Pietro Marcello
Martin Eden

()

Voto:

Versioni: v1 > v2 > v3

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Giovane aquila affamata di tutto, irrimediabilmente selvaggia, acerba. Furiosa e non sempre lucida, vorace di parole come di pane. Questo è Martin Eden, questo è il regista Pietro Marcello, e questo sono i tanti sciamannati del mondo che pensano, sognano di colmare una distanza sociale attraverso le parole d'un romanzo.

Alla fine Martin Eden - pur ottenendo il successo (come rivelano i primi istanti di pellicola) - resta un marinaio, un disperato, un bifolco che non potrà mai sedersi nei salotti bene sentendosi a suo agio. L'ambizione di “diventare come voi, parlare come voi, pensare come voi” (della nobiltà partenopea, o di qualsiasi città del mondo) con il successo diventa rifiuto. Con il successo, Martin Eden non ha più nulla da dire, il suo fuoco s'è spento perché ora vede quella differenza ribaltata.

È l'aristocratica Elena Orsini a elemosinare il suo amore, adesso. Eppure lui non può più amarla, perché lui resta un marinaio disperato e per amare lo scrittore di successo, Elena avrebbe dovuto amare prima il marinaio che sbraitava a cena parlando di socialismo e individualismo. Ora continua a sbraitare, ma nelle aule universitarie, e questo piace a tutti, le stesse parole troppo crude e severe che prima tutti gli dicevano invendibili. Martin Eden è il dramma della coerenza in un mondo che muta e si ribalta. È, se vogliamo, l'immutabile scostumatezza di un popolano, che resta sempre uguale a se stesso. Miserabile anche nel delirio del trionfo.

Impressiona la cura che il regista (che non conoscevo prima, ma il cui curriculum appare perfetto per tale esito) pone in questo lavoro. Lui è proprio come Martin Eden, furiosamente sincero, tracotante, megalomane e ingenuo. Fa il regista consumato pur essendo al secondo lungometraggio, come Eden ha la sfrontatezza di proporci un “romanzone”, un malloppone che tratta dei massimi sistemi, che vuole dare una lettura e un senso al mondo e a un'iperbole sociale paradigmatica come quella di Eden (e degli infiniti suoi omologhi), e infine esibirne le contraddizioni implicite.

Sembra farlo con cura, anzi lo fa sicuramente con cura per gran parte del film. Merito anche dell'aiuto di Maurizio Braucci alla sceneggiatura. Uno che ha scritto tra le cose migliori uscite dal cinema italiano negli ultimi anni, e il pastiche linguistico che rigurgita la pellicola è impressionante. Napoletano, siciliano, francese, italiano dotto, italiano volgare. Mezzo e mezzo. La lingua descrive il mondo, segna il percorso di emancipazione un pezzo alla volta.

Ciò che impressiona di più è la caratura della visione estetica del regista. Inquadrature che sono quadri, con la filigrana che cambia, con i loro veli, i loro diaframmi, le decorazioni. Pitture sgranate o limpidissime, c'è una poesia dell'immagine che appare troppo ricca per un “giovane” al secondo film. Sembra quasi un bigino di uno che ha studiato ieri la storia del cinema e vuole farsi notare. Proprio come Martin Eden. È un lavoro troppo gigantesco per restituire in trasparenza la cifra autentica del suo autore, è un monumento troppo denso per essere penetrato. Bisognerà aspettare (con gioia) i prossimi lavori per capire chi è Pietro Marcello.

E tutto questo quando basterebbe la faccia di Marinelli a fare il film, anzi, quei due occhioni a palla, tanto dolci e tanto furibondi. Ma in più c'è tutta l'estetica, la lingua, la filosofia, la politica, la strada e i palazzi. Troppa roba, ne bastava la metà.

Ne bastava la metà soprattutto perché il finale tende a lasciare incompiute alcune piste, come se fossero solo esibizioni di bravura come quando Martin dà in escandescenze, preferendo concentrarsi sull'esistenzialismo del protagonista e sulla sua rivalsa, che rivalsa non è ma tortura auto-inflitta. Come un regista che fa un film del genere e si proietta avanti dieci, quindici anni, già saturo, devastato, catatonico sull'ottomana.

Questo film e la sua bellezza portano in seno la loro stessa nemesi finale.

Questa DeRecensione di Martin Eden è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/pietro-marcello/martin-eden/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Nove)

joe strummer
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Mod». Vedi la vecchia versione Martin Eden - Pietro Marcello - Recensione di joe strummer Versione 1
BËL (00)
BRÜ (00)

lector
Opera: | Recensione: |
Era chiaro che, presto o tardi, Marinelli avrebbe fatto il botto.
BËL (01)
BRÜ (00)

lector: E di Joker che mi dici?
joe strummer: Sembra molto promettente anche se non mi fido delle recensioni. Devo toccare con mano diciamo
joe strummer
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Mod2». Vedi la vecchia versione Martin Eden - Pietro Marcello - Recensione di joe strummer Versione 2
BËL (00)
BRÜ (00)

aleradio
Opera: | Recensione: |
"come se fossero solo esibizioni di bravura come quando Martin dà in escandescenze"

Nel senso che ci sono i momenti "daje marinè mettice na sfuriata"? Tipo Sangiorgi col glissato?

Per certi versi sembra un filmone ma non capisco l'accezione semi negativa che daj a questa sottile linea di presunzione, che dalla chiusa sembra essere il senso dell'opera

Lo vedrò
BËL (00)
BRÜ (00)

joe strummer: è proprio quella linea sottile tra l'essere genio e l'essere cialtrone,. Ce l'ha il personaggio e in un certo senso ce l'ha il regista. Ma non voglio rovinarti la visione, ne riparliamo poi :)
proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
Qualcuno ha letto il libro? Con un cortocircuito ho pensato a Billy Budd, confondendo i titoli. Esiste un film su Billy Budd? Dovrebbe.
BËL (00)
BRÜ (00)

zaireeka: Non lo so, ma una canzone sicuramente si Billy Budd (Vinicio Capossela)
sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Comunque, ecco, non so come dirglieLo, ma io punto tutto sulla #versione4
Ecco.
BËL (01)
BRÜ (00)

joe strummer: È imminente, addirittura anteriore al 2026
sfascia carrozze: Preparo il bitter e i Pop Corn al CasuMarzu nell'attesa.
UH!
IlConte
Opera: | Recensione: |
Faccia da tul tu e i Tuul!!!
Mi sa pesantino per me...
BËL (02)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: Non ditemi che è uscito il nuovo dei Getro Tull!
hjhhjij
Opera: | Recensione: |
Da vedere, mi devo sbrigare porca paletta.
BËL (01)
BRÜ (00)

adrmb: Vedilo che merita
sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Lei che mi è un Cinemaniaco:
ha per caso scrutato "Orphan" del 2009?
Me ne hanno parlato benino.
Ma io ho un po' paura.
Ecco.
BËL (01)
BRÜ (00)

nes: Se ricordo bene lo ricordo scarso. Ma forse lo confondo con the orphanage. O forse erano una scemenza entrambi. Boh, si affidi giustamente a Joe, passavo solo per assicurarle che: c'e' roba parecchio migliore in giro, poi dipende da cosa sta cercando.
sfascia carrozze: Grazie Car_!
In raltà mi dissero che il film non era granché: ma+invece il finale molto spakkaossa
Ecco.
joe strummer: Non vidi né the Orphan né the Orphanage, per protesta sindacale contro la scarsa fantasia nei titoli. Comunque il primo è abbastanza famoso, più del secondo, che ne è palesemente una derivazione (pur precedendolo di due anni). Tutto chiaro, insomma.
aleradio: È ridicolo
nes: Ah boh, non ricordo niente del finale, ne' di questo ne' di quell'altro. Con gli horror di solito non e' una buona cosa.
templare: Se Orphanage è quel film spagnolo che vidi anni fa, allora è veramente bello. Almeno per me.
aleradio: Se con spagnolo intendi messicano allora è veramente quello
aleradio: No forse è spagnolo
aleradio: Comunque se ti hanno parlato di un finale è sicuramente orphan. Che è 88 minuti di pretesto per il twist finale. Che è ridicilo
aleradio: Dura più di 88 min. Sto parlando da solo sono molto stressato
nes: Il film molto bello e' la spina del diavolo. Guillermo del toro. Credo si': produzione spagnola. Stiamo parlando tutti dello stesso vero?
nes: Controllato: paese di produzione spagna/Messico. Adesso so che stavamo parlando tutti dello stesso... Spero.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: