a Genova vuol dire scemotto...
123asterisco: ahahaha

Volui dicere: "animadvertere". Cur tam difficile est latine loqui??

Tantum puto: quod "quid" est?

Miserere mei, quia non possum melius quam ita loqui!
123asterisco: Cur tam difficile est latine loquere??

(errata corrige)
Farnaby: Esatto!
Farnaby: Casomai passo con mio figlio...
123asterisco: Scusa Enea, mi avevi già risposto.
123asterisco: Leggere & scrivere in latino dal cellulare è pessimo.
Eneathedevil: Ma no! Loquor è deponente, quindi era giusto "loqui"!
123asterisco: Maledettissimomemedesimo!
hjhhjij
hjhhjij
Opera:
Recensione:
Bellissimo tutto, soprattutto musica e artwork. Band di una bellezza disarmante.


Farnaby
Farnaby
Opera:
Recensione:
Sono di parte, lo so. Ma non vi è un solo disco dell'orchestrina che meriti meno di quattro stelle. E concordo con il buon @[Eneathedevil] quando dice che questo è secondo solo a " Broadcasting..." il loro disco più atmosferico e arioso.
"Signs of Life" più rigoroso, più austero, è la faccia meno giocosa dei pinguini. Ma la bellezza rimane.
Grazie, fratello di becco...


123asterisco
123asterisco
Opera:
Recensione:
@[Eneathedevil]
@[Farnaby]
Ci tengo a specificare: dire che preferisco (non saprei nemmeno dire perché, a pensarci bene) il primo disco non significa affatto che questo o Broadcasting gli siano inferiori: per me i cinque dischi vanno considerati olisticamente, come parti di un percorso. Belli ognuno a modo loro (come le caramelle di cui parlai).
Buona giornata
e grazie.
*


Farnaby: Concordo...l'opera di Jeffes va vista come un corpo unico. Il fatto che (vedi Ima sotto) le preferenze vadano ad uno piuttosto che ad un'altro disco vuol dire che il buon Simon ha lavorato bene...
imasoulman
imasoulman
Opera:
Recensione:
non so perchè ma forse forse io sono per il secondo omonimo. O forse, lo so: perchè prima della loro musica, che scoprii men che ventenne, mi intrigarono le letture che mi vennero pòrte su riviste che ancora facevano critica e non fuffa e dunque tutto questo ben si coniugava con la ricerca di musiche 'altre' che non fossero la sola fallocrazia di chitarre irate e tamburi da balconata ultrà


123asterisco: Parole da incorniciare.
123asterisco: Aprire orizzonti musicali più ampi, mi permetto di osservare, è quanto ci accomuna.
Grazie del passaggio!
odradek: @[imasoulman] Ricorderai, quindi, Esimio Sabaudo, che il loro primo disco vide la luce (ossimoro)
per la Obscure Records del buon B. Eno.
E quel vinile avevo, finché, mosso a commozione dal suo grande apprezzamento per quella musica inconsueta, lo regalai ad una fanciulla.
A volte, raramente, la gentilezza ha la meglio sulla fallocrazia.
imasoulman: certo, e sarebbe un bel bene-rifugio oggi, quel vinile in edizione originale...ma ci racconti però come andò a finire veramente, la storia.
Non faccia il timido
odradek: Non sono affatto timido, mi direi pudico.
Andò a finire, come tutto, mio caro.
Anche per via d'un certo disappunto d'un altra fanciulla, all'epoca titolare.
Ah, i bei tempi della "panchina lunga"...
123asterisco: Vuol dire che la cosiddetta titolare per contro non era d'uopo apprezzare buona musica, par di capire.
Motivo bastevole per preferirle l'altra.
odradek: Eh, non è mai così semicecone appare, Messere.
Ma è ormai tutto così distante, avvolto dalle nebbie del tempo...
odradek: Semicecone era semplice come.
123asterisco: è semicecone per via delle nebbie.
imasoulman: ai miei tempi, entrava un numero 13 che si chiamava Altafini, Josè detto 'Mazzola'
Ed era decisivo più e molto dei suoi due-tre titolari di riferimento
Ed era tempo di una panchina più corta di un divanetto liberty
odradek: Eh, per quelle panchine concordo.
Per il "parco gnocca", come immagino lo definirebbe IlConte, un po' meno.
Ma, ripeto, si parla di epoche ormai remote...
puntiniCAZpuntini: Pachina Lunga Bless Ya'll
zaireeka
zaireeka
Opera:
Recensione:
Non lo conoscevo, lo ho ascoltato. Alcuni pezzi, splendidi, sono così delicati che ha paura di far loro del male semplicemente ascoltandoli.. Ps. Questi li conosci? .https://youtube.com/playlist?list=OLAK5uy_lGOX9yIx1Gx1vullTOvi0aw_T_jv3WoH4


zaireeka: Chiaramente ne avevo sentito molto parlare, semplicemente non li avevo mai ascoltati, i Penguine
123asterisco: Non conoscevi l'ensemble pinguino? Fallo tuo al completo, fidati che ne vale la pena!
odradek: @[123asterisco] Accoglierei, Messere, anche il suggerimento del gentile zaireeka: i newyorchesi Tin Hat Trio, pur proveniendo da esperienze più affini a certo jazz e in qualche misura a folk est europeo e un po' di art rock, sono un ensemble interessante.
Al succitato Helium preferivo il precedente (qualcosa con "memory" nel titolo)

Tin Hat Trio - Thinuette

e uno successivo, di circa 15 anni fa.

Book of Silk (Tin Hat)

123asterisco: Mi ero perso il tutto. Ascolterò con attenzione!
odradek: Immagino Siate troppo giovane per aver assistito a qualche concerto della Penguin originale,, Messer 123.
Io ebbi la fortuna, credo poco prima della dipartita del buon Simon.
E quella volta in compagnia di mia moglie, che, a differenza d'altre donzelle, apprezzò e apprezza la.musica pinguina.
123asterisco: Purtroppo sì. Ho scoperto i pinguini solo una decina di anni fa.
macaco: Visti a Bologna a metà anni novanta, non ricordo però i musicisti presenti.
odradek: @[macaco] Ti era piaciuto il concerto?
macaco: Certo! Poi ero strainnamorato, per cui non badavo a sottigliezze.
luludia
luludia
Opera:
Recensione:
è una faccenda molto più sandro penna che montale, dico così, tanto per capirci...la grazia fulminante, insomma...ci vorrebbero parole farfalla...


123asterisco: Ricordo che apprezzasti il "poetico caffè pinguino": tornerà prima o poi.
HOPELESS
HOPELESS
Opera:
Recensione:
Qua, con la loro musica, c'è da preparare il tè seduti in un bovindo immaginario al Circolo Polare Artico.
Poco dopo il 2000 mi interessai alla loro musica dopo aver letto da qualche parte l'apprezzamento di Frusciante. Il primo e il terzo sono quelli che più mi piacciono, più una menzione speciale per Union Cafe, omaggio (tra l'altro) a Bologna se non sbaglio.
Broadcasting Performed by Members of The Penguin Café Orchestra.


MarkRChandar: Frusciante? sembra l'esatto contrario, strano.
HOPELESS: Frusciante è incredibile Mark. Ogni volta che è fuori con un suo disco e gli chiedono di parlarne il suo atteggiamento è tipo: "Sì. sì, non è male il mio ultimo lavoro... Oh, ma non trovi bellissimo il primo dei This Heat? Oh, ma hai ascoltato l'ultimo di Venetian Snares? Oh, capito che bel commiato Blackstar del duca?". Un musicista e persona/personaggio dall'umiltà e dagli ascolti infiniti, veramente un vero amante della musica, che mai si crogiola solo delle cosa che fa lui.
Farnaby: Frusciante è molto di più dei Red Hot Chili Pepper...
HOPELESS: Sono d'accordo. Niandra LaDes And Usually Just A T-Shirt, To Record Only Water Fot Ten Days, Shadows Collide With People, il primo degli Ataxia, sono tra i miei album preferiti in assoluto.
HOPELESS: To Record Only Water For Ten Days.
MarkRChandar: Io di Frusciante conosco maggiormente la sfera cinematografica. Molto intelligente ed umile come hai detto tu e inoltre una preparazione e una cultura fuori dal comune.
HOPELESS: Ma tu parli di Federico Frusciante? hahahha io di John Frusciante!
MarkRChandar: Oddio perdonami allora, ho frainteso
HOPELESS: Vabbè, mi hai strappato un sorriso gustoso. Federico ogni tanto mi capita di guardarlo, è uno spasso, prima o poi se mi troverò a Livorno lo vado a trovare alla VIDEODROME.
hjhhjij: "Oh, ma non trovi bellissimo il primo dei This Heat?" In effetti si, Fruscià.
HOPELESS: Hahah ciao hj!
hjhhjij: HI!
macaco
macaco
Opera:
Recensione:
Li ascoltai parecchio, non ricordo però quali dischi avessi e quali mi mancano, d'altronde sempre pinguini in copertina che mi confondono.


odradek: 😄 È vero, possono confondere
123asterisco
123asterisco
Opera:
Recensione:
@[proggen_ait94]: ormai che ci sei procedi all'indietro:
Union Cafe --> Signs of Life --> Broadcasting from Home --> ominimo --> Music from the Penguin Cafe


123asterisco: *omonimo (non so perché il correttore preferisce "ominimo" (?)
proggen_ait94: invece credo di aver scaricato quelli che hai recensito quindi pure un disco del figlio
proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
preso anche questo, solo non avevo votato


123asterisco: Grazie. Non ti avevo taggato per quello, sia chiaro.
proggen_ait94: sisi chiaro

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Signs of Life è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link