Piergiorgio Odifreddi
C'era una volta un paradosso-Storie di illusioni e verità rovesciate

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


"C'era una volta un paradosso-Storie di illusioni e verità rovesciate", Piergiorgio Odifreddi (Ita) 2001. Edito da Einaudi

Odifreddi fa cominciare questo “singolare libro” citando l’Amleto di Shakespeare:

This was sometime a paradox, but now the time gives it proof”, (Hamlet, III, I)

Anche se, già nelle successive righe, non ci fosse un didascalico inciso basterebbe questa citazione per intuire il motivo che ha portato il professore cuneese a darsi la briga di raccogliere in un libro, con il suo solito stile, tra il canzonatorio e l’impegnato, vicende, storie e storielle umane che, pur in settori disparati  (dal mondo dei sensi a quello della Matematica e della Logica passando per svariati altri) coinvolgono, citando ancora l’incipit, le “illusioni e le verità rovesciate” che vanno “oltre l’opinione comune”.  

Riunire, infatti, nella stessa frase le parole “tempo” e “paradosso” butta l’amo su come “ambiguità, rompicapi, dilemmi, enigmi, misteri…” spesso abbiano solo bisogno dello scorrere degli avvenimenti per risolversi non solo in semplici curiosità ma anche, se si è “fortunati” e ha abboccato un pesce grosso, in teoremi e verità scientifiche.

Ovviamente l’arma è a doppio taglio e serve tutta la verve bibliografica del nostro per dipanarsi tra matasse sensoriali, (il)logiche, filosofiche, politiche, etc per non dare appigli a chi si nutre di mera metafisica e, soprattutto, per smentire, ancora una volta, vari figuri che vedono un Odifreddi ciecamente politicizzato in una sorta di “scientismo” a senso unico e poi, magari, si buttano tra le braccia di multicolori “prosivendoli” (speriamo di non offendere gli ammiratori di Pennac), “mitomaniologi” (più o meno televisivi) e “imbrattacarte” dalla forca facile che affollano i media nostrani.

Perché questo è soprattutto un libro dove delle storie (arricchite spesso di aneddoti curiosi) vengono raccontate si per “sollevare i veli del tempo” ma anche per divertire in un modo che non sia “sbracato” ma elegante e filologico.

Unico difetto riscontrabile è il fatto che ci sono almeno 3 (su 10) capitoli abbastanza difficili per chi sia a digiuno di Matematica e Fisica ma vengono compensati da altri (tipo quello dedicato alle antinomie della Democrazia) veramente “gustosi”.

Questa DeRecensione di C'era una volta un paradosso-Storie di illusioni e verità rovesciate è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/piergiorgio-odifreddi/cera-una-volta-un-paradosso-storie-di-illusioni-e/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dieci)

iside
iside Divèrs
Opera: | Recensione: |
non ho mai letto nulla di lui. il suo cognome non mi ispira. (Mo. ci sono tre tue recensioni in home...ti hanno licenziato?)
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio: No. Ero semplicemente in ferie e tra Sabato scorso e Domenica dove vivo ha piovuto per 48 ore e ne ho approfittato per scrivere 3 recensioni, 2 editoriali (che verranno pubblicasti prossimamente immagino) su DeB, finire di leggere un libro di Odifreddi (non questo), iniziarne e finirne uno di Daverio, vincere un paio di volte nella modalità estremamente difficile un scenario "regicidio" di "AOE2" ( io a videogiocgi mi son fermato li), preparare la breve vacanza in moto da cui io e mia moglie siam appena tornati. Comunque dovresti provare a leggere qualcosa di Odifreddi: potrebbe piacerti condividete un integralismo molto simile.
iside: cos'è AOE? io sono fermo a Abe exoddus!
Geo@Geo
Geo@Geo Divèrs
Opera: | Recensione: |
Mi ritrovo nello scenario descritto di quel fine settimana, sicuramente meno di chi abita al nord, ma mi "occupo" più o meno nello stesso modo:) Di Odifreddi ho letto "C'è spazio per tutti" e "Il matematico impertinente"(quello del 2005); mi piace come scrive e quello che scrive, ma non è sempre facile seguirlo, anche se lui pensa il contrario (credo!). Cercherò questo saggio, che è uno dei suoi primi e poi ti dirò.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio: A me risulta facile (seguirlo dico) ma forse perchè anch'io sono malvagio per fini umanitari :-D
geenoo
Opera: | Recensione: |
Chi è questo? Il crociato contro la chiesa?
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio: Più che altro contro i "cretini".
geenoo: cptgaio contro i cretini dici. Quindi lo riconosci come portatore di verità?
cptgaio: Non esistono portatori di verità: esistono verità riconosciute ed esiste il Tertium non Datur. Esistono dubbi su cui la scienza ha basato la sua ricerca (Cartesio dovrebbe ricordarti qualcosa). Esiete gente che ricerca la verità con metodo e applicazione altri "cretini" che si limitano a chiacchierare. Ad ognuno la sua scelta di campo.
JURIX
JURIX Divèrs
Opera: | Recensione: |
Bea Mo. Prima o dopo un libro di 'stoqua me lo leggo.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio: Comincia con "Il Matematico Impertinente" che ti fai subito un'idea se ti garba o no.
geenoo: Esatto comincia da quello, l'ho letto e me ne sono subito fatto un'idea.
JURIX: Oro. Thanx for the consygl. A parte che ultimamente non è che leggo più molto di notte, faccio pacchi di 'NNigmistica; per leggere me gusta la tranquillità e ultimamente non è che ce ne sia a iosa de not...
cptgaio: Ju: hai voluto la bicicletta? Ora pedala :-D
aries
Opera: | Recensione: |
Autore che seguo con interesse. Questo non lo conoscevo.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio: Grazie per esser passato.
Don_Pollo
Don_Pollo Divèrs
Opera: | Recensione: |
Di lui ho letto "Il vangelo secondo la scienza" e "Perché non possiamo essere cristiani..."; sicuramente è presuntuoso e fin troppo sicuro di ciò che dice, anche quando non può permetterselo. Piuttosto estremista quasi ad essere come coloro che critica, solo dall'altra parte del guado. Però il secondo dei due che ho letto aveva spunti interessanti, ricordo.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio: Mah. Almeno a differenza di "quelli che critica" lui argomenta e fornisce riferimenti e bibliografie vari/e. Curioso il dire "non può permetterselo" Che vuol dire?
geenoo
Opera: | Recensione: |
Eddai cptgaio su. Possibile che il mondo/universo/conoscibile sia così sciatto e sempliciotto come ce lo descrive Odifreddi? Come può uno essere considerato intelligente quando da del "cretino" a mezzo mondo? Ma soprattutto come posso considerare uno intelligente quando ritiene di sapere spiegarmi quasi tutto? Allora io direi così: Odifreddi è indubbiamente intelligente ma possiede quell'intelligenza che si ferma al primo stadio, ovvero al conoscibile, al testo, alla scienza, alla formula. Oh, io non ce la faccio a fermarmi lì. Mi sparerei piuttosto.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio: A parte che se consideri l'universo "descritto" (tra virgolette perchè Odifreddi semplicemente riporta essendo soprattutto divulgatore nei suoi libri) come sciatto e sempliciotto evidentemente hai una visione abbastanza distorta della vita, dell'amore e delle vacche la cos a importante è che Odifreddi non vuole spiegare tutto come tu e qualcun'altro qui nei commenti pare abbiate capito ma semplicemente pone dei paletti dove vanno messi e ne abbattae altri dove vanno spostati. Purtroppo quello che tu chiami primo stadio è lìunico che noi, esseri di carbonio9, abbiamo per poter capire noi stessi e quel che cirdonda. Il resto è metafisica o se preferisci cazzate. Stammi bene.
geenoo: Il resto è "cazzate" per te e Odifreddi. Non lo era per esempio per un Galileo, Da Vinci, Einstein, Marconi e compagnia bella. Con conoscibile intendo quello che si conosce finora e per me, come per mille scienziati quello non basta, non è tutto , non può bastare e non può essere ragione per risposte come la tua, di sufficienza e pressapochismo. Il primo stadio è l'unico per chi si rimira i piedi. Compiaciuto guarda i suoi piedi ed il terreno sottostante e sicuro di sé afferma, ecco qua tutto! Dai, daaaaaaaiiiiiiiiiiii Cptgaio! Elevati!
cptgaio: Geenoo, non sai di che parli. Fai confusione su tutto e cerchi di tirare acqua al tuo mulino citando nomi "alla carlona" di cui probabilmente ti sarai limitato a leggere la biografia su wikipedia. Non sei neanche in grado di farmi un riassunto di una puntata di "Voyager" e parli di "compagnia bella". Nessuno dice che si sia conosciuto tutto semplicemente si dice che la strada per (se capiterà) farlo è una e una sola e che il resto è metafisica. Stammi bene.
nes: "Ma soprattutto come posso considerare uno intelligente quando ritiene di sapere spiegarmi quasi tutto? " E' un matematico con i controcazzi per cui fidati: A) è più intelligente di te; B) ai tuoi occhi lui non pretende di sapere tutto, lui sa tutto (è il tuo tutto al limite ad essere un tutto relativo) C) vaccapedia dice che è anche "logico" "saggista" e "storico". In due parole è uno che ha avuto solo una vita accademica. Se non gli lasci la possibilità di tirarsela che cazzo gli rimane? Un enorme cervello circondato da solitudine e libri. E' stronzo? E chi se ne frega, almeno così sopravvive scrive e insegna... Oddio per insegnare sarebbe meglio sapersi far ascoltare e di conseguenza essere un minimo affabili, però pazienza.
geenoo: Cptgaio cadi sempre nello stesso errore: fai un sacco di supposizioni sul tuo interlocutore. Non va bene Cpt, per niente. Attieniti all'argomento e non andare fuori tema. Che c'entro io? Stiamo parlando di Odifreddi e dello scibile semmai. Quindi, come facciamo a discutere se io ti dico "A" e tu mi rispondi "ma che cazzo ne sai di C? Stammi bene". Tutti 'sti libri di logica/matematica non ti hanno insegnato nulla? Nes: l'intelligenza è una cosa relativa e ti dico che a mio parere Odifreddi è super-intelligente nel suo piccolo orticello. Appena mette fuori il naso oltre la sua siepe vede tutti imbecilli. E' uno intelligente per te?
cptgaio: @Nes: Ma guarda che Odifreddi è molto simpatico e affabile (e ha avuto anche una vita molto avventurosa: basti leggere la sua biografia): leggi un suo libro e son convinto lo penseresti anche tu, non fidarti di chi dice che vede solo imbecilli, è una visione distorta. @Geenoo: io non faccio supposizioni sei tu che mi dai spunti per arrivare a una conclusione. Io dico che certe verità sono assodate e tu mi fai nomi a caso: cosa dovrei pensare? Comunque finiamola qui: sei liberissimo di pensarla come vuoi, per il momento il mondo può tollerarti :-D
iside
iside Divèrs
Opera: | Recensione: |
mi son ricordato che "perché non possiamo essere cristiani" l'ho letto (di frodo al supermercato). piaciuto ma inutile. io non sono credente.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio: E' utile perchè può arrichire gli argomenti in un'eventuale disputa (come lo è quello di Dawkins). Poi ci sono vari livelli di consapevolezza anche nel non credere: tutti validi magari ma dipende da quel che si vuole.
cptgaio: Ps. Lo hai letto "a puntate". Perchè non credo tu sia riuscito a leggerlo in una volta solo al supermercato.
cptgaio: Ci andava un "?" dopo "a puntate"
iside: devo averlo tenuto in mano circa 4 ore. durata media di mia moglie al supermarket ( chissà come fa a resistere 4 ore senza fumare)
pirata
Opera: | Recensione: |
sivvabbè, ma questo è uno che in teoria sarebbe un matematico. però in pratica gli piace parlà de fregnacce. c'era bisogno di fare tutti quegli esami all'università per parlà de fregnacce? mah
BËL (01)
BRÜ (00)

Senmayan
Opera: | Recensione: |
Personaggio noioso come il recensore! La nuova religione del 2000 è questo pseudo ultrarazionalismo materialista dogmatico e chiuso come gli inquisitori del 1600, alla fine la storia si ripete sempre, cambiano solo i metodi.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: