Peste Noire
Ballade Cuntre lo Anemi Francor

()

Voto:

A due anni dal loro ultimo full, la "black metal band" francese ha finalmente rilasciato il suo ultimo lavoro dal titolo: "Ballade Cuntre Lo Anemi Francor" che letteralmente tradotto significa "Ballata contro il nemico della Francia".
Già dal titolo e dalla cover é possibile intuire come quell'impronta nazionalista che ha sempre caratterizzato i dischi dei Peste Noire, sia presente anche in questa nuova uscita.

Alcuni dei testi poi, sono presi pari pari da opere di autori francesi (vedi Villon, Verlaine)...ma, riferisco fin da subito che non ho intenzione di soffermarmi troppo su questo aspetto, primo perché non conosco una parola di francese e secondo perché non ho abbastanza conoscenze lettararie per dare un giudizio in tale ambito.
L'unica cosa che posso dire é che il titolo fa sicuramente riferimento alla ballata scritta intorno al quindicesimo secolo dal poeta francese François Villon (Ballade contre les ennemies de la France), ritenuto da molti, come il precursore dei maudits, ovvero i poeti maledetti.

Ma veniamo al sound del disco che é sicuramente la parte più importante ed interessante della questione.
I Peste Noire fin dai primi dischi sono sempre stati esecutori di un black metal alquanto rozzo, sporco, a tratti quasi decomposto, depressivo, ma anche molto personale e pieno di sentimento; partiti dal primo full con una produzione alquanto buona, sono via via degenerati sempre di più fino a giungere con quest'ultimo disco, ad una produzione veramente disgustosa ed aggiungerei malata.
Tutto ciò ovviamente non lo vedo come una caduta di stile, bensì credo che ciò sia stato compiuto volutamente proprio per fare il contrario di ciò che farebbe la "black metal band" istituzionalizzata quando inizia a fare successo.
Più soldi e più esperienza portano quasi sempre una band a migliorare la produzione, invece i Peste Noire hanno fatto proprio l'esatto contrario...e perché mai vi chiederete?

Innanzitutto credo che in minima parte ciò sia dovuto al fatto che i due precedenti album, "Le Sanie...". e "Folkfuck Folie" abbiano fatto più successo di quello che loro credevano, ma soprattutto perché sono convinto che il vero intento della band, fin dagli inizi della loro carriera musicale, sia sempre stato quello di produrre una musica che rappresentasse in pieno l'idea di pestilenza mediovale...e devo riconoscere che con questo disco sono riusciti in pieno a raggiungere tale fine.

Dico già ad i black metaller più incalliti che se vi aspettate di ascoltare un disco black metal come i precedenti, o qualcosa di vagamente somigliante ad i vecchi lavori che beh, rimarrete delusi. Questo perché ci troviamo di fronte ad un disco che affonda sicuramente le radici nel black metal dei vecchi album, ma in sostanza altro non é che un disco folk. Una miscela di black metal e folk mediovale patriottico da malati mentali, costituito da melodie semplici e banali, a tratti ballabili e da una commistione con un black metal impastato.
Aggiungete ora a tutto ciò, il cantato svaccato e sgraziato di Famine (il cantante principale) ed otterrete qualcosa di veramente geniale e che per lo meno non sa di già sentito.

Un forte contributo a tale decadenza sonora é sicuramente dovuto, come già scritto poc'anzi, al cantato penoso e demente di Famine che ormai consapevole di avere la voce alquanto rovinata, canta comunque in scream, giusto per rendere il tutto molto più disgustoso e ridicolo.
Brani in cui é palese tutto ciò sono ad esempio "La Mesniee Mordrissoire" e la title track, ma non solo. Inoltre la contrapposizione della voce di Famine a quella della soprano del gruppo Audrey Sylvain (quella che canta anche negli Amesours), che invece ha una voce meravigliosa, tende a rimarcare ancora di più quanto Famine faccia pena a cantare in quel modo. (vedi "La France Bouge - Par K.P.N. (Chant De L'Action Française)", "Neire Peste", "Soleils Couchants - De Verlaine").

Ma ripeto, tutto é chiaramente voluto é ciò che vogliono rappresentare i Peste Noire nella loro "opera".
Lo svantaggio dell'artista si trasforma in un vantaggio, più precisamente nella possibilità dell'artista stesso di rappresentare quello stato di decadenza sia fisica che mentale, attraverso la sua voce ormai malandata.
Altra nota che vorrei aggiungere é che benché l'album sia composto da ben 10 brani, ci sono un numero di tracce che durano pochi minuti e che costituiscono per di più una sorta di intermezzi del disco.
"Concerto Pour Cloportes", "Requiem Pour Nioka (À Un Berger-Allemand)" e "Vespre" costituiscono una parte di quegli intermezzi e sono tra i brani più toccanti del disco, perché nella loro semplicità e brevità offrono istanti veramente intensi.

"Concerto Pour Cloportes"

Le note di un piano sembrano uscire come dalla tromba di un grammofono di fine ottocento...é quasi come se a suonare quella melodia scherzosa e un po' bambinesca fosse un fantasma, con tanto di risatona finale.

"Requiem Pour Nioka (À Un Berger-Allemand)"

Il suono di un piano rieccheggia nello scrosciare della pioggia, mentre il cantato di una sirena accompagna quel suono nell'aria, plagiando la mente del povero ascoltatore che non può far altro che rimanere inebriato e rapito da quella struggente atmosfera funeralesca.

"Vespre"

A differenza degli altri due brani é una sonata per organo che sembra suonata da un bambino in fase di apprendimento nell'uso dello strumento;
una breve sintesi della semplicità e della superificialità sonora del disco...a dimostrazione del fatto che il disco é banale perché voluto banale.

"A La Mortaille!", "Rance Black Metal De France" sono forse i brani più black metal del disco.

La pestilenza sta contagiando piano piano tutti gli strumenti; la vena ironica, demente, patriottica rimane sempre presente e palese, vista la superficialità della proposta... Basta sentire il modo in cui suonano gli strumenti... E Famine continua davvero a cantare come un povero squilibrato.

In conclusione un disco tra i più malati, disturbanti e stupidi della formazione francese, ma forse proprio per questo tra i più riusciti e tra quelli che mi fanno apprezzare sempre di più questa band.
Ad una grande fetta di persone sono sicuro che il disco non piacerà, vabbé questione anche di gusti personali... O forse il gruppo é solo riuscito ad ottenere ciò che voleva.

Questa DeRecensione di Ballade Cuntre lo Anemi Francor è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/peste-noire/ballade-cuntre-lo-anemi-francor/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quindici)

TheJargonKing
Opera: | Recensione: |
Dagli all'untore!!!
BËL (00)
BRÜ (00)

Alex84
Opera: | Recensione: |
Metal in lingua francese? Finalmente, era da tempo che cercavo un gruppo metal d'oltralpe che non cantasse in inglese.
BËL (00)
BRÜ (00)

macaco
Opera: | Recensione: |
Bella! Finalmente una rece dove non ce scritto: "...le melodie non risultano mai banali..."!
BËL (00)
BRÜ (00)

Gasta
Opera: | Recensione: |
La rece non è male, soprattutto perché presenta una formazione che - credo - ai più è misconosciuta, però ci sono qui e là degli errori: si scrive "medievale" (o al massimo "medioevale") e non "mediovale" (cos'è, un uovo medio?! ;-) ); la terza persona singolare dell'indicativo presente del verbo 'essere' si scrive "è" (con l'accento grave) e non "é"; il gruppo da te citato si chiama "Amesoeurs" (deformazione della parola francese "âme sœurs", che significa "anime gemelle"), ma quella sarà stata una semplice distrazione. Il titolo comunque non è in francese corrente...sai dirmi se è una storpiatura di loro invenzione? Comunque grazie per la proposta...non so se mi piaceranno, ma intanto ascolto! XD Magari torno più avanti per votare. E mercoledì prossimo ho un esame di Lingua Francese :D ...
BËL (01)
BRÜ (00)

zzot
Opera: | Recensione: |
"requiem per un Nokia"? Interessante: cos'è l'estremo saluto al tuo telefonino?
BËL (00)
BRÜ (00)

Gasta
Opera: | Recensione: |
@ZZOT: non ho ancora visto in vita mia un Nokia a forma di pastore tedesco ("berger-allemand")....
BËL (00)
BRÜ (00)

ale9t0
Opera: | Recensione: |
non so... io ho le sanie che è molto bello, ora che non c'è più neige però non so quanto ne valga la pena...
BËL (00)
BRÜ (00)

Coccodemamma
Opera: | Recensione: |
GASTA grazie per aver evidenziato gli errori.

ALE9TO, ma Neige in realtà ha scritto solo una canzone per i Peste Noire e cioè "La Césarienne", che è un brano dell'EP del 2007, per il resto in "Le sanie bla bla bla", ha suonato organo, batteria ed il basso solo in qualche traccia...perché mai tutti continuano a ripetere: che oramai i Peste Noire fanno cagare visto che Neige se ne andato?
I PN sono sempre stati Famine.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ardalo
Opera: | Recensione: |
requiem pour Nioka si traduce requiem per la nniocca?
BËL (00)
BRÜ (00)

Ardalo
Opera: | Recensione: |
Buona la recensione, però non riesco ad immaginarmi dei francesi che fanno black metal,non so perche
BËL (00)
BRÜ (00)

Fallen
Opera: | Recensione: |
La scena francese è piena di gruppi che cantano in madrelingua, vedi Crystalium o Chemin de Haine. Concordo sul fatto che i Peste Noire non debbano nulla a Neige. Rece buona, ma per esprimere l'atmosfera disturbante e malata del disco non c'era bisogno di sprecarsi tanto in termini come "stupido" o "demenziale"; lo fai sembrare qualcosa che in realtà non è. Saluti
BËL (00)
BRÜ (00)

telespallabob
Opera: | Recensione: |
@Ardalo, requiem per la gnocca? Non dirlo neanche! Urge toccata scaramantica. Benvenuto su Debaser a "coccodemamma". Recensione interessante, tuttavia risulta essere un attimo ridondante e con l'odiatissimo T-B-T alla fine. Un 4 lo metto comunque. Il disco mi è ignoto
BËL (00)
BRÜ (00)

Workhorse
Opera: | Recensione: |
Bella recensione! Il genere non è per me invece.
BËL (00)
BRÜ (00)

JURIX
JURIX Divèrs
Opera: | Recensione: |
Prima recenZione (bella) e black metal FRANCESE? Allora 4 secco! Unica cosa: un pò troppo lunga.
Mai sentiti sti qua, lo farò sicuramente. Chauuu!
BËL (00)
BRÜ (00)

SeventhKing
Opera: | Recensione: |
Capolavoro. L'aura di decadenza che ne emana non ha eguali. Recensione quasi perfetta, complimenti!
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: